Mozambico

Rafforzare legami tra Italia e Mozambico, incontro a Confindustria oggi a Roma

MOZAMBICO – “La presenza del presidente Filipe Nyusi qui a Roma viene a rimarcare gli storici legami tra Italia e Mozambico, scanditi da tappe fondamentali per il processo di pace mozambicano e da cui sono scaturite le condizioni per favorire lo sviluppo economico del Mozambico, che alimentano così un circolo virtuoso per migliorare le condizioni di vita delle rispettive nazioni”: così il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, ha aperto i lavori oggi del Business Forum Italia-Mozambico.

Davanti a una platea composta da imprenditori e rappresentanti delle istituzioni italiani e dai membri della delegazione giunta dal Mozambico a cui prendono parte più di 50 aziende locali in un’affollata Sala Pininfarina nella sede di Confindustria Nazionale, Boccia ha accolto il presidente Nyusi, il ministro degli Affari esteri Enzo Moavero Milanesi, l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi e il presidente dell’associazione imprenditoriale mozambicana CTA, Agostinho Vuma.

“Il modello proposto dalle imprese italiane, e fortemente sostenuto da Confindustria – ha aggiunto ancora Boccia – è quello del co-sviluppo e si pone come obiettivo un approccio win-win per favorire il trasferimento di tecnologie e competenze nonché la crescita delle imprese locali, in breve quello italiano è un modello che ha il coraggio di mettere al centro le persone”.

Il forum di oggi a Confindustria è occasione per la firma di un accordo tra la CTA mozambicana e l’Associazione mineraria italiana per l’industria mineraria e petrolifera (Assomineraria) con l’obiettivo di mobilitare fondi per sostenere i partenariati tra imprese italiane e mozambicane nell’industria dell’oil&gas, mentre sono almeno 75 gli incontri B2B previsti per discutere sinergie e possibili joint-venture.

“Siamo qui per promuovere la cooperazione proficua tra le imprese dei nostri due Paesi  – ha detto il presidente della CTA mozambicana, Agostinho Vuma – e sostenere una maggiore collaborazione soprattutto in ambito finanziario per favorire lo sviluppo del settore bancario mozambicano, immensamente necessario per sostenere la crescita dei principali ambiti produttivi nazionali, dall’oil&gas all’industria manifatturiera, dal farmaceutico al settore delle infrastrutture e delle costruzioni”.

Vuma ha inoltre ricordato come l’Italia sia già tra i primi dieci Paesi investitori in Mozambico e si è affermato lo scorso anno come il primo investitore europeo nel Paese.

Alla cerimonia di apertura dei lavori del business forum è intervenuto inoltre Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni, che ha ricordato le recenti scoperte di gas naturale del gruppo energetico italiano al largo delle coste mozambicane.

“Le scoperte di Eni in Mozambico sono molto importanti perché sono fondate su tecnologie innovative e sulla volontà di investire nei mercati emergenti – ha detto Descalzi – Ma dobbiamo sottolineare come lo sviluppo non possa essere però trainato soltanto dall’oil&gas ed è per questo che, prima ancora di avviare la produzione di gas in Mozambico, abbiamo già cominciato a realizzare progetti legati al settore sanitario e dell’istruzione, delle forniture di risorse idriche e delle infrastrutture a favore delle comunità locali”. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Zimbabwe Free

    Cancellato accordo con Transnet per rilancio Ferrovie...

    ZIMBABWE - Lo Zimbabwe sta cancellando un accordo già firmato con la società di logistica sudafricana Transnet. L’accordo prevede una ricapitalizzazione della National Railways of Zimbabwe (Nrz), ma il governo di Harare sta accusando i sudafricani di non aver fornito un credibile piano di finanziamento. Transnet - che nel frattempo ha riferito di non essere al corrente di tali sviluppi - aveva sottoscritto nel 2017 un accordo con un gruppo di imprenditori della diaspora dello Zimbabwe riuniti sotto la sigla Didg (Diaspora Infrastructure Development Group). L’accordo prevedeva appunto il rilancio della Nrz. Il governo di Harare ha fatto sapere di voler pubblicare adesso un nuovo bando di gara per la ricapitalizzazione della Nrz; ha anche riferito che sia Transnet che Didg potranno partecipare al bando. [MS]
  • Angola Free

    Presto una metropolitana leggera a Luanda

    ANGOLA – Sono quasi ultimati gli studi preparatori al lancio del progetto di una metrolpolitana leggra di superificie a Luanda, in Angola. Lo riferisce la stampa locale, riportando le parole del ministro dei Trasporti Ricardo de Abreu, il quale, parlando con l’agenzia di stampa nazionale Angop, ha sottolineato che gli studi sul modello da adottare per la concessione della metropolitana leggera di Luanda sono già stati completati. Il ministro ha affermato che i dipartimenti competenti del suo ministero stanno attualmente ascoltando altre agenzie del governo centrale e del governo provinciale di Luanda e che conclusa questa fase di passerà alla fase di attuazione del progetto. Ricardo de Abreu ha affermato che il sistema di metropolitana leggera di Luanda è un progetto importante per facilitare la mobilità delle persone e ha aggiunto che rappresenta una soluzione al problema del trasporto pubblico nel paese, in particolare nella capitale. Ha anche affermato che i vari tipi di trasporto dovrebbero completarsi a vicenda, aggiungendo in un unico sistema ben organizzato la metropolitana leggera, gli autobus, i taxi individuali e collettivi e le moto, garantendo così la mobilità delle persone. Il ministro dei trasporti ha anche affermato di aver approvato questo progetto nel 2019, al fine di lanciare l’Ente per la metropolitana Luanda, che sarà un partenariato pubblico-privato.
  • Mozambico Free

