Nigeria

Sequestrati quattro operai Agip nello stato di Delta

NIGERIA – I media nigeriani danno oggi la notizia del sequestro di quattro operai dell’Agip avvenuto lunedì presso il campo petrolifero di Okpai, nello stato meridionale di Delta.

(136 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    Workshop sul nucleare riservato ai giornalisti

    GHANA - Si è svolto ad Accra un workshop di tre giorni sul nucleare riservato a giornalisti selezionati, il cui tema era “I passi del Ghana in un futuro nucleare”. L’evento organizzato dall’agenzia nazionale per gli studi sul nucleare e l’associazione nazionale dei giornalisti è stato organizzato allo scopo di promuovere e sostenere il coinvolgimento dei media negli sforzi per scegliere il nucleare tra le fonti di energia alternativa. Durante i lavori Jonathan Amoako-Baah, ex amministratore delegato della Grid Company  ha spiegato che l’energia elettrica generata da un reattore nucleare risulta  l’energia di base alternativa preferita per il Paese. Durante i lavori è emerso – come spiegato dai media nazionali – che il tema è in linea con l’appello dei leader mondiali appena lanciato alla COP26 a Glasgow, relativamente alle urgenti azioni di trasformazione che devono essere intraprese per combattere l’emergenza climatica e limitare il pericoloso riscaldamento globale. [GT]
  • Senegal Free

    Economia, Fmi rivede al rialzo le stime di crescita

    SENEGAL - L’economia del Senegal crescerà del 5% nel 2021 grazie in parte alla solida produzione industriale. È quanto affermato in una nota dal Fondo monetario internazionale, che ha rivisto la precedente previsione di crescita del 3,5% per il 2021. Il Fondo ha affermato di aver raggiunto un accordo con la nazione dell’Africa occidentale, che potrebbe aprire la strada all’esborso di circa ulteriori 180 milioni di dollari nell’ambito di un contratto di prestito già esistente. Il Senegal sta cercando di riprendersi dallo shock economico della pandemia, che ha rallentato la sua crescita del Pil reale all’1,5% nel 2020 dal 4,4% dell’anno prima: “Il rimbalzo economico del Senegal fino a settembre 2021 è stato più forte del previsto, anche se il Paese ha affrontato una terza ondata di pandemia nel terzo trimestre, grazie a una solida produzione industriale e di servizi” ha affermato il Fmi in una nota. Si prevede un’accelerazione della crescita economica al 5,5% nel 2022 e un picco di circa il 10% nel 2023-24 con l’inizio della produzione di petrolio e gas, per poi scendere a circa il 6% nel medio termine. [ASB]
  • Nigeria Free

    5G, tre aziende ammesse all’asta del 13 dicembre

    NIGERIA - Il regolatore delle telecomunicazioni della Nigeria ha scelto Mtn Nigeria, Airtel Africa e Mafab Communications ammettendole all’asta del 13 dicembre durante la quale saranno aperte le offerte per le licenze 5G in Nigeria. Lo hanno annunciato le autorità nigeriane di telecomunicazioni ieri pomeriggio in una nota ripresa dai media locali. La Commissione per le comunicazioni della Nigeria aveva dichiarato a luglio che prevedeva di iniziare a mettere all’asta lo spettro per la rete 5G di prossima generazione nel quarto trimestre di quest’anno. [ASB]
  • Senegal Free

    Intesa tra Afreximbank e Fonsis per finanziare piano...

    SENEGAL - L’African Import-Export Bank (Afreximbank) ha firmato un protocollo d’intesa con il Fondo sovrano per gli investimenti strategici del Senegal (Fonsis) per fornire capitali a sostegno degli investitori del settore pubblico e privato nello sviluppo di progetti in Senegal, dalla fase di progettazione alla bancabilità. Secondo le informazioni rese note, Afreximbank e Fonsis hanno istituito uno strumento di finanziamento congiunto per la preparazione del progetto. Il meccanismo mira a mobilitare fino a 50 milioni di dollari per accelerare l’attuazione dei progetti prioritari inclusi nel piano di sviluppo nazionale del governo del Senegal, denominato “Piano Senegal Emergente (Pse)”. Le due istituzioni aiuteranno congiuntamente gli investitori del settore pubblico e privato a ridurre i rischi di mercato  fornendo servizi di finanziamento e assistenza tecnica che porteranno a una fornitura costante di progetti ben strutturati. Lavoreranno insieme per aiutare gli investitori a preparare progetti in diversi settori legati al commercio e agli investimenti, tra cui energia, trasporti e logistica, industria manifatturiera, agroindustria, ospitalità, turismo, miniere, servizi e salute. [GT]
  • Mauritania Free

    Creato un Fondo nazionale per l’occupazione

    MAURITANIA - Un fondo nazionale per l’occupazione è stato creato  dal governo della Mauritania con l'obiettivo di riunire tutti i fondi dedicati all’occupazione e all’imprenditorialità, per ridurre i costi di gestione e migliorare il coordinamento tra i vari soggetti interessati, per meglio rispecchiare le attività pubbliche in questo ambito. Il ministro del Lavoro e della formazione professionale, Taleb Ould Sid’Ahmed, ha spiegato che la missione del fondo è il finanziamento di attività e programmi per l’occupazione, l’imprenditorialità aziendale, il finanziamento e la promozione delle “micro, piccole e medie imprese”. Il ministro ha aggiunto che uno dei compiti più importanti di questo fondo è condurre indagini sul mercato del lavoro in Mauritania e valutare l’impatto dei programmi finanziati dal fondo. Il governo ha deciso di affidare la gestione di questo nuovo fondo al Fondo nazionale di deposito e sviluppo, attraverso un accordo firmato tra i ministeri delle Finanze e del Lavoro e della formazione professionale. [CC]
  • Costa AvorioSierra Leone Free

    Al via acquisto elettricità da Costa d’Avorio

    SIERRA LEONE - La Costa d’Avorio fornirà elettricità alla Sierra Leone, come parte del progetto di interconnessione della rete elettrica della Costa d’Avorio, Liberia, Sierra Leone e Guinea (Clsg). Secondo il contratto, la Costa d’Avorio si impegna a fornire 70 GWh alla Sierra Leone ogni anno per i primi due anni (2021 e 2022) e 100 GWh nel terzo anno, 2023. Il contratto è per un periodo rinnovabile di tre anni. Come riferisce la stampa locale, la firma dell’accordo di acquisto di energia ha avuto luogo ieri tra il direttore generale di CI-Energies, Noumory Sidibé, il direttore generale della Compagnie Ivoirienne de l’Electricité (Cie), Ahmadou Bakayoko e il direttore generale facente funzione dell’Autorità di distribuzione e fornitura di elettricità della Sierra Leone (Edsa), James Rogers. La firma si è tenuta in presenza del ministro ivoriano delle Miniere, del Petrolio e dell’Energia, Thomas Camara, e del suo omologo della Sierra Leone, Alhaji Kanja Sesay. L’accordo segue quello firmato martedì, ancora dalla Costa d’Avorio con la Guinea, che prevede l’acquisto dalla Costa d’Avorio di 11 megawatt di energia elettrica ogni anno, fino al 2023, per un totale di 33 megawatt. Un accordo che si colloca sempre nell’ambito del progetto Clsg che mira a creare un mercato dinamico dell’elettricità nella sottoregione dell’Africa occidentale e assicurare l’approvvigionamento elettrico dei Paesi. [VGM]