Senegal

Senatori votano contro soppressione del Senato

I senatori hanno votato contro il disegno di legge, già approvato dall’Assemblea nazionale, di soppressione del Senato e della vice presidenza. L’idea di sopprimere le istituzioni per risparmiare fondi pubblici e dedicarli invece alle emergenze, come le recenti inondazioni, era stata annunciata dal presidente Macky Sall, in carica dal 1° aprile scorso.
Dominato dall’ex partito al potere, il Partito democratico senegalese (Pds) dell’ex presidente Abdoulaye Wade, il Senato ha respinto il testo. Spetta tuttavia all’Assemblea nazionale, in maggioranza favorevole al nuovo presidente, di esprimersi sul testo in ultima battuta.
Le elezioni senatoriali previste ieri, per eleggere 45 dei 100 senatori, sono state annullate. Gli altri 55 senatori sono nominati dal capo dello Stato. Per il funzionamento del Senato sono assegnati otto miliardi di franchi Cfa, 12 milioni di euro.
Il presidente Macky Sall è arrivato ieri in Mauritania per una visita di 48 ore.[CC]

(138 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    Governo pronto a investire nel settore della sicurezza

    GHANA - Il governo di Accra investirà circa 2,5 miliardi di dollari nelle agenzie di sicurezza e di intelligence del Paese nei prossimi due anni. Lo ha annunciato il ministro della Sicurezza Albert Kan-Dapaah, durante un workshop organizzato per i membri del comitato nazionale di gestione dell’immigrazione e i comandanti regionali del Ghana immigration service (Gis) sulla strategia di sicurezza nazionale ad Accra. La stampa locale riferisce che Kan-Dapaah ha ribadito l’impegno del governo a migliorare le operazioni del servizio di sicurezza nazionale rendendolo “efficace per proteggere i confini” e ha annunciato che quest’anno il governo ha dato l’autorizzazione per l’assunzione di 2000 cittadini ghanesi idonei nel servizio. Il ministro ha anche detto che è stata approvata la costruzione e la ristrutturazione di uffici e appartamenti residenziali nei 16 comandi regionali, che includono l’istituzione di 15 basi operative avanzate in comandi selezionati. [VGM]
  • Senegal Free

    Elettricità, fondi alla Senelec da finanza islamica

    SENEGAL - La compagnia senegalese di elettricità (Senelec) ha ottenuto un finanziamento del valore di 100 milioni di euro dall’International islamic trade finance corporation. L’operazione mira a sostenere gli sforzi del governo senegalese per garantire una costante disponibilità di elettricità e fornire l’energia necessaria per lo sviluppo di tutti i settori economici, contribuendo allo stesso tempo al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo del millennio. “Abbiamo avuto un’ottima partnership con il Senegal sin dal nostro inizio e non vediamo l’ora di sostenere il paese nella sua ricerca di crescita economica e sviluppo”, ha detto Hani Salem Sonbol, Ceo dell’Itfc, che ha sede in Arabia Saudita. [CC]
  • AfricaTogo Free

