Etiopia

Quei “noti ospiti” che escono dall’ambasciata italiana dopo 30 anni

ETIOPIA – “E’ una vittoria di principio. Il principio, sancito nella nostra Costituzione, di contrarietà alla pena di morte e sulla base del quale non abbiamo consegnato dei prigionieri che avrebbero rischiato di vedersi comminata la pena di morte”: così Giuseppe Mistretta, direttore Africa Sub-Sahariana al ministero degli Affari Esteri ed ex-ambasciatore in Etiopia per anni, ha commentato la notizia del rilascio sulla parola di Berhanu Bayeh, ex ministro degli Esteri, e Addis Tedla, ex capo di Stato Maggiore, durante il regime del Derg entrambi giudicati colpevoli di genocidio dalla giustizia etiopica.

Bayeh, ministro degli esteri etiopico dal 1986 al 1989, e Tedla, capo di Stato Maggiore dall’89 fino alla caduta del colonnello Menghistu, nel 1991, oggi hanno rispettivamente 83 e 74 anni. I due hanno trascorso quasi trent’anni nell’ambasciata italiana ad Addis Abeba, nella quale si erano rifugiati, insieme ad altri connazionali, il giorno prima che l’avventura di Menghistu si concludesse.

Giudicati colpevoli di genocidio e condannati a morte per il loro ruolo nelle uccisioni di massa degli oppositori al regime del Derg, sono stati protetti dalla nostra ambasciata per tutto questo tempo, in quella che è considerata la più lunga vicenda di asilo diplomatico della storia mondiale. La loro storia è stata raccontata in un libro ‘I noti ospiti’ scritto proprio da Giuseppe Mistretta e dal suo collega diplomatico Giuliano Fragnito (editore Greco & Greco), che grazie ai colloqui con i due diretti interessati ne hanno ricostruito la storia, così come hanno ricostruito 30 anni di tensioni e azioni diplomatiche e politiche. Una vicenda incredibile quella dei “noti ospiti” – l’appellativo con cui ci si riferiva a Baye e Tedla nelle comunicazioni ufficiali tra Roma e l’Ambasciata di Addis Abeba – con rarissimi precedenti a livello internazionale e quasi sconosciuta al pubblico, nonostante contenga tutti gli ingredienti per un grande film. 

Il caso dei “noti ospiti” etiopici deve essere considerato quasi un caso scuola per chi si occupa di diritti umani. La scelta dell’Italia infatti è quella di difendere quei diritti e un principio umanitario di fronte a tutto e nonostante tutto. Sarebbe troppo limitante focalizzarsi sulla vicenda specifica, che sembrerebbe voler coprire dei colpevoli. Ma non vi sono coperture di convenienza in grado di durare 30 anni. A valere in questa storia è stato il principio generale. È infatti sin troppo facile mobilitarsi di fronte alle accuse a innocenti. “Questo principio – spiega ancora Mistretta – ha resistito a tutto per 30 anni. Ha resistito a cambi di ambasciatore, di direttori della Farnesina, di ministri degli Esteri e di governi. Questo principio ha potuto resistere anche grazie ai governi Etiopici, che su questa vicenda, non hanno mai spinto eccessivamente. E’ sempre stato un elemento critico, ma nonostante tutto non ha mai intaccato le relazioni tra i due paesi”. Nel loro libro, Mistretta e Fragnito ricostruiscono col passo dello storico anche quasi 30 anni di scambi, relazioni, tensioni, telefonate e visite tra Roma e Addis Abeba in merito alla vicenda dei “noti ospiti”. 

