Sudafrica

Test rivelano anticorpi neutralizzanti HIV

Una ricerca medica in corso presso il Centro di ricerca per il programma Aids di Johannesburg ha rivelato la presenza nel corpo di due donne affette da HIV di anticorpi capaci di neutralizzare il virus efficaci all’88%.

(134 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Firmati accordi tra Eskom e produttori di carbone per...

    SUDAFRICA - Le società minerarie Exxaro e Seriti Resources hanno firmato un accordo con Eskom, finalizzato a ridurre l’impronta di carbonio dei due principali fornitori di carbone della compagnia nazionale di elettricità del Sudafrica attraverso l'uso di energia rinnovabile. La prima fase del progetto vedrà la costruzione di una serie di impianti solari fotovoltaici sia in miniera che nei siti Eskom, hanno affermato le parti in una dichiarazione congiunta. Altri progetti previsti possono includere lo stoccaggio di energia e gli impianti di energia eolica. L'amministratore delegato di Exxaro, Mxolisi Mgojo, ha affermato che l'accordo costituisce un punto di riferimento significativo nella transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio per tre dei maggiori attori del Sudafrica nel settore minerario ed energetico, mentre Mike Teke, CEO di Seriti, ha aggiunto: “Siamo molto consapevoli che la decarbonizzazione deve essere fatta in modo tale da non distruggere la nostra base industriale, o le vite dei sudafricani che si affidano alle nostre aziende per lavoro, impresa e supporto: questo è la base stessa di una transizione giusta”. Con il protocollo d'intesa, Seriti prevede di ottenere una riduzione delle emissioni di anidride carbonica fino a 350.000 tonnellate all'anno - circa la metà delle sue attuali emissioni derivanti dal consumo di energia elettrica da carbone - mentre Exxaro mira a ridurre le emissioni fino a 130.000 tonnellate all'anno nella sua miniera di carbone di Matla, per un risparmio del 70%. Exxaro e Seriti insieme forniscono a Eskom circa l'80% del suo carbone, e l'accordo mira anche a sfruttare il basso costo dell'energia solare. [CN]
  • Mozambico Free

    Credit Suisse accetta di pagare multa milionaria nel...

    MOZAMBICO - La banca con sede a Zurigo, Crédit Suisse, ha ammesso la cattiva condotta di alcuni dei suoi ex dirigenti, accettando martedì di pagare una multa di 475 milioni di dollari per "investitori fraudolentemente fuorvianti" e violazione della legge anticorruzione nelle offerte di obbligazioni fatte al Mozambico nell’ambito dello scandalo detto del debito nascosto. "La Repubblica del Mozambico accoglie con favore l'ammissione da parte del Credit Suisse alle autorità di regolamentazione... di illeciti penali", ha affermato il procuratore generale, mentre il governo mozambicano ha indicato giovedì in una dichiarazione rilasciata dagli avvocati Peters & Peters che "questo è un passo importante verso l'ottenimento di un risarcimento completo per il popolo del Mozambico". Lo scandalo del "debito nascosto" del Mozambico è derivato da prestiti per un totale di due miliardi di dollari nel 2013 e 2014 a tre società pubbliche per finanziare un progetto di pesca del tonno, debito che il governo ha nascosto al parlamento, innescando la peggiore crisi finanziaria del paese dall’indipendenza nel 1975, con alcuni donatori della comunità internazionale, come il Fondo monetario internazionale, che hanno interrotto gli aiuti finanziari. Complessivamente, Crédit Suisse sta pagando 547 milioni di dollari in sanzioni, multe e sgombero nell'ambito di risoluzioni coordinate con le autorità criminali e civili statunitensi e britanniche. Da canto suo, il governo del Mozambico ha affermato di essere impegnato - attraverso procedimenti penali a Maputo e una causa civile che sarà discussa nel Regno Unito il prossimo anno - "a consegnare i responsabili alla giustizia". Intanto il Budget Monitoring Forum (FMO) del Mozambico, un raggruppamento locale di organizzazioni della società civile, è tornato a chiedere la cancellazione dell'intero debito: "Il riconoscimento da parte di Crédit Suisse della sua responsabilità... rafforza l'equità e la legittimità della richiesta dell'FMO per la cancellazione totale dei debiti illegali", ha affermato in una nota. Nel maggio dello scorso anno, la corte costituzionale del Mozambico ha dichiarato nulli i prestiti per un valore di 1,4 miliardi di dollari su un debito di 2 miliardi di dollari. [CN]
  • Angola Free

    Operativa nella prima metà del 2022 l’unità di...

