Mauritius

Fuoriuscita di petrolio, lotta contro il tempo per contenere i danni

MAURITIUS – Minaccia di rompersi in mare e di causare ancora più danni al litorale di Mauritius la petroliera Wakashio, che ha già versato più di una tonnellata di carburante e olio in acque finora paradisiache.

Il primo ministro Pravind Jugnauth ha decretato lo stato d’emergenza ambientale e convocato ieri pomeriggio una riunione di crisi per affrontare la catastrofe che la marea nera sta causando. Il capo di governo ha chiesto aiuto internazionale, ammettendo di non avere a disposizione  capacità professionale o mezzi necessari per poter fermare l’invasione di carburante

La MV Wakashio, una nave appartenente alla Nahashiki Shipping, con bandiera di Panama, si è incagliata il 25 luglio scorso vicino alla laguna di Punta d’Esny e del Parco marino nazionale di Blue Bay.

Migliaia di cittadini volontari si sono messi al lavoro nel tentativo disperato di creare barriere galleggianti e di raccogliere la massa nera che sta devastando  la fauna e la flora marina dell’isola africana.

La Francia ha inviato esperti e rinforzi dalla vicina isola della Reunion. Anche il Giappone ha inviato sei esperti per lavorare a fianco dei mauriziani e dei francesi. [Africa Rivista]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Uganda Free

    Cresce il debito pubblico

    UGANDA - Il debito pubblico ugandese è cresciuto del 20,5% tra giugno 2019 e giugno 2020. Lo ha annunciato la Bank of Uganda, secondo la quale la crescita è legata ai debiti sostenuti per far fronte l'impatto dell'epidemia di Covid-19. I dettagli sono contenuti nel rapporto di settembre sullo stato dell'economia redatto dagli economisti dell'istituto centrale. Gli esperti dell'istituto sostengono che il governo ha preso in prestito 6,362 miliardi di scellini (un milione e mezzo di euro) dal Fondo monetario internazionale, dalla Banca per il commercio e lo sviluppo e dalla Banca Stanbic. Questi prestiti hanno fatto crescere lo stock di debito pubblico che, in valore nominale, si attesta così sui 56.526 miliardi di scellini, cioè il 40,8% del Pil. Secondo la banca centrale però i livelli del debito rimangono sostenibili con un basso rischio di sofferenza anche se sono evidenti “vulnerabilità significative”. Le vulnerabilità, afferma il rapporto, sono la crescita della spesa pubblica, un'attività economica moderata, un calo delle entrate fiscali e un possibile calo delle sovvenzioni. L'aumento del pagamento degli interessi drenerà inoltre molte delle risorse disponibili. [EC]
  • Sudan Free

    Da Ue e Banca mondiale fondi per le famiglie

    SUDAN - L'Unione Europea e la Banca Mondiale hanno firmato un'intesa di partnership con il Sudan che prevede un sostegno di 110 milioni di dollari al Sudan Family Support Program (Sfsp). Questo sostegno, fornito dai Paesi europei, è fondamentale per il governo sudanese per poter dar vita a profonde riforme economiche, compresa la fine dei sussidi alle materie prime che colpirebbe le famiglie più povere. L'accordo assegna un importo di 110 milioni di dollari al fondo fiduciario Sudan Transition and Recovery Support amministrato e gestito dalla Banca mondiale. Questo fondo fiduciario è il principale meccanismo di finanziamento per il Sudan Family Support Program. La cerimonia della firma si è svolta presso la Presidenza del consiglio dei ministri alla presenza del premier sudanese Abdallah Hamdok, dei ministri del Lavoro e dello Sviluppo Sociale, della Cultura e dell'Informazione, del ministro delle Finanze e della Pianificazione economica. Hamdok ha elogiato gli sforzi compiuti dalla Banca mondiale, la cooperazione esemplare con l'Ue e dei suoi Stati membri e i passi compiuti nel seguire gli impegni presi nella Conferenza di Berlino. [EC]
  • Etiopia Free

    Luce verde Parlamento a prestito per parco eolico di...

