Africa

Coronavirus: casi e restrizioni in Africa, aggiornamento del 12 Marzo

AFRICA – (aggiornamento del 12 Marzo) Anche la Costa d’Avorio, dove nelle ultime 24 ore è stato segnalato ufficialmente il primo caso positivo di Coronavirus, si è aggiunta alla lista dei paesi africani interessati dal Covid-19. Rispetto a ieri si registrano poi, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO), leggerissimi incrementi di casi in Egitto e Marocco.

Rispetto alle misure di restrizione prese dai paesi africani nei confronti dei passeggeri provenienti dai paesi maggiormente colpiti dal Covid-19, quindi anche degli italiani, si segnala che nelle ultime 24 ore Gambia e Guinea Bissau hanno introdotto le prime misure. Tra le misure più stringenti spicca invece il Niger che ha introdotto la quarantena domiciliare obbligatoria (con visita di medici locali due volte al giorno) per chiunque provenga dall’Italia, a prescindere dalla nazionalità. 

Si segnala, a chiunque avesse necessità di viaggiare da e verso un qualsiasi paese africano, che un numero sempre maggiore di compagnie aeree ha ridotto e/o sospeso le tratte verso l’Italia o bloccato i voli charter. Si invitano quindi tutti a verificare bene con i vari soggetti interessati tutte le tappe del proprio viaggio.

 

NOVITÀ’ DEL 12 MARZO

CAPO VERDE – Al fine di evitare la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le autorità locali hanno deciso la sospensione temporanea dei voli charter diretti tra l’Italia e Capo Verde fino al 30 aprile. Ai viaggiatori provenienti dalle zone più a rischio viene distribuito un formulario da compilare, per ottenere indirizzo e contatti in caso di necessità. Si segnala che alcune compagnie aeree hanno ridotto il proprio operativo voli e/o sospeso alcune tratte verso l’Italia. Si raccomanda di verificare lo stato del proprio volo con la compagnia aerea di riferimento, prima di recarsi in aeroporto.

GUINEA BISSAU – Al fine di evitare la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le autorità locali hanno attivato il controllo della temperatura presso l’aeroporto internazionale di Bissau. Le autorità sanitarie hanno inoltre stabilito che, in presenza di sintomi, i passeggeri in arrivo verranno trasferiti presso gli uffici dell’OMS locale per i trattamenti del caso. Alcune compagnie aeree hanno ridotto il proprio operativo voli e/o sospeso alcune tratte verso l’Italia. Si raccomanda di verificare lo stato del proprio volo con la compagnia aerea di riferimento, prima di recarsi in aeroporto.

GAMBIA – Al fine di contenere la diffusione del COVID-19, si segnala che alcune compagnie aeree hanno ridotto il proprio operativo voli e/o sospeso alcune tratte verso l’Italia. Si raccomanda di verificare lo stato del proprio volo con la compagnia aerea di riferimento, prima di recarsi in aeroporto.

MALI – l fine di contenere la diffusione del COVID-19, si segnala che alcune compagnie aeree hanno ridotto il proprio operativo voli e/o sospeso alcune tratte verso l’Italia. Si raccomanda di verificare lo stato del proprio volo con la compagnia aerea di riferimento, prima di recarsi in aeroporto.

NIGER – Il Ministro della Salute del Niger ha stabilito in data 10 marzo che tutti coloro che provengono da Paesi dove è presente un focolaio attivo di COVID-19 (inclusa l’Italia) saranno sistematicamente messi in quarantena presso il loro domicilio, con due visite di controllo giornaliere da parte di medici locali. Tali misure riguardano ugualmente i nigerini e i viaggiatori di altre nazionalità provenienti dai suddetti Paesi. A tutti i passeggeri in ingresso nel Paese sono distribuiti dei formulari da riempire con informazioni relative a provenienza ed eventuali soggiorni in paesi a rischio. I viaggiatori sospettati di aver contratto il coronavirus sono sottoposti a test che sono valutati dal CERMES (Centro Ricerca Medica e Sanitaria) e, in attesa dei risultati, sono collocati presso una struttura appositamente individuata. Presso l’Ospedale Generale di Niamey è stato allestito un locale per l’isolamento dei pazienti affetti da COVID-19.

SENEGAL – Al fine di evitare la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le autorità locali hanno introdotto misure di controllo presso l’aeroporto internazionale di Dakar (scanner della temperatura). In presenza di sintomi compatibili con il COVID-19, le autorità sanitarie locali potranno disporre la quarantena presso uno degli ospedali di Dakar. Si segnala che alcune compagnie aeree hanno ridotto il proprio operativo voli e/o sospeso alcune tratte verso l’Italia. Si raccomanda di verificare lo stato del proprio volo con la compagnia aerea di riferimento, prima di recarsi in aeroporto.

