Angola

Rafforzata cooperazione militare con il Brasile

ANGOLA – Si è conclusa con la firma di un accordo per aumentare la cooperazione nel settore militare tra Brasile e Angola, la visita di due giorni a Luanda del ministro brasiliano della Difesa, Celso Amorim, e dei capi di stato maggiore dell’esercito del paese sudamericano.

(113 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Tempesta tropicale Ana tocca terra

    MOZAMBICO - La prima tempesta tropicale della stagione degli uragani dell'Oceano Indiano sudoccidentale 2021/2022 ha toccato terra stanotte avendo raggiunto le cose del Mozambico.

    Denominata 'Ana' dai meteorologi, la tempesta ha già attraversato il Madagascar dove ha causato importanti inondazioni e smottamenti e sono state registrate almeno tre vittime.

    Le immagini satellitari al momento della stesura di questo articolo mostrano un sistema in intensificazione. L'approdo della tempesta è avvenuto non ontano da Angoche, dove si segnalano raffiche fino a 120 km/h. Sono previste precipitazioni significative nelle province mozambicane di Nampula, Quelimane settentrionale e Sofala, incluso anche il Malawi meridionale. [MV]

  • Angola Free

    Aziende emiratine interessate a investire nel settore...

    ANGOLA - Due aziende emiratine che operano nel settore alberghiero, il gruppo Rotana e Deutsche Hospitality, hanno reso noto di essere interessate a investire in Angola.

    A darne notizia sono i media angolani, che riportano la notizia di una serie di incontri avuti dall'ambasciatore del governo di Luanda ad Abu Dhabi, Albino Mualungo, con i rappresentanti delle due aziende.

    Secondo una nota diffusa dall'Ambasciata angolana negli Emirti Arabi Uniti, Mualungo ha garantito di avviar avviato "contatti con gli enti nazionali preposti affinché si concretizzi l'intenzione espressa da uomini d'affari legati al settore alberghiero negli Emirati di stabilire partenariati e investimenti nel mercato angolano". 

    Il gruppo Rotana è stato creato nel 1992 da una partnership tra gli imprenditori Nasser Al Nowis e Selim El Zyr. Attualmente è una delle principali società di gestione alberghiera in Africa, Medio Oriente, Europa orientale e Turchia.

    Deutsche Hospitality è "il marchio generale della società alberghiera tedesca Steigenberger Hotels AG, membro del Gruppo Huazhu dal 2020. Il gruppo è stato fondato da Albert Steigenberger nel 1930 ed è stato gestito come azienda familiare dai discendenti del fondatore, morto a 1958", si legge nella nota, aggiungendo che nel gennaio dello scorso anno il portafoglio del gruppo comprendeva "un totale di circa 150 hotel in tre continenti, di cui oltre 30 in costruzione o pianificazione". [MV]

  • Angola Free

    Business forum Ue-Angola il 24 marzo a Bruxelles

    ANGOLA – Si terrà il prossimo 24 marzo a Bruxelles, in formato misto, il business forum tra Unione europea e Angola. L’annuncio è arrivato al termine dell’incontro tra l’ambasciatore dell’Ue a Luanda, Jeannette Seppen, e il presidente del Consiglio di amministrazione dell'Agenzia per gli investimenti privati e la promozione delle esportazioni (Aipex), António Henriques, dopo che già nei mesi scorsi era stata annunciata l'intenzione di tenere a marzo l'incontro. “Questo business forum è una prova inequivocabile che la comunità europea crede nelle politiche, nella crescita e nel futuro dell'Angola”, ha detto Seppen, precisando che all'incontro, volto ad attrarre e a rafforzare gli investimenti in Angola, saranno presenti imprenditori dei 27 Stati membri dell’Ue. Il vicedirettore dell'Ufficio di cooperazione dell'Ue, Isabel Emerson, ha aggiunto che l’Ue sta negoziando con il governo angolano un accordo per facilitare gli investimenti sostenibili, “semplificando le regole per attrarre investimenti nel Paese”. Sarà il primo accordo del suo genere ad essere firmato tra un Paese e l’Ue, poiché normalmente accordi di questa natura sono sottoscritti a livello regionale. A sua volta, Henriques ha rimarcato come il rapporto tra Ue e Angola sia "positivo e in crescita", a fronte di oltre 680 milioni di dollari investiti negli ultimi tre anni dall’Ue in 89 progetti. Una cifra, ha aggiunto, che non rispecchia “il potenziale economico e finanziario della comunità europea”. Per questo, ha concluso Henriques, il business forum di marzo sarà “un'ottima opportunità per attrarre investimenti, finanziamenti e formare partenariati. Ci stiamo organizzando insieme ai nostri imprenditori per sfruttare al meglio questo forum”. [SS]
  • Zambia Free

