Kenya

Progetto per costruire deposito di gas liquefatto

Accesso Completo, Africa Orientale, Kenya La società elettrica nazionale KenGen ha reso noto di voler costruire un impianto per l'importazione ed il deposito di gas naturale del valore di circa 250 milioni di euro nei pressi della città portuale di Mombasa. L'impianto, che servirà per rifornire la centrale a gas in costruzione nell'area di Dongo Kundu i cui lavori dovrebbero essere completati entro la fine del 2015, rientra nella strategia del governo di Nairobi di aumentare la produzione elettrica nazionale. Secondo un portavoce della KenGen, la società sta lavorando alla stesura di un bando di gara internazionale per affidare i lavori dell'impianto di deposito, che dovrebbe essere pronto all'uso nel 2016. Il progetto, in base a quanto anticipato dai media keniani, sarà finanziato da una joint-venture tra settore pubblico e privato. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Uganda Free

    Partnership tra Coca-Cola e DHL per promuovere il...

    UGANDA - Coca-Cola Beverages Africa (CCBA) ha stretto una partnership con il gigante della logistica DHL International in Uganda per gestire i rifiuti di plastica in modo sostenibile. Nell'ambito della partnership, DHL fornirà i suoi rifiuti di plastica - lattine, bottiglie e imballaggi - a Plastic Recycling Industries, un'iniziativa del CCBA per "costruire un futuro più sostenibile per l'Uganda". “Ci impegniamo a costruire un'economia circolare in tutte le nostre operazioni. L'aumento della circolarità dei rifiuti ha vantaggi ambientali ed economici poiché il riciclaggio ha il potenziale per creare oltre 50 volte più posti di lavoro delle discariche e degli inceneritori", ha commentato Samuel Kangave, Manager di Plastic Recycling Industries. L'iniziativa sarà realizzata in collaborazione con consumatori, imprese e autorità locali, in particolare nella città di Kampala, dove il 51% dei rifiuti prodotti finisce nell'ambiente a causa della mancanza di un efficace sistema di recupero, secondo la filiale ugandese del World Wildlife Fund (WWF). Sebbene la domanda di plastica riciclata continui ad accelerare, spinta, in parte, dall'impegno dei proprietari dei marchi a incorporare contenuto riciclato nei loro prodotti, il tasso di riciclaggio dell'Uganda rimane molto basso, come indicato dal rapporto della National Environmental Management Authority (NEMA). Come parte della sua responsabilità, Coca-Cola Beverages Uganda, insieme a The Coca-Cola Company, si propone di utilizzare il 50% di contenuto riciclato in tutti i suoi imballaggi e di rendere riutilizzabile il 25% degli imballaggi entro lo stesso anno, rendendo tutti gli imballaggi riciclabili al 100% entro il 2025. [CN]
  • Tanzania Free

    Inizieranno presto le perforazioni presso il progetto...

    TANZANIA - In una video intervista pubblicata dalla Tanzania Geothermal Development Company (TGDC), il presidente del consiglio di amministrazione Shubi Kaijage ha fornito alcuni aggiornamenti sullo stato del progetto geotermico di Ngozi, nella regione di Mbeya, in Tanzania. Secondo Kaijage, l'esplorazione dettagliata della superficie per il progetto è già stata completata e TGDC procederà ora alla perforazione, in attesa di attrezzature acquistate dalla Cina. Gli esperti di TGDC sono attualmente in Cina per la formazione su come far funzionare le apparecchiature acquistate. Circa un mese fa, TGDC ha pubblicato una gara d'appalto per servizi di perforazione e test per tre pozzi a foro sottile per il progetto geotermico di Ngozi. TGDC mira a sviluppare fino a 70 MW di capacità di generazione di energia geotermica al completamento del progetto. Tuttavia, durante la fase iniziale saranno sviluppati solo 30 MW. Il progetto avrà un costo di circa 144 milioni di dollari. [CN]
  • Etiopia Free

    Russia, cooperazione su reti e innovazioni digitali

    ETIOPIA - La Russia intende aumentare la cooperazione con l’Etiopia nei settori della digitalizzazione, della sicurezza delle reti informatiche e delle competenze digitali. Lo riferisce l’Addis Standard, principale quotidiano etiopico, citando una nota del Ministero dell’Innovazione e della Tecnologia dell’Etiopia diffusa al termine dell’incontro avvenuto tra il Ministro etiope dell’Innovazione e della Tecnologia Belete Molla  e una delegazione russa guidata da Maxim Parshin, Vice Ministro dello Sviluppo Digitale, delle Comunicazioni e dei Mass Media della Federazione Russa. Secondo la nota, il ministro Belete “ha chiesto alla Russia di continuare a sostenere il percorso di trasformazione digitale dell’Etiopia”. Il ministro ha inoltre affermato che l’Etiopia vorrebbe condividere l’esperienza sviluppata dalla Russia nelle competenze digitali e nella sicurezza delle reti informatiche. Il ministro Parshin da parte sua “ha confermato che la Russia lavorerà per aumentare la sua cooperazione con l’Etiopia nel campo della tecnologia digitale”, secondo il ministero etiope. Ha inoltre promesso che la Federazione Russa coopererà con il governo etiope per migliorare i servizi governativi elettronici, le competenze digitali, la sicurezza delle reti informatiche e altre aree simili. I due paesi stanno già lavorando insieme in vari settori di cooperazione, tra cui i settori della scienza, della tecnologia, dell’innovazione e della sicurezza, tra gli altri. [ES]
  • Africa Orientale Free

    Possibile ritardo per adozione valuta unica nella EAC

    AFRICA ORIENTALE - La Comunità dell’Africa orientale (Eac) potrebbe non raggiungere la moneta unica nei tempi concordati del 2024. Lo riferiscono i media locali, citando il segretario generale dell’EAC, Peter Mathuki, il quale ha riferito che un gruppo di lavoro tecnico creato dai ministeri delle Finanze degli Stati partner ha avanzato una proposta per estendere il raggiungimento dell’obiettivo un moneta unica al 2031. Mathuki ha precisato che la proposta del rinvio è attualmente all’esame del Consiglio dei ministri dell’EAC. Mathuki ha poi affermato che il consiglio sta esaminando il rapporto per istituire un Istituto monetario dell’Africa orientale che dovrà sovrintendere alle operazioni per arrivare ad una valuta comune. [ES]
  • Burundi Free

    Pronta per la ripresa la filiera del caffè grazie a...

