Uganda

Giubileo d’oro, presidente annuncia piano in 10 punti per lo sviluppo

Un programma in dieci punti che “contribuirà a trasformare l’Uganda in un paese del primo mondo entro i prossimi 50 anni”è stato svelato ieri dal presidente Yoweri Museveni in occasione del cinquantesimo anniversario dell’indipendenza, il “Giubileo d’oro” ampiamente celebrato nella capitale Kampala.

(196 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Tanzania Free

    Piani per investire in nuovi settori turistici

    TANZANIA - Sei milioni di dollari: questi i ricavi dal turismo che la Tanzania mira a raccogliere nei prossimi quattro anni. È quanto affermato dal ministro delle Risorse naturali e del Turismo, Damas Ndumbaro, durante un incontro con i delegati dell’European Union Business Group (Eupg) incentrato sul futuro turistico del paese dell’Africa orientale e mirato a riunire gli investitori dell’industria con funzionari del governo tanzaniano. “Miriamo a registrare almeno cinque milioni di arrivi di turisti internazionali entro il 2025 e questo può essere realizzato solo attraverso la diversificazione dei prodotti turistici”, ha affermato Ndumbaro, invitando gli investitori a considerare iniziative ad alto potenziale in altri settori del turismo ancora inesplorate, come i viaggi da crociera di lusso o il turismo balneare al di fuori delle isole di Zanzibar. Con una costa che si estende per oltre 1400 chilometri, senza contare il vasto numero di isole e isolotti che compongono il suo territorio all’interno delle acque dell'Oceano Indiano, la Tanzania potrebbe trarre vantaggio dall’istituzione di una rotta di crociera lungo il suo littorale, ha osservato in particolare il ministro. Prima dell’epidemia di covid-19, la Tanzania registrava un aumento costante del traffico turistico di 1,5 milioni di arrivi all’anno, prima di subire, dal 2019 in poi, un crollo massiccio. [CN]
  • Gibuti Free

    Djibouti Telecom costruirà stazione per cavi...

    GIBUTI - Negli ultimi dieci anni, Djibouti Telecom ha collegato il Paese a otto sistemi sottomarini in fibra ottica: la società pubblica – secondo la stampa nazionale – ha ora annunciato un nuovo investimento per sviluppare ulteriormente la connettività del Paese. Entro il 2022 Gibuti ospiterà infatti una nuova infrastruttura di telecomunicazioni, frutto di investimenti pubblici e privati. Lo storico operatore delle telecomunicazioni, ha informato i media dell’inizio dei lavori di costruzione di una nuova stazione di posizionamento per cavi sottomarini in fibra ottica a Gibuti City. “L’edificio sarà un porto digitale neutrale che fornirà un servizio di atterraggio via cavo ad accesso aperto agli operatori di cavi sottomarini. Sarà distribuito su tre piani: ogni piano con una sala apparecchiature di 250 metri quadrati progettata con le ultime tecnologie che offrono un’efficienza operativa e una sicurezza senza pari per ospitare più cavi ” ha spiegato Djibouti Telecom. La sua costruzione sarà completata nell’aprile 2022. [GT]
  • MozambicoRwanda Free

    Acquistati droni da combattimento per le operazioni...

    RWANDA - Il Rwanda prevede di acquistare almeno una dozzina di droni da combattimento alla Turchia. La notizia è stata data in un recente articolo di Africa Intelligence, secondo il quale il governo intende utilizzare i velivoli senza pilota principalmente nelle operazioni militari che conduce nella provincia mozambicana di Cabo Delgado in alleanza con l’esercito del Mozambico. Secondo le informazioni raccolte dalla testata con sede a Parigi, il Rwanda farebbe parte dei clienti più importanti della Turchia per i droni del tipo di Stm Kargu Kamikaze, Aselsan, Otokar, Havelsan, Bayraktar Tb2 recentemente lanciati sul mercato, a un prezzo compreso tra i due e i dieci milioni di dollari ognuno. I soldati ruandesi sono coinvolti in violenti combattimenti contro i ribelli mozambicani, in particolare nelle foreste della provincia settentrionale del paese dell’Africa australe, dove sono disseminate numerose mine antiuomo e anticarro. L'uso di droni in queste foreste permetterebbe all'esercito ruandese di ridurre le perdite umane e di poter combattere i ribelli senza scontri diretti. Nei primi di settembre, il ministro degli Esteri del Rwanda, Vincent Biruta ha effettuato una visita di lavoro in Turchia per discutere di relazioni diplomatiche, militari e commerciali. [CN]
  • Tanzania Free

    Nuova strategia su coltivazione uva per aumentare...

