Zimbabwe

Elezioni, primo ministro accetta data del 31 luglio

ZIMBABWE – Il primo ministro Morgan Tsvangirai, che era stato tra i firmatari della richiesta di rinviare di un paio di settimane lo svolgimento delle elezioni generali, ha detto che il suo partito, il Movimento per il cambiamento democratico (MDC), è pronto per la competizione elettorale anche il 31 luglio.

(130 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Entro febbraio selezione aziende per forniture...

    SUDAFRICA - Il ministero delle Risorse minerarie e dell'energia sudafricano completerà entro la fine del mese di febbraio la selezione delle aziende che hanno partecipato al procedimento di gara lanciato lo scorso agosto per le forniture “di emergenza” di 2000 megawatt da aggiungere alla rete elettrica nazionale.

    A riportarlo sono i media economici sudafricani, precisando che nell'ambito del procedimento di gara sono state ricevute 28 offerte con l'obiettivo di riuscire a completare gli impianti previsti entro giugno del prossimo anno.

    Secondo le informazioni a disposizione, conclusa la valutazione delle proposte inviate nell'ambito della gara per le forniture "di emergenza", il governo di Pretoria intende avviare nel corso del primo trimestre di quest'anno le procedure per la cosiddetta quinta finestra del Programma nazionale per la fornitura di energia rinnovabile (REIPPP), che punta ad assegnare incarichi per la realizzazione di ulteriori 6800 megawatt da fonti eoliche e fotovoltaiche.  [MV]

  • Mozambico Free

    Pesca sostenibile, avviata formazione dei dipendenti...

    MOZAMBICO - Formare  i dipendenti pubblici responsabili dei distretti costieri per migliorare le attività di pesca e così rafforzare i meccanismi di gestione sostenibile delle risorse marine: questo l’obiettivo del governo della provincia nord-orientale di Nampula, che ha avviato in queste settimane sessioni di formazione nell’omonimo capoluogo provinciale rivolte ai direttori dei servizi economici e tecnici connessi al settore della pesca nei cinque distretti di Moma, Angoche, Larde, Mogincual e Liupo. “Uno dei meccanismi per la gestione sostenibile delle risorse marine che vogliamo rafforzare è legato alla gestione comunitaria delle risorse. Delimiteremo le comunità in quei distretti in modo che ognuna possa gestire la propria area di competenza. Questo meccanismo avrà successo solo con il coinvolgimento di tecnici formati che lavoreranno con le varie comunità di pescatori dei distretti”, ha osservato il delegato per la pesca a Nampula, Zacarias Tair, augurandosi di porre fine a pratiche di gestione delle risorse marine insostenibili , quali l’utilizzo di attrezzi da pesca dannosi - come alcune reti - che mettono a rischio la loro sopravvivenza. Il delegato per la pesca ha inoltre precisato che prima della delimitazione delle aree, verranno effettuati i rispettivi studi al fine di determinare il livello di resilienza delle risorse marine per un possibile sfruttamento sostenibile. “Una gestione sostenibile della variegata ricchezza di risorse marine della costa del Mozambico contribuirà anche allo sviluppo economico e sociale del paese e servirà le generazioni future”, ha concluso Tair. [CN]
  • Botswana Free

    In preparazione gare per impianti a concentrazione...

    BOTSWANA - Il governo di Gaborone intende avviare nel corso di quest'anno un procedimento di gara per la costruzione di impianti a concentrazione solare con capacità di 200 megawatt.

    A riportarlo sono i media specializzati, dai quali si apprende che la gara rientra tra le misure previste dal Piano integrato delle risorse (IRP) lanciato lo scorso dicembre dal ministero delle Risorse minerarie, delle tecnologie verdi e della sicurezza energetica del Botswana.

    Obiettivo del governo è riuscire entro il 2040 ad aumentare la capacità di generazione nazionale di 1,5 gigawatt, di cui 800 MW attraverso il fotovoltaico, 200 MW da impianti a concentrazione solare, 50 MW attraverso l'eolico, 140 GW con impianti di accumulo di batterie, oltre a 300 MW attraverso impianti a carbone e 250 MW con il carbone da metano. [MV]

  • Zimbabwe Free

    Allo studio quotazione compagnia mineraria statale

    ZIMBABWE - Il governo di Harare sta valutando l'opportunità di quotare in borsa la società Kuvimba Mining House, in cui ha collocato le attività minerarie controllate dallo Stato.