CASI

Egitto 67

Algeria 20

Sudafrica 7

Tunisia 6

Marocco 5

Senegal 4

Burkina Faso, Camerun, Nigeria 2

Costa d’Avorio, Repubblica Democratica del Congo, Togo 1

MISURE RESTRITTIVE AI VIAGGI PER ITALIANI

(Per maggiori dettagli si rimanda al sito viaggiaresicuri.it del Ministero degli Affari Esteri. Le misure di Contenimento, infatti, variano da paese a paese e vanno dalla semplice misurazione della temperatura all’arrivo a pratiche di autoisolamento etc..)

Angola/ Divieto

Algeria/ Contenimento

Benin/Quarantena

Botswana/ Contenimento

Burundi – Quarantena

Capo Verde – Contenimento

Centrafrica Repubblica – Quarantena

Ciad/ Quarantena

Congo/Quarantena

Costa d’Avorio/Contenimento

Egitto/ Contenimento-Ricovero

Eritrea/ Quarantena

Etiopia/ Contenimento

Gabon/ Contenimento-Divieto

Gambia/ Contenimento

Ghana – Contenimento-possibile Quarantena

Gibuti/ Contenimento/ Quarantena

Guinea Bissau/ Contenimento

Guinea (Conakry)/ Quarantena

Guinea Equatoriale/ Divieto

Kenya/ Contenimento-Quarantena-rimpatrio

Liberia/ Isolamento (14 giorni)

Madagascar/ Divieto-respingimento

Malawi/ Isolamento (14 giorni)

Marocco/ Contenimento-Isolamento

Mauritius/Divieto

Mozambico/ Quarantena

Niger/ Quarantena

Nigeria/Contenimento-Quarantena

Rwanda/ Controlli-Monitoraggio (con spese a carico)

R.D. Congo/Contenimento-Quarantena

Senegal/Contenimento-Quarantena

Seychelles/ Divieto

Sierra Leone/ Quarantena

Sudafrica/ Contenimento

Sud Sudan/ Contenimento-Quarantena

Tanzania/ Contenimento-Quarantena

Tunisia/ Contenimento-Isolamento

Uganda/ Quarantena

Zambia/ Contenimento-Quarantena

Zimbabwe/ Contenimento

 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • AfricaAfrica Occidentale Free

    Kassi Brou nominato governatore Bceao

    AFRICA OCC – I capi di Stato e di governo della Comunità economica degli Stati dell’Africa Occidentale (Ecowas), riuniti ieri in sessione ordinaria ad Accra, hanno nominato l’ivoriano Jean-Claude Kassi Brou, fino a ieri presidente della Commissione Ecowas, alla carica di governatore della Banca centrale degli stati dell’Africa occidentale (Bceao). La nomina di Jean Claude Brou è stata approvata anche dall’Unione economica e monetaria dell’Africa occidentale (Uemoa). Kassi Brou prende il posto di Tiemoko Meyliet Kone, designato alcune settimane fa vicepresidente della Costa d’Avorio. L’ex ministro ivoriano dell’Industria e delle miniere Jean-Claude Kassi Brou, 69 anni, conosce bene l’istituto bancario di cui prenderà il controllo: vi ha lavorato per otto anni ricoprendo vari incarichi, tra cui quelli di direttore delle relazioni internazionali, responsabile delle politiche di integrazione economica, direttore del dipartimento di studi economici e valutari e controllore generale. Creata nel 1959, la Banca centrale degli Stati dell’Africa occidentale (Bceao) è un’istituzione pubblica internazionale che riunisce otto paesi dell’Africa occidentale. Il suo ruolo, tra le altre cose, è quello di promuovere il corretto funzionamento e garantire la supervisione e la sicurezza dei sistemi di pagamento nell’area e gestire le riserve ufficiali di valuta estera dei Paesi membri di Ecowas. [ASB]
  • AfricaGhana Free

    Sistemi pagamento africani aiuteranno valute continente

    GHANA – Il governatore della Banca centrale del Ghana Ernest Addison, ha affermato che l’implementazione dei sistemi di pagamento panafricani Papss nell’area di libero scambio continentale africana aiuterà a ridurre la domanda del dollaro per il commercio. Parlando al terzo e ultimo giorno del Ghana Trade Roadshow ad Accra, Addison si è detto certo che “attraverso i sistemi di pagamento previsti dal patto commerciale, il dollaro Usa dovrebbe ridurre significativamente, dovrebbero migliorare i tassi di interesse e di cambio e quindi rafforzare le valute africane”.  Addison ha sottolineato che la banca centrale “ha avviato riforme che miglioreranno le transazioni finanziarie con il Ghana e i paesi vicini per aumentare il commercio”, aggiungendo che la Banca del Ghana “ha messo in atto un solido quadro per aiutare le banche locali ad affrontare il tema delle importazioni commerciali senza stress”. [GT]
  • Africa Free

