Marocco

Agricoltura, malumori per accordi di libero scambio con l’Europa

MAROCCO – Soltanto i grandi produttori, a discapito delle piccole aziende familiari, stanno beneficiando dell’accordo di libero scambio sui prodotti agricoli in vigore dal 2000 tra l’Unione Europea e il Marocco.

(183 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Libia Free

    Petrolio, riprende la produzione. Prezzi in calo

    LIBIA - L'annuncio della ripresa della produzione dei giacimenti libici ha portato ieri, lunedì 21 settembre, a un crollo dei prezzi del petrolio, già bassi per effetto della pandemia di Covid-19. Il brent, petrolio di riferimento, era pagato poco più di 40 euro al barile. “(Il) mercato del petrolio è di fronte a un bivio. Se i prezzi saliranno o scenderanno dipenderà, in gran parte, da quanti progressi si realizzeranno nell'apertura dei pozzi libici”, ha detto l'analista di Bnp Paribas, Harry Tchilinguirian. Per il 2021, le previsioni rimangono prudenti. Secondo Goldman Sachs, il brent raggiungerà i 49 dollari al barile entro la fine dell'anno e i 65 entro il terzo trimestre del prossimo anno. Barclays, invece, stima 43 dollari per il 2020 e 53 dollari il prossimo anno. La stima di rialzi nel 2021, nonostante la ripresa della produzione in Libia, è legata a un possibile accordo sul taglio della produzione tra i membri dell'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) e dei suoi alleati. [EC]
  • Marocco Free

    Marrakech riapre al turismo

    MAROCCO - Per ridurre le perdite causate dalla pandemia di Covid-19, gli operatori turistici di Marrakech hanno deciso di aprire le porte della città ocra e scommettere sulla stagione invernale, a partire dalla festività di Ognissanti. È stato varato un piano che si muove attorno a tre “R”: riapertura, rilancio e rinnovo. “Si torna a vivere con il virus, un imperativo per rimettere in moto il sistema nel rispetto dei protocolli sanitari, bisogna agire di sponda con i partner internazionali per riconquistare la fiducia dei mercati e la confidenza dei clienti”, hanno spiegato i responsabili delle principali società che operano nel settore. Un segnale confortante arriva dal settore del trasporto aereo deciso a tornare in pista con 27 collegamenti settimanali e un alleggerimento delle condizioni di volo come per esempio la soppressione del tampone sierologico e il test Prc portato a 72 ore di validità invece delle 48 attuali. I grandi alberghi sono a favore del protocollo d'intesa, fianco a fianco delle migliaia di piccoli riad, le strutture più caratteristiche dell'accoglienza turistica marocchina. I ristoranti hanno già ottenuto l'autorizzazione a chiudere alle 23, invece che alle 22 delle ultime settimane. [EC]
  • Egitto Free

    Una fabbrica di treni per servire anche mercati arabi e...

    EGITTO - L’Egitto ha in programma di aprire la prima fabbrica nel paese per la produzione di treni, che utilizzano trazione elettrica e diesel, per le sue ferrovie e una monorotaia a Port Said. Ad annunciarlo è stato il ministero della Pianificazione e dello sviluppo economico durante una riunione tenutasi alla presenza del ministro della Pianificazione e dello sviluppo economico Hala El-Said, del ministro dei Trasporti Kamel El-Wazir e del capo dell’Autorità della zona economica del canale di Suez Yahia Zaki. Nel corso della riunione si è discusso del programma di attuazione del progetto, dei suoi studi economici e del volume di produzione previsto. La fabbrica dovrebbe essere gestita dalla società di servizi e manutenzione delle ferrovie egiziane (Ermas) in collaborazione con il settore privato, la zona economica del Canale di Suez, il Fondo sovrano egiziano e una serie di società internazionali. Il ministro El-Wazir ha affermato che l’Egitto ha un piano ambizioso per stabilire un’industria ferroviaria locale, che fa parte di un progetto più ampio per localizzare l’industria ferroviaria e servire i mercati nazionali e africani alla luce di una crescente domanda. El-Wazir ha aggiunto che la creazione di fabbriche che producono treni a più unità andrà a vantaggio dell’economia nazionale egiziana, fornirà valuta forte e opportunità di lavoro, oltre a soddisfare le esigenze dei settori ferroviario e metropolitano. Ha anche affermato che l’industria dovrebbe esportare i suoi prodotti nei Paesi arabi e africani aprendo la strada alla creazione di altre industrie complementari. [MS]
  • Egitto Free

    Tagliati i dazi su importazione input industriali

    EGITTO - Il ministero delle Finanze egiziano ha annunciato l’intenzione di voler ridurre, in alcuni casi anche fino al 90%, i dazi doganali sull’importazione di input per l’industria manifatturiera.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che le aliquote saranno modulate su più fasce in base alla percentuale della componente locale prevista nel prodotto finale.

