R.D. Congo

Vertice della Francofonia (2), più regole nello sfruttamento delle risorse

Promuovere gli strumenti legali esistenti per la lotta allo sfruttamento illegale delle risorse naturali e sottoscrivere alle regole sulla trasparenza dell’industria estrattiva, sia da parte dei governi che delle multinazionali: sono a grandi linee gli impegni assunti dai dirigenti dei paesi francofoni nella risoluzione sulla gestione delle industrie estrattive e forestiere, una delle cinque risoluzioni adottate durante il Vertice di Kinshasa tenutosi nel fine settimana nella capitale congolese.

(282 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Gabon Free

    Chiesti prestiti ad AfDB per trasporti in provincia di...

    GABON - Un totale di 138 milioni di euro: questo l’importo che lo Stato del Gabon prenderà in prestito per aprire la provincia meridionale di Ngounié e ridurre i tempi e i costi di trasporto sul corridoio Libreville-Brazzaville attraverso le località di Ndéndé-Doussala. Lo si apprende dall’esito di un recente Consiglio dei ministri, che ha approvato i progetti di legge che autorizzano lo Stato del Gabon a contrarre un primo prestito di circa 93 milioni di euro presso la Banca africana di Sviluppo (AfDB) e un secondo di 45 milioni presso l'Africa Growing Together Fund (Agtf) ​​attraverso l'AfDB in qualità di amministratore. I fondi serviranno a finanziare in parte il Programma di Sostegno al Settore Infrastrutture in Gabon, fase 1 (Pasig) e dovrebbero coprire i costi relativi ai lavori stradali, compresa la costruzione e l'asfaltatura di una sezione a Libreville e della sezione Ndéndé-Doussala (49km), nonché la costruzione del ponte di confine; la relativa componente di sviluppo, compresa la riabilitazione delle strade rurali, della stazione degli autobus e delle stazioni di pesatura; la componente di studi e supporto istituzionale al settore dei trasporti, comprese le strutture di controllo delle frontiere, gestione della posta e sicurezza stradale; la componente di direzione e coordinamento del progetto che consente la verifica di esecuzione di tutte le opere; la componente espropriativa e risarcitoria a favore dei residenti delle aree interessate dal progetto. Questa nuova autorizzazione dal Consiglio dei ministri fa seguito a un prestito dell'AfDB ottenuto dal Gabon nel dicembre 2019, per un importo di 140 milioni di euro, portando a 277,5 milioni di euro i soldi presi in prestito presso l’istituto finanziario panafricano per il completamento della fase 1 del progetto Pasig. [CN]
  • R.D. Congo Free

    Ad azienda australiana incarico progetto Inga III

    RD CONGO - Il governo di Kinshasa ha reso noto che sarà il gruppo australiano Fortescue Metals a sviluppare il progetto di Inga III, incluso l'impianto idroelettrico da 4800 megawatt che era già stato assegnato in precedenza a un consorzio sino-spagnolo.

    A darne notizia è l'agenzia Reuters, precisando che il gruppo australiano ha confermato di essere in trattative con il Congo per sviluppare una serie di dighe che potrebbero diventare il più grande progetto idroelettrico del mondo, ma che non è stato concluso alcun accordo formale vincolante.

    Il coinvolgimento di Fortescue Metals è l'ultimo sviluppo nella ricerca decennale del governo congolese per espandere Inga, le cui due dighe esistenti - realizzate nel 1972 e nel 1982 - hanno una capacità installata combinata di quasi 1.800 MW.

    L'espansione proposta di altre sei dighe porterebbe la capacità a oltre 40.000 MW, circa il doppio della diga cinese delle Tre Gole, attualmente la più grande del mondo. I costi totali di sviluppo sono stati stimati fino a 80 miliardi di dollari.

    Nel 2018, un consorzio che includeva due tra le maggiori compagnie idroelettriche cinesi, Three Gorges Corporation e Sinohydro, e la società spagnola Actividades de Construccion y Servicios (ACS) avevano firmato un accordo con il governo del Congo per sviluppare la terza diga, nota come Inga 3.

    L'incarico, tuttavia, è rimasto bloccato a causa di dubbi sulla  fattibilità finanziaria del progetto.