    TANZANIA - Con la decisione del governo della Tanzania di includere l'uva tra le colture strategiche, il centro di Makutupora dell'Istituto di ricerca sull'agricoltura della Tanzania (TARI) ha intrapreso la ricerca di una strategia speciale mirata ad aiutare i coltivatori di uva nella regione di Dodoma con la moderna tecnologia agricola e le migliore pratiche agronomiche. "La coltivazione dell'uva richiede un trattamento sistematico e professionale in tutte le fasi fino alla raccolta", ha spiegato a fonti di stampa locali il direttore del Centro TARI-Makutupora, Cornel Masawe, affermando che la scarsa adozione delle pratiche agronomiche raccomandate era il principale fattore che impediva agli agricoltori di ottenere un raccolto eccezionale. Da qui l’istituzione nella regione dell'Agricultural Technology Hub (ATH) per impartire ai produttori una migliore conoscenza delle pratiche agricole e della gestione post-raccolta e diffondere tecnologie migliorate per le sementi e la lotta contro i parassiti.  Secondo Masawe, se sono già state introdotte almeno 25 varietà tra uve secche, da tavola e da vino, con la distribuzione di almeno 100.000 piantine, il centro di Makutupora sta anche finalizzando il processo per introdurre in Tanzania almeno 13 nuove varietà di uva da vino dal Sudafrica. Anche se occupa il secondo posto dopo il Sudafrica per la produzione dei migliori vini del continente, la Tanzania coltiva solo due varietà di uva da vino, Makutupora Red e Chenin White, il che limita la produzione di più vini. [CN]
  • Uganda Free

    Un nuovo acceleratore UE che punta al business verde

    UGANDA - Un acceleratore  che offre workshop gratuiti incentrati sulla finanza e prestiti scontati per aiutare a crescere le aziende operando nei settori dell’ecoturismo, energia pulita, trasporti sostenibili, gestione dei rifiuti e produzione verde: questo il nuovo programma, l'Ugandan Green Enterprise Finance Accelerator (UGEFA), finanziato dall’Unione Europea che le piccole e medie imprese ugandesi sono invitate a richiedere entro la data limite del prossimo 30 novembre. Durante il programma di sei mesi, i candidati selezionati riceveranno un supporto personalizzato per lo sviluppo del proprio business da consulenti esperti. Questo schema su misura include workshop per lo sviluppo di capacità e apprendimento tra pari, offerti dai partner di implementazione adelphi e Finding XY. Dopo la laurea al programma UGEFA, le imprese ugandesi saranno abbinate a partner bancari. Se si rivelano investibili verranno erogati prestiti, il 33% dei quali sarà coperto dall’UGEFA, attraverso finanziamenti dell'Unione Europea. [CN]
  • Africa Orientale Free

    Emergenza siccità nel Corno

    AFRICA ORIENTALE - Almeno dodici milioni di persone in Kenya, Somalia ed Etiopia hanno urgente bisogno di assistenza alimentare a seguito di un prolungato periodo di siccità e della prevista stagione delle piogge brevi: è quanto affermano gli esperti dei sistemi di allarme rapido dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao). Un nuovo allarme dopo quello lanciato dalla Banca Mondiale che aveva già avvertito che la frequenza della siccità nell’Africa subsahariana è quasi triplicata tra il 2010 e il 2019, con l’anno scorso che è stato il più caldo del continente dal 1910. In Kenya, il presidente Uhuru Kenyatta ha dichiarato la siccità in corso, che ha colpito almeno due milioni di persone, “un disastro nazionale”, ma l’assistenza umanitaria ha tardato a venire incontro ai bisognosi perché le organizzazioni internazionali concentrano la loro attenzione su altre crisi. Il nord del Kenya e gli effetti devastanti di un lungo periodo di siccità sono evidenti. Carcasse di bestiame punteggiano il paesaggio arido. Il Corno d’Africa sta ancora una volta affrontando una grave siccità, a meno di due anni dall’ultima. “Sta aumentando la ricorrenza delle carestie. Fino a 20 anni c’era un evento di siccità ogni da tre a cinque anni. Oggi è decisamente aumentato e c’è un’emergenza ogni anno. Se consideriamo la Somalia, ogni anno dobbiamo fare i conti con la siccità e, in alcune aree, addirittura due volte nello stesso anno”, afferma Sergio Innocente, esperto regionale di allarme rapido presso la Fao. “Se guardiamo solo a Kenya, Etiopia e Somalia, stiamo già gestendo un’emergenza che interessa quasi 12 milioni di persone. L’aumento delle temperature che registraiamo sta influenzando i normali modelli di coltivazione degli agricoltori, in particolare gli agricoltori che coltivano con metodi di sussistenza”, ha aggiunto Innocente. Ottenere rapidamente l’assistenza umanitaria tanto necessaria alle persone colpite dalla situazione di siccità quasi costante nella regione non è facile mentre il mondo è alle prese con altre crisi che mettono a rischio milioni di vite. L’Igad, organizzazione regionale dell’Africa orientale, ha avvertito che anche parti del Sud Sudan sono a rischio carestia. “Se guardiamo ai piani di risposta della Somalia e dell’Etiopia, al momento sono pesantemente sottofinanziati, e poi abbiamo il Kenya che ha bisogno di attenzione dall’inizio dell’anno, non è qualcosa che è successo”, spiega Innocente. Con previsioni di piogge al di sotto della media, le agenzie umanitarie avvertono che il tempo stringe per salvare vite e mezzi di sussistenza delle comunità colpite, la maggior parte dei quali pastori e agro-pastori. [EC]