Mali

Allarme sicurezza alimentare, semina a rischio

MALI – È urgente aiutare i profughi a tornare nelle proprie aree di residenza per salvaguardare un minimo produzione agricola locale, in un paese dove già circa due milioni di persone si trovano in situazione di insicurezza alimentare.

(249 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Nigeria Free

    Porto Lekki, governo chiede di accelerare i lavori

    NIGERIA - Il ministro dei Trasporti nigeriano Chibuike Amaechi ha esortato gli appaltatori del porto di Lekki a Lagos, il Lekki deep seaport project, ad accelerare i lavori per consentire al governo avviare le attività e di approvare tutti i processi prima delle prossime elezioni presidenziali. Lo riportano i media locali. Amaechi ha elogiato gli appaltatori per lo stato di avanzamento dei lavori, affermando che in meno di cinque mesi sono state eseguite quasi tutte le opere civili: “È necessario accelerare il lavoro in modo da poter ottenere l’approvazione da parte del governo prima delle elezioni, il processo elettorale sarà completato a luglio”. Il timore è che i funzionari pubblici preposti alle approvazioni possano essere troppo impegnati nel processo elettorale: “Se si aspetta troppo non si incontrerà nessuno in ufficio”. I lavori di dragaggio e bonifica hanno raggiunto l’89,93% di completamento, il completamento di Quay Wall dell’85,65%, il completamento del frangiflutti del 79,66% e lo sviluppo delle infrastrutture di terraferma del 67,82%. Il totale dei lavori eseguiti sul progetto sono quindi completi all’80%. Il porto di Lekki è stato sviluppato da Tolaram e dalla China Harbor Engineering Company e anche il governo statale di Lagos e l’Autorità portuale sono azionisti della società di progetto. Il porto dovrebbe iniziare le operazioni entro la fine del 2022. [ASB]
  • Ghana Free

    Lanciato sistema di tracciamento farmaceutico

    GHANA - È stato presentato ad Accra, dal ministro della Salute ghanese Kwaku Agyeman-Manu, il Ghana global standards one (Gs1), un sistema che traccerà i prodotti farmaceutici in ingresso nel Paese e li farà risalire anche alla catena del valore della fornitura, parte degli sforzi volti a garantire la salute e la sicurezza delle persone. Il sistema, presentato ieri, è stato sviluppato dallo stesso ministero della Salute e aiuterà anche a risolvere il problema dei medicinali e delle forniture mediche scadenti o falsificati, nel sistema sanitario e sul mercato nero. L’iniziativa Gs1 è uno standard di codifica globale per i prodotti, inclusi servizi sanitari e farmaceutici, e aiuta nell’identificazione, acquisizione di dati e altri meccanismi di tracciamento. Denominato anche “tracciabilità farmaceutica”, il sistema consentirà la tracciabilità e l’autenticazione del prodotto per garantire la conformità normativa tra gli attori del settore e garantirà ulteriormente la tracciabilità dei prodotti dallo stabilimento al paziente, promuoverà la fiducia nel settore farmaceutico e nel sistema sanitario, ridurrà la presenza di farmaci scadenti e falsificati, consentirà efficienze lungo la catena di approvvigionamento e, in definitiva, aumenterà la sicurezza del paziente. [ASB]
  • Burkina Faso Free

    Kaboré agli arresti, militari alla tv nazionale

    BURKINA FASO - Diverse fonti di InfoAfrica confermano l’arresto del presidente del Burkina Faso Roch Marc Christian Kaboré. Il capo di Stato, come riferito anche da alcune agenzie internazionali, sarebbe detenuto in un campo militare nella capitale Ouagadougou. Soldati incappucciati hanno preso posizione davanti al quartier generale della televisione nazionale del Burkina Faso. “Ci sarà una dichiarazione nelle prossime ore” ha detto un ufficiale a Rfi. Secondo l’ufficiale gli ammutinati chiedono le dimissioni del presidente Roch Marc Christian Kaboré.  [CC]
  • Burkina Faso Free

    Caserme in rivolta, un quadro da chiarire

    BURKINA FASO - Non sono ancora chiari i motivi dietro la rivolta di militari di alcune caserme di Ouagadougou; i rivoltosi, secondo una dichiarazione del governo pubblicata dalla televisione nazionale, Radio-televisione burkinabè (Rtb), non avrebbero ancora espresso specifiche richieste. 

