Africa Nord

UE annuncia restituzione fondi congelati Mubarak e Ben Ali

Saranno restituiti ai governi di Tunisi e del Cairo i fondi sottratti dai precedenti regimi e congelati dall’Unione Europea (UE) al momento della cosiddetta Primavera araba.

(119 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Tunisia Free

    Mechichi in Parlamento per la fiducia al nuovo governo

    TUNISIA - Il capo del governo tunisino Hichem Mechichi ha dichiarato ieri davanti al parlamento che "fintanto che la stabilità politica non è garantita e che le istituzioni costituzionali non rispettano le attribuzioni dello Stato e le sue regole operative, non saremo in grado di uscire fuori dalla crisi”.

    Intervenendo al parlamento durante la sessione plenaria dedicata al voto di fiducia a favore degli undici ministri proposto nell'ultimo rimpasto, Mechichi ha affermato che lo Stato soffre di una crisi strutturale che si è accentuata negli ultimi anni ostacolando gli sforzi per una riforma responsabile e aprendo la strada al populismo.

    Mechichi ha aggiunto di aver voluto il rimpasto per rendere più efficiente l'azione del governo. "La scena politica è stata segnata per dieci anni - ha aggiunto - da offerte politiche che hanno allargato il divario tra l'élite di governo e i tunisini causando in questi ultimi un sentimento di emarginazione e abbandono rispetto alle aspettative e richieste".

    Le dichiarazioni di Mechichi sono giunte all’indomani di un teso vertice con il capo dello Stato Kais Saied che ha criticato il governo per le modalità con cui ha disposto il rimpasto ministeriale. Nel corso di un Consiglio di sicurezza tenuto al Palazzo presidenziale di Cartagine, Saied ha detto che il rimpasto deciso dal primo ministro Hichem Mechichi non ha rispettato le disposizioni della Costituzione, in particolare dell’articolo 92 che prevede che la revisione della struttura governativa intervenga dopo una deliberazione del Consiglio dei ministri.

    Saied ha continuato le sue critiche a Mechichi, affermando di non aver gradito la decisione di quest’ultimo di rilevare l’interim del ministero degli Interni, di non aver gradito la presenza di personalità sulle quali pendono sospetti di corruzione e di conflitti di interesse e di non aver gradito l’assenza di donne tra le nomine.

    Uno scontro istituzionale che ha dato vita oggi ad ampi dibattiti con l’opinione di diversi costituzionalisti rilanciati dalla stampa nazionale e riguardanti proprio le modalità del rimpasto.

    La seduta parlamentare si è tenuta all’interno di un Parlamento presidiato dalle forze di sicurezza che hanno formato un cordone all’esterno per evitare l’accesso alla piazza del Bardo a una manifestazione di protesta convocata da una trentina di associazioni e organizzazioni tunisine. [MS]