    A dirlo è stato il ministro delle Finanze dello Zimbabwe, Mthuli Ncube, precisando che la decisione è legata alla necessità di raccogliere finanziamenti per porre fine alla stagnazione economica e adempiere agli obblighi del governo.

    Creata alla fine dell'anno scorso, la  Kuvimba Mining House è un holding controllata al 65% dal fondo pensione statale dello Zimbabwe e dal fondo sovrano dello Zimbabwe per ospitare le partecipazioni statali nelle miniere di platino, oro e nichel. Il resto della società, secondo le informazioni a disposizione, è detenuto da un consorzio guidato da David Brown, ex amministratore delegato della sudafricana Impala Platinum Holdings.

    "Nei prossimi due anni, diventerà un gruppo altamente redditizio - ha detto il ministro Ncube - Quando la società sarà alla fine quotata in borsa, il governo disinvestirà parte della sua partecipazione".

    La creazione di Kuvimba, che in lingua shona significa 'fiducia', è l'ultimo tentativo del governo dello Zimbabwe di far ripartire l'industria mineraria nazionale, in un contesto in cui le aziende straniere sono state scoraggiate dai requisiti di proprietà locale e da un regime valutario che cambia frequentemente. [MV]

  • Sudafrica Free

    Seconda ondata covid-19, al collasso l'industria...

    SUDAFRICA - I servizi funerari sudafricani sono sotto pressione poiché non riescono a soddisfare la crescente domanda di bare di fronte all’entità delle vittime causate dalla seconda ondata di covid-19 che colpisce il paese, raggiungendo, secondo le ultime stime, una media di quasi 600 morti al giorno. “Non siamo in grado di garantire le richieste di tutti i nostri clienti, perché c'è una forte domanda di bare e i fornitori non riescono a soddisfare la domanda poiché le aziende sono inondate di ordini”, ha deplorato Ludwick Ramathoka, segretario generale della South African Funeral Practitioners’ Association (Safpa). Dopo la chiusura stagionale degli impianti di produzione durante le festività natalizie, l’urgenza è tornata a colpire in particolar modo la provincia del Capo Occidentale in questo primo mese dell’anno: sulle 696 sepolture effettuate la scorsa settimana nei cimiteri di Città del Capo, non meno di 173 sono state confermate per decessi di covid-19. La città comporta quattro grandi fornitori di bare, ma la maggior parte dei materiali proviene dall'estero o non è disponibile a sufficienza, a cominciare dal legno, contribuendo a ridurre ulteriormente l'offerta. Per questo motivo sono state mobilitate le scorte di fornitori operando in altre province del Sudafrica meno colpite dall’impennata dei casi mortali di covid, mentre si sta valutando l’ipotesi di acquistare bare dai paesi vicini. Da qualche settimana, il Sudafrica registra una diminuzione dei nuovi casi legati a covid-19, un dato che dovrebbe progressivamente andar di pari passo con la domanda di sepolture. [CN]
  • Mozambico Free

    Cercasi acquirente per la miniera di Moatize, verso il...

    MOZAMBICO - La compagnia brasiliana Vale cercherà un acquirente per la miniera di carbone di Moatize, situata nella provincia occidentale di Tete, dopo che il secondo più grande produttore di minerale di ferro al mondo ha deciso di ritirarsi dal mercato del carbone, in conformità con il suo impegno a raggiungere la cosiddetta neutralità carbonica entro il 2050. Dopo aver firmato un accordo per l’acquisto della quota di minoranza di Mitsui, in modo da strutturare nei prossimi mesi l'uscita della società giapponese dalla miniera di Moatize e dal relativo Nacala Logistics Corridor (Nlc), che, lungo 912 km, attraversa il Mozambico e il Malawi per il trasporto del carbone, Vale ha incaricato le banche di investimento Barclays e Standard Chartered di vendere la miniera, riferiscono fonti di stampa locali. Secondo una nota della compagnia brasiliana, Vale continuerà a sostenere l'esecuzione del progetto di Moatize e manterrà tutti i suoi impegni nei confronti delle parti interessate fino a quando non verrà trovato un acquirente. La compagnia mineraria ha affermato di aver implementato un nuovo piano minerario e una nuova strategia operativa per gli impianti di lavorazione del carbone della miniera di Moatize che dovrebbero produrre risultati sostenibili, dando priorità a corpi minerali di maggiore qualità e a una riduzione dei costi, come risultato degli investimenti effettuati negli ultimi tre anni in un'intensa campagna di perforazione. La miniera di Moatize, che ha una capacità di 22 milioni di tonnellate all’anno di carbone, è in servizio dal 2011. [CN]