Malawi

Elezioni, il presidente Mutharika verso la riconferma

MALAWI – Nelle elezioni del 21 maggio scorso in Malawi, il presidente Peter Mutharika è davanti ai suoi rivali dopo lo scrutinio del 75% delle schede. Il 78enne Mutharika ha ottenuto finora il 40% dei voti rispetto al 35% del principale leader dell’opposizione, Lazarus Chakwera, e al 18% del vicepresidente Saulos Chilima.

(276 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • AfricaAfrica Australe Free

    Veterinaria: meeting ERFAN in Namibia per spingere...

    AFRICA/AFRICA AUSTRALE - Sono stati oltre 60, in rappresentanza di 26 tra paesi africani e istituzioni italiane ed africane, i partecipanti del primo incontro nella regione dell’Africa Australe della rete veterinaria panafricana ERFAN, il cui segretariato è in mano all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise (IZSAM) di Teramo.

    A riferirlo è una nota dello stesso Erfan, precisando che il  workshop sulla cooperazione scientifica - dal titolo “rafforzare le capacità di ricerca e formazione nella regione SADC” - si è svolto dal 9 all’11 settembre a Windhoek in Namibia sotto l’egida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE) e in partenariato con altri 4 Istituti Zooprofilattici Sperimentali italiani (IZS del Mezzogiorno, IZS Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta, IZS Sicilia, IZS Puglia e Basilicata).

    Alla tre giorni di lavori hanno preso parte 64 persone  in rappresentanza di 8 paesi e 13 Istituzioni Africane e di 5 Istituti italiani  per discutere di rafforzamento della ricerca, di miglioramento delle performance diagnostiche e di formazione scientifica attraverso il network Enhancing Research for Africa (ERFAN).

    L’ERFAN nasce sulla base delle collaborazioni scientifiche che nell’arco di 30 anni l’IZSAM ha sviluppato grazie a progetti di ricerca e di cooperazione scientifica nei paesi dell’Africa del sud e del nord.

    Il network si costituisce a Marzo del 2017 a Teramo in risposta ai bisogni espressi dai partner storici africani dell’IZSAM. Il “Progetto ERFAN” viene finanziato nel 2019 dall’OIE e avrà durata di 4 anni.

    Al momento della sua costituzione la rete ERFAN contava 12 paesi e 16 istituzioni fondanti; ad oggi, oggi se ne contano 29, tra Facoltà e Istituti veterinari dell’Africa (15 paesi) dell’Italia.

    La dott.ssa Albertina Shilongo, in qualità di Direttore dei Servizi Veterinari Namibiani, ha aperto la prima sessione dei lavori ribadendo l’importanza di un network che vede lavorare insieme istituzioni veterinarie del sud e del nord del mondo, utilizzando un approccio regionale, attraverso meeting internazionali con cadenza periodica.

    Le tre giornate di Meeting si sono svolte alla presenza del Dott. Romano Marabelli, consigliere personale della Direttrice Generale dell’OIE, che ha evidenziato l’importanza dell’ERFAN come prezioso mezzo di collaborazione tecnico-scientifico internazionale.

    Il workshop ha permesso di evidenziare l’importanza della “messa a sistema” delle varie competenze al fine di potenziare lo sforzo e la capacità di ricerca”, ha detto il Direttore Generale dell’IZSAM, il Dott. Nicola D’Alterio. “La rete ERFAN - ha continuato D’Alterio - facilita la condivisione di informazioni per rafforzare la sicurezza sanitaria a livello globale, il controllo delle malattie e le risposte alle crisi in accordo con le disposizioni dell’OIE”. 

    Nella sessione conclusiva dei lavori, sono stati presentati i piani di azione dei sette gruppi di lavoro per il biennio 2019- 2021, in accordo ai tre pilastri sui quali si fonda il network, e cioè,  il miglioramento delle performance diagnostiche attraverso le attività di networking, la formazione tecnica e legata al trasferimento di innovazioni tecnico-scientifiche e la presentazione di proposte progettuali a valenza regionale. I

    n conclusione, la partecipazione di cinque Istituti Zooprofilattici Sperimentali Italiani (su 10 esistenti) costituisce premessa della realizzazione di una rete degli IZS che, come parte integrante del sistema Italia, può contribuire all’internazionalizzazione delle componenti della scienza e della ricerca.

  • Mozambico Free

    Presto gara internazionale per linea di trasmissione...

    MOZAMBICO - Il gruppo Electricidade de Mozambique (EDM) dovrebbe annunciare nei prossimi giorni l'inizio del processo di selezione dell'appaltatore che costruirà la nuova linea di trasmissione di energia Temane-Maputo.

    Lo ha detto l'amministratore del gruppo EDM, responsabile nel paese della produzione, distribuzione e commercializzazione dell’energia elettrica, Carlos Yun, senza tuttavia specificare  la data di avvio della gara pubblica internazionale.

    Yun ha indicato solo che il processo di prequalifica è previsto per l'ultima settimana di settembre o per i primi giorni di ottobre, secondo il quotidiano mozambicano Notícias.

    Questo lavoro prevede la costruzione di una linea di trasmissione di energia ad alta tensione tra Temane, nella provincia meridionale di Inhambane, e la città di Maputo, la capitale del paese, nonché tre sottostazioni, una a Vilanculos (Inhambane), Chibuto (Gaza) e Matalane nella provincia di Maputo.

