Anno 3 numero 5 Maggio 2015

15,00

COD: AA-anno3-numero5 Categoria:

L’Africa a Expo 2015: 3 padiglioni nazionali, presenze in tutti i cluster e 6 mesi di occasioni

Questo numero di ‘Africa e Affari’ è stato pensato per essere una guida della presenza africana a Expo, rappresentata da tre paesi con padiglioni nazionali (Angola, Marocco e Sudan) e altri 34 che troveranno spazio nei nove cluster. Una guida per sottolineare l’importanza di questa presenza sia in termini numeri che in termini qualitativi.

D’altra parte, che l’Africa abbia molto da dire lo dimostra il fatto che tra le 18 Best Practices selezionate per il Padiglione Zero, ben sette sono progetti africani. A Expo, a portata di poche ore di treno, o al massimo di un’ora di aereo, chi vive in Italia avrà la grande e forse unica possibilità di entrare in contatto con un mondo di opportunità, di relazionarsi con altri modi di fare, di capire e leggere realtà che appariranno molto diverse da come vengono rappresentate nei media generalisti. L’invito che vi facciamo è, infine, anche di seguire la manifestazione attraverso un sito che sarà curato dalla redazione di ‘Africa e Affari’ e che sarà dedicato ad Africa ed Expo: www.africaexpo2015.it

Expo è una grande occasione per l’Italia e per l’Africa. Lo è, nonostante i ritardi, le polemiche, gli intoppi. Per l’Italia può essere strumento per veicolare una promozione integrata del Made in Italy e del Sistema Italia. Per l’Africa è un palcoscenico dove per la prima volta il continente avrà un ruolo da protagonista grazie anche alla scelta innovativa dei cluster. Come ha detto Albina Assis Africano – commissario generale per l’Angola – parlando del suo paese, Expo sarà un momento “per assaggiare la diversità e la ricchezza” anche culinaria dell’Africa. Per conoscere da vicino culture lontane. Conoscerle attraverso il cibo, la musica, le arti visuali, altre forme di espressione. Ma  Milano in questi sei mesi potrebbe essere un ottimo punto di partenza anche per quelle imprese che vogliano aprirsi a nuovi mercati, che vogliano far crescere quei mercati e allo stesso tempo cogliere opportunità per il proprio business. Dire mercati, vuol dire persone, significa umanità. Perché dietro ogni sogno ci sono numeri e conti che devono tornare, e ci sono soprattutto donne e uomini che hanno diritto a un futuro migliore.

In questo Focus:

  • A Expo il mondo riscopre l’Africa
  • Sostenibilità, le migliori pratiche sono africane
  • Intervista / L’innovazione del modello cluster
  • Padiglione Angola
  • Padiglione Marocco
  • Padiglione Sudan
  • Cluster Riso
  • Cluster Cacao e Cioccolato
  • Cluster Caffè
  • Cluster Frutta e Legumi
  • Cluster Il Mondo delle Spezie
  • Cluster Cereali e Tuberi
  • Cluster Bio-Mediterraneo
  • Cluster Isole, Mare e Cibo
  • Cluster Zone Aride
  • La mappa di Expo
  • La Carta di Milano
  • L’Africa oltre Expo

Dentro l’Africa:

  • Energia / Zimbabwe, individuate riserve di gas
  • Agricoltura / Burundi: rilancio della filiera del caffè
  • Industria / Etiopia, una legge sui parchi industriali
  • Infrastrutture / Ghana, servono 170.000 abitazioni
  • Commercio / Zimbabwe e Sudafrica più vicine
  • Economia e finanza / Tanzania, in Borsa le Tlc
  • Sviluppo / Niger, un comitato contro il landgrabbing

VIAGGIARE IN AFRICA / Nkrumah e il Panafricanismo