Somalia

Consegnati a Mogadiscio primi diplomi di laurea dopo riapertura Università Somala

SOMALIA – Era presente anche la vice-ministra italiana agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale Emanuela Del Re, alla cerimonia di consegna a Mogadiscio dei primi diplomi di laurea dell’Università Nazionale Somala, dopo la sua riapertura nel 2014.

A darne notizia è stata la Farnesina, ricordando come la Cooperazione Italiana sostenga dal 2012 la rivitalizzazione dell’Università Nazionale Somala, con una serie di successive iniziative, tra cui si segnala in particolare l’ultima denominata “Rafforzamento infrastrutturale e strategico dell’Università Nazionale Somala” e inserita nella programmazione 2019 con un importo di 4 milioni di euro.

L’Italia finanzia quest’anno inoltre 17 borse di studio che, verranno attribuite secondo un criterio di parità di genere al 50%.

“Questa cerimonia è parte degli sforzi del governo somalo per risolvere alla radice le cause dell’instabilità nel Paese e io non potevo non essere presente in questo momento storico”, ha detto la vice-ministra, intervenendo alla cerimonia a cui era presente anche il presidente federale della Somalia, Mohamed Farmajo.

La vice-ministra Del Re si è rivolta agli studenti, sottolineando come “i vostri sforzi in questi anni e il vostro futuro successo professionale saranno di ispirazione per le prossime generazioni di giovani somali che continueranno i loro studi e renderanno questo Paese nuovamente prospero”.

Il Presidente Farmajo, nel suo intervento, ha definito la cerimonia “un evento storico, una dimostrazione che l’Italia c’è.”

Il Presidente ha inoltre auspicato un aumento della presenza economica italiana date le molte opportunità in essere e il suo sostegno all’organizzazione, prossimamente, di un Business Forum Italia/Somalia.

A margine della cerimonia la Vice Ministra ha avuto incontri bilaterali con il Presidente della Repubblica e con diversi membri del Governo di Mogadiscio per discutere il sostegno dell’Italia alla stabilizzazione del Paese, anche in vista delle prossime elezioni e le prospettive politiche e di sviluppo della regione. Gli interlocutori hanno espresso apprezzamento e gratitudine per il sostegno dell’Italia alle istituzioni accademiche somale. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • EgittoGibuti Free

    Banca egiziana valuta ingresso sul mercato gibutino

    GIBUTI - La seconda maggiore banca statale egiziana, Banque Misr, ha annunciato un piano per cominciare a operare sul mercato di Gibuti nell’ambito di una strategia di internazionalizzazione nel continente africano.

    A dirlo è stato il presidente di Banque Misr, Mohamed Mahmoud Eletreby, precisando che allo studio è attualmente l’opportunità se aprire una propria sussidiaria o solo un ufficio di rappresentanza a Gibuti.

    “La nostra intenzione è servire la strategia governativa per rafforzare le relazioni economiche e commerciali delle aziende egiziane all’estero”, ha dichiarato Eletreby. [MV]

  • Uganda Free

    Allo studio nuovo regolamento su coltivazione caffè

    UGANDA - Il governo di Kampala intende introdurre, attraverso l’Autorità ugandese per lo sviluppo del caffè (UCDA), un nuovo regolamento riguardante la coltivazione del caffè con l’obiettivo di migliorarne qualità e quantità di produzione.

    A segnalarlo sono i media specializzati, precisando che la nuova legge è attualmente all’esame del Parlamento e si propone di ampliare il suo raggio d’azione anche a questioni relative alla semina, la gestione del raccolto e del post-raccolto, la ricerca e l’impatto dei cambiamenti climatici.

    Il provvedimento andrà a sostituire la legislazione precedente che risale al 1994 e che riguarda esclusivamente le attività post-raccolto come la commercializzazione e la lavorazione.

    In particolare, la nuova legge si propone di istituire un Istituto nazionale per il caffè che avrà il mandato di promuovere la ricerca scientifica al fine di sostenere la produzione nazionale.

