Costa Avorio

Al via operazione “un milione di alberi”

COSTA D’AVORIO – Un’operazione che consiste a piantare un milione di alberi in Costa d’Avorio è stata lanciata questa settimana dal ministero delle Acque e Foreste per promuovere un Paese più ‘verde’.

(140 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Guinea Free

    Passo avanti verso la realizzazione della raffineria di...

    GUINEA – Un ulteriore passo avanti è stato compiuto verso la realizzazione di una raffineria petrolifera a Kamsar, nel sudovest della Guinea, con l’impegno dell’Africa Finance Corporation (Afc) a finanziare parte dello sviluppo del progetto.   Scelta come consigliera finanziaria della Brahms Oil Refineries, con sede in Svizzera, l’AFC si è detta lieta di lavorare con la Brahms per accelerare questo progetto industriale  in Guinea, uno Stato membr dell’Afc. “La raffineria avrà un impatto enorme sullo sviluppo del Paese” ha detto Amadou Wadda, direttore dello sviluppo dei progetti presso l’Afc.   Il futuro impianto dovrebbe essere in grado di raffinare 12.000 barili di greggio al giorno, avere impianti di stoccaggio e sistemi di trasporto. Con la possibilità di avere in loco un terzo della domanda domestica di prodotti petroliferi raffinari, grazie alla raffineria di Kamsar si ridurrà la dipendenza dalle importazioni.   Con una chiusura finanziaria del progetto ai primi del 2020, i promotori del progetto intendono avviare la costruzione poco dopo. Si prevede la creazione di 2000 posti di lavoro durante la fase di costruzione e di 200 impieghi stabili per la normale attività.   L’area di Kamsar, sulla costa atlantica, è strategica poiché sede di un grande centro industriale legato allo sfruttamento della bauxite.   L’Afc è un’istituzione finanziaria privata impegnata soprattutto su progetti legati allo sviluppo delle infrastrutture in Africa. [CC]            
  • Nigeria Free

    Moody’s abbassa l’outlook della Nigeria

    NIGERIA – L’agenzia di rating Moody’s ha declassato l’outlook del governo nigeriano da “stabile” a “negativo”, per via dell’indebolimento fiscale e della posizione esterna.   “Finanze pubbliche già deboli tenderanno a indebolirsi ulteriormente, considerando una base di reddito estremamente bassa e una crescita lenta che ostacola il consolidamento fiscale” si legge nella nota dell’agenzia. “Mentre sale la pressione, aumenta il rischio che il governo possa ricorrere a opzioni sempre più opache e costose per finanziare un debito moderato, ma in aumento”.     Gli analisti di Moody’s mettono anche in guardia dinanzi alla dipendenza sempre più significativa sugli investimenti esteri per finanziare le riserve in valuta estera.     La svalutazione delle prospettive sulla capacità della Nigeria ad onorare i propri impegni come emittente obbligazionario può avere un impatto negativo sull’intento del governo di mobilitare fondi attraverso nuovi titoli sul mercato internazionale. [CC]
  • Burkina Faso Free

    Terrorismo: esteso il coprifuoco nella regione del...

    BURKINA FASO - Di fronte al deterioramento della situazione della sicurezza, il governatore della regione del Sahel, nel nord del Burkina Faso, ha deciso mercoledì di estendere il coprifuoco in tutte le province del suo distretto. Da ieri, giovedì, "la circolazione di autoveicoli con quattro o più ruote e tricicli e veicoli a due ruote, vale a dire motocicli, ciclomotori e biciclette, è formalmente vietata in tutto il territorio della regione del Sahel ", afferma il decreto del colonnello maggiore Salfo Kaboré. A Dori (provincia di Seno), la misura ha effetto dalle 21h alle 5h e dalle 19h alle 5h30 per le città di Djibo (Soum), Gorom-Gorom (Oudalan) e Sebba (Yagha), recita il testo. Dal 2015 il Burkina Faso è stato oggetto di attacchi terroristici, in particolare nelle regioni settentrionali, del Sahel e dell'Est. Secondo un bilancio parziale oltre 700 persone sono state uccise in attacchi terroristici e quasi mezzo milione di persone sono state costrette alla fuga. In diverse province del paese vige il coprifuoco o lo stato di emergenza.  
  • Burkina Faso Free

