Algeria

Petrolio, scoperto nuovo giacimento a Rhourde Yacoub

 Un nuovo giacimento di petrolio, il settimo, è stato scoperto nell’area di Rhourde Yacoub, 800 chilometri a sud di Algeri, nel bacino di Berkine.

(129 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Marocco Free

    Covid: annullato SIAM, il Salone dell'Agricoltura a...

    MAROCCO - E’ stata annullata l’edizione 2021 del Salone Internazionale dell'Agricoltura in Marocco (Siam) a Meknes.

    Lo riferiscono oggi i media locali, citando una nota del Ministero dell’Agricoltura marocchino il quale ha precisato che la decisione dell’annullamento dell’appuntamento è stata approvata ieri sera dal Consiglio di Amministrazione.

    La chiusura, ovviamente, è legata all'attuale contesto sanitario e alle varie misure prese dalle autorità per contenere la pandemia del nuovo coronavirus, in particolare il divieto di grandi raduni e le restrizioni ai viaggi internazionali, spiega il ministero in un comunicato stampa.

  • AfricaEgittoEtiopiaKenyaNigeria Free

    Cdc investirà un miliardo nel continente

    AFRICA - Il gruppo Cdc, istituto britannico per lo sviluppo, sta pianificando investimenti per un miliardo di dollari in Africa nei settori delle infrastrutture e della finanza. Sta inoltre valutando un'offerta per acquisire una licenza di telecomunicazioni in Etiopia. Cdc ha investito 3,7 miliardi di dollari in Africa negli ultimi tre anni, più della metà del capitale dell'istituzione. L’investimento previsto per il 2021 è pari a quello effettuato nel 2020, ha dichiarato in un'intervista l'amministratore delegato Nick O'Donohoe, e si concentrerà prevalentemente in Egitto, Etiopia, Kenya e Nigeria. “Concentreremo i fondi su iniziative legate al contenimento degli effetti dei cambiamenti climatici e sulla tecnologie - ha affermato il ceo - In aggiunta a ciò, continueremo a investire in infrastrutture”. L’impegno di 1 miliardo di dollari rappresenta un segnale di interesse notevole verso l’Africa, che, secondo le stime, dovrebbe aver subito un calo compreso dal 25 al 40 per cento degli investimenti diretti esteri lo scorso anno, secondo un rapporto della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo, a causa della pandemia e dei prezzi più bassi di petrolio e materie prime. Cdc ha creato una partnership con Vodafone Group Plc e Sumitomo Group per presentare un'offerta per una licenza di telefonia mobile in Etiopia nell’ambito del piano di privatizzazione dell'economia del Paese, ha affermato l’amministratore delegato, confermando un rapporto di Bloomberg News a giugno. Il processo è stato ritardato, ma ora sembra andare avanti, ha detto. La nazione del Corno d'Africa prevede di vendere due nuove licenze e una quota di minoranza dell’azienda di Stato Ethio Telecom, sebbene il processo sia stato rallentato da complessità normative e turbolenze politiche, incluso un conflitto nella regione settentrionale del Tigray. [EC]
  • Algeria Free

    Verso creazione società produzione e distribuzione...

    ALGERIA - Il ministero algerino della Transizione Energetica e delle Energie Rinnovabili ha recentemente annunciato la creazione di una società specializzata nella produzione e distribuzione di energie rinnovabili  durante il primo trimestre del 2021. 

    A segnalarlo è l'ufficio di Algeri dell'Agenzia ICE, precisando che la nuova società avvierà 10 bandi di gara a livello di dieci wilaya, in particolare nelle zone degli altipiani e nelle regioni del sud che hanno un grande potenziale solare.

    Il ministero ha anche segnalato che la creazione di una stazione solare costerà circa 800 milioni di dollari, consentendo nel contempo di risparmiare 200 milioni di metri cubici di gas naturale e che la concretizzazione di questo obiettivo avverrà solo attraverso la creazione di partnership "win-win" con paesi dotati di una vasta esperienza nel settore, come la Cina e la Germania. 

  • Egitto Free

    Garanzia britannica a progetto monorotaie di Bombardier

    EGITTO - L'agenzia britannica per il sostegno alle esportazioni Uk Export Finance ha concesso una garanzia finanziaria del valore di 1,7 miliardi di sterline, pari a 1,9 miliardi di euro, per la costruzione di due nuove linee ferroviarie su monorotaia previste da un contratto siglato dal governo dell'Egitto con un consorzio guidato da Bombardier Transportation. 

    Ad annunciarlo è stato ieri il governo di Londra, precisando che la garanzia rappresenta il finanziamento maggiore mai fornito per un progetto infrastrutturale all'estero. 

    La segretaria di Stato per il Commercio internazionale del governo britannico Liz Truss ha dichiarato che la garanzia sosterrà la creazione di nuovi posti di lavoro altamente qualificati nel Derbyshire, dove saranno realizzati i treni destinati all'Egitto. 

