Senegal

Arricchimento illecito, indagati ex ministri

Cinque ex ministri, tra cui Karim Wade, figlio dell’ex presidente Abdoulaye, e due ex direttori pubblici sono al centro di un’indagine della Corte per la repressione degli atti di arricchimento illecito e sono convocati per interrogatori presso la gendarmeria nazionale.

(112 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    Economia in ripresa

    GHANA - L’economia del Ghana ha registrato un tasso di crescita del 3,1% su base annua nel primo trimestre del 2021 rispetto al 7% nello stesso periodo dello scorso anno. Lo riferisce l’agenzia nazionale Gna. Il tasso di crescita del Pil non petrolifero per il primo trimestre del 2021 è del 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2020 con un tasso di crescita del 7,9%. Il settore Agricoltura ha registrato la crescita più elevata (4,3%) ed è stato seguito dal settore dei servizi (4%). Anche il settore dell’Industria è cresciuto anche se solo dell’1,3%. Il settore dei servizi è stato il più grande settore dell’economia ghanese nel primo trimestre del 2021 con una quota del 53% del Pil a prezzi base. La quota del Pil dell’industria e dell’agricoltura era rispettivamente del 25% e del 22%.  [SR]
  • Nigeria Free

    Stretta del governo sui media on line

    NIGERIA - Il ministro nigeriano dell’Informazione e della Cultura, Lai Mohammed, ha chiesto alla Camera dei Rappresentanti di mettere tutte le trasmissioni via Internet sotto il controllo della Nigerian Broadcasting Commission (Nbc), che è l’autorità di regolamentazione delle trasmissioni della Repubblica Federale della Nigeria. La richiesta era contenuta nella sua presentazione di un disegno di legge volto a modificare il Nigerian Broadcasting Commission Act. Mohammed ha affermato che tutti gli enti di trasmissione online e Internet dovrebbero essere inclusi nella sezione due del disegno di legge. La sezione 2 riguarda il conferimento alla Nbc dei poteri per “ricevere, elaborare e prendere in considerazione le domande per l’istituzione, la proprietà di stazioni radiofoniche e televisive” e anche dei siti internet e dei media on line. Il disegno di legge, se approvato con la raccomandazione di Mohammed, fisserà il principio secondo cui testate online e social network dovranno tutti ottenere l’approvazione dalla Nbc prima di operare Il direttore esecutivo dell’Institute of Media and Societies, Akin Akingbulu, ha espresso la sua contrarietà all’inclusione di piattaforme digitali online, affermando che essa soffocherebbe ulteriormente lo spazio civico. “L’inclusione di quanto segue tra le categorie di licenze dei servizi di trasmissione sarà dannosa per lo spazio civico, la libertà di espressione e la libertà dei media in Nigeria”, ha affermato. La proposta di Mohammed sta destando molta preoccupazione nel Paese. Il governo ha recentemente avviato il processo di regolamentazione delle piattaforme di social media dopo aver bandito Twitter, due giorni dopo che il sito di microblogging ha cancellato un controverso tweet del presidente Muhammadu Buhari. Il governo ha accusato la piattaforma di social media di permettersi di essere utilizzata contro l’interesse della Nigeria, affermando che parte delle condizioni per annullare il divieto è che deve determinare ciò che i nigeriani possono pubblicare sulla piattaforma di social media. Da allora il governo ha chiesto a tutte le piattaforme di social media di registrarsi presso la Nbc e ha ordinato a tutte le emittenti di smettere di usare Twitter. [SR]
  • Africa Occidentale Free

    Fondi da Banca mondiale per accesso elettricità

    AFRICA OCCIDENTALE - La Banca Mondiale ha approvato un finanziamento di 465 milioni di dollari per migliorare l’accesso all’elettricità nei Paesi della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas). A garantire i fondi l’International Development Association (IDA) nell’ambito del progetto regionale per l’accesso alle tecnologie di accumulo di energia elettrica e batteria. Il progetto dovrebbe estendere l’accesso alla rete elettrica a più di un milione di persone e aumentare la stabilità del sistema elettrico per altri 3,5 milioni di persone. Inoltre aumenterà l’integrazione delle energie rinnovabili nel sistema WAPP (West African Electric Power Exchange). Secondo la Banca Mondiale, il progetto BEST estenderà l’elettrificazione alle aree rurali della Mauritania, mentre in Costa d’Avorio, Niger e Mali l’iniziativa finanzierà attrezzature di stoccaggio per migliorare la stabilità della rete elettrica regionale. [GT]
  • Liberia Free

    Blocchi offshore, Monrovia opta per negoziati diretti

    LIBERIA - L'Autorità liberiana di regolamentazione del settore petrolifero (LPRA) ha deciso di interrompere l'asta avviata l'anno scorso per assegnare le licenze esplorative in 33 blocchi offshore e procedere attraverso negoziati diretti con le compagnie petrolifere interessate.

    A darne notizia sono i media specializzati, dai quali si apprende che la procedura riguarda i blocchi da LB-1 a LB-33 nei bacini offshore di Harper e Liberia. 

    Il processo di negoziazione diretta durerà fino al 31 maggio 2022. Le società di esplorazione possono manifestare interesse a qualsiasi concessione e le domande saranno trattate in esclusiva.

    Il processo in cinque fasi include la prequalifica, come descritto nel pacchetto informativo sul sito internet della LPRA www.lpra.gov.lr che notificherà ai richiedenti il completamento con successo di ogni fase e le approvazioni necessarie per passare alla fase successiva, che culminerà nelle negoziazioni per un accordo di condivisione del petrolio.

    Secondo le stime preliminari, i blocchi in offerta potrebbero contenere riserve di petrolio per oltre 1000 miliardi di barili. [MV]

  • Senegal Free

    Nuovo aeroporto Matam, Macky Sall dà il via ai lavori

    SENEGAL - Il presidente del Senegal Macky Sall, impegnato in un tour economico nel nord del Paese, ha dato il via ieri ai lavori per la realizzazione dell’aeroporto regionale di Matam. Secondo quel che viene riportato dai media che ne danno notizia, questo progetto contribuirà a rendere l’area più accessibile sul piano logistico, collegandola alle altre regioni del Paese, e ne promuoverà anche la spinta economica. Il consiglio dei ministri del Senegal si è tenuto ieri eccezionalmente in trasferta a Matam e il Capo dello Stato ha convalidato in questa occasione il Programma complessivo di sviluppo per la regione, che prevede investimenti per 450 miliardi di franchi cfa, equivalenti a circa 690 milioni di euro. [SR]
  • Nigeria Free

    Impegno Usaid per gestione finanziaria più trasparente

    NIGERIA - L’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (Usaid) sta collaborando con il governo federale di Abuja per arrivare a un sistema di gestione finanziaria trasparente nei 36 stati della Nigeria. A renderlo noto è stata la stessa agenzia statunitense, precisando che la collaborazione si svolge attraverso il progetto Accountability, Transparency and Effectiveness (chiamato anche State2State). Secondo le informazioni rese note, sono stati individuati sei stati pilota per il progetto: Akwa Ibom, Adamawa, Bauchi, Ebonyi, Gombe, Sokoto. L’obiettivo del progetto è consentire agli stati della federazione di gestire sistemi finanziari responsabiliper fornire servizi di qualità nell’istruzione di base, nella sanità e in altri settori prioritari. [SR]