Madagascar

Consiglio dei ministri straordinario per insicurezza nel sud

Nonostante il periodo di vacanza, si è riunito ieri ad Antananarivo un Consiglio dei ministri straordinorio per discutere dell’improvviso deterioramento della sicurezza nei distretti meridionali dell’isola dopo gli scontri cominciati il fine settimana scorso tra abitanti dei villaggi e ladri di bestiame, chiamati con il nome malgascio di ‘dahalo’.

(323 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Angola Free

    Produzione petrolifera in calo nel 2020

    ANGOLA - Lo scorso anno la produzione petrolifera in Angola è diminuita del 16%, da una media di 1,4 milioni di barili di petrolio al giorno (bpd) registrata nel 2019 a 1,145 milioni.

    A segnalarlo sono i media specializzati, ricordando che il calo è legato alle quote sui livelli di estrazione stabilite in seno all'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) allargati alla Russia.

    Durante la prima metà del 2020, l'Angola ha infatti estratto greggio in eccesso rispetto alla sua quota  a quel tempo fissata in 1,18 milioni di bpd, spingendo poi l'OPEC a fare pressioni sul governo di Luanda per frenare la produzione di petrolio e garantire il rispetto della quota concordata.

    Questa forte riduzione della produzione di petrolio è stata responsabile della perdita di quote di mercato dell'Angola, in particolare in Cina, dove le esportazioni sono diminuite dell'11% e il Paese africano è stato superato dal Brasile quale quarto maggiore fornitore di greggio.

    L'Angola, secondo maggiore produttore di petrolio in Africa dopo la Nigeria, ha riserve comprovate di petrolio per un totale di 7,8 miliardi di barili e 343 miliardi di metri cubi di gas naturale. [MV]

  • Sudafrica Free

    PetroSA prevede di tagliare un terzo del suo personale

    SUDAFRICA - Fino a 500 posti di lavoro: questo è il numero di dipendenti di PetroSA che potrebbero essere interessati dai massicci avvisi di licenziamento inviati negli scorsi giorni dalla compagnia petrolifera nazionale del Sudafrica. “I lavoratori sono stati informati di un processo di ridimensionamento che potrebbe interessare fino a 500 dei 1424 dipendenti di PetroSA”, ha informato il sindacato Ceppwawu (Chemical, Energy, Paper, Printing, Wood and Allied Workers’ Union), riferendo della situazione economica dell’ultima impresa statale del Sudafrica a presentare un simile piano Il mese scorso, il Ceo di PetroSA, Pregasen Naidoo, aveva già contemplato l’ipotesi di tagliare posti di lavoro per le difficoltà economiche subite dalla compagnia e derivate dall'esaurimento delle proprie riserve di gas. “PetroSA si trova in una situazione finanziaria precaria che rende i costi operativi insostenibili. Alla fine del 31 marzo 2021, la posizione di cassa prevista è di 105 milioni di euro. Pertanto l'azienda non sarà in grado di adempiere ai propri obblighi finanziari a meno che non vengano prese misure drastiche per aggirare la precaria situazione finanziaria in cui si trova”, aveva avvisato Naidoo. Dopo varie iniziative per ridurre i costi aziendali, tra cui adeguamento dei budget, limitazioni nei contratti con terzi, differimento delle spese in conto capitale, incentivi alle dimissioni e pensionamento anticipato, “l’opzione di mantenere l'attuale organico non è praticabile", ha deplorato PetroSA.
  • Madagascar Free

    Fondi Bei per il restauro delle infrastrutture stradali...

    MADAGASCAR - Non meno di 16,4 milioni di euro sono stati erogati dalla Banca Europea per gli Investimenti (Bei) per il ripristino dei collegamenti di trasporto nella capitale Antananarivo, la cui maggior parte è in stato avanzato di abbandono, soprattutto nei quartieri popolari. "La Banca europea per gli investimenti sta lavorando a stretto contatto con i partner malgasci e Team Europe (il pacchetto di sostegno ai partner dell’UE nella risposta europea anti-covid, Ndr) per sostenere la ricostruzione dei collegamenti stradali e ferroviari nazionali ad Antananarivo,” ha dichiarato Ambroise Fayolle, vicepresidente della Bei, prima di ricordare che “negli ultimi 50 anni, la Bei ha sostenuto investimenti trasformativi in ​​Madagascar". Il finanziamento della Bei fa parte di un prestito di 40 milioni di euro per un periodo di 18 anni,  approvato dalla Bei nel 2017 e destinato alla ricostruzione delle infrastrutture. Di recente, la Bei ha anche sostenuto interventi volti a migliorare la resilienza di infrastrutture strategiche contro future inondazioni e i cambiamenti climatici. [CN]
  • Angola Free

    Al lavoro per un accordo protezione su investimenti con...

