Uganda

Kampala chiede prestito a fondo del Kuwait

È stata approvata dal Parlamento di Kampala la richiesta di prendere un prestito dal Fondo del Kuwait per lo sviluppo economico arabo (Kfaed) per finanziare la ricostruzione e la formazione professionale.

(118 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Rwanda Free

    Fondi dal settore privato per la gestione della...

    RWANDA - Circa  560.400 euro: questo l’importo che la Federazione del settore privato (Psf) intende raccogliere dai suoi membri e investire nel progetto quinquennale "Sustainable Management of Single-Use Plastics" per sostenere la gestione della plastica monouso e combattere l'inquinamento dalla plastica in Rwanda, secondo la partnership siglata con l’agenzia governativa Rwanda Environment Management Authority (Rema). Nell’ambito di questa partnership, il finanziamento del Psf migliorerà la raccolta, la lavorazione e il riciclaggio della plastica monouso in Rwanda, mentre la Rema fornirà supporto tecnico al progetto e intensificherà la consapevolezza collettiva sulla gestione della plastica monouso.  Nel 2019, il paese ha promulgato la legge 17/2019 sul divieto di produzione, importazione, uso e vendita di sacchetti di plastica e articoli di plastica monouso. Le aziende hanno tempo fino a settembre 2021 per interrompere la fornitura o la vendita di plastica monouso nel paese, sotto pena di sanzioni (circa 4900 euro per le aziende e circa 40,9 euro per i cittadini privati). [CN]
  • Etiopia Free

    Avviata costruzione diga su affluente del Nilo Azzurro

    ETIOPIA - Oltre 230 milioni di dollari: questo il costo della diga la cui costruzione è stata avviato sul fiume Didessa, affluente del Nilo Azzurro, e che sarà interamente finanziato dal governo federale dell’Etiopia. I lavori sono stati recentemente inaugurati dal governo dello Stato regionale dell’Oromia alla presenza di Sileshi Bekele, ministro federale dell'Acqua, Irrigazione e Energia. Il governo etiope stima che la futura diga fornirà acqua per il ripristino di almeno 14.500 ettari di terreno coltivabile, a beneficio di 58.000 famiglie di agricoltori in Oromia. La diga, che sarà costruita da Oromia Water Works Construction Enterprise a Gida Ayana Woreda, nell’area di Welega East, sarà operativa tra tre anni con una capacità di immagazzinamento di 1,3 miliardi di m3 di acqua.  La diga influenzerà nuovamente il flusso del Nilo, aggiungendosi alle preoccupazioni di altri paesi dipendenti dal fiume più lungo dell'Africa, in particolare Egitto e Sudan. Questi paesi sono già ai ferri corti con l'Etiopia nell’ambito della questione del Diga del Rinascimento, per la risoluzione della quale sono finora fallite tutte le iniziative diplomatiche. Ultimamente, l’Etiopia ha ribadito la volontà di iniziare la seconda fase di riempimento della diga durante la prossima stagione delle piogge (luglio-agosto) allo scopo di generare 6450 MW di elettricità, nonostante le raccomandazioni contrarie della Lega Araba, che intende portare la questione al Consiglio di Sicurezza dell'Onu. [CN]
  • Sudan Free

    Manifestazione d'interesse per introdurre rinnovabili

    SUDAN - La compagnia elettrica sudanese SEHC ha pubblicato una richiesta di manifestazione d'interesse per realizzare una strategia complessiva volta a introdurre la generazione di energia da fonti rinnovabili e integrarla nella rete nazionale.

    Lo ha reso noto la stessa SEHC pubblicando un annuncio sui quotidiani sudanesi, precisando di soggetti privati interessati a sviluppare, finanziare, costruire, gestire e impianti fotovoltaici ed eolici in qualità di produttori indipendenti in diverse regioni del Paese. 

    La procedura, che seguirà le disposizioni previste dalla legge sudanese sui partenariati pubblico-privati, si svolgerà in due stadi: una fase di prequalificazione e una seconda fase a cui parteciperanno i soggetti prequalificatisi per definire le proposte.

    A questo scopo, la SEHC ha invitato tutti i soggetti interessati a inviare una lettera di espressione d'interesse entro e non oltre il 1° luglio 2021 all'indirizzo investment@sehc.sd. Per maggiori informazioni, cliccare qui.

