Sudafrica

Rinnovabili, opzione meno cara per produrre energia

SUDAFRICA – Un nuovo studio sulla rete elettrica del Sudafrica ha dimostrato che un sistema basato interamente sulla generazione di energia da fonti rinnovabili sarebbe almeno il 25% più competitivo rispetto allo scenario attualmente in considerazione che prevede nuovi investimenti anche nel carbone e nel nucleare.

(216 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Previsti investimenti per rafforzare rete trasmissione...

    SUDAFRICA - Sono pari a poco più di sei miliardi di euro in dieci anni gli investimenti previsti dalla compagnia nazionale Eskom per rafforzare ed espandere la capacità della rete di trasmissione elettrica in Sudafrica.

    E’ quanto scritto nel nuovo Piano di sviluppo della trasmissione (TDP) di Eskom valido per il decennio dal 2021 al 2023, previsto dagli obblighi di legge stabiliti dall’Ente di regolamentazione nazionale del Sudafrica per il settore dell’energia (NERSA).

    Secondo quel che ha dichiarato il responsabile di Eskom per il settore della trasmissione, Segomoco Scheppers, il gruppo intende costruire nei prossimi dieci anni circa 5650 chilometri di nuove linee ad alto voltaggio e aumentare la capacità dei trasformatori di 41.595 MVA.

    Durante il periodo di implementazione del nuovo TDP, le previsioni sono di aggiungere circa 30 GW di nuova capacità di generazione, al sistema elettrico principalmente da fonti energetiche rinnovabili (in particolare fotovoltaico ed eolico).

    Maggiori dettagli sul TDP diffuso da Eskom sono disponibili consultando la presentazione resa da Scheppers e qui allegata. [MV]

  • Sudafrica Free

    Sudafrica inserisce Italia tra Paesi ad alto rischio,...

    SUDAFRICA - Il governo sudafricano ha rilasciato la sua nuova lista dei Paesi considerati ad alto rischio per i viaggi internazionali, tra i quali figura anche l’Italia.

    Fonti dell’Ambasciata del Sudafrica a Roma contattate da InfoAfrica hanno confermato la notizia, precisando che sono vietati quindi tutti i viaggi non necessari dall’Italia verso il Paese dell’Africa meridionale.

    Possono essere autorizzati solo viaggi che rientrano tra le seguenti casistiche: viaggi d’affari, professionisti titolari di competenze specifiche e strategiche, investitori e persone in viaggio per missioni internazionali negli ambito degli sport, delle arti, della cultura e della scienza.

    I viaggiatori che devono recarsi nel Paese sono pertanto invitati a contattare l’Ambasciata sudafricana, in particolare l’ufficio consolare, per la valutazione caso per caso.

    Per ogni informazione si invita a consultare il sito internet dell’Ambasciata http://lnx.sudafrica.it/ o a contattare telefonicamente durante gli orari di apertura l’ufficio consolare dell’Ambasciata stessa al numero 06852541.

  • BotswanaZambia Free

    Conclusi lavori ponte sul fiume Zambesi

    BOTSWANA / ZAMBIA - Sono ufficialmente terminati i lavori di costruzione del ponte di Kazungula sul fiume Zambesi, che consentirà di facilitare i collegamenti tra Botswana e Zambia.

    Lo riportano i media specializzati, dai quali si apprende che entro la fine del mese novembre è previsto anche il completamento dei lavori dei posti di frontiera di Zambia e Botswana, consentendo poi il collaudo dell’opera.

    L’infrastruttura, costata complessivamente 315 milioni di dollari, consiste in un ponte strallato pluricampata a struttura sia stradale che ferroviaria con via di corsa a singolo binario posta in asse impalcato lungo 930 metri e largo 18,5 metri. [MV]

  • Angola Free

    Nasce l'istituto di tecnologie agroalimentari di...

    ANGOLA – L’Istituto superiore delle tecnologie agroalimentari di Malanje, provincia del centro-nord dell’Angola, è stato inaugurato ufficialmente nei giorni scorsi dal presidente della Repubblica, Joao Lourenço.   L’istituto a vocazione formativa è dotato di laboratori pedagogici e di ricerca, di aule, e di padiglioni per la trasformazione dei prodotti dell’agricoltura e dell’allevamento. Il percorso formativo proposto dallo stabilimento porterà alla nascita di profili professionali altamente qualificati in agronomia, ingegneria agroalimentare e scienze veterinarie.   Il progetto è frutto della cooperazione tra l’Angola e la Francia, principale finanziatore e fornitrice di know-how.   La cooperazione agricola tra Parigi e Luanda regge su due convenzioni firmate nel  2018 in occasione della visita di Lourenço nella capitale francese. [CC]
  • Angola Free

    Sostegno per adesione a iniziativa su trasparenza...

    ANGOLA - L’Iniziativa internazionale per la trasparenza delle industrie estrattive (EITI) ha reso noto il proprio sostegno alla richiesta del governo di Luanda di aderire all’organismo che promuove uno standard di riferimento per la trasparenza nella gestione delle risorse naturali.

    A comunicarlo è stata la stessa EITI, ricordando che il governo di Luanda ha formalizzato lo scorso 22 settembre l’intenzione di aderire all’organismo.

    Secondo le informazioni rese note, l’Angola impiegherà un periodo compreso tra sei e 18 mesi per attuare tutte le misure richieste per garantire l’idoneità dell’adesione.

    Tra le misure previste a ancora da attuare, figura l’obbligo di sviluppare un piano di lavoro coordinato con l’industria del settore estrattivo e la società civile per stabilire le procedure riguardanti ciascuna giurisdizione, nonché l’obbligo di integrare gli standard dell’EITI nella legislazione nazionale.

    Inoltre, il paese è tenuto a mappare e analizzare le informazioni, la legislazione e i sistemi di reporting esistenti che possono facilitare la divulgazione di accordi con gli standard EITI. [MV]

  • Madagascar Free

    Fine dello stato d’emergenza sanitario

    MADAGASCAR - Il presidente malgascio Andry Rajoelina ha dichiarato domenica sera la fine dello stato d’emergenza sanitaria in Madagascar.

    A darne notizia sono i media locali, ricordando che la misura era stata introdotta lo scorso 21 marzo in seguito all’aumento di casi di contagio legati alla pandemia di covid-19.

    Restano tuttavia in vigore nel Paese una serie di misure per contrastare la diffusione della pandemia, tra cui il divieto ai voli aerei interni e con l’estero (a esclusione di voli charter con la località turistica di Nosy Be provenienti da Paesi non interessati dalla cosiddetta seconda ondata della pandemia) e l’obbligo per la popolazione di portare dispositivi di protezione individuale (mascherine), oltre al divieto di riunioni con più di 200 partecipanti.

    Secondo gli ultimi dati a disposizione, in Madagascar attualmente si contano 348 casi attivi di persone contagiate da coronavirus, di cui tre sono stati registrati nella giornata di ieri. [MV]