Libia

Attentato nell’est contro primo ministro

LIBIA – Il primo ministro Ali Zidan è scampato ad un attacco portato avanti da una milizia locale ieri a Beida, situata circa duecento chilotri a nord-est di Bengasi, mentre questi si trovava in visita nella parte orientale del paese.

(159 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Libia Free

    A Hurghada prove generali per uscire dalla crisi

    LIBIA - Le discussioni per trovare una via d’uscita alla crisi in Libia si stanno protraendo a Hurghada, in Egitto. Sul tavolo ci sono le questioni politiche, ecomiche e militari.  Su quest’ultimo punto, l’Egitto ospiterà a ottobre un primo vertice. Ma intanto a Hurghada le fazioni rivali stanno discutendo i preparativi dell’incontro. Fra le questioni principali una è sicuramente la messa in sicurezza dei siti petroliferi, cuore dell’economia nazionale e presupposto per qualunque ragionamento legato alla ricostruzione. Inoltre restano da risolvere le messe in sicurezza di Sirte e al-Jouffra.  Il ritiro dei mercenari è una delle condizioni perché la situazione possa tornare alla normalità, ma sembra che effettivamente un ritiro dei mercenari presenti sia cominciato.  A Hurghada, secondo varie fonti, si discuterà poi della creazione di una forza congiunta di intervento rapido, che avrà il compito di mantenere la sicurezza a Sirte e nel cosiddetto crescente petrolifero. Tale forza sarà espressione di un comitato militare congiunto partecipato sia da Tripoli che da Bengasi.  La strada da fare resta comunque tanta e molti osservatori prevedono l’opposizione di alcune milizie (come quelle di Misurata) e sciogliersi in un esercito nazionale eventualmente comandato dal generale Khalifa Haftar. [MS]
  • Libia Free

    Verso ritiro mercenari siriani?

    LIBIA - Una parte dei mercenari introdotti dalla Turchia in Libia sono in fase di ritiro. Lo sostengono alcune fonti locali, riferendo di circa 3000 uomini, per lo più di nazionalità siriana, che avrebbero già lasciato il Paese nordafricano.  Secondo fonti dell’esercito nazionale libico, i mercenari si trovavano nelle regioni occidentali del Paese a sostegno del governo di Fayez el-Serraj.  In Libia, nelle ultime settimane diversi sviluppi sembrano aver aperto nuovamente la possibilità di un accordo politico per mettere fine al conflitto. La Turchia è parte in causa e come altri Paesi sta giocando un ruolo di primo piano nelle vicende interne libiche.  Altre fonti riferiscono che contemporaneamente il governo di Ankara sta spostando i mercenari dal teatro libico a quello, nuovo, che ha visto riaccendersi il confronto armato tra Armenia  e Azerbaijan. [MS]
  • Egitto Free

    Venduti green bond, successo della prima operazione

    EGITTO - Il governo egiziano ha piazzato ieri sul mercato 750 milioni di dollari in obbligazioni ‘verdi’ quinquennali. Di fatto è la prima vendita di green bond da parte di un governo della regione del Medio Oriente e del Nord Africa. Agli investitori è stato offerto un rendimento del 5,25%. Secondo alcuni osservatori, obiettivo dell’operazione è diversificare la base degli investitori e rendere consapevoli dei progressi del Paese in materia di sostenibilità. In Medio Oriente, Saudi Electricity e la Banca nazionale del Qatar hanno emesso obbligazioni verdi questo mese e le aspettative sono per ulteriori emissioni nella regione nei prossimi mesi. Credit Agricole, Citi, HSBC e Deutsche Bank hanno gestito l’emissione delle obbligazioni in Egitto. [MS]
  • Tunisia Free

    Presidente Saied in Italia nelle prossime settimane

    TUNISIA - Andare oltre la questione dei flussi migratori e approfondire i legami tra Tunisia e Italia, Paesi che condividono lo stesso mare e che hanno secoli di storia in comune. Questo, in sintesi l’auspicio fatto proprio dall’ambasciatore tunisino in Italia, Moez Sinaoui, che ieri nella sua residenza ha ospitato la presentazione di un numero dedicato alla Tunisia di ‘Le Sfide’, periodico della Fondazione Craxi.  Sinaoui ha anche annunciato l’imminente viaggio ufficiale in Italia del capo dello Stato tunisino Kais Saied. Saied si recherà in Italia nelle prossime settimane, probabilmente entro la fine del mese di ottobre.  Il prossimo anno la Tunisia celebrerà i dieci anni della rivoluzione che nel 2011 - nell’ambito della stagione della cosiddetta Primavera araba - portò alla fine della presidenza di Zine el Abidine Ben Ali.
  • Egitto Free

    Nuovi investimenti nel Canale di Suez

    EGITTO - Nell'anno fiscale 2020-2021, gli investimenti nel Canale di Suez toccheranno i 16,9 miliardi di dollari. Lo ha dichiarato Hala El-Said, ministro della pianificazione e dello sviluppo economico che ha sottolineato come il canale sia ancora una delle principali fonti di valuta estera per l'Egitto. Nell'esercizio 2028-2019 ha generato entrate per 5,7 miliardi di dollari, nel 2019-2020 5,9 miliardi. Secondo il ministro, gli investimenti saranno utilizzati per costruire quattro tunnel sotto il canale, costruire e acquistare 38 pescherecci e stabilire una serie di progetti nazionali. Il Canale di Suez è una delle principali arterie del commercio globale, si calcola che l'8,3% del traffico passi attraverso questa arteria e, in particolare, il 100% dei container tra Asia ed Europa e il 25% dei container a livello globale. [EC]
  • Tunisia Free

    La metà dei giovani lavora in nero

    TUNISIA - La metà dei giovani tunisini lavora nel “settore informale”. Questi ragazzie e ragazze producono un valore di quasi 16,5 miliardi di dinari (5 milioni di euro) che rimangono al di fuori dell'economia organizzata. Lo ha ha detto il presidente dell'Unione delle banche del Maghreb (Ubm), Ahmed El Karam, parlando alla conferenza annuale dell'Ubm a Tunisi. Secondo El Karam è necessario implementare “una strategia nazionale” e “un piano chiaro” per riuscire a integrare i settori emarginati nell'economia organizzata. Ciò aiuterebbe anche il settore bancario. Attualmente, nei Paesi del Maghreb, il 40% degli abitanti non risulta avere conti bancari. Ciò impone meccanismi di mobilitazione per una migliore inclusione finanziaria di questi gruppi, in particolare i professionisti colpiti dalla pandemia di coronavirus. I vari attori del settore bancario sono chiamati a rivedere la strategia del partenariato pubblico-privato, a sostenere le start-up e ad optare per la digitalizzazione delle banche, ha raccomandato El Karam. L'Ubm e le università di Tunisia, Algeria, Marocco e Mauritania, hanno firmato a Tunisi una serie di accordi a margine della conferenza al fine di creare una dinamica nel campo della ricerca scientifica e delle attività economiche e finanziarie, e promuovere il settore finanziario e le banche nel Maghreb. [EC]