Gibuti

Aerei ricognitori russi contro la pirateria

La Russia ha chiesto alla Francia l’autorizzazione per dispiegare nella sua base aerea a Gibuti due aerei ricognitori in modo da utilizzarli nella missione internazionale per il contrasto della pirateria nelle acque al largo della Somalia.

(162 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Sierra LeoneUganda Free

    Presto sarà attiva una mini rete solare per le comunit...

    UGANDA/SIERRA LEONE - Un progetto di mini rete solare da 16 milioni di dollari sarà completato entro i prossimi 12 mesi. Lo ha annunciato lo sviluppatore del progetto, Winch Energy Limited, che, con questo progetto implementato in partnership con NEoT Africa - istituto di finanziamento di progetti di rinnovabili fondato da Meridiam, Edf e Mitsubishi Corporation -, intende fornire alle comunità remote energia pulita e conveniente e l'accesso ai servizi essenziali. “Siamo entusiasti di aver ottenuto i finanziamenti per i nostri progetti in Sierra Leone e Uganda attraverso la creazione di questa nuova piattaforma, Winch Energy IPP Holdings, con i nostri partner di NEoT Africa. Questa piattaforma ci consentirà di aumentare rapidamente le operazioni in Africa”, ha commentato il Ceo di Winch Energy Limited, Nicholas Wrigley, aggiungendo che “questo accordo non solo apre il futuro a Winch Energy come leader nelle energie rinnovabili off-grid su larga scala, ma stimola anche la crescita economica e migliora l'istruzione e la fornitura di assistenza sanitaria nelle comunità remote”.  Questa fase del progetto di mini-rete solare avrà la capacità di connettere più di 6500 utenti tra l’Uganda e la Sierra Leone. I siti, situati nel distretto settentrionale di Lamwo, in Uganda, e nei distretti di Tonkolili, Koinadugu e Bombali, in Sierra Leone, forniranno per la prima volta energia pulita a oltre 60.000 persone senza accesso alla rete nazionale. Attraverso il progetto verranno installate anche altre 6000 batterie portatili per fornire elettricità pulita alle persone rimaste al di fuori del bacino di utenza della mini rete. Oltre all'accesso all'energia, il progetto fornirà anche Internet alle comunità attraverso partnership con operatori di telecomunicazioni locali in entrambi i paesi.  Con la creazione della piattaforma Winch IPP Holdings Limited, Winch Energy e NEoT  prevedono di espandere le proprie operazioni in altri paesi, con l'ambizione di raggiungere circa 100 milioni di dollari di progetti operativi nei prossimi 24 mesi. I principali contraenti dell'operazione sono Winch Energy Italy SRL e Sagemcom.  Winch Energy gestisce già 13 siti nel Nord della Sierra Leone, completati durante una fase precedente del progetto. Winch alimenta anche comunità remote in Benin, Mauritania e Angola, e sta implementando un progetto per fornire energia a 20.000 residenti a Bunjako, sul lago Vittoria, in Uganda, che dovrebbe essere pienamente operativo entro marzo 2021. [CN]
  • Burundi Free

    Grazia per ridurre sovraffollamento carcerario

    BURUNDI - Il presidente Evariste Ndayishimiye si accinge a offrire la grazia a 5255 detenuti nell'ambito di un provvedimento per svuotare le carceri del Burundi.

    A renderlo noto è stata la sezione burundese della ong internazionale Action by Christians for the Abolition of Torture (ACAT), precisando che si tratta del 40% del totale della popolazione carceraria del Paese.

    Secondo i dati a disposizione le carceri del Burundi hanno una capacità per 4100 detenuti.

    Nel decreto, il presidente Evariste Ndayishimiye si è detto "convinto che sia necessaria una misura eccezionale di clemenza per decongestionare le carceri e migliorare le condizioni di detenzione".

    I detenuti che saranno graziati sono coloro che scontano pene fino a cinque anni, con alcune eccezioni come la partecipazione a un gruppo armato o la minaccia alla sicurezza nazionale. Saranno inoltre liberati anche i condannati per corruzione, a condizione che restituiscano i fondi sottratti, nonché i danni e gli interessi ordinati dai tribunali.

    Critiche al provvedimento sono giunte da esponenti dell'opposizione  burundese, che hanno sottolineato come i criteri escludano molti dei prigionieri politici arrestati dall'inizio della crisi che dal 2015 segna la scena politica nazionale.

  • KenyaSomalia Free

    Disputa frontaliera, si avvicina discussione del caso

    KENYA / SOMALIA - Una delegazione somala è arrivata all’Aia, nei Paesi Bassi, per la discussione della disputa sulle aree marine con il vicino Kenya, che inizierà lunedì 15 davanti alla Corte internazionale di giustizia. 

    Il team, secondo quanto riportato dalla stampa somala, è guidato dal vice primo ministro Mahdi Guled ed è composto dal procuratore generale Suleiman Mohamud, dal suo predecessore Ahmed Dahir e dall’ambasciatore Yusuf Garad.

    La squadra ha già ottenuto un successo importante nel far proseguire la discussione del caso. Per tre volte, infatti, il tribunale ha rinviato il caso a seguito delle richieste del Kenya. Tuttavia, la richiesta più recente è stata respinta e i magistrati hanno fissato la prima udienza lunedì 15. Parte del procedimento si svolgerà di persona in tribunale e parte in videoconferenza.

