Nigeria

Annunciata nuova obbligazione verde

NIGERIA – Aumentare la copertura forestale a un quarto della sua superficie ed emettere la sua terza obbligazione verde entro quest’anno. E’ quanto prevede di fare la Nigeria secondo quanto riferito dal suo stesso capo di Stato Muhammadu Buhari. 

(181 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • AlgeriaSenegal Free

    Firmati accordi settore farmaceutico

    ALGERIA / SENEGAL - I governi di Algeri e Dakar hanno firmato nella capitale senegalese diversi accordi di cooperazione nel settore dell’industria farmaceutica. Lo riporta l’agenzia stampa algerina Aps, che specifica che lo scopo di tali accordi è favorire la cooperazione bilaterale e lo scambio di esperienze e competenze nel settore farmaceutico tra i due Paesi, ma anche facilitare le procedure per l’avvio di partnership e la creazione di joint venture tra gli operatori dei due Paesi in questo settore. L’Algeria ha inoltre concesso al Senegal aiuti consistenti in prodotti farmaceutici e forniture mediche. Questi accordi sono stati firmati ieri alla presenza del ministro dell’Industria farmaceutica algerino Abderrahmane Lotfi Djamel Benbahmed e del ministro senegalese della Salute Abdoulaye Diouf Sarr, a margine della prima edizione della mostra El Djazaïr Healthcare nella capitale senegalese. [ASB]
  • Niger Free

    Aics annuncia prossima apertura ufficio a Niamey in...

    NIGER - L'Agenzia Italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics) ha annunciato l'apertura a Niamey di una nuova sede autonoma. Lo ha dichiarato il direttore dell'Aics, Luca Maestripieri, dopo un incontro con il primo ministro del Niger, Ouhoumoudou Mahamadou, avvenuto lunedì. "Lo scopo di questo colloquio è confermare la nostra azione in Niger, uno dei Paesi prioritari per la cooperazione italiana", ha affermato Maestripieri. Il direttore ha poi comunicato l’apertura tra pochi mesi “di un ufficio indipendente” che sarà “dedicato specificamente alle azioni da portare avanti in Niger” in un contesto molto importante per l’Italia, quello del sostegno a Niamey “come fattore stabilizzante per tutte le regioni del Niger e del Sahel". L'incontro si è svolto alla presenza dell'ambasciatrice d'Italia nel Paese, Emilia Gatto. Il Niger e l'Italia intrattengono rapporti di amicizia e cooperazione dalla firma dell'Accordo Quadro del giugno 1986 che copre ambiti come la sicurezza e la lotta all'immigrazione clandestina, l'istruzione e la formazione professionale, la governance e l'emancipazione femminile. [TM]
  • Mauritania Free

    Internet, Nouakchott annuncia secondo cavo sottomarino

    MAURITANIA - Il ministro mauritano per la Trasformazione digitale, l’Innovazione e la Modernizzazione dell’amministrazione della Mauritania Cheikh El Kébir ould Moulaye Taher, ha annunciato che il governo lancerà molto presto un progetto di costruzione per un secondo cavo sottomarino per rafforzare la connessione internet nel Paese. Lo stesso ministro ha anche aggiunto che il governo digitalizzerà dozzine di servizi pubblici e adotterà l’e-government per migliorare le prestazioni dell’amministrazione. Il ministro è intervenuto in occasione dell’avvio di una serie di attività correlate sulla sicurezza informatica durante le quali sono state consegnate apparecchiature a un laboratorio digitale ed è stata lanciata una campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza digitale oltre all’organizzazione di un workshop per la creazione di un team di sicurezza informatica. Ould Moulaye Taher ha poi spiegato “che la sicurezza informatica è stato uno degli orientamenti strategici più importanti del settore nei prossimi anni, essendo la digitalizzazione lo strumento più importante per migliorare le prestazioni della pubblica amministrazione e che contribuisce ad accelerare il benessere economico e sociale di tutti”. [GT]
  • Togo Free

