Tunisia

Stato d’emergenza prolungato per un altro mese

TUNISIA – E’ stato prorogato di un mese, fino al prossimo 2 marzo, lo stato d’emergenza imposto nel paese dopo la deposizione del precedente regime guidato da Zine El Abidine Ben Ali.

(134 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Banca centrale conferma agricoltura unico settore in...

    ALGERIA - La Banca centrale d'Algeria ha confermato che nel 2021 l'agricoltura ha registrato un calo della crescita  rispetto a tutti gli altri settori economici che hanno già iniziato la loro ripresa rispetto al 2020, anno in cui la pandemia di COVID-19 ha causato la paralisi nazionale per le conseguenze della crisi sanitaria sulla situazione economica e finanziaria del Paese .

    A segnalarlo sono i media locali, citando una nota sulla situazione economica prodotta dalla Banca d'Algeria per studiare l'evoluzione dell'andamento finanziario e monetario del Paese durante i primi sei mesi dell'anno scorso.

    Secondo la Banca centrale, "la ripresa dell'attività economica nazionale, iniziata nel primo trimestre 2021 (+2,0%), è proseguita nel secondo trimestre 2021 raggiungendo così una crescita apprezzabile del 6,4% a fronte di una forte contrazione del 10,3% nel secondo trimestre 2020”.

    Il documento rileva inoltre che questa "crescita del PIL reale è correlata all'aumento di quasi tutti i principali settori dell'economia nazionale tranne quello dell'agricolturaa che ha mostrato una leggera flessione dello 0,3% nel secondo trimestre del 2021 rispetto a una crescita dell'1,4% nello stesso periodo dell'anno precedente”.

    La Banca centrale algerina ha sottolineato che “questo calo è stato causato da condizioni climatiche sfavorevoli”. La stessa fonte riporta infine che "escludendo gli idrocarburi, la crescita del Pil ha raggiunto il 6,1% nel secondo trimestre del 2021 contro un forte calo dell'11,5% nel secondo trimestre dell'anno precedente". [MV]

  • Tunisia Free

    Fondi dalla Germania per riforme nel settore bancario

    TUNISIA - Un prestito di 100 milioni di euro (circa 287 milioni di dinari tunisini) sarà erogato dalla Germania nei prossimi giorni per sostenere le riforme nel settore bancario e finanziario in Tunisia. Come riferisce la stampa locale, lo ha annunciato l’ambasciatore tedesco a Tunisi, Peter Prüge, durante un incontro con la ministra delle finanze tunisina Sihem Nemsia. Le medesime fonti precisano che questo esborso fa parte di un accordo di prestito firmato nel 2020 tra la Tunisia e la Banca tedesca di sviluppo (KfW) al fine di migliorare l’accesso al finanziamento per le piccolissime, piccole e medie imprese. [VGM]
  • Algeria Free

    Incontro con inviato britannico per rilanciare...

    ALGERIA - Il ministro dell’Energia e delle Miniere dell’Algeria Mohamed Arkab, ha ricevuto ad Algeri l’inviato speciale del primo ministro britannico incaricato di promuovere la partnership economica con l’Algeria, Richard Risby, con il quale ha discusso della cooperazione e del partenariato tra i due Paesi nel settore degli idrocarburi e in quello minerario. Nel corso dell’incontro le due parti hanno discusso dei rapporti di cooperazione e partnership tra i due Paesi nel campo degli idrocarburi, definiti “molto buoni”, nonché delle prospettive offerte dal settore minerario. Secondo il racconto dei media, Arkab ha fornito una panoramica generale della politica energetica algerina e del nuovo quadro normativo che disciplina le attività degli idrocarburi, che presenta numerose agevolazioni e vantaggi per gli investitori, ponendo particolare enfasi sulle opportunità offerte. [GT]
  • Marocco Free

    Passi avanti nella digitalizzazione dell’anagrafe

    MAROCCO - Il ministero dell’Interno del Marocco ha appena indetto un bando per la digitalizzazione di oltre dieci milioni di atti d’anagrafe negli uffici di stato civile di 21 prefetture e province. Si tratta di un passo avanti nel processo di digitalizzazione dell’amministrazione del Paese. Il primo lotto riguarda oltre 2,68 milioni di atti nelle prefetture e distretti di Casablanca, Casablanca-Anfa, El Fida-Mers Sultan, Ain Sebaa, Hay Mohammadi, Hay Hassani, Ain Chock, Sidi Bernoussi, Ben M’sick, Moulay Rachid, Mohammedia, Nouaceur, Mediouna, Benslimane, Berrechid e Sidi Bennour. Il secondo lotto copre le prefetture di Settat e El Jadida con oltre 2,63 milioni di documenti di stato civile, mentre il terzo lotto comprende oltre 2,79 milioni di documenti amministrativi di stato civile a Fez e Meknes. Il quarto lotto ha più di 2,68 milioni di atti a Taounate e Taza. I quattro lotti riguardano perciò un totale di oltre 10,79 milioni di atti civili da digitalizzare. L’obiettivo è la costituzione di banche dati elettroniche centralizzate dello stato civile. [CC]
  • Algeria Free

