Kenya

Cpi, accusati violenze post-elettorali chiedono rinvio

KENYA – I quattro esponenti politici keniani, tra i quali il candidato alle elezioni presidenziali Uhuru Kenyatta e il suo vice William Ruto, accusati di crimini contro l’umanità in seguito alle violenze post-elettorali che hanno colpito il Kenya dopo il voto nel dicembre 2007 hanno chiesto alla Corte Penale Internazionale (Cpi/Icc) il rinvio dei processi contro di loro per presunte irregolarità procedurali.

(185 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Sud SudanSudan Free

    Sud Sudan e Sudan lavorano alla cooperazione...

    SUDAN - Sud Sudan e Sudan stanno lavorando per sviluppare una cooperazione tecnica nel campo degli idrocarburi. Puok Kang Chol, ministro del Petrolio di Juba, è arrivato martedì a Khartoum per incontrare il suo omologo sudanese, Khairy Abdel-Rahman. Quest'ultimo ha definito la visita “importante”, affermando che potrebbe contribuire allo sviluppo della cooperazione bilaterale. Ha inoltre sottolineato la disponibilità del suo Paese a fornire tutta l'assistenza tecnica per facilitare il flusso, attraverso Port Sudan, delle attrezzature necessarie alla ripresa produttiva dei giacimenti petroliferi sudsudanesi. Sul tavolo anche lo spinoso tema delle tasse di transito del petrolio. “Vogliamo discutere le disposizioni finanziarie relative alle tasse di transito del petrolio, al fine di raggiungere un risultato consensuale tra le due parti”, ha osservato il ministro sudsudanese. Sudan e Sud Sudan hanno concordato di estendere l'accordo sul transito di petrolio per l'esportazione attraverso Port Sudan sul Mar Rosso fino al 2022. Nel novembre 2019, Juba ha proposto di ridurre la tariffa di transito dell'oleodotto a 15 dollari a barile. L'obiettivo del Sud Sudan è però tornare all'intesa del 2012, in base alla quale Juba pagherebbe una tassa di transito per l'oleodotto tra i 9,10 e gli 11 dollari al barile e 3,08 miliardi di dollari come risarcimento al Sudan per superare la perdita dei pozzi dopo l'indipendenza del Sud Sudan. [EC]
  • Sudan Free

    Colloqui con Stati Uniti, da Abu Dhabi messaggi...

    SUDAN - I colloqui tra Sudan e Stati Uniti tenuti ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, si sono conclusi senza accordi, con ancora una certa distanza tra le parti. Citando fonti ben informate, il Sudan Tribune ha riferito che gli Stati Uniti hanno chiesto a Khartoum - rappresentata dal presidente del Consiglio sovrano, Abdel Fattah al-Burhan - di normalizzare le relazioni con Israele nell’ambito del piano per la pace in Medio oriente messo a punto da Donald Trump; in cambio gli Stati Uniti avrebbero promesso sostegno economico oltre che la rimozione dalla lista dei Paesi sponsor del terrorismo.  Secondo le fonti del Sudan Tribune, l’indisponibilità degli Stati Uniti a fissare delle scadenze certe e a quantificare gli aiuti avrebbero spinto Burhan restare sulle proprie posizioni. Il Sudan avrebbe in particolare chiesto, oltre a tempi certi, anche aiuti per 10 miliardi di dollari.  Leggendo il comunicato emesso dalla delegazione sudanese una volta rientrata a Khartoum, la partita sembra comunque ancora aperta. “L’esito dei colloqui sarà presentato agli organi di transizione per discussione - si legge nella nota - e raggiungere una visione comune che soddisfi gli interessi e le aspirazioni del popolo sudanese”. [MS]
  • Etiopia Free

