Libia

Sale la tensione a Beni Walid, la roccaforte dei gheddafiani

Si fa tesa la situazione a Beni Walid, considerata l’ultima roccaforte dei fedeli al deposto leader libico Muhammar Gheddaffi.

(123 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Libia Free

    Nuovo esecutivo, un passo avanti verso la pace

    LIBIA - I governi di Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Stati Uniti hanno accolto “con favore il voto del Libyan Political Dialogue Forum (Lpdf) a favore del meccanismo di selezione per una nuova autorità esecutiva che guiderà la Libia verso le elezioni nazionali il 24 dicembre 2021. Questo è un passo importante verso l'unità libica”. È quanto scritto in un comunicato congiunto delle delegazioni dei cinque Paesi. “La decisione dell'Lpdf - continua il comunicato - dice che è tempo per un cambiamento dello status quo. Incoraggiamo tutte le parti libiche ad agire con urgenza e in buona fede per finalizzare l'adozione attraverso l'Lpdf di un governo unificato e inclusivo. Come partecipanti al processo della Conferenza di Berlino e partner internazionali della Libia, daremo il nostro pieno sostegno agli sforzi dell'Lpdf”. I cinque Paesi occidentali si sono inoltre detti favorevoli alla nomina di Ján Kubiš come inviato speciale del Segretario generale per la Libia; Raisedon Zenenga, coordinatore Unsmil; e Georgette Gagnon, coordinatore residente e coordinatore umanitario. “Un anno dopo la Conferenza di Berlino – prosegue il comunicato - sottolineiamo il ruolo fondamentale della comunità internazionale a sostegno di una soluzione politica in Libia, nonché la nostra continua collaborazione con i membri del processo di Berlino. Ricordiamo ai membri del processo di Berlino gli impegni solenni che tutti abbiamo preso al vertice un anno fa, rafforzati dall'Unscr 2510. In particolare, dobbiamo continuare a sostenere un cessate-il-fuoco, ripristinare il pieno rispetto dell'embargo sulle armi delle Nazioni Unite e porre fine al ingerenza che mina le aspirazioni di tutti i libici di ristabilire la propria sovranità e di scegliere pacificamente il proprio futuro attraverso le elezioni nazionali”. [EC]
  • Marocco Free

    Presentato piano per la gestione sostenibile delle...

    MAROCCO - La Banca Mondiale, con l'assistenza del governo italiano, ha presentato un piano per la gestione sostenibile delle coste della regione marocchina di Rabat-Sale-Kenitra.

    A comunicarlo è la stessa Banca Mondiale sul proprio sito, precisando che lo schema regionale costiero (RCS) sarà il primo del suo genere in Marocco e ha lo scopo di promuovere lo sviluppo sostenibile della regione costiera.

    Secondo la Banca mondiale, il governo di Rabat potrà utilizzare lo schema come modello per ulteriore future iniziative simili.

    Lo schema prevede un approccio multilaterale che combina misure di risposta strategica, come investimenti e risanamento costiero, con la protezione e l'uso sostenibile delle risorse, arrivando a raggiungere questo obiettivo attraverso il lavoro in stretta collaborazione con comunità locali, pescatori, associazioni di imprese, organizzazioni della società civile, agricoltori e scienziati. [MV]

  • Marocco Free

    Covid: annullato SIAM, il Salone dell'Agricoltura a...

    MAROCCO - E’ stata annullata l’edizione 2021 del Salone Internazionale dell'Agricoltura in Marocco (Siam) a Meknes.

    Lo riferiscono oggi i media locali, citando una nota del Ministero dell’Agricoltura marocchino il quale ha precisato che la decisione dell’annullamento dell’appuntamento è stata approvata ieri sera dal Consiglio di Amministrazione.

    La chiusura, ovviamente, è legata all'attuale contesto sanitario e alle varie misure prese dalle autorità per contenere la pandemia del nuovo coronavirus, in particolare il divieto di grandi raduni e le restrizioni ai viaggi internazionali, spiega il ministero in un comunicato stampa.

