Burundi

Fallita sessione parlamentare su Commissione elettorale

Si è conclusa con un nulla di fatto la sessione straordinaria del Parlamento di Bujumbura convocata lunedì e martedì per nominare i nuovi membri della Commissione elettorale nazionale indipendente (Ceni).

(114 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Burundi Free

    Fondi britannici per il progetto idroelettrico di...

    BURUNDI - Un prestito di un milione di dollari è stato appena concesso dalla Renewable Energy Performance Platform (Repp), meccanismo finanziato dal governo britannico, a Hydroneo East Africa che sviluppa la realizzazione del progetto idroelettrico di Mpanda, nella provincia nord-occidentale di Bubanza, in Burundi. Lo ha annunciato la società francese che ha bisogno di 43,5 milioni di dollari per costruire l’impianto e prevede di raggiungere la chiusura finanziaria del suo progetto nel 2022, per avviare i lavori che dureranno tra i 12 ei 18 mesi. Il progetto “è stato concepito per aiutare a realizzare il piano di sviluppo nazionale del Burundi con la costruzione di strutture sanitarie ed educative. È un primo passo nella nostra partnership a lungo termine con il governo del Burundi. Siamo lieti di unire le forze con Repp e i nostri partner locali per soddisfare le crescenti esigenze delle famiglie e delle imprese del Burundi", afferma Samuel Zekri, CEO di Hydroneo. A differenza delle centrali idroelettriche convenzionali che si basano su un serbatoio per funzionare, il futuro impianto ad acqua fluente sfrutterà le rapide del fiume Mpanda e avrà una capacità di 10,2 MW. La centrale idroelettrica di Mpanda fornirà il 10% dell'elettricità all'ente idrico ed elettrico del Burundi (Regideso). Poiché la domanda di energia elettrica del Burundi ha raggiunto i 100 MW nel 2020, il governo sta raddoppiando gli sforzi per aumentare la capacità installata del paese e nell’aprile scorso, ha convalidato il progetto per costruire due centrali idroelettriche sui fiumi Mulembwe e Ruvyironza per iniettare 10,65 MW aggiuntivi nella rete elettrica nazionale. [CN]
  • R.D. CongoUganda Free

    Al via lavori per strade volte a favorire commercio...

    RD CONGO / UGANDA - Il presidente ugandese Yoweri Museveni e il suo omologo congolese Felix Tshisekedi hanno dato ufficialmente il via alla costruzione di strade chiave volte a migliorare il commercio tra i due Paesi vicini.

    Lo riportano i media locali, dai quali si apprende che la cerimonia d'inizio dei lavori si è svolta al Mpondwe Bridge, che collega il posto di confine di Mpondwe nel distretto occidentale di Kasese in Uganda e Kasindi nella provincia del Nord Kivu in Repubblica democratica del Congo.

    Secondo i due capi di Stato, le strade in costruzione per un totale di 223 nuovi chilometri porteranno un enorme cambiamento allo sviluppo socio-economico dei due Paesi, facilitando il commercio e la circolazione di persone, beni e servizi tra i due Paesi. [MV]

  • Sud Sudan Free

    Fondi da Banca mondiale per agricoltori

    SUD SUDAN - La Banca Mondiale ha donato 116 milioni di dollari al governo di Juba per finanziare due nuovi progetti volti a rafforzare la capacità degli agricoltori di migliorare la produzione agricola e ripristinare i mezzi di sussistenza e la sicurezza alimentare. Secondo la stampa nazionale, l’obiettivo è fronteggiare la minaccia che vedrebbe 7,2 milioni di persone dovere affrontare un’insicurezza alimentare acuta nei prossimi mesi. “Il South Sudan Resilient Agricultural Livelihoods Project fornirà una sovvenzione di 62,5 milioni di dollari che sosterrà gli investimenti nella formazione degli agricoltori per aiutarli a gestire in modo efficiente le loro organizzazioni, adottare nuove tecnologie e utilizzare pratiche di agricoltura intelligente per il clima per aumentare i loro raccolti” si legge in una comunicato della Banca Mondiale. A questo si aggiunge un’altra iniziativa: l’Emergency Locust Response Project, che consiste in una sovvenzione per 53,7 milioni di dollari che  aumenterà la risposta del Sud Sudan alle locuste del deserto ripristinando i mezzi di sussistenza per i più poveri. [GT]
  • Somalia Free

