Marocco

Situazione resta tesa al confine con Mauritania

MAROCCO / SAHARA OCCIDENTALE – Forti tensioni permangono nella contestata area meridionale del Sahara occidentale, al confine con la Mauritania. Le tensioni fanno seguito alla rottura del cessate-il-fuoco decisa il 13 novembre dagli indipendentisti del Fronte Polisario in reazione a una operazione militare marocchina, a sua volta organizzata per ristabilire il traffico commerciale verso la Mauritania interrotto dai sahrawi. 

(226 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Crollano esportazioni idrocarburi, perno dell...

    ALGERIA - Sono diminuite drasticamente, sia termini di valore che di volume, le esportazioni algerine di idrocarburi, perno dell’economia nazionale. Il gettito fiscale derivante dalla rendita petrolifera pagata al Tesoro pubblico durante l'anno 2020 ha infatti registrato un deficit del 31% rispetto al 2019. “Il volume globale delle esportazioni di idrocarburi ha raggiunto 82,2 milioni di tonnellate di petrolio equivalente (Tep) nel 2020 per un valore di 20 miliardi di dollari (16,54 miliardi di euro), con rispettive diminuzioni dell'11% e 40% rispetto al 2019 ”, secondo una sintesi del ministero dell’Energia citata dall'agenzia ufficiale Aps. "Il prezzo medio del petrolio è sceso a 42 dollari al barile nel 2020, contro i 64 dollari dell'anno precedente, una perdita di quasi 23 dollari al barile (-35%)", sottolinea il ministero. Includendo le esportazioni non di idrocarburi dal settore energetico, compresi i prodotti petrolchimici, il valore delle esportazioni sale a 22 miliardi di dollari nel 2020 (18,19 miliardi di euro). Inoltre, gli investimenti per lo sviluppo delle attività del settore hanno registrato una diminuzione del 30% nello stesso periodo, passando da 10,2 miliardi di dollari (8,43 miliardi di euro) a 7,3 miliardi di dollari (6 Miliardi di euro). Tuttavia, secondo il rapporto annuale, sono stati creati mille posti di lavoro diretti nel settore. Allo stesso tempo, le importazioni di prodotti petroliferi sono diminuite, facendo risparmiare all'Algeria oltre 700 milioni di dollari (579 milioni di euro). Il ministero dell’Energia attribuisce il crollo principalmente all’impatto della pandemia di coronavirus e ai i suoi effetti sui prezzi dell'oro nero, e quindi sull'economia. Secondo le previsioni del Fondo monetario internazionale (Fmi), la quarta economia africana dovrebbe sperimentare una recessione del 5,2% nel 2020 e un deficit di bilancio tra i più alti della regione. La legge finanziaria del 2021 recentemente ratificata prevede una diminuzione delle riserve di valuta estera a meno di 47 miliardi di dollari, prima di una graduale ripresa nei due anni successivi. Tra il 2014 e il 2019, queste riserve si sono sciolte di quasi il 65%, secondo la Banca Centrale. Questa cifra dovrebbe raggiungere quasi il 75% nel 2021. Questa situazione, secondo gli esperti, potrebbe costringere l'Algeria a ricorrere al debito estero, nonostante la sua opposizione in linea di principio. Le ricchezze derivanti dallo sfruttamento degli idrocarburi rappresentano  - almeno fino a questa crisi - oltre il 95% delle entrate esterne, finanziando circa il 60% del bilancio. La rendita del petrolio sovvenziona inoltre  il carburante, l'acqua, la salute, l'alloggio e i prodotti di base, in un sistema caratterizzato da un forte intervento statale. [CC]
  • Egitto Free

    Annunciati investimenti su ferrovia ad alta velocità

    EGITTO - Il governo del Cairo sta lavorando a un programma di investimenti del valore di 360 milioni di sterline, pari a 19 milioni di euro, per estendere la rete ferroviaria e collegare tutti i governatorati e collegare il Paese con Libia e Sudan. Lo ha annunciato il ministro dei Trasporti egiziano, Kamel el-Wazi che, in un’intervista televisiva, ha parlato di treni ad alta velocità aggiungendo che la rete collegherà tutti i porti egiziani, le zone industriali e la nuova capitale. Secondo i dati ufficiali, la ferrovia attualmente si estende per 9.570 chilometri. Il ministro dei Trasporti ha sostenuto che sta attuando un piano per riparare e riabilitare urgentemente le linee ferroviarie esistenti con l’obiettivo di servire 500 milioni di passeggeri all'anno. La prima linea ferroviaria andrebbe da Ain Sokhna sul Mar Rosso a New Alamein sulla costa mediterranea, passando per la nuova capitale a Est del Cairo. Il ministro ha indicato che la linea collegherà il porto di Gargoub, Siwa e Salloum e sarà poi estesa fino fino a Bengasi (Libia). Un altro collegamento ferroviario dovrebbe essere stabilito tra October City a Giza e le città dell'Alto Egitto Luxor e Assuan per proseguire fino a Wadi Halfa in Sudan. Il progetto dovrebbe essere completato entro due anni, ha detto il ministro, aggiungendo che le spese totali del progetto saranno pagate in 20 anni. [Ec]
  • MaroccoMauritius Free

    Marocco e Mauritius aggiunto ai Bloomberg African Bond...

