Kenya

In aumento traffico d’avorio, 11 elefanti massacrati

KENYA - I responsabili keniani lo hanno definito il peggior massacro di elefanti negli ultimi 20 anni in Kenya: un gruppo di 11 pachidermi è stato ucciso sabato scorso da bracconieri che hanno tagliato e rubato le loro zanne. Sebbene il traffico internazionale d'avorio sia vietato dal 1989, secondo gli esperti della protezione della fauna si registra un aumento della richiesta d'avorio proveniente dall'Asia. Una richiesta che si è tradotta da un aumento di elefanti barbaramente uccisi: da 47 nel 2007 a 278 nel 2011 e 360 nel 2012, secondo i servizi keniani. Nella lotta contro il bracconaggio, la polizia keniana brucia l'avorio di contrabbando, ma nessun provvedimento ha avuto la meglio sui trafficanti, attratti dagli elevati guadagni: un chilo di avorio si più vendere fino a 2500 euro nel mercato nero. Gli autori del massacro di sabato, avvenuto nel Parco nazionale di Tsavo, nel sud-est del paese, sono ancora a piede libero. [CC]  © Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Africa Orientale Free

    Webinar di UNIDO e Unione geotermica italiana sugli usi...

    AFRICA ORIENTALE - Sono aperte le iscrizioni al webinar che si terrà questo venerdì 2 dicembre alle ore 10 (ora italiana) sui diversi usi non elettrici del calore geotermico organizzato da UNIDO ITPO in collaborazione con l'Unione Geotermica Italiana (UGI) e la Geothermal Association of Kenya (GAK). L'Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale - Ufficio per la promozione degli investimenti e della tecnologia in Italia (UNIDO ITPO) concentrerà i dibattiti sulle applicazioni dirette e sulle pompe di calore geotermiche per il riscaldamento e il raffrescamento, applicazioni agricole e industriali. Il webinar è aperto agli operatori e professionisti dei Paesi del Rift africano. Questa iniziativa fa parte del progetto  “Favorire Partnership Internazionali tra imprese e/o istituzioni operanti nei settori dell'Energia e dell'Ambiente” (#FIPEE) , realizzato da UNIDO ITPO Italy con il supporto del Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) . È la seconda parte di una serie iniziata nel settembre 2022 con "Estrazione di minerali da salamoie geotermiche". La registrazione al webinar è attualmente aperta al seguente link Per maggiori informazioni, clicca qui    
  • Uganda Free

    Approvato prestito per raddoppiare accesso a elettricit...

    UGANDA - Il governo dell'Uganda ha ora l'approvazione del parlamento per prendere in prestito 331 milioni di dollari dalla Banca mondiale per aumentare l'accesso all'elettricità a livello nazionale. Il prestito servirà a finanziare l'Electricity Access Scale Up Project (EASP), che mira ad aumentare l'accesso all'elettricità a livello nazionale. Il Ministero dell'Energia e dello Sviluppo minerario e l' Uganda Energy Credit Capitalization Company (UECCC) saranno i principali partner per l'attuazione del progetto. Nel presentare la richiesta di prestito al parlamento, il ministro di Stato per la Pianificazione, Amos Lugoloobi, ha affermato che l'EASP prevede un aumento dell'accesso all'elettricità dall'attuale 19% al 44% entro il 2027. "In questo, il progetto prevede un aumento del numero di connessioni annuali dall'attuale media di 70.000 a 300.000 connessioni", ha affermato Lugoloobi, aggiungendo che il prestito dovrebbe aumentare la quota di utilizzo di energia pulita per cucinare dal 15% al ​​40% entro il 2027. Secondo il ministro, il progetto includerà le comunità svantaggiate tra i suoi beneficiari: “Il progetto andrà a beneficio di famiglie, imprese commerciali, parchi industriali, istituzioni pubbliche. Sosterrà i rifugiati, le comunità di accoglienza e le donne”, ha affermato Lugoloobi. La richiesta di prestito non ha incontrato alcuna resistenza da parte dell’opposizione, la cui unica richiesta risiede nel ripristino dell'Agenzia per l'elettrificazione rurale (REA) affinché il progetto non sia affidato al ministero dell'Energia. [CN]
  • Etiopia Free

    Capoluogo di Dolo collegato a nuova rete idroelettrica

    ETIOPIA - Warder, capoluogo della zona di Dolo nella regione dei Somali in Etiopia, è adesso collegata al servizio elettrico dalla stazione di distribuzione di Kabridehar. A renderlo noto il capo del National Electricity Supply Project, Hussain Mohammed, spiegando che l’attuale linea elettrica di 143 km (33 KV) è ora alimentata in energia idroelettrica. La città di Warder – che in precedenza era alimentata a diesel - è quindi collegata alla rete principale. L’alto funzionario ha spiegato che sono stati eseguiti 37 km di nuova costruzione di linee basse, 12 installazioni di trasformatori e 435 nuovi allacciamenti di contatori. [GT]
  • Tanzania Free

    Inizia mercoledì lo Zanzibar Investment Forum

    TANZANIA - L'African Export-Import Bank in collaborazione con la Zanzibar Investment Promotion Authority (ZIPA), l'East Africa Business Council (EABC) e la Zanzibar National Chamber of Commerce (ZNCC), ospiterà uno Zanzibar Trade and Investment Forum (ZTIF) a Zanzibar.  L'obiettivo principale del Forum sarà promuovere le opportunità commerciali, di investimento e finanziarie tra Zanzibar e il resto dell'Africa nel contesto dell'African Continental Free Trade Area (AfCFTA). Per registrarsi e consultare il programma: clicca qui. [CN]
  • Etiopia Free

    Obiettivo Ethiopian Airlines, raddoppiare flotta entro...