    Abbigliamento usato, primi per importazioni

    AFRICA - Con il 34% delle importazioni mondiali totali, l’Africa subsahariana è la destinazione numero uno per l’abbigliamento usato a livello mondiale. Il settore genera diversi milioni di posti di lavoro nel continente, lungo tutta la sua catena del valore e le importazioni africane di abbigliamento di seconda mano hanno registrato un aumento del 28,84% nel 2021 per raggiungere 1,84 miliardi di dollari. Lo riferisce l’agenzia Ecofin basandosi sul rapporto dalla piattaforma specializzata in tessile-abbigliamento Fibre2Fashion, intitolato Abbigliamento di seconda mano in Africa: opportunità e sfide. Il rapporto indica che i principali esportatori di abbigliamento usato nel continente sono, nell’ordine, Cina, Unione Europea, Regno Unito, Stati Uniti e Sud Corea. Le esportazioni cinesi di abbigliamento di seconda mano in Africa sono cresciute di oltre il 131% nel 2021, raggiungendo i 624 milioni di dollari. Ciò rende Pechino il più grande esportatore di questo tipo di abbigliamento nel continente. In Nord Africa le importazioni di abbigliamento usato sono stimate in 107 milioni di dollari. Nell’ultimo anno, il Kenya è stato il più grande importatore di abbigliamento di seconda mano dell’Africa, con 183.500 tonnellate acquisite. [CC]
  • Africa Free

    Da Bic un concorso per premiare l’arte africana

    AFRICA - Bic, leader mondiale nella produzione di cancelleria, accendini e rasoi, ha annunciato l’inizio del suo concorso artistico di punta, Art Master Africa arrivato oramai alla sua quinta edizione.
    Il concorso invita i talenti di tutta l’Africa e del Medio Oriente a esprimere la propria creatività producendo opere d’arte utilizzando la nota penna a sfera Bic. Il tema del concorso di quest’anno è “Celebrare l’Africa”, con l’invito agli artisti a presentare le proprie percezioni del continente e delle culture africane.
    Gli artisti possono partecipare al concorso presentando fino a tre opere d’arte originali di cosa significhi per loro “Celebrare l’Africa”. Le candidature verranno quindi esaminate e selezionate da una giuria che include artisti, professori d’arte, collezionisti, nonché i vincitori del concorso 2019 e 2021  Gayi Eric e Oscar Ukonu. La fase di invio delle candidature si chiuderà il 31 agosto prossimo. Una volta completata la fase di valutazione, i vincitori saranno annunciati entro il 15 ottobre.
    I primi, secondi e terzi classificati regionali saranno nominati Maestri d’arte africani, saranno celebrati nei rispettivi Paesi e riceveranno premi in denaro. Il primo classificato regionale riceverà anche la sua galleria personale online e l’opportunità di entrare a far parte della Bic Art Collection esposta a Parigi, in Francia.
    Il legame di Bic con l’arte dura da più di 60 anni. Il marchio celebra regolarmente la creatività e l’originalità degli artisti che trovano grande ispirazione nella creazione di capolavori utilizzando i prodotti Bic. La collezione d’arte di Bic comprende oltre 250 opere d’arte di 80 artisti internazionali. Bic mantiene numerose collaborazioni consolidate con istituti d’arte di tutto il mondo e espone i suoi prodotti in rinomati musei in tutto il mondo. Per maggiori informazioni, cliccare qui. [GT]
  • Africa Free

    Rinnovabili, da AfDB e Regno Unito garanzie per 2 mld...

    AFRICA - Il Regno Unito ha accettato di garantire 2 miliardi di dollari del debito che la Banca africana di sviluppo ha esteso ai governi del continente, consentendo in questo modo alla stessa AfDB di liberare finanziamenti per progetti legati al clima.  Akinwumi Adesina, presidente della banca che ha sede ad Abidjan, in Costa d'Avorio, ha dichiarato in un'intervista che la capacità di prestito aggiuntiva sarà utilizzata per finanziare progetti di resilienza climatica e di energia rinnovabile.  "Questo ci permette di liberare 2 miliardi di dollari di margine di finanziamento aggiuntivo per la banca". Le garanzie sono un passo avanti per colmare un vuoto di finanziamenti che l'Africa, il continente più colpito dal cambiamento climatico, deve colmare per finanziare il rafforzamento di infrastrutture come strade e ponti. Allo stesso tempo, le sue abbondanti risorse di energia solare e rinnovabile favoriscono lo sviluppo di energia più verde. [MS]
  • Africa Free

    Al G7 Macky Sall chiede un seggio per l’Ua nel G20

    AFRICA - In Germania, dove ha preso parte al vertice del G7 allargato a Elmau, il presidente senegalese Macky Sall ha chiesto un seggio nel G20 per Unione africana. L’attuale presidente dell’Unione africana (Ua) è convinto che un posto all’interno del G20 andrà a favore degli interessi del continente africano, che conta oltre 1,3 miliardi di abitanti e un Pil cumulato di oltre 2600 miliardi di dollari. Sall ha inoltre elogiato i Paesi partner che hanno sostenuto una transizione climatica equa ed equa per l’accesso universale all’elettricità in Africa. Secondo il presidente della Repubblica Macky Sall, più di 600 milioni di africani vivono ancora senza elettricità. Sall era stato invitato dal cancelliere tedesco Olaf Scholz, assieme al suo omologo sudafricano Cyril Ramaphosa, e ai leader di India, Indonesia e Argentina. [CC]