Mauritania

Presidente tornato e al lavoro, inaugurate centrali elettriche

Ha posto fine a ogni speculazione il ritorno in patria del presidente Mohamed Ould Abdel Aziz dopo un mese trascorso in Francia dove ha ricevuto cure in seguito a una sparatoria incidentale in cui era rimasto ferito.

(181 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Mali Free

    Africa Rivista a Perugia con Tamat per parlare di...

    MALI - Ultimo appuntamento oggi de “Il futuro della cooperazione internazionale in Sahel”, un'intera settimana di incontri, dibattiti, mostre, proiezioni dedicata al progetto AwArtMali e organizzata da Tamat Ngo.  A partire dalle 16:30 presso il Cinema Méliès, Via della Viola 1, Perugia si terrà la conferenza ‘Dialoghi su AwartMali: un progetto per il presente e il futuro di migrazione e sviluppo in Mali’, oraganizzata in collaborazione con Africa Rivista. I lavori verranno introdotti da Piero Sunzini, direttore generale di Tamat. Interverranno Simone Foresi (Tamat), che presenterà il progetto, e i partner e gli stakeholder del progetto che porteranno dei contributi (ri) immaginando insieme AwartMali. A seguire, Marco Trovato, direttore editoriale di Africa Rivista che sarà in presenza al Cinema Méliès introdurrà e modererà i ‘Dialoghi su AwartMali’.  Interverranno Mahamoud Boune (Alto Consiglio dei Maliani d’Italia), Ahmadou Doumbia (Le Tonus ONG, Mali, in collegamento da Kati), Luca Merotta (Fondazione ISMU in collegamento da Milano), Savvas Charalambous (Cardet Ong, Cipro, in collegamento da Nicosia), Elodie Adam (Congenia, Spagna, in collegamento da Valladolid), Saray Espejo Benito, (Instrategies, Spagna, in collegamento da Barcellona), Paolo Saglia (Giusti Eventi), Maurizio Schmidt (Farneto Teatro in collegamento da Milano), Amadou Sidibe (Le Tonus Ong, Mali, in collegamento da Kati). Parteciperanno anche Amadou Djallo e Sangare Mogony del gruppo rap maliano Kira Kono in collegamento da Kati. AwArtMali è un progetto che è stato finanziato dalla DG Home Affairs, DG Home Affairs, Migration and Security Funds, Financial Resources and Monitoring, Union actions attraverso il fondo Asilo Integrazione e Migrazione (Amif) del Ministero dell'Interno, e che ha visto come capofila Tamat Ngo, organizzazione non governativa impegnata da 25 anni in progetti di cooperazione internazionale, in partnership con alcune importanti realtà italiane come Fondazione ISMU (Istituto di studi sulla Multietnicità), l’agenzia di comunicazione Giusti Eventi e l’Associazione culturale Teatro Farneto.  Aderenti al progetto anche due partner spagnoli, attivi nella promozione di opportunità per migranti in Spagna, Congenia e Intrategies, e la organizzazione no profit cipriota per la ricerca e lo sviluppo Cardet, specializzata nelle applicazioni tecnologiche nella formazione e informazione in favore delle persone migranti.
  • Mali Free

    Imboscata contro le forze armate, tre soldati uccisi

    MALI – Almeno tre militari delle Forze armate maliane (Fama) sono stati uccisi ieri in un’imboscata tesa da uomini armati a sud da Boulkessy. La pattuglia attaccata faceva parte del dispositivo militare del G5 Sahel. Secondo un comunicato ufficiale delle Fama, ci sono anche quattro feriti nei ranghi dei soldati, evacuati verso l’ospedale di Sevare dalle Forze aeree maliane. Tra gli aggressori ci sarebbero una quindicina di feriti. L’attacco è attribuito a terroristi jihadisti, che continuano a destabilizzare vaste aree del nord e del centro del Paese, mentre a Bamako si delinea una nuova pagina politica e istituzionale. [CC]
  • Mali Free

    Mediatore Ecowas a Bamako per una decisione sulle...

