Burkina Faso

Produzione di oro in crescita

BURKINA FASO – Il Burkina Faso ha prodotto 60 tonnellate d’oro nel 2020 e si prevede che porterà più di 2.000 miliardi di franchi CFA (3,72 miliardi di dollari Usa) nelle casse dello stato.

(92 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • MaroccoNigeria Free

    Accordi con Rabat su import fosfati per fertilizzanti

    NIGERIA - I governi di Abuja e Rabat hanno firmato cinque diversi memorandum d'intesa per consentire alla Nigeria di avviare l'importazione dal Marocco di fosfati da utilizzare nella produzione di fertilizzanti.

    A darne notizia sono i media nigeriani, dai quali si apprende che i fosfati importati dal Marocco saranno impiegati nella produzione di fertilizzanti miscelati e ammoniaca per il mercato locale e per l'esportazione.

    Nell'ambito del progetto, il governo nigeriano prevede di realizzare nello stato di Akwa Ibom un impianto per la produzione ammoniaca, impiant in cui avranno un ruolo anche la compagnia petrolifera statale Nigerian National Petroleum Corporation (NNPC) e il Consiglio nigeriano per lo sviluppo e il monitoraggio dei contenuti (NCDMB). [MV]

  • Ghana Free

    Firmato accordo commerciale con Londra

    GHANA - I governi di Accra e Londra hanno firmato un accordo di partenariato commerciale che garantisce scambi senza dazi e fornisce una piattaforma per una maggiore cooperazione economica e culturale.

    A renderlo noto è stato il dipartimento per il Commercio internazionale del governo britannico, ricordando che le relazioni commerciali tra Regno Unito e Ghana hanno un valore pari a poco meno di 1,4 miliardi di euro all'anno.

    Secondo quel che è stato reso noto, l'accordo stabilisce che tutti i prodotti del Ghana beneficeranno di un accesso gratuito privo di dazi doganali al mercato del Regno Unito, così come le le esportazioni del Regno Unito sono in linea per beneficiare della liberalizzazione tariffaria dal 2023, inclusi macchinari, elettronica e prodotti chimici.

    Le maggiori esportazioni del Ghana verso il Regno Unito consistono in combustibili minerali e petrolio greggio, preparati a base di pesce, frutta, cacao e preparati a base di cacao. Le principali importazioni dal Regno Unito includono invece abbigliamento e tessuti, macchinari, apparecchi meccanici e prodotti chimici. [MV]

  • Nigeria Free

    Verso istituzione fondo per finanziare SDGs

    NIGERIA - La Camera dei Rappresentanti del Parlamento di Abuja ha approvato in seconda lettura un disegno di legge che propone l'istituzione di un fondo per finanziare il raggiungimento in Nigeria degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite.

    A riportarlo sono i media locali, dai quali si apprende che il disegno di legge propone la creazione di un ente specifico incaricato di imporre, far funzionare e gestire il fondo.

    Tra le misure proposte, l'imposizione di una tassa sullo sviluppo sostenibile le cui specifiche non sono state tuttavia ancora delineate.

    Secondo le informazioni a disposizione, il disegno di legge è stato inviato alla commissione parlamentare responsabile per il raggiungimento degli SDGs per ulteriori contributi legislativi. [MV]

  • Senegal Free

    Istituite nuove aree forestali

    SENEGAL - Il governo di Dakar ha appena approvato un decreto che istituisce nove nuove foreste riconosciute, ossia aree che non potranno essere lottizzate ed edificate. Si tratta delle foreste di Saré-Lally, Médina Salam Dinga, Boumoune-Samaye, Saré-Bandé (nella regione di Kolda); Fété Kodioly e Ndiot (nella regione di Matam); Dialocoto e Sanding Counda (nella regione di Tambacounda); Badimbour (nella regione di Sédhiou). Con questo provvedimento il numero di foreste classificate in Senegal passa da 168 a 177. Il ministro dell’Ambiente e dello sviluppo sostenibile, Abdou Karim Sall, ha spiegato che queste nuove aree forestali, che coprono una superficie totale di 84.726 ettari, aiuteranno a investire nel degrado del suolo e nella lotta al cambiamento climatico. La classificazione delle foreste in Senegal risale alla fine degli anni ’60 e da allora non era stata aggiornata. [ASB]
  • Nigeria Free

