Capo Verde

Siglato accordo per nuovo terminal aeroportuale

CAPO VERDE – Il governo capoverdiano e la Banca africana di sviluppo (AfDB) ha firmato un contratto per un finanziamento del valore di 32 milioni di euro da destinare alla realizzazione di un nuovo terminal pesseggeri presso l’aeroporto internazionale Nelson Mandela di Praia.

(104 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    Rimbalzo della crescita e ruolo del settore privato

    GHANA - “Il forte rimbalzo della crescita, i bassi tassi di inflazione, la valuta stabile, la forte posizione di riserva e i flussi di investimenti diretti esteri sono chiari indicatori del nostro desiderio collettivo di riportare l’economia ghanese su un percorso di stabilità e crescita sostenute”: lo ha detto il presidente ghanese Nana Addo Dankwa Akufo-Addo, dati in mano, facendo il suo punto sull’economia nazionale e sottolineando la volontà di “approfondire” l’impegno con il settore privato per il raggiungimento degli obiettivi di governo. Akufo-Addo, nella conferenza stampa in cui ha parlato delle prospettive di crescita del suo Paese, ha sottolineato come il Ghana sia diventato il principale destinatario di investimenti diretti esteri (Ide) nell’Africa occidentale e una delle destinazioni di investimento più attraenti del continente africano. A pesare è ancora la situazione pandemica e i riflessi delle difficoltà globali sull’economia locale. Tuttavia, secondo il capo di Stato ghanese, sono state adottate “misure coraggiose” per arginare il rischio di una recessione, mitigare l’impatto economico negativo della pandemia e ridurre significativamente il suo onere sulla popolazione. Il governo, ha spiegato ancora Akufo-Addo, riconosce pienamente che sono la resilienza e l’ingegnosità del settore privato che possono garantire la crescita economica, creare notevoli opportunità di lavoro per i giovani ghanesi e rafforzare la posizione del Paese come potenza economica nell’Africa occidentale. Dopo aver registrato una crescita negativa nel secondo e terzo trimestre del 2020, l’economia ghanese ha registrato una forte ripresa nel quarto trimestre dello scorso anno proseguita poi nel primo e nel secondo trimestre del 2021, registrando un tasso di crescita del 3,1% nel primo trimestre 2021, e dell’8,9% nel secondo trimestre. [MS]
  • Costa Avorio Free

    Afdb finanzia progetto per la gestione idrica

    COSTA D'AVORIO - Il Consiglio di amministrazione della Banca africana di sviluppo (Afdb) ha approvato un prestito di 48,4 milioni di euro alla Costa d’Avorio, per il finanziamento e l’attuazione del progetto di risanamento e drenaggio dell’ambiente di vita nel distretto autonomo di Abidjan (Paaca). Lo riporta un comunicato della stessa Afdb. Questo progetto, della durata prevista di cinque anni, è un’estensione del progetto di gestione del bacino idrografico integrato di Gourou, finanziato dall’Afdb e chiuso a dicembre 2017. Quest’ultimo progetto ha consentito, tra l’altro, una migliore regolamentazione dello scarico delle acque reflue e dell’acqua piovana nella capitale economica ivoriana. Con l’attuazione del Paaca sono attesi importanti risultati: la riabilitazione e l’estensione di 82,15 chilometri di reti di trattamento delle acque reflue nelle aree nord e sud della città, la realizzazione di 16,15 chilometri di canali di scolo delle acque piovane, la realizzazione di 2.700 collegamenti sociali per le famiglie vulnerabili sulla rete delle acque reflue, la realizzazione di un giardino pubblico e la riabilitazione di tre centri sanitari collegati alla rete dell’acqua potabile. Per le famiglie, le scuole e i centri sanitari saranno realizzati mille allacciamenti per l’acqua potabile al fine di migliorare l’accesso all’acqua. Saranno inoltre costruite 429 latrine scolastiche e pubbliche, due hangar e aree di essiccazione per l’affumicatura del pesce e cinque unità di produzione di attiéké (la semola di manioca). Infine, saranno messe in atto attrezzature per la gestione dei rifiuti solidi con il supporto alla formazione dei pre-raccoglitori. “Sarà inoltre sviluppato un importante componente Iec (informazione, educazione, comunicazione) per sensibilizzare le popolazioni sulla gestione delle strutture igienico-sanitarie e portarle così a un cambiamento di comportamento in relazione ai servizi igienico-sanitari e all’ambiente di vita” ha dichiarato Marie-Laure Akin Olugbade, direttrice dell’Africa occidentale per Afdb. Inoltre è prevista la realizzazione di uno studio sull’analisi della vulnerabilità ai rischi idroclimatici nella città di Abidjan: questo studio si focalizzerà anche sul tema dell’innalzamento del livello del mare e verranno individuate attività attraverso lo sviluppo di un progetto da sottoporre al Green Climate Fund sulla base dei risultati dello studio.L’area di intervento del progetto riguarderà diversi comuni del distretto di Abidjan: Adjamé, Attécoubé, Abobo, Cocody, Bingerville, Marcory, Koumassi oltre a cinque villaggi della sottoprefettura di Songon: Songon-Kassemblé, Songon-Dagbé, Songon – Té, Songon-Agban, Songon Mbraté. I beneficiari diretti e indiretti del progetto saranno circa 3,5 milioni di abitanti, di cui 850.000 diretti. Anche gli altri comuni del Distretto Autonomo di Abidjan beneficeranno di attività trasversali. [ASB]
  • Nigeria Free