    L'Uganda è il secondo maggior produttore di caffè in Africa dopo l'Etiopia con una produzione attesa quest’anno di 5,6 milioni di sacchi da 60 chilogrammi. [MV]

  • Uganda Free

    Anagrafe animale per accedere mercati europei

    UGANDA - Piani per l’implementazione di una anagrafe criticata del bestiame da allevamento sono stati annunciati dal governo ugandese. A riferirlo è stato il ministro dell’Agricoltura, Vincent Ssempijja che ha sottolineato come i mercati internazionali richiedano questo sviluppo in particolare per avere accesso all’Europa. Tutti gli allevatori saranno quindi registrati così come lo saranno tutti i casi di bestiame in maniera tale da garantire la tracciabilità dei prodotti destinati all’esportazione. Secondo lo stesso ministro, a settembre una speciale commissione europea verrà in Uganda per verificare lo stato dei lavori. Obiettivo della visita è anche quella di garantire che gli allevatori beneficino direttamente delle nuove norme. norme che consentiranno maggiore competitività a livello internazionale. L’agricoltura è la zootecnia sono settori economici decisivi per l’Uganda, sulla base di stime correnti contribuiscono per il 25% della ricchezza nazionale e per il 70% dei posti di lavoro. [MS]
  • Tanzania Free

    Banca Mondiale rivede al ribasso stime crescita

    TANZANIA  - Non sono così rosee come sostenute dal governo le stime di crescita dell’economia relative al 2018. Se infatto l’esecutivo tanzaniano aveva parlato di un tasso di crescita attestatosi al 7%, la Banca Mondiale, in un rapporto pubblicato ieri, ha posto l’asticella a un più sobrio benché positivo 5,2%. Si tratta del secondo rapporto internazionale che contraddice i dati governativi. Inoltre, sempre la Banca Mondiale ha stimato che nel 2019 la crescita sarà del 5,4% rispetto a una stima del governo del 7,1%. A pesare in maniera negativa, secondo l’istituzione internazionale, sono stati un calo degli investimenti, il calo delle esportazioni e il calo dei prestiti privati. Dal 2015, anno del suo insediamento, il governo di John Magufuli ha pesantemente favorito investimenti in grandi opere infrastrutturali, ma secondo alcuni osservatori, le sue scelte politiche in materia di agricoltura e settore minerario sono state penalizzanti. [MS]
  • Kenya Free

    Consulenza cinese per individuare siti centrale...

    KENYA - Il governo keniano ha firmato un accordo con i cinesi della China National Nuclear Corporation (Cnnc) per l’individuazione dell’area in cui dovrebbe sorgere il pr8mo impianto nucleare del Paese. In lizza ci sono le zone dell’Oceano Indiano, del Lago Vittoria e del Lago Turkana. La notizia dell’accordo è stata data dalla Nuclear Power and Energy Agency (NuPEA) che ha investito per questa consulenza e che ha escluso che la centrale possa essere realizzata nella Rift Valley a causa dello sufficienza di acqua. Secondo i programmi la centrale dovrebbe essere realizzata entro il 2027 e avrà una capacità di 1000 MW. [MS]
  • Rwanda Free

    Commercio, ratificato accordo Tfta

    RWANDA - Il parlamento ruandese ha ratificato il Tripartite Free Trade Area Agreement (Tfta) che fa confluire in un unico organismo le tre organizzazioni regionali Comesa, Sadc e Eac. Con la ratifica del Rwanda sono cinque i Paesi che hanno finora completato il percorso di adesione. Gli altri quattro sono infatti Uganda, Sudafrica, Egitto e Kenya. Il voto ruandese non è stato comunque scontato con alcuni parlamentari che hanno sottolineato come l’accordo sembri una superflua duplicazione dell’accordo che ha portato alla creazione della più grande area di libero scambio al mondo, l’AfCFTA. Positiva, secondo la stampa locale, è stata la reazione della business community secondo cui si tratta comunque di un passo ulteriore verso lkazzeramento delle barriere doganali far i vari Paesi africani. Secodo stime, con 27 Paesi africani inclusi è una popolazione di oltre 600 milioni di persone, il Tfta ha le potenzialità di diventare un’area di libero scambio del valore combinato di 1,2 trilioni di dollari. [MS]