    Pentagono prepara piano per riportare truppe nel Paese

    SOMALIA - Il Pentagono sta definendo una proposta che prevede il dispiegamento di decine di addestratori delle Forze speciali a sostegno delle forze somale impegnate contro i jihadisti Shebab; lo riporta il New York Times, precisando che il piano non è ancora stato presentato al segretario della Difesa Usa, Lloyd J. Austin, e che non è chiaro se otterrà il via libera dell’amministrazione di Joe Biden. Il piano per “addestrare e assistere” le forze somale annullerebbe di fatto l’ordine della precedente amministrazione di Donald Trump, che ha ritirato quasi tutti i 700 militari presenti nel Paese del Corno d’Africa. Gran parte dei soldati sono stati trasferiti nelle basi dei vicini Kenya e Gibuti, dove si trovano i droni Usa usati contro gli Shebab. Sono meno di 100 ad oggi gli americani presenti in Somalia per coordinare le operazioni dei velivoli per individuare gli Shebab. Secondo un rapporto Usa della scorsa primavera citato dal Nyt, tra i 5.000 e i 10.000 combattenti Shebab “controllano vaste aree di territorio nel sud della Somalia, favoriti dalla libertà di movimento derivante dall’incapacità del governo di garantire in modo efficace la sicurezza del proprio territorio”. Riferendo di recente al Senato Usa, il generale Dagvin Anderson, che comanda le forze delle operazioni speciali americane in Africa, ha definito gli Shebab “il gruppo più grande, più ricco e più violento associato ad al Qaida nel mondo”. [SS]
  • Etiopia Free

    Economia attesa in crescita dell'8,7%

    ETIOPIA - L'economia nazionale etiopica è prevista in crescita a un tasso dell'8,7% durante il prossimo anno fiscale 2021/2022 che comincerà a luglio.

    A dirlo è stato il ministro delle Finanze Ahmed Shede, presentando in Parlamento le ultime stime di crescita contenute nella legge di bilancio statale, che prevede un aumento della spesa pubblica del 18% rispetto all'anno precedente.

    Secondo i dati comunicati da Shede, nel corso dell'anno fiscale 2020/2021 l'economia è riuscita a crescere del 6,1% nonostante le sfide imposte dalla pandemia di covid-19. [MV]

  • Tanzania Free

    Fondi francesi per la centrale solare di Kishapu

    TANZANIA - Un finanziamento da 137 milioni di euro: questo l’importo che l'Agenzia francese per lo sviluppo (Afd) concederà al governo della Tanzania per la costruzione di un impianto solare fotovoltaico da 150 MW. Lo si apprende dall'accordo di prestito recentemente firmato a Dodoma tra il Segretario Permanente tanzaniano del ministero delle Finanze e della Pianificazione, Emmanuel Tutub, l'ambasciatore francese in Tanzania, Frédéric Clavier, e la direttrice dell'Afd in Tanzania, Stéphanie Mouen Essombe.  Il braccio finanziario della politica estera francese sta convalidando un prestito di 130 milioni di euro per la costruzione della centrale e finanzierà con ulteriori sette milioni di euro lo studio di fattibilità dell’impianto che sarà ubicato nel distretto di Kishapu, nella regione di Shinyanga, nel nord della Tanzania. La costruzione della centrale solare dovrebbe durare un anno e iniziare a marzo 2022. Secondo Emmanuel Tutub, il progetto del futuro impianto solare mira a rafforzare la rete della Tanzania Electric Supply Company (Tanesco) nonché diversificare il mix elettrico nazionale. La Tanzania ha una capacità installata di 1504 MW, di cui 568 MW generati da centrali idroelettriche. La capacità idroelettrica sarà ulteriormente aumentata a 2668 MW con la messa in servizio della diga di Stiegler's Gorge e della centrale idroelettrica (2100 MW), in costruzione sul fiume Rufiji. Tuttavia, i crescenti periodi di siccità nelle regioni orientale e meridionale dell’Africa stanno riducendo i flussi dei fiumi, impattando così sul funzionamento delle centrali idroelettriche. Durante il giorno, nella stagione secca, l'impianto solare di Kishapu prenderà il posto delle dighe, che verranno addebitate per entrare in funzione dopo il tramonto. [CN]