    ETIOPIA - Ethiopian Airlines ha annunciato l’obiettivo di espandere la propria flotta e ampliare il proprio network. I piani “Vision 2035” della compagnia aerea, confermati la scorsa settimana, prevedono l’acquisto più di cento nuovi aeromobili nella sua flotta. Inoltre, Ethiopian prevede di aggiungere più destinazioni alla sua rete, per un totale di oltre 200 destinazioni entro il 2035. Mesfin Tasew, ceo di Ethiopian Airlines, parlando con l’agenzia di stampa etiope dei piani strategici di crescita del vettore, ha affermato: “Nella visione 2035, abbiamo mirato a quasi raddoppiare il numero di destinazioni aumentandone da 131 di oggi a 207; e per coprire questa espansione, abbiamo pianificato nuovamente di raddoppiare il numero di aeromobili, da 140 a 271. Abbiamo pianificato di trasportare 65 milioni di passeggeri e 3 milioni di tonnellate di merci. Miriamo a generare entrate per 25 miliardi di dollari entro il 2035”. Il nuovo piano arriva quando la compagnia aerea ha già raggiunto il suo obiettivo per il 2025. Tasew ha affermato che la visione 2035 sosterrà la crescita rapida e redditizia del vettore. Ethiopian è stata riconosciuta come la compagnia aerea più affidabile e finanziariamente più stabile in Africa, sia livello nazionale che internazionale. [GT]
  • Kenya Free

    La crescente popolazione urbana aumenta la pressione su...

    KENYA - Le radici e le colture di tuberi stanno diventando sempre più popolari sui tavoli della colazione poiché le famiglie urbane del Kenya attente alla salute si rivolgono a queste varietà come alternativa ai prodotti a base di grano come pane, focacce o chapati. Inoltre, le colture che includono patate dolci e irlandesi e manioca sono state propagandate come la migliore alternativa al mais per la loro capacità di ridurre l'eccessiva dipendenza dall'alimento base e aumentare la sicurezza alimentare in Kenya, per il loro potenziale di agire da cuscinetto contro le devastazioni del cambiamento climatico. Tuttavia, queste colture sono state a lungo trascurate dagli agricoltori e solo una manciata le coltiva in piccole quantità nonostante l'aumento della domanda da parte degli abitanti delle città, derivato, secondo Canisius Kanangire, direttore esecutivo della African Agricultural Technology Foundation (AATF), dalla rapida urbanizzazione, dalla crescita demografica e dal cambiamento delle abitudini alimentari delle popolazioni urbane. "Le colture di radici rappresentano un potenziale non sfruttato nella trasformazione agricola e nell'industria, specialmente nell'Africa sub-sahariana e non dovremmo più chiamarle colture orfane", ha affermato Kanangire, anche se la patata irlandese rimane il secondo alimento più consumato nel Paese dopo il mais;  tuttavia, il Kenya è ancora alle prese con una carenza di sementi certificate che ha un impatto negativo sulla produzione.  Un’affermazione ribadita dal segretario di gabinetto dell'agricoltura, Mithika Linturi, che ha evidenziato la necessità di rafforzare le catene del valore delle radici e dei tuberi per aumentare la loro competitività nei sistemi agroalimentari del Paese. "La produzione delle principali colture da radice come manioca e patate dolci, tra le altre, rimane al di sotto del potenziale. La transizione dello stato delle colture a cui ho fatto riferimento rappresenta una sfida per i responsabili politici, i ricercatori e altri attori della catena del valore", ha affermato, intervenendo durante il 19° Simposio triennale internazionale della Società internazionale per le colture di radici tropicali a Nairobi. "Il governo del Kenya riconosce le sfide nel sottosettore e ha definito una chiara tabella di marcia per la crescita sostenibile e lo sviluppo di un vivace sottosettore delle colture di radici e tuberi, come stabilito nella nostra strategia nazionale per lo sviluppo delle colture di radici e tuberi 2019-2022", ha affermato, in riferimento in particolare al sostegno da fornire ai piccoli agricoltori, con l’obiettivo di creare modelli di business sostenibili per le catene del valore delle radici e dei tuberi Recentemente, il Kenya ha dovuto aprire una finestra per importare 10 milioni di sacchi di mais per colmare la carenza alimentare. Inoltre i franchising di fast food che operano nel Paese devono fare affidamento sulle importazioni dall'Egitto e dal Sudafrica per le patate che utilizzano poiché ciò che viene coltivato localmente non soddisfa la richiesta. Secondo gli studi della Banca Mondiale, entro il 2033 il Kenya raggiungerà un punto critico in termini di urbanizzazione poiché metà della sua popolazione si trasferirà nelle aree urbane e il Paese avrà 37 città con oltre 100.000 residenti rispetto ai 21 centri urbani attuali. [CN]