    Al via costruzione unità d’assemblaggio di trattori

    BURKINA FASO – Un’unità d’assemblaggio di trattori, per promuovere la meccanizzazione agricola burkinabè, sarà realizzata nel comune di Bobo-Dioulasso, seconda città del Paese. La posa della prima pietra di questo cantiere è stata al centro di una cerimonia presieduta dal presidente della Repubblica Roch Marc Christian Kaboré, a margine della consegna di 400 trattori destinati ai produttori di Logofourousso. La fabbrica ha l’obiettivo di montare 5.000 trattori all’anno, a partire dal 2020. A guidare il progetto è l’azienda burkinabè Tropic Agro-Chem, specializzata nella commercializzazione e nella distribuzione del materiale agricolo e tecnico e dei prodotti chimici per l’agricoltura. Una convenzione è stata firmata con la Sonater, azienda pubblica incaricata tra l’altro di attrezzature per il mondo rurale. Lo Stato sovvenzionerà l’acquisto dei trattori in modo da poter facilitarne l’accesso ai produttori. “Senza meccanizzazione, non potremo raggiungere i nostri obiettivi” ha sottolineato il ministro dell’Agricoltura, Salifou Ouédraogo, ricordando che l’agricoltura è la principale attività economico-sociale del Paese, ma che rimane caratterizzata da una bassa produttività. [CC]
  • Africa Occidentale Free

    Uemoa sblocca 100 milioni di dollari per lotta al...

    A OCCIDENTALE – I capi di Stato e di governo dei Paesi membri dell’Unione economica e monetaria dell’Africa Occidentale (Uemoa) hanno approvato un contributo immediato del valore di 100 milioni di dollari per la lotta al terrorismo in Niger, Burkina Faso e Mali, particolarmente colpiti dalla violenza terroristica. La decisione è stata adottata durante la sessione straordinaria della Conferenza dei capi di Stato e di governo dell’Uemoa tenutasi il 3 dicembre a Dakar (Senegal). Il contributo rientra nell’impegno a finanziare con 500 milioni di dollari il Piano d’azione dell’Ecowas (Comunità economica dei Paesi dell’Africa Occidentale) per la lotta al terrorismo nel periodo 2020-2024. Presieduta dal presidente ivoriano Alassane Ouattara, presidente di turno dell’Uemoa, la Conferenza ha anche adottato un Fondo regionale per la sicurezza destinato a mobilitare risorse finanziarie significative, a medio termine. Nel comunicato finale, i capi di Stato e di governo del blocco regionale hanno espresso grande preoccupazione dinanzi alla ricorrenza degli attacchi terroristici in Burkina Faso, in Mali e in Niger, e hanno sottolineato l’importanza di promuovere un approccio concertato e globale, per far fronte alla sfida relativa alla sicurezza. Il presidente Ouattara ha insisitito sul principio di solidarietà fra gli Stati membri dell’Unione e ha salutato le iniziative tese a rendere operativa la forza G5 Sahel. “Tali iniziative, purtroppo, rimangono ostacolate dal problema del finanziamento, motivo per il quale è necessario trovare mezzi di finanziamento alternativi e sostenibili” ha sottolineato Ouattara. [CC]
  • Costa Avorio Free

    Pronto per l’inaugurazione lo svincolo stradale...

    COSTA D’AVORIO – Una nuova infrastruttura che snellisce la mobilità automobilistica ad Abidjan, lo svincolo del crocevia “Solibra”, detto anche “svincolo dell’amicizia ivoriana-giapponese” sarà ufficialmente inaugurato il 16 dicembre. Il cantiere era stato lanciato nel novembre del 2017 ma i lavori erano entrati nel vivo nell’agosto del 2017, nel quartiere di Treichville. Lo svincolo, di tipo “fly-over” propone due carreggiate sopraelevate da e per l’aeroporto, strade connesse, marciapiedi, illuminazioni. La maggior parte del costo dell’opera. Circa 38 milioni di euro, è stata finanziata dal Giappone, attraverso l’Agenzia per la cooperazione internazionale (Jica). Una minima parte è finanziata dal governo ivoriano. [CC]