    Il costo, stimato in 551,2 milioni di dollari, sarà sostenuto dai partner della cooperazione, tra cui Banca Mondiale, la Banca di sviluppo islamico, la Afdb, la Banca di sviluppo dell’Africa australe, nonché dal Fondo dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e dal governo della Norvegia.

    La costruzione dovrebbe iniziare nel giugno 2020 con l'aspettativa che la linea e le sottostazioni siano operative entro la fine del 2023, contemporaneamente alla centrale termoelettrica di Temane, che genererà 400 megawatt di elettricità.

  • Angola Free

    Industria agricola, in arrivo due progetti con gli...

    ANGOLA – L’Angola ha firmato con gli Emirati Arabi Uniti due memorandum d’intesa per stimolare la coltivazione del miglio e della soia. Conclusi a Luanda, gli accordi prevedono la creazione di una fabbrica di attrezzature per la meccanizzazione agricola nella Zona economica speciale di Viana, e quella di un’azienda di produzione di miglio e di soia nella provincia di Cuanza Sul. Le intese sono sancite dalle firme del ministro angolano dell’Agricoltura e delle Foreste, Antonio Francisco de Assis, e dallo sceicco Ahmed Dalmook Al Maktoum, titolare di attività plurisettoriali. Il progetto ha anche l’obiettivo di contribuite ad un miglioramento delle condizioni economiche e sociali degli angolani. “La popolazione deve poter partecipare direttamente, grazie all’iniziativa sarann potenziate le coltivazioni di miglio e di soia, ma anche nell’allevamento di polli” ha precisato il ministro angolano, parlando della “Fazenda America”, la futura fattoria di Cuanza Sul. Per quanto riguarda la fabbrica di macchinari e attrezzature agricole, dovrebbe rispondere ad esigenze del mercato locale e dei mercati dei Paesi della regione. Secondo lo sceicco emirati, circa 3.000 posti di lavoro dovrebbero essere creati grazie a questa partnership. [CC]
  • Zambia Free

    Apre un nuovo ‘new look store’ Shoprite

    ZAMBIA – Il suo manager lo descrive come la “Rolls Royce” dei supermercati: il nuovo ‘new look store’ della catena Shoprite ha aperto i battenti in  Zambia nei pressi dell’Università Great East Road Campus di Lusaka.   Il Shoprite East Park è il secondo negozio del suo genere, con prodotti freschi di qualità, dopo quello aperto a marzo a Woodlands.     Secondo il general manager Charles Botha, la nuova insegna porta a 37 il numero di supermercati Shoprite in Zambia e fa della holding sudafricana il maggiore datore di lavoro del settore privato dello Zambia, con 6.000 dipendenti, di cui soltanto 6 espatriati. Il 41% dei fornitori della catena è costituito da produttori locali.   Il gruppo è presente in una quindicina di Paesi africani e dell’Oceano Indiano e ha complessivamente 147.000 dipendenti. [CC]
  • Madagascar Free

    Aiuto dal Giappone per blue economy, lotta alla pesca...

    MADAGASCAR - Il Giappone offre 4,4 milioni di dollari al governo di Madagascar per aiutarlo a lottare contro la pesca illecita e promuovere la conservazione dell’ecosistema sottomarino, la barriera corallina e le mangrovie. Il sostegno nipponico prende la forma di un contributo che passerà attraverso l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), firmataria il 17 settembre di un accordo con il ministero dell’Agricoltura, della Pesca e dell’Allevamento. Iniziative simili sulla crescita ‘blu’ saranno lanciate in altri Paesi africani: il Kenya, le Comore, Mauritius e le Seychelles. Rispondono alla promessa del Giappone di sostenere l’economia marittima nell’Oceano Indiano, ribadita durante la Conferenza internazionale di Tokyo per lo sviluppo dell’Africa, svoltasi a fine agosto. Secondo stime presentate durante la conferenza per la Cintura Blu in Africa ad Agadir nel febbraio 2013, la blue economy nei 38 Paesi con un affaccio sul mare o l’oceano potrebbe rappresentare 3.000 miliardi di dollari tra 10 anni.
  • Namibia Free

    Rimossa moratoria su trasporto di legname

    NAMIBIA - Il ministero dell’Agricoltura della Namibia ha reso noto di aver annullato la moratoria sulla raccolta e il trasporto di legname nel Paese introdotta lo scorso aprile.

    A segnalarlo sono i media locali, ricordando che la moratoria era stata introdotta in seguito all’aumento delle attività illegali di raccolta del legname nelle regioni nord-orientali di Kavango e Zambezi.

    Secondo il direttore esecutivo del ministero dell’Agricoltura Percy Misika, dopo un'attenta consultazione con le diverse parti interessate, è stato deciso di autorizzare il trasporto del legname già raccolto nelle fabbriche per poter essere lavorato.

    Tra le condizioni stabilite dal ministero, figurano in particolare il divieto di esportare tronchi non lavorati localmente e l’obbligo di ottenere licenze di esportazione rilasciate da funzionari forestali prima di poter vendere all’estero il legname. [MV]