    Nuovi intercettori olandesi per lotta alla pirateria

    NIGERIA - L’Agenzia nigeriana per l’amministrazione e la sicurezza marittima (Nimasa) ha ricevuto nuovi intercettori Dhm1050 dal cantiere navale olandese De Haas Maassluis per il suo progetto di sicurezza marittima Deep Blue, avviato nel 2019 per contrastare l’insicurezza e la criminalità nelle acque territoriali. Nel febbraio 2020 il direttore esecutivo delle operazioni di Nimasa, Rotimi Fashakin, ha dichiarato che erano state consegnate dieci navi intercettatrici veloci e altre sette arriveranno più tardi nel corso dell’anno. Sono inoltre in fase di acquisizione due velivoli per missioni speciali, due elicotteri, quattro veicoli aerei senza pilota e 16 veicoli corazzati. L’anno scorso De Haas ha dichiarato che avrebbe costruito 18 Dhm1050 in 12 mesi e ha ringraziato i suoi partner Blue Octagon, Baltic Workboats, Marin, Yamaha Motor Europe e Ullman Dynamics per la loro partecipazione al progetto. Sotto la sua lista di progetti attivi ha 17 Dhm1050 in costruzione per un cliente straniero, con consegna dal 2019. Le barche Dhm1050 sono lunghe 10,45 metri e dotate di tre motori fuoribordo Yamaha da 300 CV, che offrono una velocità massima di quasi 60 nodi e un carico utile di 2000 kg. Sono dotati di dieci posti passeggeri davanti alla postazione di pilotaggio. La scorsa settimana il direttore generale e amministratore delegato di Nimasa, Bashir Jamoh ha dichiarato: “Stiamo dispiegando risorse ad alta tecnologia nell’ambito del Deep Blue Project non solo per affrontare la pirateria e le rapine a mano armata nelle nostre acque territoriali, ma anche per rispondere alla crescente sofisticazione di questi crimini marittimi”. “La Marina nigeriana e la Nimasa stanno collaborando per garantire un elevato livello di sicurezza nelle nostre acque. Stiamo risolvendo tutte le questioni in sospeso e molto presto tutto potrà divenire manifesto e chiaro per le parti interessate e gli operatori", ha detto, aggiungendo che la Marina nigeriana ha recentemente schierato 14 navi da guerra per migliorare la sicurezza nell’area di ancoraggio di Lagos e nel più ampio dominio marittimo. Altre risorse, tra cui navi per missioni speciali, navi intercettori e velivoli per missioni speciali, vengono dispiegate nell’ambito del Deep Blue Project. La sicurezza marittima è peggiorata nel Golfo di Guinea, con molteplici attacchi e rapimenti quest’anno. L’anno scorso i pirati nel Golfo di Guinea hanno rapito 130 marittimi in 22 diversi incidenti. A febbraio Nimasa ha dichiarato che avrebbe schierato le navi Db Lagos e Db Abuja all’ancoraggio di Lagos per migliorare la sicurezza marittima lì. Entrambe sono stati progettati su misura dal cantiere navale De Hoop, sempre nei Paesi Bassi, e consegnate a febbraio dello scorso anno. Le navi lunghe 55 metri sono state sviluppate per operazioni 24 ore su 24 e sono in grado di rimanere in stazione autonomamente per almeno trenta giorni. Un elicottero è in grado di atterrare sul ponte di poppa, mentre una gru per barche a telaio girevole può lanciare e recuperare imbarcazioni intercettori fino a 5000 kg. Alla fine di questo febbraio il ministro dei Trasporti nigeriano Rotimi Amaechi ha dichiarato che la Nigeria commissionerà aerei, barche e veicoli per un valore di 195 milioni di dollari nei prossimi tre mesi per rafforzare la sicurezza nel Golfo di Guinea infestato dai pirati nell’ambito del Deep Blue Project. Ciò include due navi per missioni speciali, due aerei, due elicotteri, quattro Uav, 16 veicoli corazzati e 17 navi intercettori veloci. [SR]
  • Ghana Free

    Cinque ministri designati rimandati dalla Commissione

    GHANA - Cinque ministri designati su trenta non hanno superato il vaglio della Commissione parlamentare incaricata di valutare le nomine ministeriali. Si tratta di Ursula Owusu-Ekuful, ministra designata della Comunicazione e della digitalizzazione; John Peter Amewu, ministro designato delle Ferrovie; Kwasi Amoako-Attah, ministro designato per la Viabilità, Godfred Dame, ministro designato della Giustizia; e Kwaku Agyeman-Manu, ministro designato della Salute. La commissione, formata da 26 membri, per metà dell’opposizione e metà della maggioranza, ha iniziato i suoi lavori il 10 febbraio e dovrebbe terminare il 9 marzo. I ministri rispetto ai quali sono state sollevate delle perplessità dovranno produrre i chiarimenti richiesti dalla Commissione.[SR]