Marocco

Contro i migranti, un muro di filo spinato lungo il confine con l’Algeria

MAROCCO – Allo scopo di proseguire la sua lotta contro la migrazione illegale, il governo marocchino ha intenzione di erigere un muro di filo spinato di 450 chilometri lungo il confine con l’Algeria.

(120 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Omicidio Regeni: il Cairo sospende indagini, Italia va...

    EGITTO - La giustizia egiziana ha deciso di sospendere le indagini sull’omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore ucciso Egitto 2016. La procura egiziana sostiene in una nota che l’autore o gli autori del delitto restano sconosciuti.  Regeni, 28 anni al momento della morte, stava conducendo una ricerca sul movimento sindacale egiziano e scomparve il 25 gennaio del 2016. Il suo corpo senza vita e con segni evidenti di tortura venne trovato diversi giorni dopo.  La morte di Regeni ha innescato tensioni diplomatiche tra Italia ed Egitto. La giustizia italiana ha individuato cinque sospetti, appartenenti ai servizi di intelligence del Cairo, contro i quali si potrebbe aprire in Italia un processo in absentia.  La stampa egiziana, dando notizia di questo possibile sviluppo, ha riferito che la procura del Cairo ha espresso riserve sui sospetti dell’Italia pur comprendendo le decisioni indipendenti prese dai colleghi italiani. [MS]
  • Algeria Free

    Algeria primo acquirente del grano tenero europeo

    ALGERIA – L’Algeria rimane il primo importatore di grano tenero coltivato nell’Unione Europea. Lo conferma uno studio di Agritel, secondo la quale nel 2020 fino al 22 novembre, l’Algeria ha acquistato all’Europa 1,74 milioni di tonnellate del cereale. A seguire il Paese mediterraneo, in seconda posizione, è la Cina, che ha acquistato nello stesso periodo 1,15 milioni di tonnellate di grano tenero. La Francia è il primo fornitore di grano tenero all’Algeria, che ha tuttavia cercato di diversificare le aree di provenienza, rivolgendosi anche alla Germania e all’area del Mar Nero. Gli acquisti sono tuttavia oggetto di una polemica. Il direttore generale dell’Oaic, l’ente pubblico incaricato dell’approvviggionamento, Abderrahmane Bouchahda, sarebbe stato licenziato per aver autorizzato l’importazione di una quantità di cereale non idoneo al consumo proveniente dall’area del Mar Morto. [CC]
  • Tunisia Free

    Covid-19, non esistono medicine e vaccini tunisini

    TUNISIA - Non esiste un rimedio naturale tunisino per il Covid-19. Lo ha affermato Hechmi Louzir, direttore dell'Institut Pasteur, smentendo le dichiarazioni fatte in parlamento da Seif Eddine Makhlouf (partito Al Karama). Il deputato aveva parlato di un rimedio naturale, prodotto in Tunisia, che avrebbe dimostrato la sua efficacia contro il Covid-19. In una dichiarazione a una radio locale, Louzir ha specificato che un farmaco contro una determinata malattia, prima di essere immesso sul mercato, deve essere vagliato da studi clinici e test, i cui risultati sono poi pubblicati su riviste scientifiche. “Personalmente, non ho informazioni al riguardo. Forse ci si riferisce a prodotti biologici e oli essenziali che, però, nessuno sa come vengano fabbricati - ha affermato -. Non voglio essere negativo, ma non ci sono prove convincenti nelle pubblicazioni scientifiche e nei dati consolidati e precisi su un nuovo rimedio commercializzato in Tunisia”. Per quanto riguarda il vaccino tunisino anti-Covid-19, il direttore dell'Istituto Pasteur ha chiarito che è ancora nella fase di sperimentazione sugli animali e quindi è un passo indietro le sperimentazioni cliniche. Ha sostenuto che il progetto potrebbe essere abbandonato, considerata la presenza di 13 vaccini a livello globale che sono in una fase molto avanzata. [EC]
  • Egitto Free

    Trasporti, aperture ai privati su 33 progetti...

