Tunisia

Sostituito governatore di Sidi Bouzid, nuova protesta in atto

Si è dimesso oggi Mohamed Nejib Mansouri, governatore di Sidi Bouzid, in seguito alle proteste che da giorni si tengono nella città e nei villaggi circostanti dell’area da cui partì, il 17 dicembre 2010, la contestazione all’ex presidente Zine el Abidine Ben Ali.

(196 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Alla ricerca dell'oro

    ALGERIA - Il governo algerino intende incrementare la produzione di oro. Le maggiori entrate dovrebbero sopperire alla riduzione dei proventi petroliferi causata dalla riduzione dei prezzi a livello mondiale. Lo ha annunciato Mohamed Arkab, ministro delle Miniere, nel corso di una trasmissione radiofonica. Nel 2020, saranno estratti non più di 58 kg del minerale giallo. Una quantità che il ministro ritiene “molto bassa”. Il suo obiettivo? Produrre almeno 240 kg l'anno e, per raggiungere questo standard, saranno create 95 microimprese che si occuperanno prevalentemente dell'estrazione dell'oro nelle regioni di Illizi e Tamanrasset. Le analisi del governo sono sostenute da una ricerca condotta recentemente dagli esperti dell'Agenzia nazionale per le attività minerarie, in collaborazione con specialisti del servizio minerario e di cartografia geologica, secondo la quale esisterebbero almeno 95 siti, comprese tra i 6 e i 400 ettari ricchi del minerale. Tuttavia, restano interrogativi su come siano nate queste società e quale sia il valore della produzione prevedibile. Il settore minerario in Algeria è stato finora sempre avvolto nel mistero, mentre la ricerca dell'oro nel Grande Sud è stata condotta in condizioni poco trasparenti. [EC]
  • Libia Free

    Riparte la produzione petrolifera

    LIBIA - La compagnia petrolifera Noc ha ripreso la produzione e le esportazioni dal porto di Zueitina e dai giacimenti della Zueitina Oil Company. “Negli ultimi due giorni, abbiamo condotto una valutazione di sicurezza del porto di Zueitina e dei giacimenti della Zueitina Oil Company - è scritto in un comunicato della Noc -. La valutazione è stata positiva e abbiamo concluso che c'è un miglioramento significativo per quanto riguarda la situazione della sicurezza che consente alla National Oil Corporation di riprendere la produzione e le esportazioni verso i mercati globali”. La Zueitina Oil Company è il principale fornitore di Gpl e anche una fonte importante per rifornire di carburante le centrali elettriche a nord di Bengasi e Zueitina. Ciò permetterà di alleviare “le sofferenze degli abitanti nella grande città di Bengasi e nei suoi sobborghi fornendo gas naturale pulito e regolare”. Gli esperti della Noc hanno anche annunciato che potrebbe presto riaprire il grande campo petrolifero di El-Sharara, una volta risolta la questione della presenza di mercenari russi del gruppo Wagner all'interno dell'impianto. [EC]
  • Marocco Free

    Prezzi al consumo in crescita dell'1,4%

    MAROCCO - L'indice dei prezzi al consumo (Cpi) è salito dell'1,4% ad agosto rispetto a luglio. L'aumento è dovuto a una crescita del 3,4% dei prezzi nel settore alimentare e dello 0,1% in quello non alimentare. Gli aumenti dei prodotti alimentari tra luglio e agosto hanno riguardato frutta (14,6%), verdura (10,9%), pesce e frutti di mare (6,1%), carni (1,6%), caffè, tè e cacao (0,4%). Nel frattempo, i prezzi sono diminuiti dello 0,6% per l'acqua minerale, le bevande analcoliche e i succhi di frutta e verdura, mentre i prezzi per il latte, i formaggi e le uova sono diminuiti dello 0,2%. Per i prodotti non alimentari, l'aumento ha riguardato soprattutto i prezzi del carburante (0,4%). Rispetto allo stesso mese del 2019, l'indice dei prezzi al consumo del Marocco ha registrato un aumento dello 0,9% a causa dell'aumento dell'indice alimentare (1,4%) e dell'indice dei prodotti non alimentari (0,4%). L'inflazione, che esclude prodotti con prezzi volatili e prodotti con prezzi calmierati, è cresciuta dello 0,2% ad agosto rispetto a luglio e dello 0,6% rispetto ad agosto 2019. [EC]
  • Egitto Free

    Istituito al Cairo il Forum del gas del Mediterraneo...

    EGITTO - E’ stato formalmente costituito al Cairo il Forum del gas del Mediterraneo orientale che riunisce oltre all’Egitto anche Cipro, Giordania, Grecia, Israele e Italia.

    Obiettivo dell’iniziativa, che ha lo status formale di organizzazione internazionale, è promuovere le esportazioni di gas naturale dal Mediterraneo orientale rafforzando i legami di buon vicinato tra i Paesi aderenti e riconoscendo i loro diritti rispetto alle risorse naturali (gas e petrolio) presente nelle rispettive acque territoriali.

    Si tratta di una svolta storica, ha detto il ministro del Petrolio egiziano Tarek el Molla, sottolineando che il Forum contribuirà a raggiungere la sicurezza e la stabilità nella regione.

    “Energia per la pace e per lo sviluppo”, è stato lo slogan pronunciato da El Molla per quella che i media già indicano come una possibile Opec (l’organizzazione che riunisce i Paesi produttori di petrolio) del gas nel Mediterraneo. [MV]

  • Algeria Free

    Assegnata gestione metropolitana di Algeri

    ALGERIA - Sarà una società in-house, di proprietà esclusiva della Entreprise Métro d'Alger (EMA), a occuparsi della gestione e della metropolitana della capitale algerina, in seguito alla prossima risoluzione del contratto di gestione con il gruppo francese RATP.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che la nuova società assumerà la gestione subito dopo la scadenza del contratto con RATP, il 31 ottobre. Significativamente, il nuovo contratto inizierà il 1° novembre, in coincidenza con l'anniversario dello scoppio della guerra d'indipendenza algerina nel 1954, che portò alla fine del regime coloniale francese.

    Senza entrare in dettagli particolari, i media che riportano la notizia notano con interesse come la scadenza del contratto per la gestione e la manutenzione della metropolitana algerina arrivi poche settimane dopo che il gruppo francese ha firmato un contratto di 15 anni con l'Egitto per la gestione e la manutenzione della linea 3 della metropolitana del Cairo.

    Molte aziende francesi stanno attualmente assistendo a importanti battute d'arresto nel mercato algerino, dopo aver goduto per molti anni di un quasi monopolio durante l'era dell'ex presidente Abdelaziz Bouteflika. [MV]

  • Marocco Free

    Banca centrale rivede al ribasso stime sul PIL

    MAROCCO - L’economia marocchina dovrebbe registrare quest’anno una contrazione del 6,3%, secondo le ultime stime diffuse dalla Banca centrale del Marocco.

    A segnalarlo sono i media locali, ricordando che l’istituto aveva già corretto una prima volta al ribasso le sue previsioni lo scorso giugno, quando aveva stimato un calo del 5,2% a causa del rallentamento derivante dalla pandemia di covid-19.

    La Banca ha per il momento mantenuto invariato il tasso d’interesse di riferimento, che resta all’1,5%.

    Nel 2019, secondo i dati ufficiali, il Marocco ha registrato  una crescita economica del 2,5%. [MV]