    Avanza progetto ferro-portuale di Macuse

    MOZAMBICO -  Si è svolta ieri la cerimonia per la posa della prima pietra per la costruzione del quartiere che ospiterà le persone che attualmente risiedono nella zona che in futuro dovrà ospitare l’area portuale di Macuse. Lo riferisce la stampa mozambicana, precisando che il villaggio sorgerà a Sopinho, distretto di Quelimane, provincia di Zambezia. Il presidente della Thai Mozambico Logistic, Orlando Marques, ha annunciato durante la cerimonia che il nuovo quartiere vedrà la costruzione di 63 case, un centro sanitario, un piccolo sistema di approvvigionamento idrico, l'estensione della rete elettrica, strade, pozzi d'acqua, mercato e campi da gioco. Orlando Marques ha anche affermato che i lavori dovrebbero essere completati entro due anni e che i costi saranno noti solo dopo la costruzione della casa modello, che dovrebbe avvenire entro pochi giorni. Il governo del Mozambico ha assegnato nel 2013 a Thai Italthai Engineering (che possiede il 60% della Thai Mozambique Logistics) la concessione (costruzione, operazioni e altre operazioni) del porto e della ferrovia di Macuse, 35 chilometri a nord di Quelimane, capitale della provincia centrale di Zambezia. Si stima che la ferrovia da 620 chilometri che collegherà Macuse alle miniere di Moatize e Chitima avrà un costo di 2 miliardi di dollari ed è progettata per consentire al carbone di fluire dalla provincia di Tete nell'interno del Mozambico. Il porto di acque profonde di Macuse sarà in grado di ospitare grandi navi da carico che trasporteranno principalmente carbone oltre ad essere utilizzato come scalo merci dai paesi confinanti con il Mozambico e senza accesso diretto al mare. Il progetto da 2,40 miliardi di dollari sarà realizzato da un consorzio di China Machinery Engineering Corporation e Mota-Engil, e dovrebbe essere completato nel 2021, secondo i dati pubblicati nell'agosto 2018.
  • Angola Free

    Prospettive miliardarie per gli investimenti

    ANGOLA – Ammontano a 1,6 miliardi di dollari le 178 intenzioni di investimenti ricevute dall’Agenzia per gli investimenti privati e la promozione delle esportazioni (Aipex), creata nel marzo del 2018. Circa il 25% di queste intenzioni sono state effettivamente realizzate. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Joao Lourenço, nel corso del discorso sullo stato della nazione, in occasione dell’apertura dell’anno parlamentare. Progetti per 789 milioni di dollari si sono concretizzati, generando 3950 posti di lavoro diretti, la maggior parte dei quali nell’industria della trasformazione e nell’agricoltura. Il presidente ha ricordato l’esistenza del programma di supporto al credito Prodesi, che mira a sostenere i produttori nazionali per diminuire le importazioni. Lourenço ha anche ricordato che per finanziare progetti del settore privato, sono state negoziate linee di credito con la Deutsche Bank e con la Banca africana per lo sviluppo. [CC]
  • Zimbabwe Free

    Scelti i costruttori per autostrada che attraversa il...

    ZIMBABWE – Il governo dello Zimbabwe ha selezionato cinque aziende per realizzare i lavori della lunga autostrada che collegherà l’estremità Sud del Paese, da Beitbrige al confine col Sudafrica, a Chirundu, all’estremità Nord che confina con lo Zambia, passando dalla capitale, Harare. Le aziende scelte per questo lavoro sono la Tensor Systems, la Massimba Construction, la Fossil Contractors, la Exodus Company e la Bitumen World. I costruttori lavoreranno in aree diverse, fino a coprire l’intero tratto autostradale. L’essenziale dei lavori consiste nell’allargamento e la riabilitazione di tratti di strada già esistenti. La futura autostrada faciliterà la mobilità regionale, creando un passaggio diretto dal Sudafrica allo Zambia e ai Paesi limitrofi. Le strade dello Zimbabwe sono gestite dalla Zimbabwe National Road Administration (ZINARA). Solo 17.400 km su 88.100 esistenti sono asfaltate. [CC]
  • Namibia Free

    Produzioni agricole in calo a causa della siccità 

    NAMIBIA - La grave siccità che sta colpendo la Namibia - ma anche altri Paesi dell’Africa australe - ha portato a un tracollo della produttività agricola. Secondo fonti governative il Paese è riuscito a produrre soltanto il 25% del proprio fabbisogno. Confermando il dato, il ministro dell’Agricoltura Alpheus Naruseb ha auspicato azioni di concerto per migliorare le produzioni e contribuire in questo modo ad accrescere la sicurezza alimentare. Le sue dichiarazioni sono state rilasciate in occasione della Giornata Mondiale dell’alimentazione che in questi giorni sta vedendo una serie di celebrazioni con epicentro la Fao a Roma. [MS]