Benin

Autotrasportatori denunciano estorsioni, rischio di paralisi

Minacciano un nuovo sciopero generale gli autotrasportatori del Benin, che denunciano il non rispetto degli impegni assunti dal governo lo scorso settembre.

(106 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Liberia Free

    Al via lavori della Cesaf per nuova sede federazione...

    LIBERIA - E' stato inaugurato a Monrovia, in Liberia, il cantiere per la realizzazione della nuova sede della Liberia Football Association (Lfa), la federazione calcistica del Paese. La Lfa e la società edile Cesaf Liberia, sussidiaria dell'italiana Cesaf, hanno firmato un contratto da 1,4 milioni di dollari il 29 gennaio dello scorso anno. Il progetto, che avrebbe già dovuto essere partito, è stato gravemente ostacolato dalla pandemia da covid-19. A marzo 2017, Cesaf Liberia aveva partecipato, vincendola, alla gara per la progettazione e la costruzione della futura sede Lfa, che sarà realizzata grazie ai fondi della Fifa. Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo edificio su tre piani, che sarà realizzato nel rispetto delle normative internazionali in materia di abbattimento delle barriere architettoniche. [SR]
  • GhanaZambia Free

    Fintech ghanese alla conquista dell’Africa australe

    GHANA / ZAMBIA - La società di servizi finanziari ghanesi Zeepay ha acquisito una partecipazione del 51% nella zambiana Mangwee Mobile Money, anch’essa impegnata nella fornitura di servizi finanziari e di pagamento. Zeepay, presente in Africa e nel Regno Unito, diventerà in questo modo l’azionista di maggioranza di Mangwee, società costituita nel 2018 per facilitare le transazioni di mobile payment a beneficio degli studenti. “L’acquisizione di Mangwee è strategica e apre il corridoio sudafricano a Zeepay. Ciò darà accesso, tra gli altri, a Mozambico, Malawi, Angola e Namibia. Continueremo i nostri sforzi per conquistare il mercato delle rimesse da 70 miliardi di dollari in Africa e cogliere questa opportunità per distribuire i nostri prodotti”, ha commentato Andrew Takyi-Appiah, co-fondatore e Ceo di Zeepay. La decisione di investire in Mangwee fa parte della strategia di espansione di Zeepay su scala africana. Sta lavorando per espandere la propria presenza nel continente per servire meglio i propri clienti e ridurre il costo delle rimesse in Africa. All’inizio di quest’anno, Zeepay ha annunciato la sua intenzione di continuare le sue attività in Sud Africa e Rwanda, e stava cercando 10 milioni di dollari per sostenere il suo progetto di sviluppo. Nel 2020, ha elaborato 2,4 milioni di transazioni per un valore di 400 milioni di dollari in 10 mercati africani. La fintech spera di raddoppiare le sue transazioni nel corso di quest’anno. Nell’ambito di questa operazione di acquisizione, la Verdant Capital sudafricana ha agito in qualità di advisor in fusioni e acquisizioni di Zeepay. [SR]
  • Senegal Free

    Produzione in crescita grazie a settore estrattivo

    SENEGAL - La produzione industriale del Senegal è aumentata del 12,5% nei primi due mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ad affermarlo è stata l’Agenzia nazionale di statistica e demografia (Ansd), secondo la quale questa evoluzione sarebbe attribuibile alle performance registrate nei settori estrattivo (+ 52,4%) e manifatturiero (+ 6,2%). L’Ansd segnala invece che le produzioni delle industrie ambientali e quelle di energia elettrica, acqua e gas hanno registrato rispettivamente diminuzioni del 4,8% e dello 0,2%. [SR]
  • Ghana Free

    Fitch, crescita 2021 al 4,5%

    GHANA - Fitch Solutions, il dipartimento dell’agenzia di rating internazionale che si occupa della ricerca, prevede che l’economia del Ghana aumenterà il proprio valore da 62,8 miliardi di dollari a 70 miliardi entro la fine del 2021. Lo rende noto il rapporto West Africa Monitor di aprile 2021 dell’agenzia di rating. Questa crescita farà aumentare, quest’anno, il reddito pro capite da 2.020 dollari del 2020 a 2.206 dollari e lo stesso sarà per il valore di beni e servizi prodotti in Ghana, che aumenterà di 5 miliardi rispetto allo scorso anno, raggiungendo la cifra di 83,2 miliardi di dollari. Tale crescita, del 4,5% su base annua, consoliderà la posizione del Ghana come ottava conomia africana. Informazione e comunicazione, pesca e settore immobiliare sono i settori economici che dovrebbero guidare il Pil ghanese. [ASB]
  • BotswanaNigeria Free

    Access Bank cerca spazi anche in Botswana

    NIGERIA - La banca nigeriana Access Bank Plc, che il mese scorso aveva raggiunto un accordo da 60 milioni di dollari per acquisire la quota di controllo di Grobank in Sudafrica, sta cercando di consolidare la propria presenza nella regione con l’acquisizione della African Banking Corporation del Botswana (BancABC Botswana). L’istituto di credito spera di raccogliere il 30% dei profitti per quest’anno al di fuori della Nigeria, e di penetrare in almeno otto paesi africani: tra questi oltre a Sudafrica e Botswana, anche Marocco e Angola, che sono stati contrassegnati come mercati di significativa promessa. Secondo fonti di stampa nigeriana, Access Bank puntando ad acquisire il 78% delle azioni della  BancABC Botswana) attualmente in mano ad Atlas Mara, gruppo di servizi finanziari con sede nelle Isole Vergini britanniche. La transizione dovrebbe essere completata entro giugno. BancABC Botswana è la quinta banca più grande del Botswana. [MS]
  • Benin Free

    A gruppo francese contratto per elettrificazione

    BENIN - Il gruppo francese Vinci Energies ha firmato con il ministero dell’Economia e delle Finanze e con quello dell’Energia del Benin un contratto da 292 milioni di euro per la realizzazione di un sistema di infrastrutture di trasporto e distribuzione di energia elettrica. Secondo la stampa del Paese, si tratta di un contratto per la realizzazione di 500 chilometri di linee di trasmissione aeree e sotterranee di alta e altissima tensione e di oltre 1000 chilometri di reti di distribuzione di media e bassa tensione. “Saranno costruite sette stazioni di trasformazione ad altissima tensione e quattro stazioni di alta tensione saranno oggetto di lavori di ampliamento della propria capacità”, ha annunciato il gruppo francese in un comunicato stampa. Il progetto triennale riguarderà otto dei dodici dipartimenti del Benin e diverse migliaia di famiglie saranno collegate alla rete elettrica. Più di 900 persone saranno impiegate nella realizzazione del progetto che fa parte del programma di sostegno per l’elettrificazione del Benin mirando a garantire un accesso universale, sicuro e affidabile all’elettricità, sia per i cittadini che per gli insediamenti industriali. Fornirà energia alle zone di attività economiche e industriali in via di sviluppo, tra cui un aeroporto, una città amministrativa, un ospedale e nuove aree residenziali. [GT]