    In forte crescita settore e-commerce

    ALGERIA - Nel corso del 2021 sono state registrate oltre 7,8 milioni di transazioni di pagamento via Internet da titolari di carte interbancarie e carte Edahabia di Algeria Post, in aumento del del 70,25% rispetto ai 4,5 milioni del 2020. Lo ha annunciato ieri il direttore generale del gruppo di interesse economico Monetics, Madjid Messaoudene, nel corso di una conferenza di cui dà conto l’Algerie presse service. L’importo totale delle transazioni effettuate via Internet ha raggiunto lo scorso anno gli 11.200 miliardi di dinari (70,65 miliardi di euro), contro i 5,4 miliardi di dinari (3,4 milioni di euro) registrati nel 2020. Le transazioni di pagamento tramite terminali di pagamento elettronici (Tpe) sono vicine ai 2 milioni, con un numero di Tpe in funzione a livello nazionale è di 40.000 dispositivi. [ASB]
  • Egitto Free

    Rafforzata la cooperazione con la Corea del Sud

    EGITTO - Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi e il suo omologo sudcoreano Moon Jae-in si sono incontrati, ieri, durante la prima visita di un presidente sudcoreano al Cairo in quasi 16 anni e hanno discusso di questioni di interesse reciproco. Secondo un comunicato stampa della presidenza egiziana al-Sisi ha sottolineato l’importanza di lavorare per attivare un partenariato cooperativo globale tra loro.

    Secondo le informazioni rese note, in occasione della visita - la prima visita in 16 anni di un leader sudcoreano nel Paese nord-africano - è stato firmato n accordo di finanziamento in cooperazione allo sviluppo da 1 miliardo di dollari per una durata di cinque anni, dal 2022 al 2026.

    Moon ha inoltre espresso tutto l’interesse di Seoul ad aumentare i suoi investimenti in importanti progetti di sviluppo e infrastrutture e altrove in Egitto. Gli scambi commerciali tra Egitto e Corea del Sud sono aumentati del 23,6% nei primi 10 mesi del 2021, raggiungendo il valore di 1,9 miliardi di dollari, in aumento rispetto agli 1,6 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso. I due leader hanno discusso della cooperazione nello sviluppo ferroviario, una priorità importante per lo stato egiziano. Hanno anche discusso della localizzazione dell’industria delle auto elettriche in Egitto e di come la Corea del Sud potrebbe aiutare con l’iniziativa Decent Life, lanciata da al-Sisi per sviluppare i villaggi e i governatorati più poveri in Egitto, oltre alla cooperazione nella produzione di energia, alla luce della volontà dei due paesi di diversificare e proteggere le proprie fonti di energia. Moon e al-Sisi hanno anche discusso i modi per migliorare la cooperazione militare, in particolare la produzione congiunta e il trasferimento della tecnologia. Al-Sisi ha espresso il desiderio dell’Egitto di attrarre società e investimenti coreani, con la disponibilità del Cairo “a fornire tutte le strutture necessarie per creare un ambiente promettente e per incoraggiare un aumento degli investimenti coreani in importanti progetti di sviluppo e infrastrutture” ma anche in settori come l’energia, l’estrazione mineraria, i trasporti, le comunicazioni e la tecnologia dell’informazione. Al-Sisi ha detto di essere d’accordo con Moon sull’importanza di rafforzare la cooperazione congiunta per sostenere la visione egiziana della Quarta Rivoluzione Industriale, sia attraverso l’istituzione di una filiale dell’Università coreana di scienza e tecnologia avanzate, sia attraverso la cooperazione tra i ministeri della comunicazioni e tecnologie dell’informazione nell’uso dell’intelligenza artificiale. I due presidenti hanno assistito alla cerimonia di firma di una serie di memorandum d’intesa tra i loro paesi in materia di partenariato commerciale ed economico, cooperazione allo sviluppo e ferrovie. [ASB]