Protetti del garantismo più totale, i due ex-funzionari del Derg giudicati responsabili di genocidio, sono rimasti per 30 anni in una sorta di arresti domiciliari all’interno del compound dell’ambasciata. Per loro qualche visita e la possibilità di passeggiare (senza scopo, né vie d’uscita) tre volte al giorno per i giardini che circondano la foresteria all’interno dell’ambasciata italiana. In quella foresteria hanno vissuto per 30 anni  in stanze separate con bagno e cucina in comune. Non è ancora chiaro quando i due lasceranno fisicamente l’Ambasciata italiana. Il rilascio sulla parola è giunto a sorpresa e fuori non c’è nessuno ad aspettarli, dato che le rispettive famiglie vivono da decenni in Canada e Stati Uniti. “Adesso inizierà una fase altrettanto delicata a quella avuta fino ad ora. I due hanno senz’altro voglia di lasciare il compound, ma non usciranno se non avranno tutele e garanzie sufficienti, magari per lasciare il paese e raggiungere le famiglie. Inizia una fase non facile” spiega Mistretta, ricordando che i due restano comunque esposti a possibili rappresaglie e vendette personali. Abbiamo chiesto all’ambasciatore Mistretta cosa gli resti di questa storia ormai al suo epilogo. “La soddisfazione di aver partecipato a questa lunga traversata. Di averla vissuta in prima persona, di aver parlato con queste persone. Siamo gli unici ad aver ricostruito questa storia. E l’abbiamo ricostruita per vedere riconosciuto il principio umanitario su tutto. E’ facile essere umanitari e garantisti con le vittime, più difficile è esserlo coi carnefici”. [Africa Rivista]

 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • AfricaKenyaRwanda Free

    Startup assicurativa raccoglie fondi per derisking...

    AFRICA - La startup keniana Pula, attiva nel settore delle assicurazioni e delle nuove tecnologie finanziarie, ha concluso un round di finanziamento per attivare uno strumento di derisking delle attività dei piccoli agricoltori nel continente.

    A renderlo noto sono i media specializzati, precisando che Pula ha raccolto oltre sei milioni di dollari che saranno utilizzati per fornire assicurazioni agricole e prodotti digitali per aiutare i piccoli agricoltori a superare i rischi climatici, migliorare le loro pratiche agricole e aumentare i loro redditi.

    In base a quel che viene riportato, la startup ha elaborato un prodotto assicurativo denominato 'Area Yield Index Insurance', che sfruttando l'apprendimento automatico basato su produttività agricola e modelli meteorologici elabora premi tagliati su misura per i piccoli agricoltori.

    La startup collabora direttamente con banche, governi e società di input agricolo: in particolare, le concedono prestiti agli agricoltori e impongono loro l'obbligo di avere un'assicurazione con Pula. Secondo le informazioni rese note, in Kenya e Rwanda sono già 200.000 i piccoli agricoltori assicurati con Pula. [MV]

  • Etiopia Free

    Al via lavori per un nuovo aeroporto internazionale...

    ETIOPIA - Sono stati ufficialmente inaugurati a Gode, nella regione sud-orientale dei Somali, i lavori di costruzione di un nuovo aeroporto internazionale.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che alla cerimonia di inaugurazione del cantiere sono intervenuti il governatore della regione dei Somali, Mustafa Omer, il ministro di Stato dei Trasporti, Kassahun Gofe, e l'amministratore delegato della società pubblica Ethiopian Airport Enterprises, Eskinder Alemu.

    Secondo le informazioni rese note, per la costruzione del nuovo aeroporto è previsto un investimento del valore pari a circa 15 milioni di dollari. [MV]

  • Gibuti Free

    Al lavoro per creare un hub aereo-marittimo

    GIBUTI - Potrà Gibuti diventare un hub per la logistica non solo marittimo, ma anche aereo? 

    Se n’è discusso in un vertice che si è tenuto nel piccolo Stato del Corno d’Africa al quale hanno partecipato il presidente di Ports and Free Zones (Apzfd), Aboubaker Omar Hadi, il direttore generale di Air Djibouti, Abdourahman Ali Abdillahi, il rappresentante di Ethiopian Airlines a Gibuti, Yoseph Belay, nonché il rappresentante di China Merchant Group, He Fei.

    Il punto di vista comune è che, grazie alla sua posizione geostrategica, Gibuti gode di un importante vantaggio competitivo per rispondere a volumi di traffico aereo-marittimo in costante aumento. La posizione è di particolare interesse soprattutto per gli importatori africani di prodotti ad alto valore aggiunto.

    La combinazione di aria e mare - è stato detto - è due volte più veloce del trasporto con la sola nave e due volte più economica del solo trasporto aereo. In un discorso tenuto in occasione dell'incontro, il presidente dell'Apzfd ha sottolineato la posizione di Gibuti, specificando che “questa complementarietà consente di risparmiare almeno otto ore in aereo e cinque giorni in mare perché Gibuti si trova sulla rotta marittima principale e la maggior parte dei voli verso l’Africa (dall'Asia) passa sopra Gibuti”. [EC]

  • Kenya Free

    National Automotive Policy, verso stop a importazioni...

