Sudafrica

Scontri tra operai agricoli e polizia, una vittima

Una persona è morta durante le manifestazioni promosse ieri nella regione vinicola vicino a Città del Capo dai lavoratori agricoli che chiedevano un adeguamento dei propri salari. Secondo i media sudafricani, le forze di polizia hanno cercato di disperdere con la forza i manifestanti che da una settimana cercano di bloccare le strade di accesso ai vigneti della regione. Alla base della protesta è la richiesta degli operai agricoli di raddoppiare le proprie paghe giornaliera a 150 rand (pari a circa 13 euro). La protesta degli operai agricoli è l'ultima nella serie di manifestazioni promosse dai lavoratori in Sudafrica, dopo i minatori e gli autotrasportatori, per chiedere un aumento delle condizioni salariali adeguato allo sviluppo economico vissuto dal paese nell'ultimo decennio. Le circostanze che hanno portato alla morte del manifestante ieri a Wolseley, nella provincia di Western Cape, sono ora oggetto di un'indagine indipendente commissionata dalla polizia, ma secondo fonti citate dai quotidiani locali l'uomo sarebbe deceduto dopo essere stato colpito da un proiettile di gomma sparato dalla polizia, mentre altri cinque manifestanti sono stati feriti. [MV]© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Eskom cerca di ringiovanire la vecchia centrale...

    SUDAFRICA - Sono almeno 15 le "aree per ulteriori miglioramenti" che la compagnia nazionale sudafricana Eskom dovrà approfondire nel suo progetto di ristrutturazione della centrale nucleare di Koeberg - l’unica in Africa - per portarla agli standard di sicurezza globali. L'elenco è contenuto in un rapporto di valutazione compilato dall'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) dopo una visita di una settimana all'inizio di quest'anno alla centrale nucleare, situata a Cape Town, e il cui riassunto esecutivo è stato pubblicato negli scorsi giorni sul sito web dell'agenzia. Eskom, per conto suo, ha affermato di aver accolto favorevolmente il rapporto in quanto non ha mostrato nuovi risultati significativi e ha confermato i progressi compiuti fino ad oggi. “Eskom vede il rapporto come una conferma dell'applicazione del focus corretto. Il rapporto funge da rinforzo internazionale ed esperto, nonché da riconoscimento del lavoro già completato", ha affermato Eskom. “Tutte le azioni in corso così come le azioni nuove o aggiornate derivanti dal rapporto sono programmate e saranno tracciate fino al completamento. Quelli che devono essere completati prima che la centrale di Koeberg entri in funzione a lungo termine saranno completati prima di giugno 2024", ha aggiunto la società. L’obiettivo di Eskom è quello di estendere di altri 20 anni - fino al 2045 - il funzionamento a lungo termine (LTO) delle due unità dell'impianto oltre la durata della licenza originale di 40 anni, la cui scadenza è prevista  a luglio 2024. [CN]
  • Angola Free

    Nuovo sportello digitale al porto di Lobito

    ANGOLA - Da qualche giorno, Lobito dispone di uno Sportello unico portuale, una piattaforma digitale lanciata con l'obiettivo di velocizzare l'attività commerciale e puntare a facilitare l'elaborazione dei processi in quell'unità del settore Trasporti. Il coordinatore del progetto, Massoxi Bernardo, ha annunciato al Consiglio di amministrazione l'inizio delle operazioni sulla piattaforma, nell'ambito del programma di trasformazione digitale del settore Portuale e Logistico in corso in Angola. Tra le altre cose, la piattaforma consente di aumentare il flusso di informazioni con gli agenti economici operanti nel settore nonché una completa tracciabilità delle merci. La piattaforma digitale di Porto do Lobito, ha aggiunto Massoxi Bernardo, presenta numerosi vantaggi per il Centro-Sud, oltre a semplificare e dematerializzare processi e procedure, riducendo tempi e costi di carico e scarico merci. "Siamo sulla strada giusta per consolidare la nostra posizione in Angola e nel mondo", gli ha risposto il presidente del Consiglio di amministrazione di Porto do Lobito, Celso Rosas. [CN]
  • Zambia Free

    A novembre a Lusaka la Conferenza internazionale sulle...

    ZAMBIA - Lusaka ospiterà la 10ª edizione della Zambia International Mining and Energy Conference and Exhibition (ZIMEC 2022) dall'1 al 3 novembre 2022. Da nove anni, AME Trade, il governo dello Zambia e la Camera delle Miniere si impegnano per migliorare le industrie minerarie ed energetiche, riunendo tutte le parti interessate alla ZIMEC. I relatori all’incontro forniranno gli ultimi aggiornamenti sul settore e discuteranno le sfide e le opportunità attuali nel campo dell'industria mineraria ed energetica in Zambia e nei Paesi limitrofi.  L’edizione di quest’anno si svolgerà con il tema: "La sinergia tra attività mineraria ed energia: Sviluppare energia sostenibile sufficiente a soddisfare gli obiettivi di produzione mineraria dello Zambia".  La 10a edizione della ZIMEC si propone di evidenziare le nuove opportunità e di fornire una piattaforma per la creazione di reti tra operatori del settore pubblico e privato. Per ulteriori informazioni, clicca qui.
  • Sudafrica Free

