Ghana

Elezioni presidenziali, candidati firmano dichiarazione per evitare violenze

Tutti gli otto candidati alle elezioni presidenziali del 7 dicembre hanno firmato ieri un documento in cui dichiarano il proprio impegno ad evitare che il processo elettorale degeneri in un appuntamento segnato da violenza, ingiustizia ed impunità.

(172 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Mali Free

    Chi è l’ex colonnello N’Daw, il nuovo presidente 

    MALI – Ex ufficiale militare in pensione, è da civile che Bah N’Daw, 70 anni assumerà la presidenza provvisoria del Mali fino a nuove elezioni. La nomina di Bah N’Daw è stata annunciata dal capo della giunta militare Assimi Goita, nominato vice presidente. Nato a San il 23 agosto 1950, l’ex colonnello maggiore dell’aviazione parla francese, inglese e russo. Dopo aver studiato presso la scuola militare di Kati, N’Daw ha completato la sua formazione in Francia e poi in Russia. Nella sua carriera è stato capo di stato maggiore dell’aviazione e direttore dell’ufficio degli ex combattenti. Nel 2014, è stato nominato ministro della Difesa, ma è rimasto solo sette mesi in carica, sembra per divergenze sul programma di disarmo, smobilitazione e reinserimento. Pareri divergenti e versioni contrastanti circondano la nomina di N’Daw, sebbene sia considerato una persona leale, discreta, con un elevato senso del dovere.  Secondo alcune fonti, la giunta non avrebbe lasciato alternative al collegio di consulenti riunito per la designazione presso il ministero della Difesa. Il leader del consiglio strategico del M5-Rfp, Choguel K. Maiga, ha addirittura affermato che la piattaforma non era stata rappresentata, allorché era presente l’imam Mahmoud Dicko, capo spirituale del movimento, tra i 17 membri del collegio. [CC]
  • Togo Free

    Bando per installazioni solari nei centri sanitari

    TOGO – L’Agenzia togolese per l’elettrificazione rurale e le energie rinnovabili (AT2ER) è alla ricerca di fornitori e installatori di sistemi solari per elettrificare 314 centri sanitari. L’Agenzia ha pubblicato un bando di gara per selezionare partner in grado di fornire, installare e garantire la manutenzione, per cinque anni, di  156 kit solari per le regioni Marittima e dei Plateaux, e di altri 149 kit solari per le regioni del Centro, della Kara e delle Savane. Il progetto fa parte del programma di Cizo per l’elettrificazione rurale del Togo (Pravost) finanziato dalla Banca africana per lo sviluppo (AfDB). Il bando scade il 6 novembre 2020, mentre la durata della prima fase, quella che prevede la fornitura e l’installazione, è di 14 mesi. Maggiori informazioni sono reperibili a questo link.  [CC]
  • Nigeria Free

    Ministro del Commercio promette prossima ratifica dell...

    NIGERIA - Un comitato speciale è stato nominato dal ministero del Commercio per studiare il processo di ratificazione dell’accordo per la Zona di libero scambio continentale (AfCFTA), affinché la Nigeria possa trarre vantaggio dalla grande novità. Lo ha comunicato ieri il ministro del Commercio, Niyi Adebayo, durante un incontro col segretario general dell’AfCTA, Mene Wamkele, presso la sede del ministero. Adebayo ha assicurato che la Nigeria si sta attivando per arrivare a una ratifica il prima possibile. «Stiamo attivamente lavorando per attirare investimenti nelle industrie chiave per poter rispondere alla domanda che sarà stimolata dalla zona continentale di libero scambio» ha precisato Adebayo. Inizialmente riluttante alla firma, la Nigeria - che è la prima economia del continente - è stata tra gli ultimi ad aderire, a luglio 2019. [CC]
  • Mauritania Free

    Commissaria UE su aiuti allo sviluppo e questione...

    MAURITANIA - L’Unione Europea ha confermato l’impegno ad accompagnare la Mauritania nel suo piano di sviluppo, con  una previsione di 48 milioni di euro, tra cui 12 milioni dedicati alla sanità e alla lotta alla  diffusione del coronavirus. Lo ha confermato Ylva Johansson, commissaria agli Affari interni della commissione europea, durante una visita a Nouakchott. Secondo Sahara Medias, la commissaria ha anche confermato che l’UE   aiuterà a terminare il progetto di costruzione della strada tra Nouakchott e Rosso, importante porto fluviale a 220 km dalla capitale. Ylva Johansson è stata in visita ufficiale in Mauritania insieme al ministro spagnolo dell’Interno, Fernando Grande-Marlaska, soprattutto per parlare con le autorità mauritane della questione migratoria verso l’Europa. «Le forze di polizia mauritane e spagnole lavoreranno insieme per combattere i trafficanti e salvare vite umane» ha twittato la politica svedese. [CC]
  • Mali Free

    Ex ministro Difesa scelto per guidare transizione

    MALI - L’ex ministro della Difesa Ba N’Daw è stato nominato presidente di transizione del Mali da un comitato istituito dalla giunta al potere dopo il golpe del 18 agosto. Lo ha annunciato il capo di questa giunta, il colonnello Assimi Goita, con un messaggio trasmesso dalla televisione nazionale. Il nuovo presidente dovrebbe presiedere un periodo di transizione di diversi mesi prima che i civili tornino al potere. Il colonnello Goita, invece, è stato nominato vicepresidente di transizione.  “La cerimonia del giuramento si svolgerà venerdì 25 settembre”, ha detto il colonnello Goita. Questi annunci arrivano dopo diverse settimane di pressioni della Comunità degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas) sulla giunta per una rapida designazione di figure civili alla guida del periodo di transizione.
  • Costa Avorio Free

    Elezioni, opposizione invita a disobbedienza civile...

    COSTA D’AVORIO - Il principale sfidante del presidente uscente Alassane Dramane Ouattara alle elezioni presidenziali della Costa d’Avorio e un gruppo di partiti di opposizione hanno lanciato una campagna di disobbedienza civile per fermare la candidatura dello stesso Ouattara per un terzo mandato in occasione delle elezioni del prossimo 31 ottobre. L’appuntamento elettorale è considerato un test di significativa importanza per la stabilità della nazione dell’Africa occidentale che da un decennio è uscita da un conflitto interno.  Il Consiglio costituzionale ha autorizzato Ouattara a presentarsi per un terzo mandato; l'ex presidente Henri Konan Bedie e altri due candidati hanno invece contestato questa decisione. Intervenendo ieri a una riunione dell’opposizione, Bedie ha invitato a protestare con la candidatura di Ouattara. “Tocca a noi, alla luce di tutto ciò che è stato detto qui, proteggere la stabilità della nazione”, ha detto Bedie. “Di fronte all'abuso di autorità, c'è solo una parola d'ordine: disobbedienza civile”. L’opposizione ha affermato che Ouattara, eletto nel 2010 e rieletto nel 2015, sta violando la costituzione chiedendo un terzo mandato. Il 78enne presidente afferma invece che la revisione della costituzione di qualche anno fa gli consente di ripresentarsi. [MS]