    Fondazione Ford a sostegno giovani leader

    NIGERIA - Si chiama Nigeria Youth Futures Fund (Nyff), ed è un fondo messo a punto per sostenere lo sviluppo di competenze di giovani nigeriani; lanciato da Ford Foundation e da MacArthur Foundation, il fondo di 5 milioni di dollari servirà a alla formazione di giovani e in particolare delle loro capacità di leadership. “Siamo entusiasti di questo lancio perché nell’ultimo decennio, diverse analisi hanno dimostrato che è probabile che ci sia un grande ritorno sugli investimenti nei giovani nei settori economico, sociale, politico e tecnologico dello sviluppo della Nigeria”, ha affermato Dabesaki Mac. -Ikemenjima, Program Officer per l’Africa occidentale di Ford Foundation. “Credo che il fondo sia una parte fondamentale degli sforzi per potenziare i giovani, migliorare le loro capacità di leadership, ampliare le opportunità per loro di impegnarsi nello sviluppo nazionale e facilitare una relazione proattiva e costruttiva tra i giovani e i governi in tutta la Nigeria”. Nyff è un fondo quinquennale finanziato per 3 milioni di dollari dalla Ford Foundation e per 2 milioni dalla MacArthur Foundation. Lo scopo è facilitare la leadership e l’impegno civico dei giovani in Nigeria, con l’obiettivo di raccogliere altri 15 milioni da ulteriori partner e altre fondazioni. “I giovani di oggi incarnano la speranza e la promessa di una fiorente Nigeria che guiderà il continente africano per le generazioni a venire”, ha affermato Kole Shettima, co-direttore del programma di MacArthur Foundation e direttore dell’ufficio della Nigeria. “Non c’è momento migliore per investire nell’impegno civico e nella partecipazione dei nostri giovani, e il Nigeria Youth Futures Fund sosterrà il loro lavoro a livello locale e amplificherà la loro voce nelle stanze del potere”. [MS]
  • Niger Free

    International Finance Corporation inaugura sede a...

    NIGER - L’International Finance Corporation (Ifc) della Banca mondiale ha ora un ufficio permanente in Niger. La sede è stata inaugurata martedì da Sergio Pimenta, vicepresidente per l’Africa dell’Ifc. Secondo le autorità,  l’inaugurazione di questo ufficio costituisce un’opportunità da cogliere dagli attori del settore privato in Niger per promuovere e sviluppare la propria attività. “Il Niger è il primo Paese africano in cui sono arrivato ufficialmente quando sono stato nominato vicepresidente ed è anche un Paese dove ho imparato molto”, ha detto Pimenta. “Ho visto cose che mi hanno colpito, che mi hanno fatto riflettere molto sul tema dello sviluppo e che ha fortemente influenzato gli anni che ho appena trascorso all’Ifc in termini di sapere cosa dovremmo fare qui in Niger, e nel Sahel più in generale”, ha poi testimoniato. L’Ifc è un’organizzazione del Gruppo della Banca mondiale dedicata al settore privato. [CC]
  • Ghana Free

    Economia in crescita anche nel secondo trimestre

    GHANA - L’economia del Ghana è cresciuta del 3,9% nel secondo trimestre del 2021, secondo quanto riferito dal servizio pubblico di statistica, citato dalle agenzie internazionali. Il presidente Akufo-Addo aveva dichiarato, ieri durante una conferenza sugli investimenti, che il tasso di crescita del prodotto interno lordo del secondo trimestre è stato dell’8,9% ed ha aggiunto: “Nel primo trimestre di quest’anno l’economia è cresciuta del 3,1%. Nel secondo, dell’8,9%. Nonostante le devastazioni della pandemia, stiamo lavorando per far crescere l’economia a un ritmo molto più veloce quest’anno, il nostro obiettivo è un tasso di crescita del prodotto interno lordo del 5%”. L’ufficio di statistica, contattato da Reuters, non ha commentato la cifra fornita dal presidente. L’economia del Ghana è cresciuta dello 0,4% nell’intero anno 2020. [ASB]
  • Senegal Free

    Si teme impatto dei pozzi petroliferi sulla pesca

    SENEGAL - Il progetto d’estrazione degli idrocarburi offshore di Sangomar, al largo dalle coste del Senegal, preoccupa per l’economia marittima. Bayaty Babou, vicesindaco di Mbour, in Senegal, in una recente intervista a Wathi, ha espresso il timore che questa produzione porterà a una riduzione delle attività di pesca. “L’intera nostra economia inizia con la pesca. Quando ci sono molti pesci, la città si muove. Tassisti, ristoranti, venditori di verdura, venditori di vestiti al mercato, cemento, edilizia, tutto è in movimento”, ha spiegato. Ma il vicesindaco è convinto che i pozzi di petrolio rappresentino un pericolo perché l’area dei pozzi è quella dove si riproduce il pesce, ed è anche quella dove solitamente vanno i pescatori. “Il petrolio inquinerà l’area e i pesci fuggiranno. Sarà come la baia di Hann dove nessuno pesca più a causa dell’inquinamento”. Questa baia, situata vicino alla zona industriale di Dakar, è considerata una delle spiagge più inquinate al mondo. Le operazioni di perforazione del primo pozzo di sviluppo orizzontale del giacimento di Sangomar sono state completate con successo nei giorni scorsi, secondo la Société des pétroles du Sénégal (Petrosen). Il solo giacimento di Sangomar, uno dei quattro giacimenti di petrolio e gas del Paese, ha una riserva stimata di 630 milioni di barili. [CC]