  • Etiopia Free

    Al via lavori per espansione interporto di Modjo

    ETIOPIA - L'impresa di costruzioni cinese, China Civil Engineering Construction Corporation (CCECC), ha lanciato ieri i lavori per l'espansione dell’interporto di Modjo, situato a circa 70 km dalla capitale dell'Etiopia, Addis Abeba. 

    A segnalarlo sono i media locali, dai quali si apprende che i lavori prevedono investimenti per un valore pari a 110 milioni di dollari.

    Secondo le informazioni rese note, il progetto di ampliamento prevede la costruzione di sei magazzini, diverse opere stradali e stradali, edifici polifunzionali e varie strutture operative.

    "Aumentare la nostra capacità logistica renderà l'Etiopia una destinazione prospera e preferibile per l'afflusso di investimenti", ha detto il ministro dei Trasporti Dagmawit Moges, sottolineando il ruolo di facilitatore del trasporto e della logistica tra l'entroterra etiope e i porti del vicino Gibuti dell'interporto di Modjo, che è uno degli otto porti interni operativi in Etiopia insieme a Qality, Semera, Meqelle, Dire Dawa, Gelan e Kombolcha e Woreta. Insieme, queste infrastrutture hanno una capacità di gestione di 22.000 container. [MV]

  • Burundi Free

    Fondi britannici per il progetto idroelettrico di...

    BURUNDI - Un prestito di un milione di dollari è stato appena concesso dalla Renewable Energy Performance Platform (Repp), meccanismo finanziato dal governo britannico, a Hydroneo East Africa che sviluppa la realizzazione del progetto idroelettrico di Mpanda, nella provincia nord-occidentale di Bubanza, in Burundi. Lo ha annunciato la società francese che ha bisogno di 43,5 milioni di dollari per costruire l’impianto e prevede di raggiungere la chiusura finanziaria del suo progetto nel 2022, per avviare i lavori che dureranno tra i 12 ei 18 mesi. Il progetto “è stato concepito per aiutare a realizzare il piano di sviluppo nazionale del Burundi con la costruzione di strutture sanitarie ed educative. È un primo passo nella nostra partnership a lungo termine con il governo del Burundi. Siamo lieti di unire le forze con Repp e i nostri partner locali per soddisfare le crescenti esigenze delle famiglie e delle imprese del Burundi", afferma Samuel Zekri, CEO di Hydroneo. A differenza delle centrali idroelettriche convenzionali che si basano su un serbatoio per funzionare, il futuro impianto ad acqua fluente sfrutterà le rapide del fiume Mpanda e avrà una capacità di 10,2 MW. La centrale idroelettrica di Mpanda fornirà il 10% dell'elettricità all'ente idrico ed elettrico del Burundi (Regideso). Poiché la domanda di energia elettrica del Burundi ha raggiunto i 100 MW nel 2020, il governo sta raddoppiando gli sforzi per aumentare la capacità installata del paese e nell’aprile scorso, ha convalidato il progetto per costruire due centrali idroelettriche sui fiumi Mulembwe e Ruvyironza per iniettare 10,65 MW aggiuntivi nella rete elettrica nazionale. [CN]
  • R.D. CongoUganda Free

    Al via lavori per strade volte a favorire commercio...

    RD CONGO / UGANDA - Il presidente ugandese Yoweri Museveni e il suo omologo congolese Felix Tshisekedi hanno dato ufficialmente il via alla costruzione di strade chiave volte a migliorare il commercio tra i due Paesi vicini.

    Lo riportano i media locali, dai quali si apprende che la cerimonia d'inizio dei lavori si è svolta al Mpondwe Bridge, che collega il posto di confine di Mpondwe nel distretto occidentale di Kasese in Uganda e Kasindi nella provincia del Nord Kivu in Repubblica democratica del Congo.

    Secondo i due capi di Stato, le strade in costruzione per un totale di 223 nuovi chilometri porteranno un enorme cambiamento allo sviluppo socio-economico dei due Paesi, facilitando il commercio e la circolazione di persone, beni e servizi tra i due Paesi. [MV]