Libia

La National Oil Corp non rispetterà obblighi contrattuali

LIBIA – La National Oil Corporation (NOC), la compagnia libica di idrocarburi, non può più rispettare i suoi obblighi contrattuali a causa della chiusura di quattro terminal petroliferi utilizzati per le esportazioni. I terminal sono chiusi da settimane a causa di iniziative di carattere sindacale e di un generale clima di insicurezza e il fermo delle esportazioni inciderà nella misura di 500.000 barili di petrolio al giorno.

(162 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Annunciate misure emergenza per sostenere agricoltori

    ALGERIA - Il governo di Algeri ha annunciato alcune misure di emergenza a favore degli agricoltori di diversi settori in seguito dell’aumento dei prezzi dei fattori di produzione agricoli sul mercato internazionale. Lo ha annunciato il ministro dell’Agricoltura Abdelhamid Hemdani in un comunicato stampa ripreso dall’Algerie presse service. In tale contesto, è stato istituito un nuovo sistema di sostegno che contribuisce a mitigare l’aumento dei prezzi di diverse categorie di fertilizzanti. Altri incentivi sono in fase di sviluppo da parte del ministero “per un miglior presidio delle attività agricole”. [ASB]
  • Tunisia Free

    Via libera a diritti speciali di prelievo Fmi

    TUNISIA - La retrocessione allo Stato tunisino dell’assegnazione di diritti speciali di prelievo per un importo di quasi 159 milioni di euro concessi alla Tunisia dal Fondo monetario internazionale (Fmi) è stata approvata con decreto presidenziale. Tale allocazione è stata oggetto dell’accordo allegato al decreto presidenziale, concluso il 14 settembre, tra il ministero dell’Economia, delle Finanze e del sostegno agli Investimenti e la Banca centrale della Tunisia. Lo Stato tunisino rimborserà la commissione richiesta per l’utilizzo di tale importo, a beneficio del Fmi, nonché il capitale dell’importo, in caso di annullamento dello stanziamento. I diritti speciali di prelievo sono una riserva internazionale creata nel 1969 dal Fmi per integrare le riserve ufficiali in valuta estera dei suoi Paesi membri. È stata sbloccata dallo scorso agosto per soddisfare il fabbisogno globale di riserve a lungo termine e ad aiutare i Paesi a far fronte alle conseguenze della pandemia di covid-19. [CC]
  • Egitto Free

    Accordo con Banca Mondiale per ridurre inquinamento

    EGITTO - Il primo ministro egiziano Mostafa Madbouly ha partecipato ieri alla firma di un accordo ministeriale per l’attuazione di un progetto finanziato dalla Banca mondiale volto a sostenere gli sforzi dell’Egitto per ridurre l’inquinamento atmosferico nell’area del Grande Cairo. Alla cerimonia erano presenti anche rappresentanti dei ministeri dell’ambiente, dello sviluppo locale, dei trasporti, della salute, così come i governi locali dei governatorati del Cairo, Giza e Qalioubiya e l’Autorità dei trasporti del Cairo. L’accordo arriva un anno dopo che il consiglio di amministrazione della Banca mondiale ha approvato il progetto da 200 milioni di dollari. Il progetto finanziato dalla Banca mondiale mira principalmente a ridurre le emissioni dei veicoli, migliorare il processo decisionale in merito alle questioni relative all’aria e al clima, nonché migliorare la gestione dei rifiuti solidi. L’accordo firmato mira a realizzare il coordinamento tra le parti coinvolte e determinare i meccanismi e il quadro generale per l’attuazione del progetto.
  • Libia Free

    Banca centrale vuole sviluppare pagamenti elettronici

    LIBIA - Lo sviluppo del mercato dei pagamenti elettronici in Libia è stato al centro di un incontro tenutosi a Tripoli tra i direttori dei dipartimenti bancari e il governatore della Banca centrale della Libia Sadiq el Kebir. Lo riportano i media economici locali, dai quali si apprende che durante l’incontro sono state discusse le modalità per sviluppare il progetto di e-payment in valuta estera, che consente ai clienti di utilizzare i vari servizi di pagamento disponibili attraverso siti di e-commerce globali in valuta estera, come Paypal. [ASB]
  • Tunisia Free

    A Tunisi prossima edizione Congresso mondiale...

    TUNISIA - Tunisi è stata scelta per ospitare il prossimo Congresso mondiale dell’agricoltura biologica previsto per il 2024. Lo ha annunciato l’Unione professionale degli agricoltori, trasformatori e distributori di prodotti agricoli naturali o trasformati biologicamente UNObio. L’evento, organizzato dalla Federazione internazionale dei movimenti biologici (Ifoam), vedrà la partecipazione di 2.500 attori biologici, ricercatori, agricoltori e cittadini con l’obiettivo di affrontare questioni come la salute, la sovranità alimentare e la rigenerazione dell’ecosistema. Il Congresso mira a portare cambiamenti positivi nel settore e ad attuare soluzioni sostenibili. L’agenzia di stampa tunisina Tap precisa che la Tunisia ha raccolto un totale di 60 voti, il 32 per cento dei voti elettronici degli affiliati Ifoam, battendo così altri quattro Paesi, tra cui la Danimarca. [VGM]
  • Egitto Free

    Intesa con giapponesi per produzione ammoniaca blu

    EGITTO - Il ministero del Petrolio del Cairo ha firmato un memorandum d’intesa con la giapponese Toyota Tsusho per valutare le opportunità di produzione di ammoniaca blu in Egitto. E’ quanto riferisce il quotidiano Asharq, secondo cui saranno condotti studi di fattibilità economica per implementare progetti per l’estrazione e lo stoccaggio di anidride carbonica con l’obiettivo di produrre ammoniaca blu, utilizzando le ultime tecnologie giapponesi. Lo sviluppo dell’ammoniaca blu e dell’idrogeno è una parte fondamentale degli sforzi giapponesi per centrare l’obiettivo della decarbonizzazione entro il 2050, e per questo il ministro degli Esteri giapponese Toshimitsu Motegi è stato recentemente in Egitto come parte di un tour regionale dei Paesi che Tokyo considera vitali per la sua sicurezza energetica. L’ammoniaca blu è composta da idrogeno, un gas che è considerato la chiave per una transizione energetica globale, “blu” a sua volta (ottenuto cioè dal gas naturale, un idrocarburo, ma catturando la CO2 generata dal processo). Molte compagnie energetiche stanno investendo in tali combustibili, ma secondo diversi esperti i costi di produzione sono ancora molto più alti dei costi del petrolio e del gas. [GT]