  • AfricaEgittoEtiopiaKenyaNigeria Free

    Cdc investirà un miliardo nel continente

    AFRICA - Il gruppo Cdc, istituto britannico per lo sviluppo, sta pianificando investimenti per un miliardo di dollari in Africa nei settori delle infrastrutture e della finanza. Sta inoltre valutando un'offerta per acquisire una licenza di telecomunicazioni in Etiopia. Cdc ha investito 3,7 miliardi di dollari in Africa negli ultimi tre anni, più della metà del capitale dell'istituzione. L’investimento previsto per il 2021 è pari a quello effettuato nel 2020, ha dichiarato in un'intervista l'amministratore delegato Nick O'Donohoe, e si concentrerà prevalentemente in Egitto, Etiopia, Kenya e Nigeria. “Concentreremo i fondi su iniziative legate al contenimento degli effetti dei cambiamenti climatici e sulla tecnologie - ha affermato il ceo - In aggiunta a ciò, continueremo a investire in infrastrutture”. L’impegno di 1 miliardo di dollari rappresenta un segnale di interesse notevole verso l’Africa, che, secondo le stime, dovrebbe aver subito un calo compreso dal 25 al 40 per cento degli investimenti diretti esteri lo scorso anno, secondo un rapporto della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo, a causa della pandemia e dei prezzi più bassi di petrolio e materie prime. Cdc ha creato una partnership con Vodafone Group Plc e Sumitomo Group per presentare un'offerta per una licenza di telefonia mobile in Etiopia nell’ambito del piano di privatizzazione dell'economia del Paese, ha affermato l’amministratore delegato, confermando un rapporto di Bloomberg News a giugno. Il processo è stato ritardato, ma ora sembra andare avanti, ha detto. La nazione del Corno d'Africa prevede di vendere due nuove licenze e una quota di minoranza dell’azienda di Stato Ethio Telecom, sebbene il processo sia stato rallentato da complessità normative e turbolenze politiche, incluso un conflitto nella regione settentrionale del Tigray. [EC]
  • Algeria Free

    Verso creazione società produzione e distribuzione...

    ALGERIA - Il ministero algerino della Transizione Energetica e delle Energie Rinnovabili ha recentemente annunciato la creazione di una società specializzata nella produzione e distribuzione di energie rinnovabili  durante il primo trimestre del 2021. 

    A segnalarlo è l'ufficio di Algeri dell'Agenzia ICE, precisando che la nuova società avvierà 10 bandi di gara a livello di dieci wilaya, in particolare nelle zone degli altipiani e nelle regioni del sud che hanno un grande potenziale solare.

    Il ministero ha anche segnalato che la creazione di una stazione solare costerà circa 800 milioni di dollari, consentendo nel contempo di risparmiare 200 milioni di metri cubici di gas naturale e che la concretizzazione di questo obiettivo avverrà solo attraverso la creazione di partnership "win-win" con paesi dotati di una vasta esperienza nel settore, come la Cina e la Germania. 

  • Egitto Free

    Garanzia britannica a progetto monorotaie di Bombardier

    EGITTO - L'agenzia britannica per il sostegno alle esportazioni Uk Export Finance ha concesso una garanzia finanziaria del valore di 1,7 miliardi di sterline, pari a 1,9 miliardi di euro, per la costruzione di due nuove linee ferroviarie su monorotaia previste da un contratto siglato dal governo dell'Egitto con un consorzio guidato da Bombardier Transportation. 

    Ad annunciarlo è stato ieri il governo di Londra, precisando che la garanzia rappresenta il finanziamento maggiore mai fornito per un progetto infrastrutturale all'estero. 

    La segretaria di Stato per il Commercio internazionale del governo britannico Liz Truss ha dichiarato che la garanzia sosterrà la creazione di nuovi posti di lavoro altamente qualificati nel Derbyshire, dove saranno realizzati i treni destinati all'Egitto. 

    La notizia della garanzia è giunta mentre era in corso ieri la seconda edizione dello Uk-Africa Investment Summit per approfondire le relazioni economiche e commerciali tra Regno Unito e Paesi dell'Africa. Secondo le informazioni rese note, l'interscambio del Regno Unito con i Paesi del continente è stato pari a 35 miliardi di sterline (39,5 miliardi di euro), mentre lo stock degli investimenti bilaterali ha raggiunto in quell'anno un valore pari a 54 miliardi di sterline (61 miliardi di euro). [MV]