R. Centrafricana

Coprifuoco a Bangui, situazione continua a degenerare

CENTRAFRICA – Un coprifuoco nella città di Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana,  dalle 22:00 alle 06:00 è in vigore dal fine settimana.

(178 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Guinea Equatoriale Free

    Saipem al lavoro per gasdotto giacimento Alen

    GUINEA EQUATORIALE - La nave di Saipem Castorone è arrivata in Guinea Equatoriale per eseguire i lavori di installazione del gasdotto di 70 km che collegherà il giacimento Alen di Noble Energy con gli impianti di trattamento del gas di Punta Europa. A riferirlo è il sito specializzato  Africa Oil and Power.  Con un valore di 100 milioni di dollari, il contratto per l’installazione dell’oleodotto è stato assegnato alla società italiana di servizi per i giacimenti petroliferi dal Ministero delle Miniere e degli Idrocarburi della Guinea Equatoriale. Il gasdotto di 24 pollici di diametro sarà in grado di gestire 950 milioni di piedi cubi di gas naturale equivalente al giorno. Il gas proveniente dal giacimento rifornirà l’impianto di onshore Punta Europa, che ospita impianti di trattamento di gas di petrolio liquefatto, metanolo e gas naturale liquefatto (Gnl); l’obiettivo è quello di creare un hub Gnl offshore nel Golfo di Guinea. [MS]
  • AngolaR.D. Congo Free

    Idrocarburi, nasce commissione per gestione zona comune

    ANGOLA / RD CONGO - I governi di Luanda e Kinshasa hanno concordato l’istituzione di una commissione tecnica per la gestione condivisa delle risorse di idrocarburi nell’area esplorativa comune tra i due Paesi.

    Ad annunciarlo è stato il ministro delle Risorse minerarie angolano, Diamantino Pedro Azevedo, al termine di un incontro con il suo omologo congolese Rubens Mikindo.

    “Abbiamo deciso di istituire una commissione tecnica congiunta e incaricato le nostre due compagnie petrolifere statili, la Sonangol per la parte angolana e la Sonahydro per quella congolese, di avviare negoziati sulla commercializzazione dei derivati del petrolio e del gas naturale estratti nella zona comune”, ha detto Azevedo.

    Secondo quel che viene reso noto dai media angolani, la decisione di istituire una commissione congiunta nasce dalla constatazione che nell’area di confine tra Angola e Repubblica democratica del Congo negli ultimi anni è cresciuto enormemente il contrabbando di prodotti petoliferi.

    Compito della commissione è tracciare una roadmap per ridurre il problema del contrabbando e avviare iniziative di esplorazione congiunta nella zona comune. [MV]

  • Ciad Free

    Militari ciadiani cadono in esplosione “acquatica”...

    CIAD – È la prima volta che si verifica un attacco “in acqua”, quelle del Lago Ciad, diventato in parte rifugio dei terroristi di Boko Haram e di gruppi criminali della zona. Martedì, quattro soldati ciadiani sono rimasti uccisi e diversi altri sono stati gravemente feriti dall’esplosione di una bomba artigianale che, si suppone, era stata collocata sotto la loro piroga. Un’altra ipotesi è che l’ordigno sia stato collocato in acqua. I soldati sono stati colpiti dall’eslplosione mentre stavano navigando sul lago a bordo di un’imbarcazione a motore, tra le piante di papiro, nel settore di Ngouboua, a 25 chilometri dal confine con la Nigeria. Secondo l’osservazione di Rfi, nuove tattiche di combattimento potrebbero essere state introdotte da ex combattenti dell’Isis venuti dalla Siria per unirsi al braccio di Boko Haram presente sulla sponda nord del lago Ciad. [CC]
  • Gabon Free

    “Sì” del governo a istituti di formazione...

    GABON – Il governo di Libreville ha adottato il progetto di creazione di quattro istituti di formazione professionale, dedicati alla lavorazione del legno, all’edilizia e ai lavori pubblici, alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e ai trasporti e alla logistica. La decisione è stata presa in consiglio dei ministri lo scorso 20 novembre. Gli istituti forniranno un ciclo di formazione secondario, fino alla maturità, e un ciclo di formazione superiore, per chi ha già il diploma di maturità. L’obiettivo è di formare giovani qualificati per poter rispondere alla domanda del mercato del lavoro. [CC]    
  • Camerun Free

    Diga di Bini, progetto in stallo per sospensione...

    CAMERUN - Il progetto di costruzione della diga idroelettrica Bini a Warak, nella regione di Adamawa in Camerun, è ancora in sospeso. L’infrastruttura, che dovrebbe consentire alle tre regioni settentrionali del Camerun di coprire meglio il proprio fabbisogno elettrico, ha una capacità di 75 MW, per un costo totale di 182 miliardi di franchi Cfa. La diga idroelettrica Bini a Warak dovrebbe essere finanziata dalla Eximbank of China. Tuttavia, secondo fonti locali, sarebbe proprio la banca ad aver bloccato il progetto.  “E’ la riprogrammazione del debito del Camerun verso la Cina, che ha portato Eximbank a bloccare l’erogazione dei fondi per il finanziamento della costruzione della diga idroelettrica di Bini - Warak” riferiscono fonti ben informate camerunesi. Secondo le stesse fonti, il ministro dell’Economia, della pianificazione e dello sviluppo regionale del Camerun, sta rinegoziando con la Eximbank cinese il finanziamento. [MS]
  • Camerun Free

    Blogging ed economia digitale al II Bloggers Summit

    CAMERUN – Si terrà dal 26 al 28 novembre a Yaoundé la II edizione del Vertice dei blogger - Bloggers Summit 2020, centrata sul tema del blogging e dell’economia digitale. Organizzato dall’Associazione dei blogger del Camerun (Abc), l’evento sarà un’opportunità di scambi tra uomini e donne africani titolari di blog.   I partecipanti parleranno degli strumenti tecnologici a disposizione, delle sfide, delle necessità di sviluppo del digitale, del commercio online, del ruolo della tecnologia digitale nello sviluppo del turismo, della sanità, del telelavoro, dell’istruzione e di altri temi correlati.   Sono attese testimonianze da blogger del Kenya, del Gabon, della Repubblica Democratica del Congo, ma anche interventi da parte di agenzie dell’Onu, in particolare dell’Uneca, dell’Undp e dell’Unesco.   Nata nell’agosto del 2017 dalla volontà dei blogger di riunirsi, federarsi, e di contribuire al miglioramento dell’immagine del Camerun. Una missione dell’Abc è anche quella di creare e attuare un codice etico per i blogger, nel rispetto delle leggi e dei regolamenti nazionali.   Lo scorso 13 novembre, era stato il Ghana a organizzare il proprio Bloggers Summit, più centrato su questioni di contenuti e di giornalismo. [CC]