Etiopia

Società canadese firma intesa per prospezioni petrolifere

ETIOPIA – La compagnia canadese Africa Oil Corporation (AOC) ha sottoscritto un’intesa con il governo di Addis Abeba per l’avvio di prospezioni petrolifere nella regione orientale dell’Ogaden e nel blocco SOuth Omo nella regione della Rift Valley.

(209 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Accordi di cooperazione con Ungheria e presto...

    KENYA – Nairobi aprirà presto un’ambasciata a Budapest, in Ungheria, per rafforzare la propria presenza nell’Europa centrale e orientale e favorire rapporti più stretti con il settore privato, così da attrarre investimenti. Lo ha annunciato il presidente Uhuru Kenyatta dopo aver ricevuto l’omologo ungherese, Janos Ader, in visita in Kenya dopo aver fatto tappa in Ghana. "Sono lieto di annunciare che il Kenya è pronto a istituire una missione diplomatica a Budapest il prima possibile", ha affermato il Presidente dopo l'incontro. Nel corso della visita di Ader, Kenya e Ungheria hanno firmato quattro accordi di cooperazione nei settori della salute, dell'acqua, dell'istruzione e della diplomazia. Stando a quanto riportato dai media keniani, l'accordo sulla salute riguarda lo sviluppo delle risorse umane, la condivisione delle informazioni e la prevenzione delle malattie, compreso il Covid-19. L’intesa sull'istruzione prevede invece di raddoppiare, portando da 100 a 200, le borse di studio offerte ogni anno da Budapest agli studenti keniani. Sul fronte della cooperazione commerciale, Kenyatta ha auspicato un maggiore coinvolgimento del settore privato e ha ringraziato il governo ungherese per aver concesso un sostegno di 50 milioni di dollari ai settori sanitario, agricolo, dell'istruzione e dell'acqua. [SS]
  • Etiopia Free

    Esportazioni in crescita

    ETIOPIA - Il valore delle esportazioni dell'Etiopia ha raggiunto quota 1,89 miliardi di dollari durante la prima metà dell'anno fiscale in corso, conclusasi l'8 gennaio.

    A renderlo noto è stato il ministro del Commercio e dell'integrazione regionale dell'Etiopia, Denge Boru, sottolineando come il dato segnali una crescita di 322 milioni di dollari (pari al 20,5%) rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. 

    Seppure il valore sia di 90 milioni di dollari inferiore all'obiettivo fissato dal ministero per il periodo, i funzionari hanno manifestato la loro soddisfazione, tenendo conto delle sfide interne ed esterne che il Paese ha dovuto affrontare negli ultimi mesi.

    Il Paese prevedeva di ottenere 1,98 miliardi di dollari dall'esportazione nel periodo di sei mesi, raggiungendo il 95% del suo obiettivo.

    Il settore agricolo continua ad essere un pilastro del commercio di esportazione dell'Etiopia. Il ministero ha affermato che le esportazioni di prodotti agricoli hanno generato il 70% delle entrate totali delle esportazioni nella prima metà dell'anno finanziario, seguite dall'industria mineraria (15%) e dalla manifattura (12,5%). In particolare, i principali prodotti esportati all'estero sono caffè, oro, semi oleosi e fiori. [MV]

  • BurundiTanzania Free

    Firmata intesa per costruire ferrovia tra Tanzania e...

    BURUNDI / TANZANIA - I governi di Dar es Salaam e di Gitega hanno firmato un accordo per la costruzione di una ferrovia del valore complessivo stimato in circa 900 milioni di dollari per collegare tra loro le due nazioni vicine dell'Africa orientale.

    Secondo quel che viene riportato dai media che ne danno notizia, le due parti hanno firmato un memorandum d'intesa per costruire una linea di 282 chilometri tra la località di Uvinza, nella Tanzania occidentale, e la capitale del Burundi Gitega.

    A firmare l'intesa sono stati, ieri nella città tanzaniana di Kigoma, i ministri delle Finanze e dei Trasporti dei due Paesi.

    I due governi cercheranno congiuntamente finanziamenti per la ferrovia, ha detto il ministro delle Finanze della Tanzania Mwigulu Nchemba, aggiungendo che il costo finale "probabilmente non supererà i 900 milioni di dollari", senza però fornire maggiori dettagli in merito.

    La Tanzania, che vuole diventare un hub regionale del commercio e dei trasporti, sta già costruendo una linea ferroviaria a scartamento normale per collegare il porto di Dar es Salaam ai Paesi vicini senza sbocco sul mare, inclusa la Repubblica Democratica del Congo. [MV]

  • Kenya Free

    Accordo tra Africa50 e Power Grid per trasmissione...