    I due Paesi sono coinvolti in una controversia sul confine marittimo dell’Oceano Indiano iniziata nel 2014. Gli sforzi per ottenere una risoluzione extragiudiziale si sono bloccati dopo che la Somalia ha insistito sul fatto che il caso sarebbe stato meglio discusso in un tribunale. [EC]

  • Sudan Free

    Fmi elogia le politiche economiche di Khartoum

    SUDAN - Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha dichiarato, in una nota, che il Sudan sembra portare avanti le riforme economiche chieste dallo stesso Fondo e quindi starebbe procedendo nella giusta direzione per ottenere la cancellazione del suo debito. “Le autorità sudanesi hanno compiuto progressi tangibili nel loro programma di riforme sostenuto dall’Fmi nonostante le difficili condizioni economiche aggravate dalla pandemia covid-19 e una difficile situazione umanitaria”, ha dichiarato l’Fmi. Il Fmi ha particolarmente elogiato la decisione del Sudan di svalutare la propria moneta. “La recente unificazione del tasso di cambio, la rimozione dei sussidi per il carburante, le misure fiscali adottate come parte del bilancio 2021 e l’aumento delle tariffe elettriche ridurranno le distorsioni nell’economia e faciliteranno il consolidamento fiscale” ha affermato l’organismo finanziario internazionale. Ciò dovrebbe ridurre la monetizzazione, contribuire ad abbassare l’attuale alto tasso di inflazione e creare spazio fiscale per la tanto necessaria spesa sociale. Tali misure, secondo il Fondo dovrebbero anche aumentare l’indipendenza della Banca centrale riducendo il predominio fiscale e incentivare i flussi finanziari attraverso il sistema finanziario. Tuttavia, il Fmi ha esortato Khartoum ad accelerare il ritmo delle riforme e lo ha invitato a intraprendere misure per migliorare la trasparenza in relazione alle società di proprietà statale, istituendo una commissione anti-innesto e adottando la legge sulla Banca centrale. L’organizzazione con sede a Washington ha riconosciuto “la difficile transizione” in corso in Sudan e ha sottolineato che quest’ultimo avrà bisogno di “una significativa assistenza finanziaria” da parte dei donatori per incentivare le riforme. La Francia ospiterà una conferenza ad alto livello per gli investimenti in Sudan il prossimo maggio che affronterà anche il suo debito di 60 miliardi di dollari. [EC]
  • Kenya Free

    Spostate passerelle pedonali per fare spazio alla nuova...

    KENYA - Quattro passerelle pedonali verranno demolite e trasferite in nuovi siti della capitale per aprire la strada alla nuova Nairobi Expressway, attualmente in costruzione. Le prime due passerelle sono situate nei quartieri di Mlolongo e Imara Daima, vicino a Libra House, lungo la prima autostrada a due livelli del Kenya, mentre le altre due si trovano sull’Enterprise Road e nell’area di Westlands. “Si tratta di un’operazione normale nella costruzione di stade”, ha dichiarato Peter Mundinia, direttore generale della Kenya National Highways Authority (Kenha), precisando che la passerella di Mlolongo sarà trasferita nell’area del mercato Mulley, fuori dall'aeroporto North Road, mentre la passerella di Imara Daima sarà trasferita sulla Tecla Lorupe Road. “La passerella della General Motors verrà spostata in una nuova posizione sempre sull’Enterprise Road, mentre la passerella della chiesa di San Marco sarà trasferita a Dunhill Towers, lungo la Waiyaki Way”, ha ancora indicato Mundinia, prima di aggiungere che “le passerelle che stiamo demolendo sono in acciaio. Ciò significa che non getteremo tra i rifiuti le parti demolite”. I quattro ponti pedonali costruiti sulla strada di 27,1 km che collega l'aeroporto internazionale Jomo Kenyatta all'autostrada Nairobi-Nakuru sono stati edificati tra il 2009 e il 2015 per un costo di 3,5 milioni di dollari. Il progetto triennale Nairobi Expressway, lanciato nell'ottobre del 2020, dovrebbe alleviare l’intenso traffico su Mombasa Road, Uhuru Highway e Waiyaki Way. [CN]
  • Etiopia Free

    Accordo con Comesa per migliorare gestione frontiere

    ETIOPIA - Il governo di Addis Abeba ha siglato un accordo con il Mercato comune dell’Africa orientale e meridionale (Comesa) per migliorare la gestione coordinata delle frontiere, il commercio e i trasporti dei posti di frontiera di Moyale e Galafi. A riportarlo sono i media locali, dai quali si apprende che l'intesa prevede un finanziamento del valore di 5,6 milioni di euro. I posti di frontiera di Moyale, nella regione dei Somali, e Galafi, nella regione di Afar, collegano l’Etiopia rispettivamente al Kenya e a Gibuti. Il progetto aiuterà l’Etiopia a migliorare il servizio, ad aumentare la connettività tra agenzie doganali e a migliorare la connettività tra i sistemi doganali. Il progetto è finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Comesa Trade Facilitation Program. Il ministro del Commercio e dell’industria dell’Etiopia, ambasciatore Mesganu Arga, e il segretario generale del Comesa, Chileshe Kapwepwe hanno firmato separatamente l’intesa. [EC]