    I campi in rivolta sono Camp Sangoulé Lamizana e Baba Sy, a Ouagadougou.

    Nel suo comunicato stampa, il governo di Ouagadougou ha parlato di una “sparatoria” negando le voci che parlano di un ammutinamento nell’esercito: il governo ha invocato la calma, negando ogni speculazione e notizia secondo cui l’esercito avrebbe preso il potere e arrestato il presidente Roch Kaborè: “Il capo dello Stato non è stato arrestato, nessuna istituzione nel Paese è stata minacciata”, ha detto alla televisione nazionale il ministro della Difesa generale Bathelemy Simpore. 

    Il governo ha confemato la rivolta ma negato il golpe.

    Parlando con i giornalisti fuori dal campo di Sangoulé Lamizana, a Ouagadougou, mentre i soldati sparavano in aria dietro di lui, uno degli ammutinati ha elencato una serie di richieste, comprese le dimissioni del capo di Stato maggiore dell’esercito e del capo dei servizi segreti, maggiori risorse e un’adeguata formazione per l’esercito, che ha subito pesanti perdite negli ultimi mesi a causa di militanti legati ad al-Qaeda e Daesh.

    Secondo i media locali, ieri sera la situazione era ancora in ebollizione. L’8 gennaio scorso un piccolo gruppo di militari, una dozzina, era finito agli arresti, accusati di aver tentato di organizzare un colpo di Stato, ma le autorità giudiziarie avevano detto la scorsa settimana di essere in cerca di altri presunti golpisti.

    Il governo ha annunciato di avere il controllo della situazione e ha contestato la tesi del colpo di Stato. E' stato però decretato il coprifuoco su tutto il territorio dalle 20:00 alle 5:30. [ASB]

  • Senegal Free

    Elezioni municipali, oppositore Sonko nuovo sindaco di...

    SENEGAL - Il deputato Ousmane Sonko, leader della coalizione d’opposizione Yewwi Askan Wi (Yaw), è uscito in vantaggio nel comune meridionale di Ziguinchor, in base ai risultati provvisori delle elezioni amministrative svoltesi ieri. Secondo SudestInfo, il sindaco uscente del capoluogo della Casamance, Abdoulaye Baldé, ha già ammesso la sconfitta. Si è rivolto alla stampa per congratularsi con il suo sfidante, l’avversario Sonko “che ha vinto le elezioni nella capitale meridionale”. Abdoulaye Baldé ha riconosciuto la sua sconfitta e la sua “missione che finisce” a capo del municipio. Secondo il sito ToutInfos, il leader del partito Pastef e della coalizione Yaw ha ottenuto almeno il 55 per cento dei voti, seguito dal sindaco uscente Baldé dell’Ucs che ha raccolto circa il 38 percento, e infine dal candidato della coalizione di maggioranza  Benno Bokk Yakaar (Bbby), Benoit Sambou  che totalizza il 13 percento delle preferenze. Circa 6,6 milioni di senegalesi hanno votato questa domenica per eleggere i consiglieri di 552 comuni, cinque città e 43 consigli dipartimentali. [CC]
  • Burkina Faso Free

    Istituito comitato piano sviluppo miniera Iamgold

    BURKINA FASO - E' stato ufficialmente istituito il Comitato regionale per la redazione e la convalida del piano di sviluppo sostenibile (Corevap) della miniera Iamgold/Essakane S.A. Tra i suoi compiti, la convalida dell’intero processo di elaborazione del piano di sviluppo sostenibile della miniera. Lo si apprende dall’agenzia di stampa Aib. “La missione del comitato è di convalidare l’intero processo di elaborazione del piano di sviluppo sostenibile della miniera per garantire che gli assi in esso contenuti siano integrati nella visione dello sviluppo sostenibile della regione del Sahel”, ha detto il direttore regionale dell’economia e della pianificazione del Sahel, Tayou Ould Targui. La medesima fonte ricorda che il comitato è composto da 24 membri dei servizi decentrati dell’amministrazione, della sezione regionale del Sahel dell’Associazione dei comuni del Burkina Faso (Ambf) e della società mineraria. [VGM]