    Lomé, appuntamento continentale sulla cybersicurezza

    AFRICA - Un vertice internazionale  sulla sicurezza informatica in Africa si terrà il 25 e 26 ottobre prossimo Lomé, capitale del Togo. L’evento prevede la presenza di riunisce capi di Stato e di governo, leader del settore privato e leader della società civile per avviare un dialogo ad alto livello al fine di formulare percorsi di cooperazione e coordinamento per far fronte alle sfide e ai problemi urgenti della sicurezza informatica. Co-organizzato dalla Repubblica del Togo e dalla Commissione Economica per l’Africa delle Nazioni Unite (Eca), questo evento vedrà la partecipazione in particolare del Presidente del Togo, Faure Essozimna Gnassingbé, la segretaria esecutivo dell’Eca, Vera Songwe, il presidente della Commissione economica dell’Africa occcidendale (Ecowas), Jean Claude Kassi Brou. Come spiegano gli organizzatori del vertice, per due decenni i Paesi africani hanno subito profondi cambiamenti legati alla rapida adozione delle tecnologie digitali. Questa trasformazione digitale, la cui accelerazione è stata confermata negli ultimi anni – in particolare a seguito della pandemia di covid-19 – sta trasformando le società africane poiché sta rivoluzionando tutti i settori di attività e ridisegnando la vita quotidiana delle popolazioni in tutto il continente. In effetti, l’uso massiccio della tecnologia digitale espone, in modo crescente, i governi, le imprese e i cittadini africani alle minacce informatiche, tutte cose che costituiscono una situazione preoccupante per la fiorente economia digitale in Africa che dovrebbe generare 180 miliardi di dollari da qui al 2025 , ovvero il 5,02% del Pil continentale e raggiungerà i 712 miliardi nel 2050, ovvero l’8,5% del Pil della regione. Le sfide che questa situazione presenta, che vanno dalla protezione dei dati alla resilienza dei sistemi, agli attacchi, attraverso la collaborazione di tutte le parti interessate, sono immense e richiedono la massima mobilitazione a tutti i livelli: locale, nazionale, subregionale, regionale, continentale e globale, si legge nella nota di presentazione del Summit. “Ora che i quadri normativi sono stati in gran parte messi in atto, vogliamo proporre idee innovative in termini di cooperazione operativa, per affrontare le minacce in modo concreto e deciso. Essendo le nostre risorse limitate, non abbiamo altra scelta che lavorare insieme “, ha affermato Cina Lawson, ministra togolese per l’economia digitale e la trasformazione digitale. Il vertice esplorerà e valuterà lo stato della sicurezza informatica in Africa dal punto di vista dei cinque elementi costitutivi: legale, tecnico, organizzativo, sviluppo delle capacità e cooperazione e valuterà lo stato della cooperazione in materia di sicurezza informatica a livello regionale e globale, nonché il impegno nei confronti della Convenzione dell’Unione Africana (UA) (Convenzione di Malabo) sulla sicurezza informatica e la protezione dei dati personali. Si tratta anche di proporre raccomandazioni politiche che dovranno essere esaminate dai capi di Stato e di governo africani, per garantire una sicurezza informatica che soddisfi le esigenze della trasformazione digitale del continente e nel rispetto del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile entro il 2030 e dell’Agenda dell’Ua 2063. [CC]
  • Nigeria Free

    Sicurezza alimentare, Afdb in sostegno di Abuja

    NIGERIA - C’è stato il tema della sicurezza alimentare al centro dell’incontro tra il presidente della Banca africana di sviluppo (Afdb) Akinwumi Adesina e una delegazione nigeriana di alto livello guidata dal ministro dell’Agricoltura e dello sviluppo rurale del Paese Mohammad Mahmood Abubakar. Lo riporta un comunicato stampa di Afdb. Adesina e il ministro nigeriano hanno discusso dei mezzi per affrontare le crescenti preoccupazioni di Afdb sulla sicurezza alimentare in Nigeria: Adesina ha affermato che il sostegno strategico della Banca alla produzione alimentare nigeriana dipenderà da cinque fattori: supporto, scala, sistemico, velocità e sostenibilità. “L’inflazione in Nigeria è alta, al 16% o più. Naturalmente, la quota maggiore dell’indice dei prezzi al consumo è il prezzo del cibo, a quasi il 65%. Quindi, se possiamo abbassare il prezzo del cibo, ovviamente, possiamo abbassare l’inflazione” ha dichiarato Adesina, che ha esortato il ministro nigeriano a concentrarsi sulla costruzione della squadra e delle tattiche corrette per ottimizzare le stagioni agricole del Paese. L’aumento della produzione alimentare, per Afdb, si tradurrà in una riduzione dei prezzi del cibo, che a sua volta ridurrà i tassi di inflazione. “La nostra missione è esaminare i modi in cui la Nigeria potrebbe migliorare la produzione alimentare, abbassare i prezzi del cibo e creare ricchezza” ha affermato il ministro nigeriano. Abubakar ha accolto con favore la strategia proposta dalla Banca e l’ha descritta come una pietra miliare che stimolerebbe la produzione alimentare della Nigeria: “Si invertirà la brutta tendenza di un forte aumento dei prezzi del cibo nel Paese. Sono soddisfatto della strategia della Banca per facilitare la produzione di 9 milioni di tonnellate di cibo in Nigeria e per sostenerci nell’aumentare l’autosufficienza. L’iniziativa della Banca sulle zone speciali di lavorazione agricola è lodevole”. Ampiamente discusso durante l’incontro è stata l’iniziativa di Afdb Agro-industrial processing zone, “un efficace piano a medio termine” per rivoluzionare la catena del valore dell’agricoltura della Nigeria. [ASB]
  • Ghana Free

    Edilizia, il governo vuole abbassare i prezzi delle...