    L'ultimo sviluppo, quindi, è rappresentato dall'annuncio di Alexy Kayembe De Bampende, principale consulente per le infrastrutture del presidente congolese Felix Tshisekedi, secondo il quale il progetto sarà ora guidato da Fortescue.

    "Fortescue sarà l'unico operatore per l'intero Grand Inga (da 3 a 8) - ha detto Kayembe De Bampende - I cinesi e altri sono invitati a unirsi a Fortescue". [MV]

  • Gabon Free

    Approvata proposta per aumentare vendite prodotti...

    GABON - Rendere più accessibili sul mercato nazionale i prodotti agricoli naturali o trasformati del Gabon a sostegno degli agricoltori e degli allevatori: questo l’intento del governo che ha approvato la scorsa settimana il disegno di legge sull'orientamento agricolo e prevede di imporre presto agli ipermercati, supermercati e altri esercizi commerciali che vendono cibo di rifornirsi "prima localmente prima dell'importazione". Con l'obiettivo principale di ridurre le importazioni, il disegno di legge, presentato al Consiglio dei ministri dal ministro dell'Agricoltura, dell'Allevamento, della Pesca e dell'Alimentazione, Biendi Maganga-Moussavou, mira a fornire al Gabon un testo che vincola le aziende del settore alimentare alla preferenza nazionale. Se il testo sarà adottato in parlamento nelle prossime settimane, ipermercati, supermercati e altri stabilimenti alimentari saranno costretti a rifornirsi localmente per almeno il 50% delle proprie scorte di prodotti agricoli, naturali o trasformati. Lo stesso testo prevede anche la creazione di una “Camera Nazionale dell'Agricoltura” destinata a incentivare gli operatori (agricoltori e allevatori) del settore a formare una interprofessione.  Il disegno di legge rientra nella strategia del governo per sostenere la produzione nazionale garantendo, in particolare, un accesso privilegiato al mercato dei prodotti locali. [CN]
  • Ciad Free

    AfDB riprende operazioni nel paese

    CIAD - La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha deciso sabato 12 giugno di revocare tutte le misure di sospensione per le sue attività in Ciad. Secondo il ministro dell’Economia ciadiano, Issa Doubragne, “si tratta di una decisione che testimonia la costante volontà di questa istituzione di sostenere il Ciad nella trasformazione strutturale della sua economia” e sarebbe dovuta a un miglioramento nel processo di transizione. La Banca aveva annunciato il 29 aprile la sospensione di “tutte le operazioni” in Ciad dopo la presa del potere da parte del Consiglio militare di transizione in seguito alla morte del presidente Idriss Deby. [TM]
  • AfricaGabonGhana Free

    Accra e Libreville ottengono seggio in Consiglio di...

    AFRICA - Grande risalto sulla stampa ghanese sul prossimo ingresso del Gabon e del Ghana nel Consiglio di sicurezza dell’Onu: i due Paesi sono stati infatti eletti venerdì membro non permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con un mandato di due anni.

    Insieme a Gabon e Ghana, hanno inoltre ottenuto un seggio nel massimo organo delle Nazioni Unite anche Albania, Brasile ed Emirati Arabi Uniti.

    Secondo le informazioni rese note, i cinque Paesi sostituiranno Estonia, Niger, Saint Vincent e Grenadine, Tunisia e Vietnam il cui mandato scadrà il prossimo 31 dicembre. I nuovi membri assumeranno l’incarico il 1° gennaio 2022 e lasceranno il consiglio il 31 dicembre 2023. [SR]

  • Camerun Free

    Fmi mette in guardia su debiti imprese pubbliche

    CAMERUN - La cattiva governance e l’opacità sono i principali mali delle imprese pubbliche camerunesi; lo ha rilevato il Fondo monetario internazionale (Fmi) in un rapporto. Secondo l’Fmi il debito di 37 imprese di proprietà pubblica è una minaccia per il bilancio nazionale. Queste società non pagano dividendi allo Stato e sono sono sostenute dalle finanze pubbliche, sottolinea l’Fmi. Per invertire la situazione, l’Fmi propone di rafforzare il quadro istituzionale per la supervisione tecnica e finanziaria, nonché il ruolo e le funzioni di sorveglianza e governance. In tal senso, indica il Fondo, andrebbe rafforzato il coordinamento della vigilanza tecnica e finanziaria, grazie alla definizione di una chiara politica sull’azionariato di Stato. [TM]