    MALI – È tornato ieri a Bamako il mediatore dell’Ecowas/Cedeao nella crisi maliana, l’ex presidente nigeriano Goodluck Jonathan. La visita mira a verificare se le condizioni di transizione fissate dalla giunta golpista e dal comitato nazionale sono idonee e accettabili per l’organismo regionale dell'Africa occidentale. In caso affermativo, l’Ecowas dovrebbe rimuovere le sanzioni imposte dopo la presa di potere da parte dei militari, che il 18 agosto scorso hanno costretto l’ex presidente Ibrahim Boubacar Keita, provocando la svolta attesa da mesi dal movimento di protesta M5-Rfp. L’Ecowas vuole garanzie, dopo la nomina alla presidenza di un ex ufficiale militare in pensione, Bah N'Daw, e la designazione di un vicepresidente, finora capo della giunta, il colonnello Assimi Goita. Per rispettare le raccomandazioni dell’Ecowas, mancano ancora un primo ministro civile e la certezza che i militari non siano intenzionati, dietro le quinte, a tenere le redini del potere. La cerimonia di giuramento del presidente designato N'Daw è prevista per domani. Jonathan dovrebbe essere presente.  [CC]
  • Nigeria Free

    Assegnati lavori per ferrovia da Kano verso il Niger

    NIGERIA - Il governo federale di Abuja ha approvato l’assegnazione del contratto per la costruzione del progetto ferroviario destinato a collegare Kano con la città nigerina di Maradi al gruppo portoghese Mota-Engil.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che il progetto ha un valore economico pari a 1,95 miliardi di dollari e prevede la realizzazione di una linea a scartamento standard lunga circa 387 chilometri, inclusa una diramazione tra Kano e la località di Dutse nello stato di Jigawa.

    In base alle informazioni rese note, il contratto include la costruzione di 12 nuove stazioni ferroviarie, tra cui Dutse, Gaya, Wudil kano, Dambatta, Kazaure, Daura, Shargale, Marshi,Katisna e Jibia.

    Il progetto avrà fondamentali conseguenze positive nel facilitare i collegamenti tra regioni meridionali e settentrionali della Nigeria, oltre a offrire uno sbocco al mare diretto per i mercati del vicino Niger e dell’intera regione sahelo-sahariana che potranno in questo modo instradare le proprie importazioni ed esportazioni verso i porti nigeriani. [MV]

  • Ghana Free

    Al via progetto europeo per promuovere occupazione ed...

    GHANA - L'Unione europea (UE) e i suoi partner per lo sviluppo hanno avviato un progetto denominato "Promuovere l'occupazione verde e le opportunità per le imprese in Ghana" (GrEEn).

    A darne notizia sono i media locali, precisando che il progetto gode di un finanziamento della Commissione europea del valore di 20,6 milioni di euro e si propone di favorire la creazione di posti di lavoro e costruire comunità resistenti ai cambiamenti climatici nella regione Occidentale e in quella di Ashanti.

    In particolare, obiettivo dell’iniziativa è riuscire a promuovere economie locali verdi, circolari e resistenti ai cambiamenti climatici contribuendo alla creazione di oltre 5000 nuovi posti di lavoro.

    Il progetto, che è implementato dall’Organizzazione olandese per lo sviluppo (SNV), si concentra su aree come il riciclaggio dei rifiuti di plastica, la produzione e distribuzione di fornelli puliti, l'orticoltura biologica e la produzione di compost supportando soprattutto micro, piccole e medie imprese locali selezionate. [MV]

  • Senegal Free

    Gara internazionale per la ristrutturazione del porto...

    SENEGAL – Un bando internazionale relativo alla ristrutturazione del porto commerciale di Ziguinchor, capoluogo della regione di Casamance, è stato pubblicato dall’Agenzia nazionale per gli Affari marittimi (Anam), per il conto del governo del Senegal. Le aziende hanno fino al 13 novembre per candidarsi. Per maggiori informazioni è disponibile il direttore dei progetti per l’Anam, Magueye Gueye, all’indirizzo di posta elettronica magueyegueye@hotmail.com Il ritiro del fascicolo del bando necessita il pagamento di 50.000 franchi Cfa tramite assegno. Nello specifico, i lavori prevedono demolizioni, rimozione di lastricato, livellazione, fornitura e posa di nuovo lasctricato, di paletti, barriere,  scale, riabilitazione delle zone d’attracco del terminal petrolifero, ristrutturazione dell’edificio di capitaneria di porto, ristrutturazione dell’edificio della gendarmeria, costruzione di locali per le forze di sicurezza, realizzazione di una recinzione, La procedura segue il codice delle gare d’appalto pubbliche. Per il progetto il governo utilizzerà fondi del programma Orio dei Paesi Bassi. [CC]