  • Marocco Free

    Tangeri Med, continua la crescita del traffico merci

    MAROCCO - Hanno registrato una crescita sostenuta durante il 2020 le attività legate al traffico merci presso il porto di Tangeri Med, che si afferma come il principale porto container nel bacino del Mediterraneo. Secondo dati definitivi sul traffico 2020 resi noti ieri dalla l'Autorità portuale di Tanger Med (Tmpa), il tonnellaggio complessivo movimentato durante lo scorso anno è stato di 81 milioni di tonnellate, in aumento del 23% rispetto al 2019. Il solo il porto di Tanger Med elabora il 47% del tonnellaggio portuale totale del Marocco. Il traffico container è aumentato del 20% rispetto al 2019, raggiungendo 5,77 milioni, mentre quello dei liquidi alla rinfusa è aumentato del 26%, di cui oltre 7,9 tonnellate di idrocarburi. Per quanto riguarda il traffico di rinfuse solide, ha registrato un aumento del 18% rispetto allo scorso anno, grazie principalmente al traffico di bobine di acciaio, di pale eoliche e di cereali. Il traffico passeggeri ha risentito del contesto sanitario poiché l'attività passeggeri è stata sospesa a marzo 2020 e ha ripreso leggermente nel giugno 2020 nel rispetto rigoroso delle misure sanitarie. Un totale di 701.599 passeggeri sono passati per il porto di Tanger Med nel 2020, un numero in calo del 75% rispetto al 2019. Il traffico marittimo, con 9.702 navi attraccate, ha registrato un calo del 32% rispetto al 2019. “I risultati raggiunti nel corso dell'anno 2020 dimostrano l'impegno e la continua collaborazione di tutti i partner di Tanger Med, in particolare dei concessionari, degli armatori, nonché delle amministrazioni e delle autorità interessate, nonostante un contesto sanitario eccezionale. Tutti sono rimasti pienamente mobilitati per garantire la continuità delle catene di approvvigionamento nazionali e internazionali nelle migliori condizioni possibili”, riferisce in un comunicato stampa la Tmpa. Il porto di Tangeri Med ha scalato la classifica dei principali scali marittimi mondiali con attività di container. L’hub marocchino, che nel 2020 è stato classificato  primo terminal container del continente africano per il terzo anno consecutivo, è passato in un anno dal 46° al 35° posto nella classifica mondiale di Lloyd’s List e di Container Management. Nel 2019 lo scalo aveva gestito 4,8 milioni di container, un volume in aumento del 38% rispetto al 2018. Un terzo terminal container inaugurato il 1° gennaio scorso lascia pensare che la progressione di Tangeri Med non si fermerà. A seguire Tangeri Med tra i porti africani nella classifica globale resa nota lo scorso settembre ci sono Port Said (45°mondiale), in Egitto, Durban (71° mondiale), in Sudafrica, Alessandria d’Egitto (90° mondiale), Lomé (99° mondiale), in Togo, Mombasa (106°mondiale), in Kenya, e Lagos (115° mondiale) in Nigeria. [CC]
  • Marocco Free

    Siglato accordo commerciale con Israele

    MAROCCO - I governi di Rabat e Tel Aviv hanno raggiunto un accordo sulla cooperazione economica e commerciale. 

    Lo ha annunciato domenica il ministero dell'Economia e dell'industria israeliano, precisando che l'accordo è figlio del riavvicinamento siglato tra i due Paesi il 22 dicembre 2020 e dovrebbe essere firmato formalmente entro due settimane.

    Secondo le informazioni rese note, l'intesa stabilisce un quadro per la cooperazione in materia di economia, commercio e innovazione. Intende inoltre rafforzare il commercio bilaterale e rimuovere una serie di barriere agli scambi.

    L'accordo prevede, in particolare, la cooperazione nei settori della ricerca e sviluppo, dell'innovazione e persino dell'agro-tecnologia. Riguarda anche la partecipazione delle due parti a mostre e convegni economici organizzati nei due Paesi, scambi di visite tra imprenditori e viaggi di studio. Prevede inoltre l'esenzione reciproca dalle tasse sull'importazione di merci utilizzate a fini espositivi e campioni a fini non commerciali.

    Oltre all’intesa, le parti prevedono di discutere, nel prossimo futuro, la creazione di un fondo comune per l'innovazione e un possibile accordo dedicato alla ricerca e sviluppo. [EC]

  • Egitto Free

    A società indiana incarico per un impianto di acido...

    EGITTO - La società indiana di ingegneria Nuberg ha ottenuto l'incarico di realizzare chiavi in mano un impianto per la produzione di acido solforico con capacità di 500 tonnellate al giorno.

    A comunicarlo è stata la stessa azienda, precisando che l'incarico è stato assegnato dalla società egiziana Sprea Misr, un produttore di prodotti chimici con sede a Ramadan City.