    AFRICA - Marocco e Mauritius  sono stati aggiunti ai Bloomberg African Bond Indices (Ababi), una famiglia di indici obbligazionari africani lanciata a febbraio 2015 e calcolata dal fornitore di indici globale e indipendente Bloomberg. L’introduzione de è annunciata in un comunicato della Banca africana per lo sviluppo (Afdb), protagonista dell’iniziativa Ababi. L’aggiunta del Marocco e delle Mauritius segnano “un costante progresso negli sforzi della Banca per approfondire il mercato obbligazionario in valuta locale del continente” africano, sostiene l’istituto finanziario con sede ad Abidjan. . Al momento del lancio, gli indici includevano Egitto, Kenya, Nigeria e Sudafrica. Botswana e Namibia si sono uniti nell'ottobre 2015 e Ghana e Zambia nell'aprile 2017. A partire dal 1 ° gennaio 2021, Mauritius e Marocco sono diventati membri dell'Ababi. La Banca africana di sviluppo e Bloomberg riesamineranno periodicamente i Paesi per l'inclusione o la rimozione dall'indice e per garantire la rappresentatività. "Si tratta di uno sviluppo positivo in quanto l'inclusione di Mauritius e Marocco, due degli emittenti africani con un rating migliore, migliorerà la qualità creditizia complessiva dell'Ababi, che ora cattura quasi il 90% della quantità in circolazione di obbligazioni sovrane africane in valuta locale, "Ha affermato Stefan Nalletamby, direttore del dipartimento di sviluppo del settore finanziario della banca. Nalletamby ha osservato che nell'attuale contesto, gli indici Ababi sono uno strumento affidabile per gli investitori internazionali per misurare e seguire i mercati delle obbligazioni sovrane africane. "Ciò sarà ancora più rilevante dopo la crisi del Covid-19 in quanto i gestori del debito sovrano, che dovranno diversificare ulteriormente i loro strumenti di finanziamento in valuta locale, dovranno anche adeguare le loro strategie, migliorare la trasparenza e ampliare la loro base di investitori a reddito fisso, data la maggiore esigenza di finanziamento delle economie ". L’Afdb, si legge nel comunicato, lavora per approfondire i mercati obbligazionari in valuta locale del continente e creare un ambiente in cui i Paesi africani possano accedere a finanziamenti a lungo termine. Fornendo indici di riferimento trasparenti e credibili, la Banca e Bloomberg forniscono agli investitori uno strumento per misurare e seguire meglio la performance dei mercati obbligazionari africani. La Banca ha inoltre strutturato e investito in un exchange traded fund, l'African Domestic Bond Fund (Adbf), replicando l'indice e fornendo agli investitori uno strumento innovativo per ottenere un'esposizione al reddito fisso in valuta locale africana. L’Afdb è quotata in dollari Usa alla Borsa di Mauritius ed è gestita da Mauritius Commercial Bank Investment Management. L'obiettivo generale del gruppo Banca africana di sviluppo è di stimolare lo sviluppo economico sostenibile e il progresso sociale nei suoi paesi membri regionali, contribuendo così alla riduzione della povertà. [CC]
  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Khartoum sulla Gerd, valutiamo opzioni alternative

    SUDAN - Dopo il fallimento dei colloqui con Egitto ed Etiopia, il Sudan ha dichiarato di essere “alla ricerca di opzioni alternative” sulla questione della diga del Grande rinascimento etiope. A dichiararlo è stato il premier Abdalla Hamdok. Il primo ministro ha affermato che nella riunione si è discusso di “opzioni alternative” a causa dello stallo dei negoziati tripartiti, ma non ha specificato quali opzioni siano sul tavolo. Nell'incontro si è anche discusso dell'impatto della diga e sulla “sicurezza e il funzionamento della diga Roseires - uno sbarramento sudanese non lontano dalla diga del Rinascimento - e su altre strutture idriche nel Paese”. “Il Sudan non accetta l'imposizione di una politica del fatto compiuto che minaccia la sicurezza di 20 milioni di suoi cittadini le cui vite dipendono dal Nilo Azzurro”, ha sottolineato il premier. Egitto, Etiopia e Unione Africana (che ha sponsorizzato i recenti negoziati trilaterali) non hanno rilasciato commenti in merito alla dichiarazione sudanese. Egitto, Sudan ed Etiopia sono impegnati da nove anni in colloqui sulla diga. L'Egitto si è sempre opposto alla realizzazione dello sbarramento affermando che il progetto ridurrebbe il flusso d'acqua a valle. L'Etiopia sostiene invece che la struttura è vitale per affrontare la grave carenza, domestica e industriale, di elettricità. Una carenza che mina la crescita economica e sociale del Paese. La costruzione della diga è ora quasi ultimata ma, al momento, non esiste un'intesa sui livelli di riempimento del bacino né sulle norme che dovrebbero regolare eventuali dissidi tra i tre Paesi. [EC]
  • Egitto Free

    Firmato accordo con Siemens per studio su progetto...