    Internet e fibra, governo togolese pronto a investire

    TOGO - Cina Lawson, ministra dell’Economia e della trasformazione digitale del Togo, è alla ricerca di un investitore che contribuisca alla costruzione di servizi Internet nel suo Paese. Lawson prevede che il progetto, che utilizzerà l'infrastruttura di linee elettriche del Togo per posare cavi in fibra, costerà circa 350 milioni di euro. Il governo prenderà in prestito circa 250 milioni di euro da istituzioni multilaterali come la Banca Mondiale, mentre l'investitore fornirà il resto, ha dichiarato il ministro.  Il Togo sta lavorando a una legge per attirare le startup e si aspetta che un accesso a Internet più economico e più ampio migliori il percorso di istruzione e faccia uscire milioni di persone dalla povertà. La nazione dell’Africa occidentale dovrebbe vedere l’alta velocità di internet entro il 2025 dopo che il cavo internet sottomarino Equiano, parte del programma da 1 miliardo di dollari di Google per costruire capacità digitali in Africa, sarà approdato sulle sue coste.  "Vogliamo assicurarci di continuare a investire nella fibra ottica nel Paese, in modo che la capacità arrivi ovunque", ha dichiarato Lawson alla conferenza Bloomberg Invest: Focus on Africa a Londra. "Stiamo cercando finanziamenti. Vogliamo mettere due terzi dei fondi necessari e far sì che il settore privato ne metta un terzo. Si tratta di assicurarsi che il rischio di investire in Togo sia abbastanza basso da attirare il giusto tipo di investitori", ha aggiunto. Secondo l'Alliance for Affordable Internet, una coalizione globale di governi, aziende e società civile che si batte per un migliore accesso a Internet, il progetto espanderà la connettività in un Paese che ha i costi per i dati mobili più alti del continente, con 8,64 dollari per gigabyte.  Quest'anno il Togo potrebbe indire una gara d'appalto alla ricerca di investitori per la costruzione della rete internet. Una volta pronta, contribuirà a ridurre i costi digitali fino al 75%, ha dichiarato Lawson. [MS]
  • Ghana Free

    Avviato programma acquisto oro per rafforzare valuta

    GHANA - La Banca centrale del Ghana ha avviato un programma di acquisto all'ingrosso di oro a livello locale per aumentare la componente aurea delle sue riserve nel tentativo di rafforzare la valuta nazionale, il cedi, senza aumentare l'inflazione.

    Ad annunciarlo è stato il governatore della Banca centrale, Ernest Addison, ricordando che gli ultimi dati hanno registrato un aumento dell'inflazione fino a raggiungere il livello record degli ultimi 18 anni toccando ad aprile un livello del 23,6% anno su anno.

    "Abbiamo avviato un programma di acquisto all'ingrosso, domestico, in cui acquistiamo oro a livello locale e cerchiamo di aumentare la componente aurea nel nostro livello di riserve. È qui che si concentra l'attenzione sulla valuta", ha affermato Addison in una conferenza.

    Il cedi del Ghana ha visto il peggior deprezzamento rispetto al dollaro di qualsiasi altra valuta, oltre al rublo russo tra gennaio e marzo, secondo i dati Reuters. Da allora, il suo valore si è sostanzialmente stabilizzato, sebbene abbia subito un'altra flessione nell'ultima settimana. [MV]

  • Senegal Free

    Quattro stadi da ristrutturare, lavori a impresa cinese

    SENEGAL - Il ministro dello Sport senegalese, Matar Bâ, ha ricevuto a Dakar una delegazione cinese che ha presentato il modello del progetto di ristrutturazione dello stadio Leopold Sedar Senghor, situato nella capitale senegalese. Il costo di questa ristrutturazione è di 20 miliardi di franchi Cfa (circa 32 milioni di dollari), si legge in una dichiarazione rilasciata alla stampa. Oltre allo stadio Leopold Sedar Senghor, altri tre stadi regionali saranno riabilitati per fornire “alla popolazione impianti sportivi conformi agli standard internazionali”, ha dichiarato il ministro, citando a questo proposito gli stadi Lamine Gueye (Kaolack), Aline Sitoe Diatta (Ziguinchor) e Ely Manel Fall (Diourbel). Abbiamo firmato una partnership con la società cinese Csce per ristrutturare questi quattro stadi”, ha dichiarato Bâ, sottolineando che "la riabilitazione dello stadio Léopold Sédar Senghor rimane la priorità". Il progetto sarà realizzato in due fasi e la durata dei lavori è stimata in 32-36 mesi. [MS]