Sierra Leone

Nuovo terminal per aeroporto Freetown, c’è un consorzio russo

SIERRA LEONE – E’ stato lanciato dallo stesso capo dello Stato del Sierra leone, Julius Maada Bio, la costruzione del nuovo terminal dell’aeroporto internazionale di Freetown. Il progetto prevede un investimento di 270 milioni di dollari e la creazione di circa 2000 posti di lavoro diretti nella fase di realizzazione. 

(139 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Costa Avorio Free

    L’opposizione boicotta l’Assemblea, denuncia la...

    COSTA D’AVORIO – Tre gruppi parlamentari dell’opposizione politica ivoriana hanno boicottato, ieri, i lavori dell’Assemblea nazionale riunita in plenaria per discutere alcune leggi.   I rappresentanti del Pdci-Rda, del gruppo Vix Populi e del Rassemblement, hanno denunciati un «contesto socio-politico deleterio, che non garantisce la sicurezza dell’opposizione, nonostante l’immunità parlamentare di cui godono».   In una dichiarazione, gli esponenti dell’opposizione hanno ricordato i casi dei leader detenuti: il deputato Pascal Affi N’Guessan del Fpi, arrestato il 6 novembre, e il deputato Maurice Kakou Guikahué, presidente del gruppo parlamentare Pdci-Rda, arrestato lo scorso 3 novembre. In manette, i due sono anche ex ministri e primo ministro, nel caso di N’Guessan, e dovrebbero essere sottoposti a procedure particolari, ricordano gli esponenti dell’opposizione.   Il clima politico si è fortemente degradato prima e dopo le elezioni presidenziali del 31 ottobre scorso, a causa della candidatura controversa per un terzo mandato del presidente Alassane Dramane Ouattara. La rielezione del capo di Stato non è riconosciuta dall’opposizione. Poco dopo i risultati Affi N’Guessan aveva decretato la fine della presidenza di Ouattara e l’istituzione di un consiglio di transizione. Un’iniziativa fallita che è costato l’arresto del leader per complotto contro l’ordine costituzionale. [CC]
  • Nigeria Free

    Ngozi Okonjo-Iweala è la personalità africana dell...

    NIGERIA - La nigeriana Ngozi Okonjo-Iweala è la personalità africana dell’anno secondo la rivista economica internazionale Forbes. Il ‘titolo’ è stato annunciato ieri dal bisettimanale statunitense, che all’economista nigeriana riconosce un grande impegno per «rendere accessibili i vaccini ai Paesi poveri e consentire un accesso equo al vaccino contro il covid-19». Ngozi Okonjo Iweala vanta 25 anni di carriera alla Banca Mondiale, culminata con un incarico da direttrice responsabile di un portfolio da 81 miliardi di dollari. « stata due vole ministra delle Finanze della Nigeria, dal 2003 al 2006 e dal 2011 al 2015. Dal 2011 al 2014 è stata nella classifica di Forbes tra le 100 donne più influenti del pianeta. La rivista Fortune l’ha posizionata nel 2015 tra i 50 più grandi leader mondiali. Ques’anno, A 66 anni, l’esperta  nigeriana è arrivata alla fase finale per la selezione alla carica di direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC/WTO), istituzione con sede a Ginevra in Svizzera. [CC]
  • Ghana Free

    Voto anticipato per elettorali speciali

    GHANA - Sono più di 100.000 i cittadini ghanesi che hanno già votato ieri per le elezioni generali, perché lunedì 7 dicembre saranno impegnati a supervisionare le operazioni di voto.

    A segnalarlo è stata la Commissione elettorale (EC), precisando che tra gli elettori speciali che hanno già votato funzionari elettorali, personale di sicurezza, giornalisti e tutte le altre persone che svolgono compiti legati alle operazioni elettorali.

    Alle elezioni generali di lunedì prossimo sono registrati circa 15 milioni di cittadini ghanesi che dovranno scegliere tra 12 candidati presidenziali, votare per i 275 membri dell'assemblea parlamentare e rinnovare le amministrazioni locali.