    ANGOLA - Il governo di Luanda punta a concludere quest'anno i negoziati su un accordo con la Cina per la protezione degli investimenti di un Paese nell'altro.

    A darne notizia sono i media angolani, citando il segretario di Stato per la Pianificazione economica, Milton Reis, precisando che il governo di Luanda intende concludere quest'anno accordi simili anche con Giappone e Mozambico.

    Obiettivo del ministero dell'Economia angolana è dare priorità al miglioramento delle relazioni con i principali Paesi partner per contribuire allo sviluppo nazionale.

    A questo scopo, il ministero intende svolgere seminari di formazione per gli addetti economici e commerciali che operano nelle ambasciate angolane all'estero sulla promozione della cooperazione economica con l'Angola e gli investimenti privati. [MV]

  • AngolaMozambico Free

    Fondi AfDB e portoghesi a sostegno del settore privato

    ANGOLA/MOZAMBICO - Sono state aperte due linee di credito per un totale di 70 milioni di dollari in Mozambico e Angola, nell'ambito del Lusophone Compact, per sostenere le piccole e medie imprese attraverso il commercial banking: lo ha affermato la Banca africana di sviluppo (AfDB). “I progetti in Angola e Mozambico sono più avanzati e sono strategicamente allineati con i piani di sviluppo nazionale di ciascun paese, nonché con le cinque aree operative prioritarie dell'AfDB,  le “Grandi 5” dell’Africa (illuminazione ed elettrificazione, nutrizione, integrazione, industrializzazione e miglioramento della qualità di vita degli Africani) ”, ha dichiarato il vicepresidente dell’AfDB Mateus Magala, senza specificare i progetti che saranno finanziati nell'ambito di questo modello innovativo per il monitoraggio dei progetti nei paesi africani lusofoni: “In generale, sono stati individuati potenziali progetti di strutturazione in tutti i paesi membri dei Palop [Paesi africani di lingua portoghese], nei settori delle infrastrutture, agricoltura, energia, salute, finanza e industrie per un importo globale di 3 miliardi di dollari ”, ha aggiunto Magala. Il Lusophone Compact è un modello innovativo per la realizzazione di progetti nei paesi africani lusofoni, in cui il Portogallo, che ha fornito per quest’anno una garanzia di 400 milioni dal proprio bilancio statale, e l'AfDB svolgono un ruolo importante nel finanziamento, preparazione, monitoraggio, esecuzione e promozione di progetti privati ​​e partenariati pubblico-privati ​​finanziati i questi paesi. "L’AfDB mobiliterà, attraverso un sindacato, ulteriori risorse finanziarie da altre istituzioni finanziarie internazionali per finanziare i progetti Compacto; coinvolgendo l'Africa Investment Forum, che riunisce investitori a livello globale, con promotori con progetti di strutturazione in Africa, o altri partner e istituzioni finanziarie di sviluppo africane e non africane, come la Banca europea per gli investimenti ", ha concluso Magala. [CN]
  • Sudafrica Free

    Finanziamenti a programma su innovazione nel settore...

    SUDAFRICA - La Commissione sudafricano per la ricerca sull'acqua (WRC) e l'Agenzia per l'innovazione tecnologica (TIA) invitano le parti interessate a presentare la domanda per il programma Water Seed Fund.

    A segnalarlo è stato l'ufficio di Johannesburg dell'Agenzia ICE, precisando che istituti di istruzione superiore e  piccole e medie imprese del settore idrico hanno tempo fino al 29 gennaio per presentare una manifestazione di interesse per il finanziamento a sostegno dei loro progetti.

    Il Water Seed Fund assegnerà fino a 200.000 rand, pari a circa 11.000 euro, a progetto per progetti orientati all'innovazione, con l'obiettivo di sostenere la commercializzazione della proprietà intellettuale sudafricana legata all'acqua generata dalla ricerca e sviluppo per affrontare le sfide idriche del Sudafrica.

    L'obiettivo del WRC TIA Water Seed Fund è quello di sostenere le attività di pre-seed e seed con l'intenzione di sviluppare innovazioni in opportunità finanziabili dagli investitori della fase successiva.

    Un comitato direttivo, composto da rappresentanti della WRC, della TIA e delle parti interessate del settore, esaminerà le nuove proposte di finanziamento in linea con l'invito e valuterà formalmente i progressi sui progetti selezionati su base trimestrale.