    Atteso per metà anno il via libera all'accordo con Fmi

    ZAMBIA - Il governo di Lusaka concluderà presto i colloqui con i creditori sulla ristrutturazione del debito per poter così siglare entro giugno l’accordo con il Fondo monetario internazionale (Fmi) per un piano di aiuti da 1,4 miliardi di dollari concordato lo scorso novembre con una missione dell’Fmi. Lo ha detto il ministro delle Finanze, Situmbeko Musokotwane, in un incontro con i rappresentanti dell'Associazione dei banchieri dello Zambia. “Siamo sulla buona strada per risolvere questo problema del debito insostenibile. Speriamo in un pieno accordo con l’Fmi a metà del 2022", ha detto il ministro. Il debito estero di 12,7 miliardi ha portato il Paese in default. L’accordo preliminare raggiunto lo scorso novembre con l'Fmi coprirà tra anni, dal 2022 al 2025, e servirà a ripristinare la sostenibilità fiscale e del debito, a creare spazio di bilancio per la spesa sociale, rafforzando al contempo la governance economica e la trasparenza.[SS]
  • Sudafrica Free

    Prestito della Banca mondiale per la ripresa post-Covid

    SUDAFRICA – La Banca Mondiale ha approvato la richiesta di un prestito di 750 milioni di dollari (circa 11,4 miliardi di rand) a sostegno del Piano di ricostruzione e ripresa economica del Sudafrica. "Questo prestito sosterrà gli sforzi del governo sudafricano per accelerare la sua risposta al Covid-19, volta a proteggere i poveri e i vulnerabili dagli impatti socioeconomici della pandemia e a sostenere una ripresa economica resiliente e sostenibile", si legge nel comunicato congiunto diffuso dalla Banca Mondiale e dal ministero del Tesoro sudafricano. Nello specifico, il prestito da 750 milioni di dollari "a basso interesse" punta a rafforzare la stabilità del settore finanziario, in particolare con l'istituzione di un programma di assicurazione dei depositi, e a sostenere l'"impegno del Sudafrica per il cambiamento climatico". “Il sostegno al bilancio della Banca mondiale arriva in un momento critico per noi e contribuirà a colmare il deficit di finanziamento causato dalla spesa aggiuntiva in risposta alla crisi del Covid-19", ha affermato il direttore generale del Tesoro Dondo Mogajane, aggiungendo che “aiuterà a rispondere all’attuale sfida posta dal finanziamento di programmi sanitari e di sicurezza sociale essenziali, mentre continuiamo a sviluppare il nostro programma di riforme economiche". [SS]
  • NamibiaSudafrica Free

    Offerta di BDS Airways per Air Namibia

    NAMIBIA – La compagnia aerea sudafricana BDS Airways ha presentato un'offerta da 1,4 miliardi di dollari della Namibia (92,7 milioni di dollari Usa) per acquistare le attività della compagnia aerea Air Namibia, in via di liquidazione. Stando a quanto riportato dai media locali, il presidente di BDS ha inviato una lettera ai liquidatori di Air Namibia, David Bruni e Ian McLaren, proponendo di acquistare il 100% delle attività della compagnia aerea. Bruni e McLaren hanno quindi informato la Pilots Association of Namibia dell’offerta, affermando che intendono accettarla. Air Namibia è in via di liquidazione dopo che il governo, unico azionista, ha staccato la spina nel marzo dello scorso anno a fronte di un debito di circa 3,5 miliardi di dollari namibiani (231,7 milioni di dollari). [SS]