Kenya

RES4Africa a Nairobi per promuovere la transizione energetica

KENYA – La Fondazione RES4Africa, su richiesta dell’Ambasciata d’Italia in Kenya, ha organizzato un seminario alla Strathmore University a Nairobi intitolato “Energia rinnovabile in Kenya: sbloccare gli investimenti, l’innovazione e la ricerca”.

A segnalarlo è stata la stessa fondazione, precisando che il seminario ha visto la partecipazione di oltre 250 tra rappresentanti del settore privato, dell’accademia, di organizzazioni internazionali, di istituzioni pubbliche keniane e aziende italiane per discutere temi legati alle innovazioni nel settore delle energie rinnovabili in Kenya e in Africa.

Secondo i dati resi noti, grazie alla diffusione delle tecnologie legate alle fonti rinnovabili il Kenya ha registrato negli ultimi anni uno degli aumenti più rapidi dei tassi di elettrificazione nel continente e oggi circa il 75% della popolazione gode dell’accesso all’elettricità.

Tra i partecipanti al dibattito di alto livello tra settore pubblico e privato si segnalano in particolare gli interventi del ministro dell’Energia keniano Charles Keter e dell’Ambasciatore italiano a Nairobi, Alberto Pieri.

“Sono già passati quattro anni da quando RES4Africa ha lanciato il suo programma per il Kenya – ha detto Roberto Vigotti, segretario generale di RES4Africa – è incredibile notare i notevoli progressi compiuti dal Paese per sbloccare il suo potenziale di energia rinnovabile. Oggi siamo lieti di partecipare a questa discussione con le principali istituzioni del Paese, che dimostrano la forte relazione che lega le esperienze keniane e italiane nella diffusione delle energie rinnovabili, dell’innovazione e della ricerca”.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Sud SudanSudan Free

    Posti di blocco 'concordati' nell'area di Abyei

    SUDAN / SUD SUDAN - Funzionari militari sudanesi e sud sudanesi riuniti a Juba hanno firmato un protocollo sul dislocamento di posti di blocco e punti di controllo sul trasporto di armi sui due lati della frontiera. L’accordo è stato discusso dalle due parti in seguito a un attacco di rappreseglia condotto nell’area di Kolom ad Abyei da uomini armati della tribù dei Misseriya che hanno ucciso 35 persone di etnia Ngok Dinka; l’attacco risale allo scorso 21 gennaio. In una relazione al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 10 febbraio, la locale missione Onu ha riferito di aver discusso con i due Paesi un piano per stabilire posti di blocco per la ricerca di armi e munizioni e controllare i movimenti di elementi armati segnalati nell'area di Abyei. L’accordo è stato firmato dai capi di stato maggiore dei due eserciti, Mohamed Osman al-Hussein e Gabriel Jok Riak alla presenza di membri della missione Onu e al termine di una riunione di due giorni tenuta a Juba. [MS]
  • Somalia Free

    In vigore nuovi regolamenti per operatori Tlc

    SOMALIA - L’Autorità nazionale delle comunicazione della Somalia (Nca) ha annunciato l’entrata in vigore di un nuovo regime di licenze per le telecomunicazioni. Il quadro normativo offre licenze più flessibili, semplificate e neutrali in termini di tecnologia e servizi. Questo nuovo regime è il risultato di una consultazione pubblica avviata lo scorso ottobre tra la Nca e i vari attori del settore nazionale delle Tlc.  Gli investitori hanno ora tre opzioni per entrare nel mercato delle telecomunicazioni: possono acquisire una licenza per provider di infrastrutture di telecomunicazioni, una licenza per provider di servizi applicativi o una licenza per provider di servizi e infrastrutture di telecomunicazione. La licenza del fornitore di infrastrutture di telecomunicazioni consente la consegna o la gestione di apparecchiature di telecomunicazione per conto terzi. Questa licenza può consentire di fornire la capacità a un operatore tramite fibra ottica, satellite, ecc. o gestire le torri. [MS]
  • Mauritius Free