    ANGOLA - Termineranno a febbraio i lavori dell’unità industriale della pesca di Soyo, nella provincia di Zaire, secondo quanto annunciato lo scorso sabato alla stampa da Alcatir Costa, amministratore della società esecutrice del progetto, Seatag-Pesca Projecto, durante una visita ai lavori del governatore dello Zaire, Pedro Makita Armando Júlia. "Non appena saranno terminati i lavori di costruzione civile, inizieremo con l'assemblaggio e il collaudo delle attrezzature, con l'inizio delle operazioni previsto nella prima metà del 2022", ha affermato Costa, secondo il quale i lavori dell'infrastruttura ittica, di iniziativa privata, sono già completati all'80%. Il Ceo di Seatag-Pesca Projecto ha inoltre precisato che con una capacità di lavorazione di 60mila tonnellate di pesce all'anno, il sito sarà inizialmente previsto per 20 navi e genererà centinaia  posti di lavoro per i giovani della regione. Valutata a 90 milioni di dollari, l'unità industriale della pesca di Soyo, estesa su un’area di otto ettari, avrà tra le altre cose un molo per il carico e lo scarico del pesce, officine per la riparazione e la manutenzione delle barche e stazioni di rifornimento. L’infrastruttura è in costruzione da novembre 2019. [CN]
  • Madagascar Free

    Va avanti il processo di diversificazione del mix...

    MADAGASCAR - È iniziata l’inversione della tendenza del mix energetico in Madagascar con l’annuncio della prossima operatività della centrale idroelettrica da 30 MW di Farahntsana, nella regione di Analamanga, fissata entro la fine dell’anno. Lo ha affermato il ministro dell’Energia e degli Idrocarburi, Andry Ramaroson, precisando che la fase di test dell’impianto inizierà a novembre. “Correzioni e aggiustamenti potranno essere fatti dopo il test. La produzione della centrale di Farahntsana entrerà a far parte della rete interconnessa di Antananarivo e potrà risolvere il deficit di approvvigionamento”, ha dichiarato il ministro, riferendo dell’imminente avvio della procedura di dichiarazione di pubblica utilità dell’impianto. Per la centrale idroelettrica di Sahofika da 205 MW, in costruzione sul fiume orientale di Onive, a circa 100 km dalla capitale Antananarivo, il ministro ha annunciato l’arrivo previsto a novembre di una delegazione del consorzio Neho - formato dalle compagnie Eiffage, Eranove e Themis - che gestisce il progetto nell’ambito di una partnership pubblico-privata (Ppp) con il governo del Madagascar. “La trattative è sulla buona strada. E spero di giungere presto a un accordo tra le parti”, ha affermato Ramaroson. “Poi ci occuperemo di Volobe [centrale da 120MW in costruzione sul fiume Ivondro,  a 40 chilometri da Toamasina, Ndlr] e Antetezambato [sul fiume Mania, Ndlr] per l’idroelettrico. Perché per il solare e l’eolico innumerevoli propositi si manifestano ai quattro angoli del paese. Tutto ciò invertirà l’attuale trend del mix energetico, oggi dominato dalle fonti termiche”, ha concluso il ministro. [CN]
  • AngolaSudafrica Free

    Rafforzate le relazioni bilaterali con un nuovo...

    ANGOLA/SUDAFRICA - La compagnia privata sudafricana AirLink ha fatto il suo debutto sulla rotta tra Johannesburg e Luanda. Il primo volo della compagnia alla volta della capitale dell’Angola è stato inaugurato lo scorso giovedì alla presenza dell'ambasciatrice angolana in Sudafrica, Filomena Delgado. Secondo la diplomatica, le relazioni storiche tra i due paesi si rafforzano ulteriormente con l’inaugurazione di questo nuovo collegamento aereo per facilitare la mobilità e gli scambi commerciali, aumentando nel contempo le opzioni al fianco della compagnia TAAG, che mantiene il servizio Luanda-Johannesburg. In un comunicato, il presidente del comitato esecutivo di Airlink, Rodger Foster, sottolinea che l'azienda spera di contribuire alla promozione del turismo, degli affari e del trasporto delle merci tra l’Angola e il Sudafrica. Il vettore effettuerà tre voli settimanali il martedì, il giovedì e la domenica, utilizzando un aeromobile Embraer E-190 con una capacità di 98 passeggeri. Airlink vola verso più di 43 destinazioni tra il Sudafrica e l'Africa australe. Tuttavia, non disponeva fino a oggi di un collegamento per l'Angola. [CN]
  • Zimbabwe Free

    Appello al governo per fornire garanzie agli IPP

    ZIMBABWE - Gli accordi conclusi con i produttori indipendenti di energia (IPP) devono essere garantiti e i finanziamenti per la costruzione di centrali solari sbloccati. Lo ha ribadito Sydney Gata, presidente esecutiva della Zimbabwe Electricity Supply Authority (ZESA), ricordando che gli accordi con gli IPP hanno il potenziale per generare 300 megawatt di elettricità ed alleviare la crisi energetica che ostacola le attività aziendali e industriali nel paese. Secondo Gata, il segretario del ministero delle Finanze George Guvamatanga sta impiegando troppo tempo per fornire politiche favorevoli agli investitori di centrali solari, il che libererebbe i finanziamenti necessari per avviare i lavori degli impianti. L'anno scorso, il governo ha approvato centinaia di IPP, ma tutti hanno richiesto al ministero delle Finanze di fornire garanzie. L'approvvigionamento energetico è ancora insicuro in Zimbabwe, che fa affidamento sulle importazioni per compensare la differenza. Il paese prevede di aggiungere circa 2000 MW alla sua rete nazionale entro il 2030, principalmente da fonti rinnovabili e più pulite. Il più grande impianto solare in costruzione del paese è un impianto solare da 25 MW nella provincia di Matabeleland North. [CN]