    Elezioni entro un anno, parlamento approva risoluzione

    ETIOPIA - Il parlamento etiope ha approvato una risoluzione che consente di tenere le elezioni generali del Paese nell’arco di un anno. Il nuovo anno etiope è iniziato l’11 settembre, quindi le elezioni si terranno prima di settembre del prossimo anno. Il Parlamento ha approvato la risoluzione nel corso di una sessione straordinaria. Un deputato ha votato contro la risoluzione e otto si sono astenuti, secondo i media etiopi. Il Paese aveva rinviato le elezioni a causa della pandemia di coronavirus. La regione settentrionale del Tigray, invece, è andata avanti e ha tenuto ugualmente elezioni – ritenute “nulle” dal governo federale del primo ministro Abiy Ahmed – ottenendo oltre il 98 per cento dei voti. Il suo leader, Debretsion Gebremichael, ha definito l’elezione “storica” per il destino della regione. [Africa Rivista]
  • Etiopia Free

    Rimossi sussidi sullo zucchero

    ETIOPIA - Il governo di Addis Abeba ha posto fine al regime di sussidi sulla produzione e l’importazione di zucchero, abolendo una sovvenzione in vigore da oltre un decennio.

    A segnalarlo sono i media locali, precisando come la decisione comporti un aumento del prezzo dello zucchero alla produzione di circa un terzo.

    Secondo le informazioni rese note, la decisione è legata alla necessità di ridurre le perdite della Ethiopian Sugar Corporation, attualmente di proprietà statale e operatore monopolista del settore.

    Un decennio fa infatti, a causa delle perturbazioni del mercato causate dall'inflazione e dagli aumenti dei prezzi dello zucchero sui mercati internazionali, il governo ha sospeso il meccanismo delle aste per fissare il prezzo a livello domestico e assunto il monopolio della filiera fondando la Ethiopian Sugar Corporation. Negli ultimi due anni, la Corporation ha prodotto e importato zucchero mentre altre imprese di commercio all'ingrosso e di importazione di proprietà statale erano responsabili della distribuzione del prodotto.

    "Il costo di produzione è aumentato", ha dichiarato Eshete Asfaw, ministro del Commercio e dell'Industria.

    Secondo i dati a disposizione, la produzione locale di zucchero in Etiopia è pari a circa 3,2 milioni di quintali all’anno mentre le importazioni sono pari a circa quattro milioni di quintali all’anno. [MV]

  • Kenya Free

    Proposti nuovi standard edilizi per risparmio...

    KENYA - Il governo di Nairobi intende introdurre un nuovo codice edilizio per assicurare che la costruzione di nuovi edifici nel Paese garantisca maggiore efficienza e risparmio di energia.

    Secondo quel che viene riportato dai media che ne danno notizia, la strategia è in linea con le politiche del governo keniano sulla partecipazione del settore privato nell’uso di soluzioni energetiche basate sulle fonti rinnovabili per risparmiare sui costi energetici e ridurre le emissioni inquinanti.

    Denominata ‘Strategia nazionale per l'efficienza e la conservazione dell'energia del Kenya’, il documento elaborato dal ministero dell’Energia stabilisce che almeno il 10% delle superfici di nuova costruzione sia conforme ai requisiti di efficienza energetica mentre il 2% degli edifici dovrà adottare gli standard di efficienza energetica ASHREA.

    Sottolineando l’importanza del nuovo codice edilizio, il ministro dell’Energia Charles Keter ha invitato i suoi concittadini ad adottare modi alternativi per risparmiare e utilizzare l’elettricità: “"Il miglioramento dell'efficienza energetica aiuterà a ridurre la domanda di combustibili fossili e le relative emissioni di gas serra", ha detto. [MV]

  • BurundiTanzania Free

    Allo studio un impianto per la lavorazione del nichel

    BURUNDI / TANZANIA - I governi di Bujumbura e Dodoma hanno avviato una serie di colloqui per la costruzione di un impianto per la lavorazione del nichel.

    A dirlo è stato il presidente tanzaniano John Magufuli in occasione di un incontro con il suo omologo burundese Evariste Ndayishimiye.

    “Stiamo valutando come possiamo accelerare la costruzione dell'impianto congiunto di lavorazione del nichel", ha detto Magufuli ricordndo che i due Paesi producono il metallo che però viene esportato in forma grezza.

    Secondo le stime più recenti, nel sottosuolo dei due Paesi sono presenti riserve di nichel per circa 70 milioni di tonnellate. [MV]