Niger

Uranio, braccio di ferro tra Niamey e Areva

Un partenariato “molto squilibrato” che va rivisitato affinché il Niger possa trarre maggiori benefici dallo sfruttamento dell’uranio: il governo di Niamey ha alzato i toni nei confronti della multinazionale francese Areva, titolare da oltre 40 anni di una situazione di monopolio, fino a poco tempo fa, sull’uranio nigerino. Lo ha fatto a conclusione dell’ultimo consiglio dei ministri, in una dichiarazione pubblica nella quale ha sottolineato che gli introiti dell’uranio rappresentano il 5% del bilancio nazionale e non contribuiscono allo sviluppo del paese.

(371 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    Al via progetto europeo per promuovere occupazione ed...

    GHANA - L'Unione europea (UE) e i suoi partner per lo sviluppo hanno avviato un progetto denominato "Promuovere l'occupazione verde e le opportunità per le imprese in Ghana" (GrEEn).

    A darne notizia sono i media locali, precisando che il progetto gode di un finanziamento della Commissione europea del valore di 20,6 milioni di euro e si propone di favorire la creazione di posti di lavoro e costruire comunità resistenti ai cambiamenti climatici nella regione Occidentale e in quella di Ashanti.

    In particolare, obiettivo dell’iniziativa è riuscire a promuovere economie locali verdi, circolari e resistenti ai cambiamenti climatici contribuendo alla creazione di oltre 5000 nuovi posti di lavoro.

    Il progetto, che è implementato dall’Organizzazione olandese per lo sviluppo (SNV), si concentra su aree come il riciclaggio dei rifiuti di plastica, la produzione e distribuzione di fornelli puliti, l'orticoltura biologica e la produzione di compost supportando soprattutto micro, piccole e medie imprese locali selezionate. [MV]

  • Senegal Free

    Gara internazionale per la ristrutturazione del porto...

    SENEGAL – Un bando internazionale relativo alla ristrutturazione del porto commerciale di Ziguinchor, capoluogo della regione di Casamance, è stato pubblicato dall’Agenzia nazionale per gli Affari marittimi (Anam), per il conto del governo del Senegal. Le aziende hanno fino al 13 novembre per candidarsi. Per maggiori informazioni è disponibile il direttore dei progetti per l’Anam, Magueye Gueye, all’indirizzo di posta elettronica magueyegueye@hotmail.com Il ritiro del fascicolo del bando necessita il pagamento di 50.000 franchi Cfa tramite assegno. Nello specifico, i lavori prevedono demolizioni, rimozione di lastricato, livellazione, fornitura e posa di nuovo lasctricato, di paletti, barriere,  scale, riabilitazione delle zone d’attracco del terminal petrolifero, ristrutturazione dell’edificio di capitaneria di porto, ristrutturazione dell’edificio della gendarmeria, costruzione di locali per le forze di sicurezza, realizzazione di una recinzione, La procedura segue il codice delle gare d’appalto pubbliche. Per il progetto il governo utilizzerà fondi del programma Orio dei Paesi Bassi. [CC]
  • Nigeria Free

    Il crollo dell’economia marittima locale dietro la...

    NIGERIA - L’ondata di atti di pirateria nelle acque antistanti la Nigeria è legata al crescente numero di marittimi disoccupati e alla contemporanea insufficienza di controlli da parte delle autorità nigeriane. A sostenerlo, parlando con il giornale nigeriano Vanguard, è stato ‘ex presidente della Nigerian Shipowners Association, Isaac Jolapamo. Jolapamo ha sottolineato come solo 20 anni fa molte navi erano impiegate da operatori locali e come il loro numero nel tempo si è andato progressivamente assottigliando.  Lo stesso ha sottolineato che con il crollo della maggior parte degli operatori nigeriani questi marittimi sono diventati inattivi ed esposti a un uso negativo delle loro conoscenze usando le loro competenze nella pirateria. [MS]
  • Costa Avorio Free

    Inviato Onu chiede moderazione, N'Guessan rilancia...

    COSTA D’AVORIO – Un appello alla moderazione e a «evitare violenze e discorsi di odio» è stato lanciato ieri dal Rappresentante speciale dell’Onu per l’Africa occidentale, Ibrahim Ibn Chambas, inviato questa settimana in Costa d’Avorio. Il clima pre-elettorale verso le presidenziali del 31 ottobre prossimo si è fatto sempre più teso, in seguito alla decisione di Alassane Dramane Ouattara a candidarsi per un terzo mandato consecutivo. All’appello alla disobbedienza civile lanciato dal candidato Henri Konan Bedie, si è unito ieri un altro candidato, Pascal Affi N’Guessan del Fronte patriottico ivoriano. I grandi avversari politici di Ouattara in lizza per la gara denunciano un processo elettorale inaccettabile e chiedono il ritiro della candidatura del capo di Stato uscente. Proprio ieri, Chambas ha incontrato Bedie, leader del Pdci, per cercare di placare l’atmosfera rovente. La situazione fa temere una deriva verso la violenza e ricorda la crisi politico-militare del 2010, scatenata dalla battaglia tra Ouattara e l’allora presidente uscente, Laurent Gbagbo. [CC]
  • Nigeria Free

    Fondi della Fifa per mini stadio a Kebbi

    NIGERIA - Arriveranno direttamente dalla Fifa 1,1 milioni di dollari destinati a finanziare la costruzione di un mini stadio di calcio nello Stato nigeriano di Kebbi.  La notizia è stata riferita dal segretario generale della Federazione calcistica nigeriana, Muhammad Sanusi, secondo cui lo stadio sarà costruito a Birnin Kebbi, capitale dello Stato di Kebbi.  Lo stadio avrà una capienza di 5000 posti a sedere e dovrebbe essere completato nell’arco di sei mesi. Sanusi ha sottolineato come si tratti di una iniziativa inedita quella condotta dalla Fifa in Nigeria, che potrebbe essere replicata.  Ai fini della fattibilità del progetto, le autorità locali hanno messo a disposizione quattro ettari di terra e risarcito gli attuali proprietari. [MS]
  • Nigeria Free

    Banca centrale libera fondi per piano case popolari

    NIGERIA – Dovrebbe dare un colpo d’acceleratore al programma di realizzazione di case popolari l’autorizzazione di finanziamento della Central Bank of Nigeria (Cbn) per 517 milioni di dollari. Il Social Housing program del governo federale prevede la costruzione di 300.000 abitazioni nei 36 Stati della federazione e nel territorio della capitale. Il finanziamento verrà erogato al Family Homes Fund Limited che ne gestirà l’utilizzo, sulla base di progetti di costruzioni edilizie. Destinatari del progetto abitativo sono persone con reddito basso, circa 900.000 tra adulti e bambini, secondo il piano. La Cbn ritiene che la costruzione massiccia di case sia tra le attività economiche chiave in grado di creare un numero significativo di posti di lavoro in tempi rapidi.  In questo caso, si parla di 1,5 milioni di potenziali opportunità lavorative. [CC]