    La notizia della garanzia è giunta mentre era in corso ieri la seconda edizione dello Uk-Africa Investment Summit per approfondire le relazioni economiche e commerciali tra Regno Unito e Paesi dell'Africa. Secondo le informazioni rese note, l'interscambio del Regno Unito con i Paesi del continente è stato pari a 35 miliardi di sterline (39,5 miliardi di euro), mentre lo stock degli investimenti bilaterali ha raggiunto in quell'anno un valore pari a 54 miliardi di sterline (61 miliardi di euro). [MV]

  • Algeria Free

    Crollano esportazioni idrocarburi, perno dell...

    ALGERIA - Sono diminuite drasticamente, sia termini di valore che di volume, le esportazioni algerine di idrocarburi, perno dell’economia nazionale. Il gettito fiscale derivante dalla rendita petrolifera pagata al Tesoro pubblico durante l'anno 2020 ha infatti registrato un deficit del 31% rispetto al 2019. “Il volume globale delle esportazioni di idrocarburi ha raggiunto 82,2 milioni di tonnellate di petrolio equivalente (Tep) nel 2020 per un valore di 20 miliardi di dollari (16,54 miliardi di euro), con rispettive diminuzioni dell'11% e 40% rispetto al 2019 ”, secondo una sintesi del ministero dell’Energia citata dall'agenzia ufficiale Aps. "Il prezzo medio del petrolio è sceso a 42 dollari al barile nel 2020, contro i 64 dollari dell'anno precedente, una perdita di quasi 23 dollari al barile (-35%)", sottolinea il ministero. Includendo le esportazioni non di idrocarburi dal settore energetico, compresi i prodotti petrolchimici, il valore delle esportazioni sale a 22 miliardi di dollari nel 2020 (18,19 miliardi di euro). Inoltre, gli investimenti per lo sviluppo delle attività del settore hanno registrato una diminuzione del 30% nello stesso periodo, passando da 10,2 miliardi di dollari (8,43 miliardi di euro) a 7,3 miliardi di dollari (6 Miliardi di euro). Tuttavia, secondo il rapporto annuale, sono stati creati mille posti di lavoro diretti nel settore. Allo stesso tempo, le importazioni di prodotti petroliferi sono diminuite, facendo risparmiare all'Algeria oltre 700 milioni di dollari (579 milioni di euro). Il ministero dell’Energia attribuisce il crollo principalmente all’impatto della pandemia di coronavirus e ai i suoi effetti sui prezzi dell'oro nero, e quindi sull'economia. Secondo le previsioni del Fondo monetario internazionale (Fmi), la quarta economia africana dovrebbe sperimentare una recessione del 5,2% nel 2020 e un deficit di bilancio tra i più alti della regione. La legge finanziaria del 2021 recentemente ratificata prevede una diminuzione delle riserve di valuta estera a meno di 47 miliardi di dollari, prima di una graduale ripresa nei due anni successivi. Tra il 2014 e il 2019, queste riserve si sono sciolte di quasi il 65%, secondo la Banca Centrale. Questa cifra dovrebbe raggiungere quasi il 75% nel 2021. Questa situazione, secondo gli esperti, potrebbe costringere l'Algeria a ricorrere al debito estero, nonostante la sua opposizione in linea di principio. Le ricchezze derivanti dallo sfruttamento degli idrocarburi rappresentano  - almeno fino a questa crisi - oltre il 95% delle entrate esterne, finanziando circa il 60% del bilancio. La rendita del petrolio sovvenziona inoltre  il carburante, l'acqua, la salute, l'alloggio e i prodotti di base, in un sistema caratterizzato da un forte intervento statale. [CC]
  • Egitto Free

    Annunciati investimenti su ferrovia ad alta velocità

    EGITTO - Il governo del Cairo sta lavorando a un programma di investimenti del valore di 360 milioni di sterline, pari a 19 milioni di euro, per estendere la rete ferroviaria e collegare tutti i governatorati e collegare il Paese con Libia e Sudan. Lo ha annunciato il ministro dei Trasporti egiziano, Kamel el-Wazi che, in un’intervista televisiva, ha parlato di treni ad alta velocità aggiungendo che la rete collegherà tutti i porti egiziani, le zone industriali e la nuova capitale. Secondo i dati ufficiali, la ferrovia attualmente si estende per 9.570 chilometri. Il ministro dei Trasporti ha sostenuto che sta attuando un piano per riparare e riabilitare urgentemente le linee ferroviarie esistenti con l’obiettivo di servire 500 milioni di passeggeri all'anno. La prima linea ferroviaria andrebbe da Ain Sokhna sul Mar Rosso a New Alamein sulla costa mediterranea, passando per la nuova capitale a Est del Cairo. Il ministro ha indicato che la linea collegherà il porto di Gargoub, Siwa e Salloum e sarà poi estesa fino fino a Bengasi (Libia). Un altro collegamento ferroviario dovrebbe essere stabilito tra October City a Giza e le città dell'Alto Egitto Luxor e Assuan per proseguire fino a Wadi Halfa in Sudan. Il progetto dovrebbe essere completato entro due anni, ha detto il ministro, aggiungendo che le spese totali del progetto saranno pagate in 20 anni. [Ec]