    Secondo le informazioni rese note, il progetto dell'impianto si baserà sulle più recenti tecnologie per la produzione di acido solforico in alte concentrazioni richieste per scopi industriali e include anche una turbina da 5 MW con un impianto di generazione di energia.

    In base a quel che è stato riferito dalla Nuberg, si tratta del quarto progetto chiavi in mano in Egitto per l'azienda, che ha già completato un impianto di soda caustica per la Egyptian Petrochemical Co. ad Alessandria, un impianto di cloruro di calcio per TCI Sanmar Chemicals a Port Said e un impianto di acido solforico per la AGROCHEM ad Alessandria.

    L'acido solforico ha un'ampia gamma di applicazioni nell'industria degli idrocarburi (petrolio e gas) ed è uno dei più importanti prodotti chimici industriali. L'uso principale di acido solforico è nella produzione di fertilizzanti, nella raffinazione del petrolio per lavare le impurità dalla benzina, nei derivati e in altri prodotti di raffineria e petrolchimici, nella lavorazione dei metalli e nelle automobili come l'elettrolita nella batteria di accumulo al piombo. [MV]

  • Algeria Free

    Rinnovabili, Algeri eletta nel consiglio di Irena

    ALGERIA - L'Algeria è stata eletta membro del Consiglio dell'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena), per un periodo di due anni. 

    Lo ha riferito con un comunicato stampa il ministero algerino della Transizione energetica e delle energie rinnovabili, precisando che l'Algeria rappresenterà il gruppo dei Paesi del Nord Africa nel consiglio composto da 21 membri e responsabile dell'agevolazione cooperazione tra i membri, che sovrintendono al programma di lavoro e al bilancio dell'organizzazione internazionale.

    La settimana scorsa, il della Transizione energetica e delle energie rinnovabili dell'Algeria, Chemseddine Chitour, aveva annunciato che la produzione, dall'inizio del 2022, toccherà quasi 1.000 mw di energia solare al fine di ridurre la dipendenza da fonti di energia fossile, preservare l'ambiente e passare a un'economia verde.

    Irena è un'organizzazione intergovernativa che supporta i Paesi nella loro transizione verso un futuro energetico sostenibile e funge da piattaforma principale per la cooperazione internazionale nel campo delle energie rinnovabili. [MS]

  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Gerd, ministro Irrigazione egiziano accusa Addis Abeba

    EGITTO / ETIOPIA / SUDAN - Il ministro dell'Irrigazione e delle risorse idriche dell’Egitto Mohamed Abdel-Ati ha detto domenica ai parlamentari che i negoziati sulla Grand Ethiopian Renaissance Dam (Gerd), la diga costruita dall’Etiopia lungo il corso del Nilo, non sono finora arrivati a una conclusione a causa “dell’intrasigenza” di Addis Abeba.  "È l'intransigenza dell'Etiopia che finora ha portato i negoziati sulla Gerd a non raggiungere un accordo equo tra i tre Paesi interessati: Egitto, Etiopia e Sudan”, ha detto Abdel-Ati. Il ministro ha sostenuto che sia con la mediazione degli Stati Uniti che con quella dell’Unione Africana l’Etiopia ha preso tempo e mostrato una intransigenza che ne avrebbe di fatto determinato “il fallimento”. Abdel-Ati ha affermato che i ministeri egiziani dell'Irrigazione e degli Affari esteri stanno attualmente facendo del loro meglio per gestire la crisi e prevenire il fallimento dei negoziati. Il ministro ha poi aggiunto che il fabbisogno idrico dell’Egitto ammonta a 114 miliardi di metri cubi d’acqua all’anno: di questi 80 miliardi vengono dal Nilo e dalle stazioni di desalinizzazione e 20 miliardi da progetti di riciclaggio dell’acque. All’appello mancano 14 miliardi per i quali il governo prevede di fare investimenti nei prossimi cinque anni per implementare progetti di gestione dell’acqua. [EC]