Zambia

Governo investe in industria chimica

Il ministro delle Finanze Chileshe Kandeta ha reso noto di aver deciso la ricapitalizzazione dell'impresa pubblica Nitrogen Chemicals of Zambia (Ncz), attualmente quasi in fase di liquidazione, con un investimento pari ad oltre 6,6 milioni di euro. Secondo quanto riportato oggi dal quotidiano 'Zambia Daily Mail' l'iniezione di nuovi capitali dovrebbe garantire la creazione di 1200 nuovi posti di lavoro una volta che l'industria chimica per la produzione di nitrato ed ammonio di Kobe, il cui impianto è situato una decina di chilometri a sud della capitale Lusaka, sarà a pieno regime, più altri 300 nuovi posti di lavoro nell'indotto. I fondi stanziati dal governo dello Zambia sono ripartiti in circa quattro milioni di euro destinati alla riabilitazione dell'impianto produttivo fermo ormai da diversi anni e circa 2,6 milioni di euro destinati al pagamento dei trattamenti di fine rapporto dei lavoratori precedentemente impiegati dalla società. La fabbrica chimica di Kobe è specializzata soprattutto nella produzione di fertilizzati per la locale industria agricola e di esplosivi per le miniere del paese. In un'intervista pubblicata dal 'Post of Zambia', il ministro dell'Agricoltura Emmanuel Chenda ha sottolineato l'importanza della riapertura dell'impianto di Kobe per alleviare lo stato di depressione occupazionale che caratterizza il distretto di Kafue. Costituita negli anni Settanta dal primo presidente dello Zambia indipendente, Kenneth Kaunda, la Ncz è considerata strategica dall'attuale capo di Stato Michael Sata per lo svilupo dell'economia nazionale. [MV]© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    KPMG Economic Outlook, economia sta tornando ai livelli...

    SUDAFRICA - Il Sudafrica sta tornando ai livelli di crescita economica pre-covid-19. Lo afferma l'ultimo rapporto Global Economic Outlook della società di ricerca e consulenza economica KPMG. Secondo il documento, il Sudafrica è rimasto in una posizione unica in cui molte delle sue esportazioni di risorse naturali rispecchiavano quelle della Russia, come palladio e altri metalli del gruppo del platino, oro, minerale di ferro e carbone, nonché come molti altri metalli industriali. Di conseguenza, il Paese ha tratto profitto dall'aumento dei prezzi delle materie prime causato inizialmente dal covid-19 e ora dal conflitto in Ucraina.     Secondo KPMG, il prodotto interno lordo (PIL) del Sudafrica è destinato a crescere di circa l'1,8% quest'anno, guidato dai contributi del settore finanziario, immobiliare e dei servizi alle imprese, dalla crescita dei servizi alle persone, nonché dei settori minerario, agricolo e commerciale, ristorazione e alloggio. Una crescita tuttavia notevolmente inferiore a quella raggiunta nel 2021, a seguito della forte contrazione indotta dal covid-19 e sperimentata nel 2020. Nel frattempo, si stima che la crescita nel 2023 scenderà ulteriormente all'1,5%, con tassi di interesse più elevati e una crescita globale inferiore che riducono la domanda aggregata a livello locale, mentre nel 2024 la crescita economica dovrebbe tornare al livello medio pre-covid-19 di circa l'1,7%, poiché le pressioni inflazionistiche si saranno attenuate e i tassi di crescita globali saranno migliorati.   KPMG osserva però che il Sudafrica deve ancora fare i conti con implicazioni inflazionistiche sorte come diretta conseguenza della pandemia di covid-19 e dell'invasione russa dell'Ucraina.  Le prospettive economiche globali di KPMG forniscono previsioni economiche biennali, prodotte dai team di macroeconomia nella rete globale della società utilizzando una suite di modelli esterni e interni che catturano le principali interrelazioni nell'economia mondiale. [CN]
  • Angola Free

    Il governo punta alla produzione di energia attraverso...

    ANGOLA - Il governo angolano sta lavorando al programma “Macro Ecologica”, che mira al riciclo e al riutilizzo della plastica come materia prima per la produzione di energia elettrica. L'informazione è stata fornita dalla Segretaria di Stato per l'Azione per il Clima e lo Sviluppo Sostenibile, Paula Coelho, in occasione della recente Giornata Mondiale del Mare. Secondo la funzionaria, che ha tenuto una conferenza su “Nuove tecnologie per un trasporto più ecologico”, questo meccanismo per produrre carburante sostenibile avrà un effetto moltiplicatore, in quanto mira a ridurre la quantità di plastica depositata a terra e in mare. Paula Coelho ha sottolineato che l'obiettivo di questo progetto pilota è ottenere il miglior utilizzo di questi rifiuti solidi come materia prima per la promozione dell'industria, basata sulle nuove tecnologie, nonché quello di creare una catena di trasporto più sostenibile. [CN]
  • Mozambico Free

    Annunciati nuovi investimenti per aumentare la...

    MOZAMBICO - Entro il prossimo anno, il Mozambico aumenterà la sua capacità di produzione interna di elettricità e la fornitura al Sudafrica. Un'iniziativa che mira, in parte, a rispondere alla crisi energetica nel paese confinante. Ciò potrebbe comportare l'installazione di una centrale termoelettrica nella Zona Industriale di Beluluane, nel comune di Boane, con una capacità produttiva di 2.000 megawatt, equivalente a quella della centrale idroelettrica di Cahora Bassa. L'infrastruttura del valore di 2,8 miliardi di dollari comprenderà un impianto di gassificazione, da installare nel porto di Matola, con un gasdotto per il trasporto del gas nel vicino Sudafrica e una diramazione per la centrale termoelettrica di Beluluane. L'amministratore delegato di MozParks, Honório Boane, ha spiegato che con l'impianto di Beluluane si creeranno le condizioni per lo sviluppo della seconda fase del progetto di ampliamento del Parco Industriale e la conseguente attrazione di più investimenti industriali in Mozambico. [CN]  
  • Africa Australe Free

    Studio Kearney, è ora che bisogna investire in...