    Fondi franco-tedeschi per abbandonare il carbone

    SUDAFRICA - La Germania e la Francia stanno discutendo con il Sudafrica stanziamenti per circa 600 milioni di euro destinati ad aiutare il Paese ad abbandonare l’uso del carbone. I prestiti, riferisce Bloomberg, potrebbero costituire la prima parte degli 8,5 miliardi di dollari di finanziamenti offerti al Paese durante il vertice mondiale sul clima dello scorso novembre. Il denaro servirà a soddisfare le esigenze di finanziamento della società elettrica nazionale, la Eskom, che si sta preparando a chiudere alcune delle sue centrali a carbone per destinarle alla produzione di energia verde. La Germania è in trattativa con il Sudafrica per un “prestito promozionale” di 300 milioni di euro, “parte di un impegno più ampio del valore di 700 milioni di euro”, ha dichiarato l’ambasciata tedesca a Johannesburg in risposta a una domanda. La Francia sta lavorando attraverso l’Agence Francaise de Developpment, la sua banca statale per lo sviluppo, insieme alla sua omologa tedesca, la KfW, per fornire un prestito simile, ha detto l’ambasciata francese in Sudafrica. La Francia intende fare un annuncio pubblico in occasione della Cop27 in Egitto a novembre, ha dichiarato l’ambasciata. [MS]
  • Africa Australe Free

    FAO e SADC lanciano un sistema di gestione delle...

    AFRICA AUSTRALE - L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO), in collaborazione con la Comunità per lo Sviluppo dell'Africa australe (SADC), ha lanciato il Sistema di Gestione delle Informazioni Agricole della SADC, una piattaforma per la generazione di dati agricoli specifici alla regione. La piattaforma AIMS è stata sviluppata nell'ambito del progetto finanziato dall'Unione Europea (UE) "Support to the Operationalisation of the SADC Regional Agricultural Policy" (STOSAR).  Lo sviluppo dell'AIMS nasce dal fatto che dati inaffidabili e non armonizzati nel settore agricolo dell'Africa australe si sono rivelati un ostacolo per i decisori politici, causando notevoli ritardi nei processi di pianificazione per l'attuazione di risposte regionali ben coordinate per contenere le minacce che includono parassiti e malattie transfrontaliere.  In un comunicato stampa, il coordinatore subregionale della FAO per l'Africa australe, Patrice Talla, ha spiegato che l'AIMS della SADC è un sistema integrato e multilingue che fornisce ai responsabili politici l'accesso a dati affidabili e tempestivi su cui basare le politiche, l'allocazione delle risorse e gli interventi di emergenza. Ha aggiunto che l'applicazione fornirà agli Stati membri della SADC gli strumenti standardizzati necessari per produrre e diffondere informazioni statistiche comparabili per informare le politiche della SADC.  Secondo la nota, “la piattaforma AIMS fornisce anche le informazioni necessarie per monitorare i progressi compiuti verso il raggiungimento degli obiettivi di sicurezza alimentare e nutrizionale e gli impegni assunti nelle principali politiche di sviluppo, come il Piano di sviluppo strategico indicativo regionale (RISDP) 2020-2030, il Programma globale di sviluppo agricolo dell'Africa (CAADP) e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDGs)".   Grazie alla componente AIMS del Progetto STOSAR, tutti i 16 Stati membri della SADC hanno sviluppato le loro capacità di armonizzare i dati, in modo da poter immettere regolarmente i dati nel sistema. Per il coordinamento e la governance a livello nazionale e regionale, sono stati inoltre istituiti dei comitati tecnici AIMS.  [CN]
  • Mozambico Free

    Il settore privato promuove partnership con università

    MOZAMBICO - Le aziende del Mozambico lamentano da tempo la mancanza di competenze che hanno i professionisti che hanno lasciato l’università, non soddisfacendo i requisiti del mercato del lavoro. È quanto emerso dal dibattito svoltosi negli scorsi giorni durante il Workshop promosso dal progetto +Emprego. Nell’incontro, imprenditori e Governo si sono confrontati su temi legati all'occupabilità e all'imprenditorialità, dove hanno sostenuto la necessità di stabilire partnership tra università e aziende per produrre migliori professionisti. “Una delle accuse che ci pesa e che riconosciamo è la qualità del professionista che offriamo al mercato. Tutte le aziende in Mozambico affermano che i professionisti che provengono dall'istruzione superiore non hanno competenze sufficienti per essere assorbiti dalle aziende", ha rivelato Rodrigues Fazenda, coordinatore in Mozambico del Forum lusofono dell'economia e della gestione, dopo aver sottolineato che "le università, sia pubbliche che private, devono stabilire partnership con le aziende, al fine di preparare gli studenti al mercato". Per la direttrice dei Servizi centrali presso l'Istituto nazionale per l'impiego, Sandra Alfeu, “la sfida principale in termini di occupazione in Mozambico è trovare il lavoro giusto per il profilo dei giovani mozambicani, poiché molti di loro hanno un profilo che non interessa le aziende”. Per il vicepresidente del Dipartimento per lo sviluppo delle capacità locali di CTA (Confederazione delle Associazioni economiche), Bercencio Vilanculos, “la certificazione è il tallone d'Achille per le piccole e medie imprese. Pertanto, è lì che, come organizzazione, e insieme ad altri partner, abbiamo lanciato il progetto PRONACER, in cui sono state selezionate 20 aziende per la certificazione. E un'altra sfida che affrontiamo è l'informazione sulle opportunità di business con le multinazionali”. [CN]