    Tra i candidati alla massima carica dello Stato, sono due però i favoriti: il presidente in carica Nana Akufo Addo New del Patriotic Party (NPP) e l'ex presidente John Mahama del National Democratic Congress (NDC), attualmente principale forza dell'opposizione.

    Il sistema elettorale prevede che se nessun candicato alle presidenziali ottenga il 50% più uno dei voti validi si ricorrerà a un secondo turno da tenersi entro 21 giorni dallo svolgimento del primo. Le elezioni parlamentari e quelle amministrative si svolgono invece sulla base di un sistema uninominale secco a turno unico. [MV]

  • Costa Avorio Free

    Bolloré per la formazione digitale delle ragazze...

    COSTA D’AVORIO - Corsi di robotica, di pilotaggio droni, di elettronica e di sviluppo App saranno finanziati dall’azienda di trasporto e logistica Bolloré a beneficio delle ragazze provenienti da quartieri popolari della Costa d’Avorio, nella scia di un accordo siglato nei scorsi giorni con l’Ong DynExcAfrica. “La nostra azienda è impegnata a sostenere tutte le iniziative in favore dell’istruzione e dei giovani per facilitare il loro inserimento sociale e la loro integrazione professionale”, ha dichiarato il direttore regionale di Bolloré Transport & Logistics Côte d’Ivoire-Burkina Faso, Pierre Bellerose. L’accordo per la formazione all’utilizzo degli strumenti digitali rientra nell’ambito delle iniziative solidali della quinta edizione del Marathon Day, a vantaggio di progetti di associazioni di beneficenza in paesi dove opera il gruppo francese.  Bolloré è il leader del trasporto e della logistica in Africa, dove può contare su una rete di 250 filiali e di circa 23.000 collaboratori. [CN]
  • Nigeria Free

    Shell condannata a risarcire gli Ejama Ebubu

    NIGERIA - La comunità Ejama-Ebubu, nello stato di Rivers della Nigeria, vince una battaglia storica: dovrà essere compensata dalla Shell con una somma di 400 milioni di euro, per i danni legati a una fuoriuscita di petrolio che, 50 anni fa, aveva distrutto i mezzi di sussistenza, inquinato le acque e provocato numerose malattie. La Corte Suprema nigeriana ha infatti respinto la richiesta della Shell di ribaltare la sentenza emessa nel 2010, dopo nove anni di processo, sentenza che aveva accertato le responsabilità della multinazionale anglo-olandese. Accusata di diverse fuoriuscite di petrolio nel Delta del Niger, la società deve attualmente affrontare vari procedimenti legali in Nigeria, ma anche nel Regno Unito e nei Paesi Bassi, essendo stata posta sotto accusa da diverse ONG ambientaliste per non avere rispettato l’accordo di Parigi sul clima. [Africa Rivista]
  • Costa AvorioGhana Free

    Cacao, ira dei produttori contro acquirenti americani

    COSTA D’AVORIO/GHANA - I Consigli del caffè e del cacao dei primi due produttori mondiali, il Ghana e la Costa d’Avorio, si sono ritirati dalla Cocoa merchants association of America (Cmaa), accusandola di proteggere società che  stanno cercando di evitare il versamento di un premio dovuto ai produttori. Lo scrive la Reuters dicendo di aver preso visione di una lettera di dimissioni degli enti regolatori. Nel mirino dell’ira dei fornitori africani sono due grandi aziende, la Hershey e la Mars, che stanno comprando cacao in grandi quantità in depositi certificati a termine, una manovra che non solo sta facendo impennare il prezzo del cacao, ma che evita agli acquirenti di versare un premio da 400 dollari a tonnellata, il “differenziale di reddito dignitoso” in vigore dal 1° ottobre sulla nuova produzione. Comprando a depositi le fave prodotte prima della nuova normativa, le aziende si sottraggono al versamento. L’atteggiamento ha suscitato l’indignazione dei Consigli ivoriano e ghanese. [CC]