    EGITTO -Il governo egiziano ha siglato un accordo con il gruppo tedesco Siemens per avviare discussioni e studi per lo sviluppo di un progetto di produzione di idrogeno verde in Egitto.

    Lo riferisce la stampa locale e di settore, ricordando che l'Egitto sta entrando nella corsa globale per la produzione di idrogeno verde, presentato come la soluzione energetica del futuro.

    L’accordo è stato siglato dal ministro egiziano dell'Energia Elettrica e delle Energie Rinnovabili, Mohamed Shaker, e da Joe Kaiser, CEO del gruppo tedesco Siemens.

    Il ministro Mohamed Shaker vede questa partnership come parte della strategia del governo egiziano per bilanciare il mix di elettricità del paese con le energie rinnovabili. Questa politica di sviluppo sostenibile, ha sottolineato, ha portato negli ultimi anni allo sviluppo di importanti progetti di energia pulita come il complesso solare fotovoltaico Benban nel governatorato di Assuan, che alla fine inietterà 1,65 GWp nella rete elettrica nazionale egiziana.

    Il Paese sta a sua volta sviluppando la propria capacità di produzione di energia eolica con installazioni concentrate nel Golfo di Suez.

    L’idrogeno, ha sottolineato il ministro, può essere un modo efficace per garantire la continuità di produzione di impianti di energia rinnovabile che dipendono dalle condizioni naturali, in particolare il sole e il vento, la cui intensità può cambiare, influenzando la produzione di elettricità.

    In termini pratici, l’idrogeno, infatti, permette di immagazzinare l'elettricità in eccesso prodotta in determinati momenti e restituirla successivamente; una buona alternativa per stabilizzare le reti elettriche nazionali in Africa, dove alcuni paesi fanno sempre più affidamento sulle energie rinnovabili nelle loro strategie di elettrificazione.

    Con questo accordo, l’Egitto è insieme al Marocco il secondo paese nordafricano a studiare questa soluzione in collaborazione con la Germania.

  • Egitto Free

    Premier, attuato programma di riforme economiche

    EGITTO - Il primo ministro egiziano Mostafa Madbouly, in occasione del suo primo discorso davanti alla neo eletta Camera dei rappresentanti, ha rivendicato che il governo è riuscito ad attuare il 100% del suo programma di riforme economiche avviato nel 2016.

    Il programma di riforme economiche, che richiedeva l'adozione di rigide misure di austerità, aveva consentito al Cairo di ottenere un prestito di 12 miliardi di dollari statunitensi dal Fondo monetario internazionale (Fmi).

    Il tasso di inflazione è sceso al 5,7 per cento nel 2020, il più basso in 14 anni, e il governo ha controllato i prezzi delle materie prime alimentari e ha aumentato l'offerta di beni strategici mentre ha applicato le misure del programma di riforma, ha detto Madbouly, le cui parole sono state riportate dai media nazionali, rivolgendosi alla nuova camera bassa del parlamento sul programma politico del governo.

    Il tasso di disoccupazione è sceso al 7,3% nel primo trimestre dell'anno fiscale 2020-2021 iniziato lo scorso luglio rispetto al 9,6% nel quarto trimestre dell'anno fiscale precedente, grazie alle misure adottate dal governo nell'ambito del Covid-19, secondo il primo ministro.

    Il premier ha poi evidenziato che l'Egitto ha già raggiunto l'autosufficienza energetica con investimenti che hanno superato i 32 miliardi di lire egiziane (circa 2 miliardi di dollari), e il valore totale dell'investimento statale in ricerca e sviluppo in campo energetico è stato stimato in 11 miliardi di dollari negli ultimi due anni.

    Il tasso di povertà, sempre secondo il governo, è diminuito per la prima volta in 20 anni al 29,7% nel 2019-2020, dal 32,5% nel 2017-2018.

    Secondo Madbouly, inoltre, l'Egitto raggiungerà la completa autosufficienza in prodotti petroliferi entro il 2023.

    "La produzione egiziana di petrolio greggio, butano e combustibili ha raggiunto i 63 milioni di tonnellate", ha spiegato il capo dell’esecutivo. Madbouli ha infine ricordato che alla fine del 2019 sono state realizzate 32 centrali elettriche in collaborazione con il settore privato, oltre all'interconnessione elettrica con il Sudan. [VGM]