    KENYA - Nel tentativo di far crescere l'industria locale dell'assemblaggio di automobili, il governo del Kenya prevede di eliminare gradualmente le importazioni di veicoli di seconda mano entro il 2026. "Il governo, attraverso il Ministero dell'industrializzazione, ha redatto la National Automotive Policy per razionalizzare l'industria dell'assemblaggio di motori con l'obiettivo finale di eliminare gradualmente le importazioni di veicoli di seconda mano entro il 2026", si legge nella bozza di dichiarazione di bilancio 2021, pubblicata negli scorsi giorni. Secondo il documento, in un paese dove i modelli di auto di seconda mano costituiscono oltre l'85% delle unità completamente costruite (Fbu) importate in Kenya, il governo punta a stimolare il settore locale dell'assemblaggio dei motori, promuovendo l'utilizzo di prodotti fabbricati localmente nonché di servizi locali, quali subappalto, innovazione, ricerca e sviluppo, sviluppo di capacità e competenze e formazione e trasferimento tecnologico. [CN]
  • Tanzania Free

    Peste suina, vietati vendita e consumo di carne di...

    TANZANIA - A seguito di un’epidemia di peste suina africana, il governo della Tanzania ha vietato con effetto immediato la vendita e il consumo di carne di maiale nei quattro distretti di Kahama, Geita, Mbogwe e Sengerema, nella vasta Regione dei Laghi. “Faccio appello ai residenti dei distretti colpiti a non mangiare carne di maiale fino a quando la malattia non sarà contenuta. Se si mangia carne di maiale contaminata significa che la malattia si diffonderà ulteriormente”, a sottolineato il ministro dell’Allevamente e della Pesca, Mashimba Ndaki, esortando gli allevatori ad evitare i movimenti dei suini per ridurre al minimo la diffusione della malattia, che, una volta contratta da un animale, tende a uccidere l’intera mandria.  La rapida diffusione dell’influenza ha già ucciso 1500 suini nei distretti colpiti, ossia il 10% dei 14.814 suini domestici complessivamente registrati nei 4 distretti. In attesa che le autorità elaborino un piano per contenere la diffusione della malattia, la macellazione di suini sarà interrotta nelle zone colpite. Squadre di esperti di salute animale del ministero sono già stati mobilitati nei quattro distretti per valutare l’impatto della malattia e introdurre misure di controllo. “Abbiamo contattato la Sokoine University of Agriculture e l’Organizzazione delle Nazioni unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) per chiedere aiuto, con specialisti che stanno cercando di imporre restrizioni temporanee al consumo di carne di maiale”, ha ancora aggiunto il ministro, prima di assicurare che “le autorità distrettuali in collaborazione con il governo centrale stanno lavorando duramente per garantire che la malattia sia sotto controllo prima che si diffonda ai distretti e alle regioni limitrofi”. Un precedente focolaio di peste suina africana era stata segnalata nel marzo 2018 nella regione di Ruvuma, dove era rimasta confinata, uccidendo oltre 900 suini. [CN]
  • Kenya Free

    Economia prevista in crescita del 6,4% nel 2021

    KENYA - L'economia keniana dovrebbe registrare quest'anno, secondo i dati resi noti dal ministero del Tesoro di Nairobi, una crescita del 6,4%, rispetto a un tasso dello 0,6% registrato nel 2020.

    Ad annunciarlo è stato il ministro keniano delle Finanze e della pianificazione economica, Ukur Yatani, rivelando che nel terzo e nel quarto trimestre dello scorso anno c'è stato una lieve ripresa delle attività economiche, seppure a un ritmo ancora lento.

    In base ai dati resi noti, il Kenya è partito nel primo trimestre del 2020 con una crescita del 4,9%, ma le restrizioni introdotte per il contenimento della crisi sanitaria hanno portato a una contrazione del 5,7% nel secondo trimestre.

    I dati, ha aggiunto ancora Yatani, sono contenuti nella bozza della dichiarazione sulla politica di bilancio per l'anno fiscale in corso in preparazione da parte del governo keniano.

    Secondo le previsioni, nel corso del 2021 l'ambiente macroeconomico stabile favorirà progressivamente la ripresa del commercio mentre condizioni climatiche e meteorologiche favorevoli sosterranno la produzione agricola. [MV]