    KENYA - Africa50, la piattaforma di investimento infrastrutturale dell'Africa, e Power Grid Corporation of India, azienda pubblica indiana per la produzione di energia, hanno sottoscritto un accordo di sviluppo congiunto per il primo progetto di partenariato pubblico-privato (Ppp) per la trasmissione dell’energia in Kenya. Il progetto prevede lo sviluppo, il finanziamento, la costruzione e il funzionamento delle linee di trasmissione 400 kV Lessos – Loosuk e 220 kV Kisumu – Musaga: una volta completato, sarà il primo sistema di trasmissione di energia indipendente (Ipt) in Kenya e fungerà da punto di riferimento in Africa come primo finanziamento della linea di trasmissione su base Ppp, ha sottolineato il ministero dell’Energia in un comunicato. Stando ai termini dell'accordo, Power Grid contribuirà con il suo know-how tecnico e operativo al progetto, mentre Africa50 contribuirà con la sua esperienza di sviluppo e finanziamento di progetti. “Siamo molto lieti di collaborare con il governo del Kenya e Power Grid per implementare questo importante progetto pionieristico in uno dei nostri Paesi – ha commentato Alain Ebobissé, amministratore delegato di Africa50 - negli ultimi anni l'attenzione si è concentrata sull'attrazione di investimenti privati ​​nelle infrastrutture di produzione di energia in Africa. È tempo di concentrarsi anche sugli investimenti privati ​​nello sviluppo delle reti di trasmissione dell'elettricità in tutta l'Africa”. [SS]
  • Uganda Free

    Engie inaugura mini-grid per l'elettricità in zone...

    UGANDA - Engie Equatorial ha annunciato l’inaugurazione sull’isola di Lolwe di una mini-grid solare ibrida da 600 kWp, con il suo sito industriale integrato e la stazione di ricarica per la mobilità elettrica. In un comunicato si sottolinea che si tratta della “mini-grid più avanzata del continente africano, frutto di un’alleanza tra Africa ed Europa”, che rappresenta “un vero punto di svolta per il panorama energetico dell'Uganda e del continente africano in generale”. La mini-rete collega oltre 3.000 famiglie e più di 700 aziende, con un impatto su 15.000 persone, fornendo elettricità pulita e affidabile, oltre a una serie di altri servizi quali la depurazione dell'acqua, lo sviluppo di prodotti della pesca attraverso la conservazione, le infrastrutture di telecomunicazione o anche barche e motociclette elettriche. "Con il progetto Lowe dimostriamo la nostra visione dell'accesso all'energia – ha dichiarato Riccardo Ridolfi, amministratore delegato di Engie Equatorial - per noi l'elettricità non è un fine, ma un mezzo per fornire anche altri servizi essenziali come l'acqua potabile, l'agrobusiness e la mobilità elettrica. È questa visione che riteniamo avrà un impatto reale sulle comunità rurali e porterà uno sviluppo finanziariamente e socialmente sostenibile nel continente africano”. Infatti, oltre a fornire elettricità, la mini-grid di Lolwe comprende un sito industriale per la trasformazione delle materie prime in prodotti a valore aggiunto, soddisfacendo i bisogni di base e sostenendo anche lo sviluppo dell’isola. L'hub comprende inoltre servizi di pompaggio dell'acqua, distribuzione e purificazione, moderni impianti di essiccazione del pesce e dispositivi per la produzione di ghiaccio per conservare il pescato giornaliero prima di esportarlo nel resto del Paese e all’estero. L’infrastruttura comprende anche una soluzione di mobilità elettrica per pescherecci e motocicli ed ENGIE Equatorial fornisce anche servizi di incubazione d'impresa e di finanziamento per attrezzature e macchinari necessari per la crescita delle imprese locali. Secondo Engie Equatorial “questo progetto mira a essere il primo di una lunga serie, con sviluppo in tutta la regione del Lago Vittoria e nella maggior parte degli altri Paesi africani". [SS]
  • KenyaTanzania Free

    Azienda tessile keniana annuncia impianto a Zanzibar

    TANZANIA - L'azienda keniana Basra Textile Ltd ha annunciato la realizzazione di una nuova fabbrica tessile a Zanzibar con l'obiettivo di ampliare la propria quota di mercato nel settore dell'abbigliamento in Africa orientale.

    Secondo quel che viene reso noto, i lavori per costruzione la nuova fabbrica sono stati inaugurati dalla presidente tanzaniana Samia Suluhu Hassan, secondo la quale l'iniziativa potrebbe dare nuovo slancio all'industria tessile della Tanzania, che ha il potenziale per diventare un importante luogo di approvvigionamento per gli acquirenti stranieri.

    Situato nell'area di Chunguni a Zanzibar, lo stabilimento di Basra Textile prevede investimenti per oltre 50 milioni di dollari e sarà realizzata in tre fasi successive, garantendo al suo completamento circa 1600 posti di lavoro diretti.

    L'amministratore delegato di Basra Textile, Ahmed Othman, ha precisato che la prima fase prevede la costruzione e la riparazione degli edifici, nonché l'installazione di macchinari, mentre la seconda fase consiste nell'acquisto di cotone e nell'avvio della produzione di tessuti. La terza fase riguarderà la costruzione di una sartoria e l'installazione di 500 macchine sartoriali. [MV]