    BURUNDI – I coltivatori di caffè del Burundi beneficeranno della nuova Burundi Better Coffee Initiative, intrapresa dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) e dall'organizzazione internazionale senza scopo di lucro TechnoServe. Questo programma quinquennale, incentrato sull'aumento dei mezzi di sussistenza e della resilienza di 60.000 famiglie di coltivatori di caffè, sarà intrapreso in collaborazione con la Kahawatu Foundation, il Coffee Quality Institute (CQI) e l'Agenzia per lo sviluppo del Burundi. “In tutta l'Africa e oltre, abbiamo visto che lavorare con agricoltori e aziende in tutto l'ecosistema può aiutare a fornire migliori mezzi di sussistenza e resilienza per le famiglie di coltivatori di caffè", ha affermato Carole Hemmings, Global Coffee Sustainability Director per TechnoServe. La Burundi Better Coffee Initiative è destinata ad affrontare le principali sfide che la catena del valore del caffè deve affrontare, tra cui il cambiamento climatico, le scarse pratiche di lavorazione e il mercato limitato, con l'obiettivo di promuovere 32,8 milioni di dollari di vendite annuali di caffè. Nell'ambito del programma, la Kahawatu Foundation avrà il compito di fornire formazione in agronomia utilizzando l'approccio collaudato del Coffee Farm College di TechnoServe. Questa formazione promuoverà pratiche agricole rigenerative a basso costo su una superficie di 7.714 ettari, migliorerà le competenze imprenditoriali di base degli agricoltori e aumenterà la produzione di colture complementari. Il programma fornirà inoltre agli agricoltori l'accesso alla calce, un input essenziale per migliorare la nutrizione delle piante e la salute del suolo, collaborando anche con le Village Savings and Loan Associations (VSLA) per ampliare l'accesso degli agricoltori ai finanziamenti. Al fine di migliorare la qualità e il valore del caffè del Paese, l'iniziativa lavorerà anche con le stazioni di lavaggio del caffè nel rispetto degli standard di qualità, sostenibilità ambientale e sociale. Si prevede che come risultato, i prezzi all'esportazione tra i trasformatori partecipanti aumenteranno fino al 20%. Il progetto creerà inoltre ulteriori collegamenti con gli acquirenti e gli esportatori globali di caffè e lavorerà con il governo del Burundi per creare un ambiente normativo favorevole per le imprese locali. Il caffè rappresenta l'80% delle esportazioni del Burundi. Tuttavia, molte famiglie di coltivatori guadagnano meno di 500 dollari all'anno, ben al di sotto della soglia di povertà. [CN]
  • AfricaEgittoKenyaMalawiMozambicoNamibiaTanzaniaZambia Free

    Sette Paesi nella prima piattaforma Nature, People and...

    AFRICA - Egitto, Kenya, Zambia, Malawi, Mozambico, Namibia e Tanzania sono tra i nove Paesi che parteciperanno alla prima piattaforma Nature, People and Climate. Lo ha annunciato il Climate Investment Funds (CIF), precisando che su 55 candidature, anche la Repubblica Dominicana e le Fiji sono state selezionate nel programma, che beneficerà di 350 milioni di dollari in finanziamenti e altro supporto per soluzioni basate sulla natura. “Estendo la nostra gratitudine all'Italia, al Regno Unito e alla Svezia per l'incredibile partnership. Congratulazioni a questi Paesi. Non vediamo l'ora di iniziare e questo è solo l'inizio. Sosterremo anche l'Etiopia, il Rwanda, la Namibia e il Brasile per la preparazione del piano di investimento, in previsione di ricevere ulteriori contributi", ha affermato l'amministratore delegato di The Funds, Mafalda Duarte. Nei nove Paesi suddetti, la piattaforma Nature, People and Climate implementa soluzioni basate sulla natura che riconoscano i collegamenti tra l'uso del suolo, la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici e il miglioramento delle fonti di sostentamento delle comunità rurali e delle popolazioni indigene. Copre l'agricoltura sostenibile, l'approvvigionamento alimentare, le foreste, i sistemi costieri resilienti e gli sforzi per responsabilizzare le popolazioni indigene e le comunità locali. Come passo successivo, i Paesi partecipanti svilupperanno piani di investimento in collaborazione con una serie di banche multilaterali di sviluppo partner. La piattaforma collabora anche con le banche di sviluppo multilaterali per ridurre i rischi e ridimensionare gli investimenti sulla base di un approccio a livello di sistema piuttosto che a livello di progetto.  Secondo il  Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, gli investimenti annuali in soluzioni rispettose dell’ambiente delle sole nazioni del G20 devono aumentare di ulteriori 165 miliardi di dollari all'anno - un aumento del 140% rispetto ai livelli esistenti - per raggiungere la biodiversità, il ripristino del territorio e gli obiettivi climatici entro il 2050. [CN]