    EGITTO - Il ministero dei Trasporti egiziano prevede di implementare 33 progetti nel prossimo futuro e ha bisogno che il settore privato vi partecipi. A sottolinearlo è stato il ministro Kamel El-Wazir. Questi progetti includono otto iniziative nell’ambito del trasporto marittimo con un costo stimato di circa 2,7 miliardi di dollari, cinque progetti per costruire tunnel della metropolitana con un costo totale di 425 milioni di dollari, oltre a progetti ferroviari per investimenti di circa 1,8 miliardi di dollari. El-Wazir ha inoltre aggiunto che è stato lo stesso presidente Abdel-Fattah al-Sisi a ordinare al ministero di aprire la porta al settore privato attraverso varie modalità: Pot, PPP e ABC + F. E ha anticipato che per la linea 3 della metropolitana del Cairo il governo è in attesa di una proposta da parte della società americana Bechtel Corporation. [MS]
  • Algeria Free

    Commissione energie rinnovabili per apertura rete...

    ALGERIA - La Commissione per le Energie Rinnovabili e l’Efficienza Energetica (Cerefe) ha raccomandato, nella sua prima relazione annuale, di aprire la rete elettrica nazionale algerina ai piccoli e medi produttori indipendenti di energia fotovoltaica, considerando questo l’approccio “più interessante” per avviare una transizione energetica. “Riconoscendo che la rete di distribuzione elettrica rimane il mezzo migliore per la messa in comune su larga scala della produzione elettrica decentralizzata basata su risorse rinnovabili, è urgente procedere con l’attuazione di questo piano nel Paese su una buona base” , è indicato nel rapporto di Cerefe - di cui dà notizia l’agenzia stampa Aps - dal titolo “Transizione energetica in Algeria: lezioni, inventario e prospettive per uno sviluppo accelerato delle energie rinnovabili”. Secondo il Cerefe, la realizzazione di impianti solari fotovoltaici collegati alla rete di distribuzione e che assicurano la produzione di piccole o medie capacità, è infatti una “buona introduzione a una strategia ancora più ampia”. Questo approccio “pragmatico” consentirà in particolare di “cogliere tutte le opportunità che possono essere offerte per quanto riguarda lo sviluppo di attività economiche attorno alla produzione decentralizzata di elettricità solare, creando ricchezza e posti di lavoro a livello locale”, osserva la stessa Commissione sottolineando che è la rete di distribuzione a coprire meglio l’intero territorio nazionale con 338.380 km di linee di distribuzione. [MS]
  • Egitto Free

    Più Ppp per espandere progetti di trasporto

    EGITTO - Il mercato egiziano dovrebbe assistere a un’espansione dei progetti di trasporto basati sulla formula del partenariato pubblico-privato (Ppp) per raggiungere uno sviluppo inclusivo e sostenibile. Ad annunciarlo ieri è stato il ministro delle Finanze Mohamed Maait. Maait ha affermato che i risultati ottenuti dall’Egitto negli ultimi cinque anni hanno portato il Paese a conquistare più di 50 posizioni nell’indice del settore dei trasporti del rapporto Doing Business. “Il settore privato è il motore chiave della crescita dell’Egitto attraverso il finanziamento dei progetti che creano centinaia di migliaia di opportunità di lavoro, che aumenta la media dei consumi, spinge il processo di produzione e innalza gli standard di vita dei cittadini”, ha detto Maait. Lo stesso ministro ha aggiunto che è stato presentato al parlamento un nuovo progetto legislativo che include emendamenti alla legge che regola i partenariati con il settore privato in infrastrutture e servizi con l’obiettivo di aumentare la cooperazione con il settore privato nell’attuazione di progetti di sviluppo e alleggerire in questo modo il carico sul bilancio dello Stato. Il ministro dei Trasporti Kamel El-Wazir ha aggiunto a sua volta che il suo ministero ha un numero significativo di progetti in cui il settore privato dovrebbe partecipare e investire, compresa la creazione di centri logistici e porti interni a New Beni Sweif, 10 di Ramadan City, New Sohag ed El-Salloum. [MS]