    A Fort William un porto per 120 pescherecci

    MAURITIUS - Un porto dedicato ai pescherecci con una serie di strutture frangiflutti sarà realizzato a Fort William, nelle Mauritius. A riferirlo è stata la Mauritius Ports Authority (Mpa) secondo cui l’obiettivo è quello di migliorare le operazioni della filiera ittica razionalizzando i moli e l’area di ormeggio delle imbarcazioni. L’Amp ha già avviato una prequalifica per selezionare potenziali contraenti. Un budget di 40,5 milioni di dollari è stato stanziato per il progetto che fornirà un bacino riparato per garantire un posto di ormeggio sicuro per circa 120 navi da pesca oceanica. La struttura includerà anche una banchina di servizio di 50 metri. Cwp Engineering, che fornisce i servizi di consulenza, ha già completato il progetto preliminare e sta procedendo con la progettazione dettagliata. L’Amp ha inoltre identificato nella zona di Fort William una superficie a terra di ulteriori 6 ettari con una superficie d’acqua totale di 300 metri per lo sviluppo di banchine da pesca da parte di promotori privati per i quali sarà lanciata una manifestazione di interesse. [MS]
  • Kenya Free

    Annunciata obbligazione per sviluppare infrastrutture...

    KENYA - Il governo di Nairobi intende lanciare entro il prossimo mese di giugno un’emissione obbligazionaria da 150 miliardi di scellini, pari a circa 1,5 miliardi di dollari, per finanziare lo sviluppo delle infrastrutture stradali in Kenya.

    A segnalarlo sono i media economici locali citando il segretario principale del ministero delle Infrastrutture keniano, Paul Maringa, secondo il quale l’emissione obbligazionaria sarà la prima i cui proventi sono specificatamente dedicati alla costruzione e al mantenimento della rete stradale della nazione dell'Africa orientale.

    Una seconda emissione, secondo un rapporto presentato dal ministero delle Infrastrutture al Parlamento keniano, sarà lanciata a settembre.

    Secondo le informazioni a disposizione, a guidare l’emissione delle obbligazioni sarà il Tesoro keniano. [MV]

  • Seychelles Free

    Paradisi fiscali (2): Seychelles aggiunte alla ...

    SEYCHELLES : Non solo “paradiso turistico”, ora anche “paradiso fiscale”: l’arcipelago delle Seychelles è stato aggiunto alla lista europea degli Stati non cooperativi in materia fiscale L’aggiornamento è stato reso noto durante la riunione del Consiglio degli affari economici e finanziari dell’Unione Europea del 18 febbraio a Bruxelles. L’arcipelago africano entra a far parte di un gruppo di 12 Paesi e territori che non hanno attuato, nei tempi previsti, le riforme fiscali programmate. Nel caso delle Seychelles, l’UE rimprovera di mantenere regimi preferenziali dannosi. Un cartellino giallo è stato assegnato al Marocco e alla Namibia, ai quali è stata concessa una proroga di tempi per adeguare la propria legislazione fiscale entro il 31 agosto 2020. La presenza sulla ‘blacklist’ dell’Unione Europea ha conseguenze negative sulla reputazione dei governi coinvolti. [CC]
  • Uganda Free

    Investitori afro-americani costruiranno alloggi attorno...

    UGANDA – Un investimento pari a 300 milioni di dollari per costruire alloggi economici attorno ai parchi industriali è stato annunciato da una missione di investitori afro-americani venuti in missione di prospezione in Uganda. Introdotto dalla ministra di Stato incaricata degli investimenti e delle privatizzazioni, Evelyn Anite, il gruppo di 12 investitori comincerà col finanziamento di case nei pressi del parco industriale di Namanve, dove potranno abitare sia i lavoratori che i responsabili delle aziende che operano nel parco. Secondo l’istituto nazionale di statistiche, in Uganda mancano 2,1 milioni di abitazioni e il bisogno cresce a un ritmo sostenuto. Nel corso del soggiorno durato circa 2 settimane, gli investitori venuti dagli Stati Uniti hanno anche dimostrato interesse nell’agri-business, in particolare nel portare valore aggiunto ad alcune filiere, come il mais. La missione imprenditoriale è stata facilitata dall’East African Partners, un’organizzazione basata in Uganda e negli Stati Uniti, con l’obiettivo di promuovere gli scambi tra l’Africa orientale e il resto del mondo, in particolare gli USA. [CC]