Tanzania

Fondo fiduciario finanzia progetti d’irrigazione

TANZANIA – Sono pari a poco più di 35 milioni di euro, i fondi messi a disposizione dal Private Agricultural Sector Support Trust (PASS Trust), un’iniziativa creata nel 2000 dal governo della Tanzania e da quello della Danimarca, per rimettere in funzione i progetti irrigui resi inattivi dalla mancata manutenzione.

(156 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Africa Orientale Free

    Prestito dal Fondo Opec per le Pmi dell’Africa...

    A ORIENTALE - Un prestito del valore di 20 milioni di dollari a favore della Banca dell’Africa orientale per lo sviluppo (Eadb) è stato approvato dal Fondo per lo sviluppo internazionale dell’Opec, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio. Tale prestito verrà utilizzato a favore delle piccole e medie imprese (Pmi) e dei progetti per la realizzazione di infrastrutture in Africa orientale.   Le piccole e medie imprese rappresentano il 50% del portfolio dell’Eadb, i cui principali contributori sono stati membri come il Kenya, l’Uganda, la Tanzania e il Rwanda, oltre a istituzioni finanziarie e per lo sviluppo.   «Siamo molto lieti di sostenere lo sviluppo del settore privato in Africa orientale, fa parte dell’essenza del nostro mandato» ha dichiarato il direttore generale del Fondo dell’Opec, Abdulhamid Alkhalifa, ricordando che la collaborazione con l’Eab risale al 2001.   «Le Pmi – ha precisato – sono fondamentali per raggiungere l’Obiettivo 8 per lo sviluppo sostenibile, centrato sul lavoro dignitoso e la crescita economica. [CC]
  • BurundiTanzania Free

    Annunciata una ferrovia per il trasporto del nichel

    BURUNDI / TANZANIA - Dopo l’avvio dei colloqui bilaterali per la costruzione di un impianto per la lavorazione del nichel, i governi di Bujumbura e Dodoma hanno deciso di costruire anche una ferrovia per il trasporto del minerale.

    Il presidente tanzaniano John Magufuli ha dichiarato che la linea a scartamento ridotto aiuterà soprattutto il trasporto del nichel dalle miniere burundesi di Gitega. Il tracciato dovrebbe andare da Uvinza nella Tanzania occidentale a Gitega nel Burundi centrale, dove si trovano i maggiori giacimenti.

    “Ho rassicurato il presidente del Burundi Ndayishimiye ricordandogli che i nostri esperti qui hanno già ripristinato una ferrovia, da Dar es Salaam a Kilimanjaro e Arusha - ha detto Magufuli - Non possono non costruire questo progetto con il vicino Burundi”.

    L’iniziativa rientra nella strategia del governo tanzaniano di rafforzare i legami commerciali con i Paesi vicini senza sbocco sul mare. [MV]

  • Somalia Free

    Intesa con gli Stati Uniti su ristrutturazione del...

    SOMALIA - Gli Stati Uniti d’America hanno siglato un accordo bilaterale con il governo federale della Somalia che definisce le modalità per ridurre e ristrutturare il debito dovuto dal Paese del Corno d’Africa a tre agenzie statunitensi.

    A renderlo noto è stata l’Ambasciata degli Stati Uniti a Mogadiscio, precisando che l’intesa è stata firmata dal rappresentante diplomatico del governo di Washington Donald Yamamoto e dal ministro delle Finanze somalo Abdirahman Dualeh Beileh alla presenza del nuovo primo ministro Mohamed Hussein Roble.

    Secondo quel che viene riportato dai media che ne danno notizia, il debito a cui hanno rinunciato gli Stati Uniti ammontava a circa un miliardo di dollari.

    Gli Stati Uniti erano il principale creditore della Somalia e gran parte di questo debito era dovuto al Pentagono, trattandosi di fondi ottenuti dal governo di Mogadiscio negli anni Ottanta. [MV]

  • Etiopia Free

    Attrezzatura militari dagli Stati Uniti

    ETIOPIA - Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti fornirà addestramento e attrezzature per un valore di 2,9 milioni di dollari alle forze armate etiopi. Lo ha annunciato l’ambasciata Usa ad Addis Abeba secondo la quale il Dipartimento della Difesa sta lavorando a stretto contatto con il ministero della Difesa di Addis Abeba. La donazione è volta a rinforzare le forze di difesa nazionali etiopi affinché possano meglio contrastare le minacce delle milizie somale al-Shabaab e di altre formazioni terroristiche. L'attrezzatura donata comprende fuoristrada, mezzi trasporto di truppe, ambulanze, cisterne per carburante, rimorchi per l'acqua, computer del centro operativo e dispositivi per la visione notturna. “Questa donazione è un modo in cui il governo degli Stati Uniti sostiene le nostre forze partner etiopi nella loro lotta contro il terrorismo”, ha affermato l'ambasciata. [EC]
  • Tanzania Free

    Il governo investirà nel turismo

    TANZANIA - Nei primi sei mesi del 2020, il settore turistico ha perso il 75% delle proprie entrate a causa della pandemia di Covid-19. A dirlo è stato Hamisi Kigwangala, ministro del Turismo e delle Risorse naturali, che ha annunciato una serie di misure per rilanciare il comparto. “Ne abbiamo discusso con il presidente John Magufuli. Il capo dello Stato ha concordato sul fatto che il settore vada sostenuto mettendo in pratica misure che garantiscano ai turisti in arrivo nel Paese e ai tanzaniani coinvolti nel settore di evitare il contagio”, ha detto. Il governo vigilerà sull'attuazione di procedure operative standard e farà pressioni su compagnie aeree, hotel e altre istituzioni affinché investano in dispositivi per rendere sicure le strutture. Il governo ha annunciato che proseguirà anche l'iniziativa del “timbro di viaggio sicuro”, una sorta di avallo pubblico che dimostra che i servizi sono sicuri. [EC]
  • Etiopia Free

    Europa maggiore cliente delle materie prime etiopi

    ETIOPIA - Nell'anno finanziario 2020 (concluso il 7 luglio), i Paesi europei sono diventati i principali importatori di materie prime etiopi. È quanto risulta da un'analisi di  Cepheus Investment Advisory, una società di private equity. I Paesi Bassi sono il ​​principale acquirente dell'export etiope avendo acquistato 308 milioni di dollari di merci (il 10% delle esportazioni totali). Insieme a Svizzera e Germania, queste tre nazioni europee hanno incrementato i loro acquisti di oltre 300 milioni di dollari. Al contrario, la domanda da Stati Uniti e della Cina, fino a due anni fa i principali acquirenti, è diminuita di oltre il 25% in ogni caso. Altre principali destinazioni sono India, Kuwait, Stati Uniti e Turchia. È l'aumento della vendita di oro ha trainato l'export etiope, seguite dalle rose e dai  fiori recisi. [EC]