    ETIOPIA - E’ arrivata anche la luce verde del parlamento di Addis Abeba al prestito già concordato tra ministero delle Finanze etiopico e una banca danese per la realizzazione di un parco eolico da 100 MW ad Assela. Il prestito ammonta a 117,3 milioni di euro, dovrà essere ammortizzato in 20 anni e include un periodo di grazia di 5 anni.  Concesso dalla Danske Bank il prestito è arrivato anche grazie al sostegno del governo della Danimarca.  Con l’ottenimento dei finanziamenti, il progetto potrà adesso entrare nella fase operativa di realizzazione.  Il parco eolico sarà situato in un’area a 150 chilometri a sud di Addis Abeba, non lontano dalla città di Iteya, nella regione di Oromia. La costruzione sarà affidata a Siemens Gamesa Renewable Energy SA.  Una volta connesso, il parco eolico con 29 turbine genererà circa 330.000 kWh all'anno e fornirà elettricità a oltre tre milioni di persone, secondo stime rese note dall’Ambasciata danese ad Addis Abeba. [MS]
  • Kenya Free

    Alleggerite misure contenimento pandemia

    KENYA - Il coprifuoco nazionale è stato prorogato per altri 60 giorni, ma altre misure prese per far fronte alla pandemia di covid-19n sono state alleggerite. Gli ultimi sviluppi sono stati resi noti direttamente dal capo dello Stato, Uhuru Kenyatta, intervenuto ieri alla National Covid-19 Conference, a Nairobi.  Il coprifuoco sarà applicato dalle 23 alle 4 del mattino. Il divieto di esercizio dei bar e la vendita di alcolici è stato revocato. I bar potranno funzionare fino alle 22:00 a partire da oggi. Ai titolari degli esercizi commerciali è stato chiesto di aderire ai protocolli stabiliti dal ministero della Salute. Mentre il Paese riduce le misure di contenimento, Kenyatta ha detto che le scuole verranno aperte solo quando sarà garantita la sicurezza dei bambini: “Non concentriamoci su quando le scuole riapriranno, ma su quando sarà garantita la salute e la sicurezza dei bambini”.  Il capo dello Stato ha quindi ricordato i passi avanti fatti nel settore sanitario con la creazione di 300 posti letto in terapia intensiva e altri 7411 posti letto in isolamento. [MS]
  • Kenya Free

    Al via lavori per un cantiere navale

    KENYA - Sono stati inaugurati alla presenza del presidente Uhuru Kenyatta i lavori di costruzione di un cantiere navale presso la base della marina militare keniana di Mtongwe a Mombasa.

    Lo riportano i media locali, sottolineando che si tratta della prima struttura dotata di scivolo di alaggio a essere realizzata in Africa orientale.

    Il progetto, che rientra nel piano governativo per lo sviluppo dell’economia blu, vuole essere un importante impulso alle operazioni marittime nella regione.

    Secondo le informazioni a disposizione, il cantiere sarà utilizzato  per costruire, riparare e mantenere le navi delle Forze di difesa del Kenya (KDF), ma sarà messo a disposizione anche per imbarcazioni a uso civile, per il trasporto passeggeri e mercantile.

    Il progetto dovrebbe essere completato entro giugno 2021 e sarà in grado di gestire navi con una capacità fino a 4.000 tonnellate. [MV]

  • Sudan Free

    Colloqui con gli Stati Uniti, 'solo' questione di cifre...

    SUDAN - Dopo le indiscrezioni di parte sudanese, ieri sono emerse ulteriori indiscrezioni, questa volta americane, sul tenore dei colloqui tra Sudan e Stati Uniti tenuti negli Emirati Arabi Uniti diversi giorni fa. Secondo notizie riferite dal New York Times, nell’incontro tra il presidente del Consiglio sovrano Abdel Fattah al-Burhan e la delegazione statunitense, il de facto leader sudanese ha chiesto aiuti fra i 3 e i 4 miliardi di dollari in cambio della normalizzazione delle relazioni con Israele rifiutando una proposta di 800 milioni in aiuti e investimenti messa sul tavolo da Washington. Il rappresentante sudanese ha anche chiesto la rimozione del suo Paese dalla lista Usa degli Stati sponsor del terrorismo, che di fatto impedisce al Paese di ricevere investimenti, aiuti e fondi internazionali.  Secondo la stampa israeliana, dopo l’avvio di relazioni con Bahrain ed Emirati Arabi Uniti, il Sudan potrebbe essere il prossimo Paese arabo a stringere relazioni ufficiali con Israele. Secondo il New York Times, a spingere verso questo nuovo corso in Medio oriente sarebbe segretamente la stessa Arabia Saudita, benché quest’ultima non abbia ancora firmato alcun accordo.  Il Sudan si trova nella lista nera statunitense dal 1993, quando alla presidenza c’era Omar Hassan al-Bashir, esautorato lo scorso anno in seguito a manifestazioni popolari. [MS]