    La riduzione include quindi un un pacchetto di adeguamenti dell'attuale struttura tariffaria doganale con l’obiettivo di incoraggiare l’aumento della produzione industriale locale.

    In base alle informazioni rese note, la percentuale di produzione locale sarà calcolata in base alla percentuale del contributo della catena di montaggio determinata dal ministero del Commercio e dell’industria per ciascun settore.

    I tagli dei dazi doganali ammonteranno al 105% del valore degli input manifatturieri locali se la percentuale di produzione locale sul prodotto finito varia tra il 10% e il 20%.

    I tagli aumentano al 110% del valore degli input locali se la percentuale della componente locale varia tra il 20% e il 30% e al 115% se la componente manifatturiera oscilla tra il 30 e il 40%. I tagli, secondo quel che viene riportato, possono arrivare fino a un massimo del 90% dell’imponibile sul prodotto finale.

    La riduzione è destinata in particolare a sostenere la ripresa della produzione nei settori manifatturieri del mobile, dell’industria petrolchimica e degli elettrodomestici. [MV]

  • Libia Free

    Haftar: “Riprenderà la produzione di petrolio”

    LIBIA - La produzione e l'esportazione di idrocarburi riprenderà a breve. Lo ha annunciato il generale Khalifa Haftar, l'uomo forte della Cirenaica che, nel gennaio scorso, aveva bloccato ogni attività nei principali giacimenti libici. I lavori riprenderanno, secondo il politico (prima uomo di fiducia di Gheddafi e poi suo acerrimo avversario), ma solo “ad alcune condizioni”. Al momento, però, non si sa quali siano queste condizioni. Un tweet della tv del gruppo media Al Arabiya riferisce: “Haftar: la leadership delle forze armate ha deciso di riprendere la produzione ed export di petrolio con condizioni», senza specificare ulteriormente. Secondo il sito Al Wasat, Haftar avrebbe invece affermato che i proventi “non debbano essere utilizzati per finanziare del terrorismo”. Il comandante generale dell'Esercito nazionale libico, come noto, considera “terroristi” i componente delle milizie che controllano gran parte dell'Ovest e sono legate al governo di Tripoli. [EC]
  • Marocco Free

    Energia, entro il 2030 il 52% da rinnovabili

    MAROCCO - Entro il 2030, il Marocco produrrà il 52% dell'energia necessaria alle sue utenze sfruttando le fonti di energia rinnovabile e pulita nazionali e riducendo la sua dipendenza dai Paesi ricchi di petrolio. A sostenerlo è la società di analisi dati GlobalData in un suo recente rapporto, secondo il quale il ricorso a queste fonti energetiche potrebbe anche tradursi in migliaia di nuovi posti di lavoro. Già nel 2019, secondo quanto riporta GlobalData, il Marocco ha generato il 34% della sua energia attraverso l'energia idroelettrica ottenuta da grandi sbarramenti sui fiumi e torrenti. Sebbene la costruzione di dighe abbia un impatto ambientale significativo, una volta costruite queste strutture sono destinate a fornire energia pulita e economica per lunghi periodi. Considerati gli investimenti in fase di studio, la quota dell'idroelettrico potrebbe facilmente raggiungere il 42% della produzione totale entro il 2030. Nel 2030, inoltre, i marocchini useranno il doppio dell'energia rispetto al 2010. Il Marocco ha già costruito il più grande impianto solare del mondo, ma ha intenzione di aumentare la produzione di energia solare nei prossimi anni. Il Marocco gode infatti di oltre 3.000 ore di sole all'anno, una potenza che, attraverso le nuove tecnologie, è possibile sfruttare appieno. Il ruolo del Marocco come leader continentale e mondiale nelle energie rinnovabili sta crescendo. Il Consiglio economico, sociale e ambientale di Rabat ha stimato a luglio che il Paese potrebbe nei prossimi decenni arrivare a produrre il 96% di tutta la sua energia utilizzando fonti rinnovabili. [EC]