    GHANA - Il ministro del Lavoro e dell’edilizia abitativa del Ghana Francis Asenso-Boakye ha annunciato nuovi piani governativi per sviluppare un quadro che assorbirebbe il costo del terreno e altri servizi infrastrutturali chiave nella fornitura di alloggi dignitosi e convenienti. Il problema dell’attuale deficit abitativo è prioritario, per Accra, secondo quanto riportato dai media locali. Secondo Asenso-Boakye, l’intervento è fondamentale per affrontare “i vincoli, sul lato dell’offerta, all’interno del settore immobiliare e rendere gli alloggi più convenienti”. Parlando alla conferenza immobiliare 2021 Business 24 svoltasi nei giorni scorsi ad Accra, il ministro Asenso-Boakye ha affermato che il suo ministero ha identificato i fattori di costo che contribuiscono all’alto tasso di alloggi in Ghana e da allora ha tracciato strategie, incluso il quadro in sospeso, per affrontare la sfida. Il ministro ha menzionato, quali fattori critici, l’alto costo dei materiali da costruzione che vengono per lo più importati nel Paese, nonché i tassi di prestito delle istituzioni finanziarie come principali contribuenti al prezzo “oltraggioso” delle case. Affinché l’alloggio sia considerato conveniente, il costo dello stesso non dovrebbe superare il 30% del reddito di una famiglia (sia l’abitazione acquistata, mutuata, affittata o riscattata). [ASB]
  • Burkina Faso Free

    Afdb sostiene la creazione di imprese

    BURKINA FASO - Il Progetto di sostegno alla trasformazione dell’economia e alla creazione di occupazione (Patece), attuato dal 2015 in Burkina Faso, ha contribuito alla creazione di nuove imprese e ha fornito formazione a molti apprendisti nei centri professionali. Lo afferma un rapporto della Banca africana di sviluppo (Afdb). Finanziato per 14,3 milioni di dollari grazie a un contributo del Fondo di sviluppo africano, il fondo di finanziamento agevolato di Afdb, il progetto mira a promuovere lo sviluppo del settore privato per una crescita inclusiva e la generazione di posti di lavoro sostenibili. Lanciato sei anni fa, il Patece, prorogato fino alla fine di ottobre 2021, sta compiendo progressi significativi verso il raggiungimento di tutti i suoi obiettivi. A fine 2020 erano state registrate 15.643 nuove imprese (obiettivo rivisto a 16.000 nel 2021), le esportazioni del Paese hanno rappresentato il 30,8% del prodotto interno lordo, il numero di unità di trasformazione di nuova costituzione per prodotti ad alto valore aggiunto è pari a 203 (a fronte di un obiettivo di 210), sono in formazione 4.546 nuovi apprendisti (un quarto rappresentato da donne) e sono stati formati nei centri professionali. “In totale, i tassi di raggiungimento dei vari indicatori vanno dal 91,34% al 100%”, precisa la relazione della Banca sullo stato di esecuzione e sui risultati del progetto. Hanno beneficiato del progetto le principali istituzioni burkinabè che promuovono il settore privato. Tra questi l’Agenzia per la promozione delle esportazioni, l’Agenzia burkinabè per la normalizzazione, metrologia e qualità, l’Agenzia per il finanziamento e la promozione delle piccole e medie imprese, l’Assessment center e della formazione professionale di Ouagadougou, l’Istituto di ricerca in scienze e tecnologie applicate e il ministero dell’Industria, del commercio e dell’artigianato. Inoltre è stato concesso un finanziamento di 181.000 dollari al Fondo per l’imprenditoria femminile a favore di diciassette associazioni e gruppi di donne. Il progetto ha inoltre finanziato la costituzione di una banca dati che comprende più di 6.000 piccole imprese operanti nel settore informale e ha organizzato diversi corsi di formazione per gruppi professionali e associazioni. [ASB]