Zimbabwe

Chiesta autorizzazione per vendere scorte d’avorio

Il governo dello Zimbabwe ha formalmente presentato una richiesta all’agenzia delle Nazioni Unite che vigila sul rispetto della Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (Cites) per poter vendere le scorte d’avorio che ha accumulato grazie ai sequestri effettuati oppure raccolto dagli animali deceduti.

(137 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Zambia Free

    Webinar su energie rinnovabili e cambiamenti climatici...

    ZAMBIA - “Climate Change and Renewable Energy in Zambia”: questo il titolo di un webinar organizzato da Fondazione Res4Africa in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Lusaka.  L’evento virtuale sarà centrato sui cambiamenti climatici e sulle energie rinnovabili in Zambia e si terrà mercoledì 7 ottobre dalle 10:00 alle 12:00 (ora italiana).  Il webinar mira a delineare e illustrare opportunità di collaborazione nel campo delle energie rinnovabili come risposta alla crisi climatica e discutere le garanzie finanziarie e alcuni dei principali ostacoli agli investimenti. L'evento virtuale offrirà inoltre l'opportunità di presentare e discutere i risultati dello studio Integration of Variable Renewable Energy Sources in the National Electric System of Zambia, che valuta la quantità massima di energia rinnovabile variabile che può essere integrata nella rete mantenendone la stabilità.  Anche se l'evento si terrà online, c'è la possibilità di partecipare fisicamente presso il Centro Culturale Italo-Zambiano (Zicc) di Lusaka. Per maggiori informazioni e per prenotare il tuo posto, invia una mail a ambasciata.lusaka@esteri.it. Per maggiori iscriversi all’evento online clicca invece qui.
  • Angola Free

    Approvati con riserva i conti di Sonangol

    ANGOLA - La società di revisione contabile KPMG ha approvato con riserva i conti della compagnia petrolifera nazionale, di proprietà dello Stato angolano, Sonangol.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che tra le riserve figura la necessità di implementare l’accordo di conciliazione e riconoscimento dei debiti, nonché l’impegno alla cancellazione dei debiti tra Stato angolano e Sonangol.

    In particolare, secondo KPMG, non è stato possibile determinare se la cifra di 1,4 miliardi di kwanza che Sonangol avrebbe ricevuto dallo Stato nel 2018 riflettessero adeguatamente tutte le transazioni, i diritti e gli obblighi derivanti dalla partecipazione nella compagnia petrolifera, compresi i rapporti fiscali.

    Nell'ambito del processo di revisione del bilancio, con riferimento al 31 dicembre 2019, KPMG rileva inoltre che sono state confermate le pretese di Sonangol nei confronti dello Stato per 3,5 miliardi di kwanza, debiti tributari della compagnia petrolifera stimati in 2,2 miliardi di kwanza e crediti statali all'impresa per un totale di 854,7 milioni di kwanza. [MV]

  • Angola Free

    Un pastificio per la provincia di Huambo

    ANGOLA - Prevede un investimento del valore pari a sei milioni di dollari il progetto per la costruzione nel polo industriale di Caàla, nella provincia di Huambo, di quello che sarà il primo pastificio nella regione centrale dell’Angola.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che l’impianto è realizzato dall’azienda agro-alimentare IALTURC Indústria e, al termine dei lavori previsti per la prossima primavera, sarà dotata di due linee di produzione, una per i prodotti a base di farina di grano tenero e l’altra per pasta e biscotti.

    Obiettivo della società angolana è riuscire a garantire una produzione di circa 20.000 chili di pasta e biscotti al mese.

    Affinché il progetto diventi sostenibile, la IALTURC Indústria ha coinvolto anche la comunità agricola locale creando un’azienda agricola che si occuperà di produrre il grano per il fabbisogno dell’impianto. [MV]

  • Lesotho Free

    Sostegno a piccoli agricoltori per aumentare sicurezza...

    LESOTHO - Ha un valore economico pari  62 milioni di dollari il progetto approvato dal Fondo internazionale delle Nazioni Unite per lo sviluppo agricolo (IFAD) per sostenere i piccoli agricoltori e migliorare la sicurezza alimentare in Lesotho.

    A darne notizia è la stessa IFAD, precisando che l’iniziativa si propone di fornire finanziamenti a circa 160.000 famiglie residenti nelle zone rurali del Lesotho per rafforzare i mezzi di sussistenza in agricoltura, migliorarne l’accesso alla terra e al credito e, al tempo stesso, mitigare l’impatto dei cambiamenti climatici.

    Obiettivo del progetto è garantire la creazione di nuove opportunità di occupazione in ambito agricolo portando a un aumento dei redditi e a una maggiore resilienza a lungo termine.

    I partecipanti al progetto beneficeranno inoltre di nuove tecnologie per la gestione della terra e dell'acqua, inclusa la modernizzazione delle infrastrutture di irrigazione per ridurre la dipendenza dei produttori dall'agricoltura pluviale. [MV]

  • Sudafrica Free

    RES4Africa delinea transizione energetica in Sudafrica

    SUDAFRICA - La transizione verso un sistema di generazione dell’energia pulito ed efficace nel far fronte ai cambiamenti climatici in Sudafrica è stata al centro di un webinar promosso da RES4Africa Foundation.

    A comunicarlo è stata la stessa rete internazionale di aziende e istituzioni attive nel settore delle rinnovabili, precisando che all’evento virtuale hanno preso parte più di 400 partecipanti.

    “I paesaggi energetici globali e locali stanno cambiando, il che significa che la transizione è già in corso - ha detto Mandy Rambharos , responsabile del progetto Just Energy Transition della compagnia elettrica sudafricana Eskom - Spetta a noi, agendo in modo collaborativo, garantire attivamente che questa transizione sia equa per tutti”.

    Obiettivo dell’evento è stato infatti quello di avviare una riflessione sugli impatti socio-economici della transizione energetica, presentando anche uno studio realizzato da RES4Africa in collaborazione con il Consiglio sudafricano per la ricerca scientifica e industriale (CSIR) e con la società di consulenza ERM dal titolo “A Just Transition in South Africa”, in cui si evidenza la necessità di un approccio integrato per superare le sfide e ottimizzare le opportunità.

    “Comprendere gli impatti socio-economici del passaggio a un mercato energetico a basse emissioni di carbonio è fondamentale per garantire che la transizione energetica avvenga in modo equo e senza lasciare indietro nessuno - ha sottolineato Roberto Vigotti , segretario generale di RES4Africa Foundation - Attraverso questo studio, speriamo di supportare le istituzioni sudafricane nel guidare la sua transizione energetica pulita e giusta”. [MV]

  • Botswana Free

    Gaborone e FAO insieme per studiare degradazione dei...

    BOTSWANA - Il ministero dell'Ambiente del Botswana ha lanciato in collaborazione con l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) uno studio per valutare la degradazione dei suoli nel Paese dell’Africa australe.

    A segnalarlo sono i media locali, precisando che il progetto ha un costo equivalente a circa un milione di dollari e sarà attuato nell’arco di tre anni.

    "Considerando l'ampiezza e la complessità del progetto, il governo ha identificato e incaricato la FAO di potenziare il fornendo competenze e know-how tecnico, nonché per amministrare i fondi", ha dichiarato il ministro dell’Ambiente del Botswana Philda Kereng.

    Il progetto comprende una serie di componenti, che includono la valutazione e la mappatura del degrado del suolo, la creazione di un sistema di monitoraggio del degrado del suolo, la strategia di ripristino del territorio, lo sviluppo e l'impostazione degli obiettivi per raggiungere la cosiddetta Neutralità del degrado della terra (LDN). [MV]