    AFRICA AUSTRALE - Con una domanda regionale che rimarrà inferiore a quella europea e asiatica, un clima favorevole e l'impatto limitato dei costi di trasporto, l’Africa australe presenta tutte le caratteristiche per diventare un hub per la produzione, l’immagazzinamento e l’esportazione di energie rinnovabili verso aree in cui la loro produzione è tecnicamente o economicamente limitata. Questa l’affermazione contenuta in uno studio della società di consulenza di gestione globale Kearney, soffermandosi nello specifico sulla capacità particolarmente interessante dell'idrogeno verde di immagazzinare energia rinnovabile.  “Si prevede che la domanda mondiale di idrogeno in costante crescita supererà l'offerta entro il 2030, rendendo ora il momento ideale per investire. Sebbene l'Africa meridionale abbia una grande opportunità per produrre idrogeno verde, si prevede che la domanda della regione sarà inferiore a quella dei centri di domanda in Europa e in Asia", afferma Prashaen Reddy, partner di Kearney.  Lo studio propone inoltre i principali archetipi per gli investitori interessati al finanziamento di progetti di energia rinnovabile, ciascuno con una proposta di valore unica, propensione al rischio e aspettative di ritorno sull'investimento. Per maggiori informazioni: clicca qui [CN]
  • Angola Free

    Huambo, grandi prospettive per le aziende produttrici...

    ANGOLA - Sotto l'influenza delle limitazioni alle importazioni di articoli in legno che dominavano il mercato, dalla Namibia, dagli Emirati Arabi Uniti e dalla Cina, per sostituirle con prodotti di falegnamerie angolani, la produzione di mobili muove centinaia di aziende e migliaia di posti di lavoro nella provincia di Huambo, favorita dall'intera catena del valore locale del legno, inclusi operazioni di riforestazione, taglio e segatura, carpenteria e falegnameria. Secondo un reportage pubblicato dal quotidiano Jornal de Angola, la ripresa dello sfruttamento industriale del legno nella provincia di Huambo è iniziata timidamente nel 2004 e, da allora, è cresciuta con l'aumentare del coinvolgimento del settore privato delle imprese, sulla base dei principi del rispetto dell'ambiente. I produttori locali raccontano che l'imposizione di limiti, da parte del governo, all'esportazione di legname in tronchi ha portato a uno scenario più attraente per gli investimenti nelle industrie di lavorazione del legno, in particolare nella fabbricazione di mobili, e non sono poche le falegnamerie che hanno consolidato le vendite negli ultimi cinque anni, compresa la pandemia di covid-19, quando le restrizioni adottate per contenere la diffusione del virus hanno imposto limiti al trasporto di merci tra le province e favorito gli acquisti locali. Se da un lato i produttori di legno locali avvertono che l’uso diffuso del legno di eucalipto e di specie nobili acquistate in particolare nella provincia di Cabinda solleva la questione di una "scommessa rigorosa" sul rimboschimento, per aumentare la produzione, evitare la scarsità e rispettare i principi ambientali, dall’altro, investimenti più robusti nel settore della lavorazione del legno possono avvenire solo sulla base di una riduzione delle tasse e della concessione di credito bancario, al fine di ottenere "un prodotto finito nazionale su larga scala, diversità e prezzi interessanti". Insomma, non basta la materia prima di base - il legno -, occorre agevolare lo sviluppo della relativa filiera industriale, con prodotti come colle, vernici, acrilici, pvc, viti, cerniere, lamiere di alluminio e altri materiali, oltre a macchinari e materiale di ricambio. [CN]
  • Sudafrica Free

    Dipartimento della Salute contempla energia solare per...

    SUDAFRICA - Il ministro della Salute, Joe Phaahla, ha annunciato che il suo Dipartimento sta valutando un investimento graduale nelle energie rinnovabili, in particolare nelle installazioni di energia solare nelle strutture sanitarie, come parte di un mix energetico. Le dichiarazioni del ministro avvengono mentre il Sudafrica sta affrontando una crisi del carico elettrico senza precedenti, che sta colpendo negativamente le imprese e le strutture sanitarie come ospedali e cliniche.   Secondo il ministro, che ha affermato che l’energia solare avrà la priorità per aree come unità di terapia intensiva, apparecchiature avanzate e ad alta tecnologia, il mix energetico proposto necessita prima di uno studio di fattibilità. "Vorremmo garantire che tutte le strutture dispongano della tecnologia UPS (Uninterrupted Power Supply) per migliorare l'affidabilità e l'efficienza di un sistema elettrico in un'intera struttura ospedaliera per sostenere i servizi critici e la protezione dei dati dei pazienti e del personale", ha sottolineato Phaahla. La riduzione del carico elettrico ha costretto il Dipartimento della Salute a rivedere i suoi piani per includere nuove fonti di energia e per sviluppare una strategia multiforme per l'implementazione immediata a breve e lungo termine. Nel frattempo, il Dipartimento sta discutendo con il Tesoro nazionale dell’implementazione dei piani di emergenza per la riduzione del carico, incluso un aumento non preventivato della spesa per diesel e petrolio destinati a far funzionare i generatori e per i costi di manutenzione . Nel Gauteng, sulla base del volume dei pazienti, della natura dei servizi specializzati forniti delle attrezzature tecnologiche e mediche ospitate, nove ospedali sono stati recentemente esclusi dal carico elettrico distribuito dalla società nazionale Eskom. [CN]